mercoledì 23 settembre 2015

Mr. Ciak: Inside Out, Boulevard, Second Chance, Un disastro di ragazza, Elephant Song, Z for Zachariah

Non so come mai. Potrei giurare che la mia chiusura dinanzi al cinema animato derivi dallo spirito di ribellione contro genitori che, da bambino, mi dicevano cosa vedere – sì ai cartoni e alle storie edificanti, ad esempio – e cosa non vedere – un no categorio, allora, ai film di paura e al brivido – ma mentirei. Ho sempre guardato tutto quello che volevo, e perdere il sonno per un horror visto con l'inganno mi ha fatto compagnia mentre diventavo grande: crescere significa avere la libertà di sbagliare. Davvero non mi spiego, dunque, quand'è che abbia smesso di credere alle fate e alla magia dei cartoni, ripromettendomi di guardare – una volta cresciuto – solo cose da grandi. Quando, invece, il miracolo dell'animazione ormai commuove in sala più i papà che i figli. Mi sono avvicinato a Inside Out con la paura di non amarlo quanto gli altri, e così un po' è stato. Il perché – sarà colpa della parte centrale con le avventure di Tristezza e Gioia, meno interessante delle ripercussioni che la loro ricerca aveva, invece, sulla frenetica giornata di Riley? - è vago. Bello ma non bellissimo, e più per il mistero delle mie convinzioni che per evidenti difetti di fabbrica, è un trionfo che non mi ha fatto gioire del tutto. Anche se è orchestrato magnificamente, l'emozione dipinge un vasto spettro di colore, l'idea di partenza è splendida. Inside Out è un'originale esplorazione del nostro profondo. Il trasferimento di Riley in un'altra città – e una casa inospitale, e amici di cui conquistare da zero la fiducia, e i genitori presissimi dalle fatiche del trasloco – genera in lei un terremoto emotivo delicatamente indagato: Paura, Rabbia e Disgusto hanno preso il comando, mentre Gioia e Tristezza – con l'aiuto di un tenero amico immaginario – tentano, altrove, di ammortizzare il crollo di certezze e valori. Se il linguaggio del genere si scontra contro la mia scorza dura, e arriva e non arriva, impossibile ignorare – anche se non mi è piaciuto, in definitiva, quanto mi si assicurava – la magia di una storia essenziale, il coraggio di non rinnegare quelle parti del nostro animo che certi giorni ci rendono naturalmente inclini alla malinconia, la coerenza di non calcare la mano con la stucchevolezza. Dai creatori di Up (dieci minuti d'apertura che mi hanno fatto piangere il mare, ma del resto non ricordo altro), un Girlhood che con la grazia di Linklater, quasi, e la fantasia unica della Pixar mostra la fatica del crescere e ciò che resta e ciò che ci abbandona mentre, in vista del'adolescenza, lasciamo la via dell'infanzia. Ma mai del tutto. Il quartiere generale delle vostre emozioni, però, funzionerà assai meglio del mio. (7)

Facce dipinte, parrucche, abiti succinti e tacchi alti ai lati di una strada di città. In sottofondo, le sirene della polizia e il brusio dei guidatori, fermi a un semaforo accanto a un mercato di corpi umani. Una macchina si ferma e carica a bordo una di quelle anime in vendita. A fare inversione di marcia, a dire salta su, un uomo che ha una moglie che ama, un lavoro in banca, un segreto che ha promesso di portarsi nella tomba. Boulevard, ambientato lungo i viali malfamati e negli albergerghi a ore, parla di un sessantenne che per una volta osa essere sé stesso. Ma vive un'età in cui, purtroppo, l'amore vero pensa di non meritarselo ed è tardi, ormai, per uscire allo scoperto. Nolan si è fermato, sì: ha rimesso la prima ed è partito: a bordo, un ragazzo che si prostituisce per campare e che, quella notte, ha incrociato un uomo più grande che si è messo in testa la pazza idea di cambiargli la vita. Il dramma indie di Dito Montiel è dalla strada che parte, ma l'immagine di quel nonno dissoluto che paga la compagnia di un ventenne disperato non ha nulla di degradante. Merito di una scrittura delicatissima, che racconta uno strano amore mai consumato, e degli occhi buoni, compassionevoli, di un protagonista che comunica umanità a ogni sguardo. Se la sceneggiatura affronta con grande tatto un tema spinoso, è in Robin Williams – che va oltre i dettami dei copioni, con l'espressione affranta che nessuno può descriverti e un ultimo sorriso rubato alla vita – che questo Boulevard trova la sua luce e la sua pace. Straordinario, dopo una serie di prove minori che avevano disegnato nèi nella sua carriera costellata di successi, nel personaggio di Nolan – omosessuale alla riscoperta del coraggio – trova modi nuovi per dare voce alla sua gentilezza naturale e a alla potenza di un'espressività di cui ogni ruga diventa emozione aggiunta. Seduto al suo fianco, un bravissimo – e sconosciuto - Roberto Aguire: un terzo dei suoi anni; il volto del ragazzino che a diciassette anni magari si negò; la scusa di una seconda gioventù. Si indaga quello che loro dicono e sentono, non quello che fanno o non fanno, e il risultato – lieve e significativo – confluisce verso un epilogo meno amaro di quel che sembrerebbe. Boulevard è l'ultimo film prima di andare via. Una performance così bella, di una tenerezza così disarmante, che rende vivo il ricordo del buon Robin e commovente il suo congedo. (7)

