mercoledì 13 gennaio 2016

I ♥ Telefilm: Ash vs Evil Dead, Mozart in the Jungle II, And Then There Were None - Dieci Piccoli Indiani

Ash Vs Evil Dead
Stagione I
La gente, quando mi scopre cresciuto a pane e horror anni ottanta, ne è meravigliata. Non si direbbe, mi assicurano, data la mia inconsueta apertura verso generi cinematografici ben diversi – ad esempio, potete star sicuri che la romcom parlatissima, con lui che incontra lei in tutte le combinazioni e le città d'arte possibili, qui avrà sempre un posto speciale – e strano, aggiungono, che più attirato dal sangue che dai cartoni animati sin da bambino, non sia poi diventato un serial killer di fama mondiale. E qui sghignazzano e fanno l'occhiolino. Scherzando scherzando, io rispondo che per quello c'è sempre tempo. Allora, silenzi di tomba. Questo per dire che, tra i miei registi cult, a sorpresa ma non troppo, c'è un certo Sam Raimi. Autore, insieme ai fratelli, di Xena e Hercules, che allietavano i miei pomeriggi su Italia Uno; del solo esempio di cinecomic che mi è rimasto nel cuore, con l'insuperabile trilogia di Spiderman; di horror a basso budget – da non sottovalutare, per me, neanche il divertentissimo e recente Drag Me To Hell – visti con papà quando non avevo l'età. Ash Williams, in particolare nel medievaleggiante L'armata delle tenebre, era il mio eroe, vestito di cotta e maglia e umorismo a non finire. La trilogia partita con Evil Dead – una manciata di ragazzi in una baita nei boschi, forze maligne, il trionfo dello splatter – era finita però prima che io nascessi, nel 1992. E, senz'altro perché vi avevo assistitito in differita, l'idea del remake al femminile di Fede Alvarez, nudo e crudo, mi aveva dato diverse soddisfazioni. Da allora, più o meno, aspetto la reunion. Annunciata, desiderata, attesissima in famiglia. Più di vent'anni dopo, il simpatico Bruce Campbell – legato indissolubilmente a quel ruolo e a quel regista – torna a indossare, con ironia e una specie di strana commozione, una motosega a mo' di guanto e a sfogliare il temibile Necronomicon. Va verso i sessanta, ormai, ma la mano di legno e i racconti sensazionali lo aiutano a rimorchiare nei bar. Finché, sbronzo e piacione, si fa il bello agli occhi della sua ultima amante leggendo i passi di quel libro scritto con il sangue, sulla pelle di un uomo scuoiato. E risveglia così il Male. I demoni e l'oscurità, insieme allo spettatore, lo trovano invecchiato, impreparato, ma sempre sul pezzo. Lavora come commesso in un negozio di elettronica in stile Chuck Bartowski, vive in una roulotte sgangherata, ha la dentiera e il busto ortopedico. Non perde però il tocco. Ha una poliziotta che segue le sue tracce, un'alleata – o è forse una nemica? - con il volto di una Lucy Lawless affascinantissima e due pivelli come aiutanti: Ray Santiago, messicano e imparentato con un brujo, e Dana DeLorenzo, bella e capriciosa. Lui, inutile dirlo, è perdutamente cotto di lei. Morti e battute ad effetto, effetti speciali artigianali, dieci episodi – pochi e brevi, purtroppo – per le dieci tappe di uno spassaso viaggio on the road, che grandi e piccoli bramavano. Raimi produce, e qualche volta dirige, un rinfrescante bagno di sangue e un caloroso ritorno a casa. Anzi, nella Casa. (7,5)

Mozart in the Jungle
Stagione II
Il pubblico, elegantissimo, prende posto a sedere. L'invito al silenzio e, dal palcoscenico, i primi arpeggi. Si apre il sipario e un uomo di spalle, piccino ma energico, spinge la sua orchestra a grandi trionfi. L'applauso, un altro. Dopo l'ingresso del maestro Rodrigo alla Filarmonica di New York, le cose vanno meglio per tutti, o quasi. Lo scorso anno, in una serie rivelazione targata Amazon, nonché preziosa presenta ai Golden Globes di questo stesso 2016, un direttore dal sangue caliente e dai metodi poco ortossi accoglieva a braccia aperte l'avvento della novità. In tanti storcevano il naso, davanti ai suoi capelli indomabili, al passato turbolento, alle prove per strada. Ma quanto ci erano piaciuti, in realtà, gli spettri in costume, il glamour della City, il suono di una leggerezza mai tanto di classe? Quanto attendevamo un altro ciclo di episodi, per sapere se il bacio tra Rodrigo e l'allieva Lola Kirke avrebbe avuto ripercussioni e se la Filarmonica, gravemente indebitata, ce l'avrebbe fatta a risollevarsi? Mozart in The Jungle ritorna, tra dicembre e gennaio, con un seguito all'altezza del non lontano inizio e piccoli dubbi che, però, si rinnovano nel sottoscritto. Perché la serie, benedetta da Chris Weitz e dai compagni di merenda di Sofia Coppola, non si sa quando cominci né quando finisca. Mi spiego. Grandi attori e colonna sonora immensa, ma come una povertà di temi, di stagione in stagione. Cos'è successo nella prima, dopo l'arrivo di Rodrigo? Cosa succede nella seconda, dopo il tour in America Latina? Poco, pochissimo. Gloria, magnifica settantenne, scopre di possedere notevoli doti canore – ma trattandosi di Bernadette Peters, leggenda del musical, è poco lo stupore – e di avere ancora l'età per concedersi un amore o due; l'oboista Hailey, con il fidanzato ballerino impegnato in un reality show, ripensa alle attenzioni del suo Maestro; Cynthia, sexy violoncellista, asseconda le avance di un'avvocatessa che in tribunale però non fa faville; Thomas, ed è impossibile a questo punto non nominare il granitico Malcolm McDowell, lavora alla sinfonia di una vita e seppellisce nel frattempo l'ultima moglie. E cosa capita invece a Rodrigo, in cerca dell'assistente perfetto e, per un arco di episodi, affetto da un fastidioso disturbo uditivo? Sarà come Mozart, eterno enfant terrible, o cagionevole come Beethoven? L'eleganza e l'ordine dello skyline newyorkese, per un po', cedono il posto a una tournée sui mari del sud. Al calore e al colore del Messico. Il buon cibo, le maledizioni, la lettura dei fondi di caffè. Gli amori predetti dalle nonne sagge. Esilarante e ricercato, leggero ma a volte impalpabile, Mozart in the jungle è un passatempo colto e rilassante, per melomani e non solo, a cui questa volta manca maggiore consistenza e la sua città di appartenza. Ma è tanto ben confezionato, tanto sovversivo, che davanti a un Gael Garcia Bernal posseduto dal ritmo – vedeste quanto è coinvolgente e naturale, mentre si dimena e tiene il tempo – è impossibile trovare riparo dall'ispirazione e dall'allegria. Contagiano. (7)