Alexander ha sette settimane ed è il figlio di una coppia che si ama molto. Crescendo, nei temi parlerebbe di un papà poliziotto e di una mamma bellissima. Sofus ha sette settimane anche lui, ma è nato in un covo di tossici: giace sul pavimento di un bagno, sporco dalla testa ai piedi, con nessuno che si cura di lui. Il primo muore tragicamente, quando il secondo – abbandonato a sé stesso – è vivo ma nella casa sbagliata. Per curare il dolore di una moglie inconsolabile, per dare un nuovo destino a quel figlio di nessuno, Andreas scambia i due neonati: porta l'estraneo sotto il suo tetto, mentre lascia che il corpicino che ha il suo stesso DNA venga trovato, al mattino, dai due eroinomani. Troppo intontiti per accorgersi dello scambio, troppo spaventati per chiedere aiuto. Second Chance, grande ritorno di una Bier che si era persa all'inseguimento vano di Hollywood e che si ritrova, adesso, nelle atmosfere cupe della Danimarca da cui era stato male mortale allontanarsi, è tra i film più duri e strazianti visti quest'anno. Perché la vicenda di uno scambio di culla può essere stata affrontata altrove, ma nessuno – con questa onestà senza fronzoli, coi ritmi da noir e le svolte da tragedia greca – vi ha mostrato, e forse per fortuna, gli stessi corpi minuscoli sballottati da forze grandissime, la paternità all'estremo. Susanne Bier, questa volta, non fa flop. A immagini sconvolgenti, perché ai bambini non andrebbe torto neanche un capello, aggiungete un colpo di scena particolarmente crudele e un protagonista magistrale. I dubbi etici e i nervi a fior di pelle perciò, tutt'uno con gli occhi arrossati e la coscienza a terra. Il risultato è un dramma che pesa sull'anima e sullo stomaco, ma che andrà affrontato nei giorni in cui sarete padroni di voi, e che per le unghie nella carne e la bile che sale e scende – cose brutte, soprattutto, ma andatelo a dire ai ricordi intensi che lasciano – non si cancella con un sospiro di sollievo. Ma il male perpetrato e il bene mancato, le bugie impossibili e il marcio, alla fine saranno niente se, nella corsia di un supermercato, il candore di un bambino combatterà lo sporco. I pugni in pancia e poi una specie di carezza, in un thriller su morti bianche che più nere non si può. (7,5)

C'era tanta curiosità per Un disastro di ragazza e da parte mia anche un po' di pregiudizio. E' l'ultimo film, infatti, di Judd Apatow che di bello, grossomodo, ha fatto solo 40 anni vergine: per il resto, i suoi quarantenni in crisi e i genitori improvvisati, non so voi, mi hanno sempre messo addosso tristezza infinita. Si rideva con loro o si rideva di loro? Patetico è divertente? Il suo nuovo lavoro – campione di incassi in America – è un film dei suoi, lunghissimo e misteriosamente approvato dalla critica ufficiale, che comunque mi sono goduto più del solito, pur trovandolo classico e mai controcorrente. La storia di Amy, trentenne trasandata e paffuta, è quella di una giovane donna che, seguendo l'esempio paterno, si è detta allergica alle relazioni serie. Fa sesso, beve, fuma, spezza cuori: irriverente, il suo comportamento, perché priorità degli uomini, in una visione bigotta di amore e comicità che pensavo sinceramente passata di moda? L'audacia non è di casa ma, in due ore che volano, un paio di risate, molti nonsense e grandi partecipazioni che valgono, per me, il prezzo del biglietto. Abituati ai disamori di You're the worst, la condotta selvaggia della protagonista, brava anche in sequenze semiserie, non sorprende: la televisione e questo nuovo femminismo vanno d'accordo da anni. Più che in Un disastro di ragazza, addirittura, che pur seguendosi senza noie e entusiasmi, procede verso un epilogo – e un cambiamento di rotta – assai tradizionale. La Bridget Jones di oggi osa, sì, ma nella seconda parte troverà il suo Darcy: premuroso medico sportivo che le chiede una relazione esclusiva. Come sarà il suo lieto fine? Con promesse di originalità e uno svolgimento, al contrario, da manuale, Apatow dirige una commedia romantica in cui la Schumer si mostra attrice esplosiva anche se non autrice memorabile. (6,5)