And Then There Were None
miniserie televisiva
Fulmini e saette, un'isola privata tagliata fuori dal mondo, una chiave maestra. Una pistola e, a un tavolo, sconosciuti invitati allo stesso evento: ospiti in una casa labirintica, i cui padroni – stranamente assenti – hanno lasciato il comando ai due domestici, marito e moglie. Tra i piatti fumanti e le posate, al centro, dieci strane statuine d'avorio, che rappresentano ognuno di loro. Dieci vittime – e dieci colpevoli, perché tutti hanno la coscienza sporca – e un assassino che agisce inosservato. Una dopo l'altra, le statuine scompaiono; uno dopo l'altro, gli ospiti muoiono, seguendo l'ordine espresso in una inquietante filastrocca per bambini. I superstiti, sospettosi e pietrificati, vivono sul chi va là. L'indice puntato verso il compagno, il dubbio persistente. In quella villa sferzata dal vento e dalle acque, nessuno entra e nessuno esce: il male è tra loro, l'inferno è in terra. And Then There Were None – per noialtri, Dieci Piccoli Indiani – è il titolo che, a un passo dall'anno nuovo, sotto le feste, si è presentato alla mia porta, con la sua aria inglese al solito impeccabile, il taglio cinematografico, un intreccio di cui non si è mai stanchi a sufficienza. La BBC, in tre puntate, propone la trasposizione del romanzo più celebre della regina del brivido, Agatha Christie, e sorprende in maniera impensata. E da quando sbagliano, questi inglesi, chiederete? Invece, davanti a riproposizioni edulcorate e alquanto mediocri – su tutte, l'ultimo Lady Chatterley's Lover -, lo scorso anno le mie convinzioni hanno vacillato. In prodotti belli ma senz'anima, registi e autori che procedevano con il pilota automatico, tanto savoir faire fine a sé stesso, la dizione troppo perfetta dei britannici – e degli automi doc. And Then There Were None, invece, ha un apparato tecnico di tutto rispetto – fotografia cristallina, scenari da sogno (ebbene sì, io faccio strani sogni), un montaggio sonoro che regala sussulti – e personaggi al di sopra di ogni sospetto che, nei flashback, vengono cesellati gradualmente. In tre ore scarse, forma e contenuto hanno lo stesso peso. Il cast, pieno di giovani promettenti e vecchie volpi, è dei migliori. Il bellimbusto viziato di Douglas Booth, il mercenario dell'aitante Aidan Turner, la tata impenetrabile della rivelazione australiana Maeve Dermody. Tra gli altri, il giudice Charles Dance, la crudele precettrice Miranda Richardson, l'eroe di guerra Sam Neil. Tutti bravissimi e tutti in pericolo, in una storia vista e rivista – purtroppo, a ventun anni, non ho mai letto il romanzo; una delle mie tante, imperdonabili mancanze – il cui finale, culmine di una orchestrazione senza stonature, sorprende anche oggi. Un autentico gioiello di eleganza e scaltrezza. Era il trenta dicembre, per essere precisi. Tardi, ormai, per le aggiunte dell'ultimo minuto al famoso listone. Non abbastanza, comunque, per godersi un altro regalo del piccolo schermo. (8)

32 commenti:

  1. Forse abbiamo sublimato grazie all’Horror tutta la violenza, senza esprimerla nel mondo… Per ora (come rispondi giustamente tu) ;-) In ogni caso, “Ash vs. Evil Dead” è la migliore serie in circolazione, una vera gioia, per chi p cresciuto con l’Horror, con Sam Raimi, Bruce Campbell ma anche Hercules e Xena… Groovy! ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ti avevo detto, non mi hanno soddisfatto le ultime svolte, ma vabbe'. Chissà cosa Sam avrà in serbo per noi. ;)

      Elimina
  2. Come hai detto, Ash vs the Evil Dead è stato troppo breve ma meravigliosamente coerente fino all'ultimo. Un delirante, divertentissimo e commovente bagno di sangue!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo, non mi è piaciuto l'ultimo episodio. Ma è stato un modo come un altro, immagino, per lasciare aperte le porte all'attesissimo seguito. ;)

      Elimina
  3. Ho amato alla follia And then there were none! Ho trovato tutto impeccabile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quant'è vero. Non c'era niente che fosse fuori posto. ;)

      Elimina
  4. And There were None devo recuperarlo, Dieci Piccoli Indiani è il mio preferito della Christie, però un'ora davanti allo schermo senza poter fare nient altro proprio non ce la faccio. Ho iniziato giusto Dickensian perché ci stava nella mezz' ora di pausa studio ma sta diventando un problema serio :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di Dickensian ho visto il primo episodio ma, nonostante ami molto Dickens, lo trovo noioso e dispersivo. Evidentemente, non lo amo quanto credo? L'idea è interessantissima, ma manca il collante, non so. Magari ne guardo un altro po' e cambio idea. ;)

      Elimina
    2. Ho avuto la stessa sensazione, lasciandolo al suo destino dopo quella mezz' oretta lì. ;)

      Elimina
    3. E mi sa che abbiamo ragione, allora!

      Elimina
  5. L'ultimo che hai mostrato mi intriga molto, dovrò recuperarlo.
    Ash vs. Evil Dead, l'ho trovato adorabile, ma d'altronde il binomio Raimi Campbell è una garanzia. :-)

    RispondiElimina
  6. Mi fa piacere che Mozart continui a spaccare, devo ancora iniziare la seconda stagione ma parto sicuramente fiducioso.
    Non mi lascerò scappare nemmeno Dieci piccoli indiani! ;)

    RispondiElimina
  7. mi sembrano interessanti tutte queste che hai citato, ultimamente sul web parlano tutti del finale di Ash ! 0_o

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me ha lasciato molto indifferente, oltretutto è letteralmente spalancato nel vuoto, ma mio fratello, che da poco ha rivisto Evil Dead, dice che Ash e le sue scelte hanno il loro perché. Io mi astengo. ;)

      Elimina
  8. La seconda di Mozart devo ancora finire di vederla, ma finora mi pare ottima.
    Ash che si becca un voto più alto è un pesce d'aprile anticipato, vero? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come fai a non amare Ash, si può sapere?! :-D

      Elimina
  9. Ash non lo conoscevo e non so se lo conoscerò... immagino che i veri fan lo apprezzeranno più di quanto potrei fare io, e visto che sono indietro e devo ancora iniziare Mozart, meglio metterlo da parte.
    Di Dieci piccoli indiani non voglio sapere nulla, sono sopravvissuta finora agli spoiler del caso, e finalmente per Natale mi sono regalata il libro della Christie... me lo voglio godere al meglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, ma allora non soltanto io, fino alla fine, ho ignorato chi fosse il colpevole!

      Elimina
  10. tre serie da recuperare...gna' faro' mai...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conoscendoti, subito subito la prima! ;)

      Elimina
  11. And then there were none devo assolutamente vederlo! Ho amato il libro e ignoravo l'esistenza di questa trasposizione televisiva. *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro, purtroppo, è tra i must che mancano all'appello, ma amici lettori dicono sia un ottimo adattamento. Mi dirai. :)

      Elimina
  12. La prima e l'ultima non la conoscevo ma ho visto un paio di puntate della prima stagione di Mozart in the jungle e purtroppo è scattato nessun feeling e ho lasciato perdere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però riprova, merita. Capisco, però, il mancato feeling. :)

      Elimina
  13. Ash vs Evil Dead davvero bella, era finita anche abbastanza in alto nella mia classifica ed è stata bella dall'inizio alla fine. La recensisco a breve, quando finirò con ste classifiche!!!
    Mozart in the Jungle II mi è piaciuta moltissimo, mi manca giusto l'ultimo episodio, ma secondo me si sono superati rispetto alla prima e alla grande!
    Dieci piccoli indiani manco iniziata invece

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E inizia, inizia!
      Però capito cosa voglio dire di Mozart in the jungle? Agli episodi manca un tema portante, non succede mai niente di che.

      Elimina
  14. Anch'io sn cresciuta con gli horror e qndi dovrò proprio recuperare Ash. Anche se il remake della Casa è stato talmente crudo da farmi passare la voglia di una seconda visione nonostante il film mi sia piaciuto molto. E la mia lista telefilm cresce in modo irrecuperabile, povera me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è altrettanto crudo, ma più esagerato. Insomma, a tutto quel sangue nessuno ci crede ;)

      Elimina
  15. Ash vs Evil Dead capolavoro! ...and then there were none devo proprio segnarmelo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di Ash non ho gradito il finale, ma è colpa mia.
      Con And Then There Were None, be', impossibile incappare nello stesso problema. ;)

      Elimina