Un dottore scompare nel nulla, mentre fuori arriva il Natale. Un collega indaga tra le mura di quell'ospedale psichiatrico e voci di corridoio lo indirizzano verso Michael, giovane paziente per cui il mistero è un gioco e la verità un'invenzione. In un lungo faccia a faccia, parlerà di abusi, scandali e elefanti. Elephant Song è un raffinato thriller, un dramma psicologico, uno di quei film che quando li finisci spegni tutto e dici boh. Ritmi giusti, teatrali, possibili solo se, come in questo caso, la regia non si limita a fotografare ciò che ha davanti e il cast riesce a reggere l'intensità di estenuanti scontri e repentini cambi di registro. Tra richiami vaghi a uno Shutter Island da camera e alla serie Hannibal, con il transfert freudiano e un omoerotismo sottintenso, intriga continuamente ma ti lascia, in quel finale tragico e meditato, con un pugno di mosche in mano: c'era il fumo, ma non l'arrosto. Del giallo le accattivanti premesse ma non i colpi di scena ad effetto, e se funziona è per la scrittura minuziosa – dai dialoghi indagatori, ma poco originali – e per il suo protagonista. Motivo, essenzialmente, per cui l'ho recuperato. Il prodigioso Xavier Dolan – autore di Mommy, il film più bello visto quest'anno – in un ruolo arduo. Passato questa volta davanti alla macchina da presa, recita in un film non suo: lui che, quando è interprete dei suoi lungometraggi, autoreferenziale e presuntuoso, non mi piace, sapete? Qui, bravissimo e esagerato, con le smorfie e le provocazioni, monopolizza prevedibilmente le attenzioni. L'enfant prodige che fa la parte enfant terrible, dunque, eccede e diverte, ma purtroppo Elephant Song vive solo in virtù delle sue improvvisate da mattatore. E così invade con il suo far cinema, potentissimo, il film di un altro, debole di per sé. (6)

Ragazza scampata all'apocalisse scopre di non essere sola. Z for Zachariah – ultimo esemplare dello sci-fi intimista che mi piace, con i ritmi lenti e l'aria indipendente – sulla carta era promettente. Metteteci tre bravi attori, poi, in grado di riempire un'ora e trenta con le loro sole facce e tanta credibilità. Il cast è bene assemblato e non ci si annoia, nonostante una specie di distopia non indagata e la staticità. Ma il film commette lo stesso errore di Maze Runner, e in quello – lungometraggio per ragazzi – la totale mancanza di tensione sessuale poteva starci. Qui, in un mondo arido ma popolato – e che fortuna – da persone che sono letteralmente la fine del mondo, i personaggi – in particolare quello di John, il più oscuro dei tre – appaiono asessuati. Rilassati, spesso, all'interno di un triangolo che se si complica non è per via di pulsioni primitive. Ejiofor non ha presubibilmente un solo pensiero impuro nei riguardi della sua coinquilina: una Robbie di certo più dimessa che nell'ultimo Scorsese, ma comunque splendida. Nella realtà, in casi così estremi, cosa sarebbe accaduto? Brutto dirlo, ma brutto è l'uomo, che la necessità rende bestia. Per dire: anche Chris Pine, bello com'è, con una botta in testa, si sarebbe beccato una botta. Qual è il punto, insomma: mostrare che nell'uomo c'è civiltà, che è giusto avere fiducia nel prossimo? O forse, come si intuisce dalla sinossi del romanzo, la Robbie doveva essere poco più che una bambina, il suo collega invece un uomo fatto e finito, e dunque la differenza d'età – il mostro della pedofilia – quietava ogni possibile pulsione? Margot è una sexy venticinquenne, non un'adolescente acerba; Chris, invece, un adone con cui si entrerebbe subito in contrasto; Chiwetel – il più capace, ma con un personaggio pieno di ma – appare perciò mosso da atteggiamenti irrealistici. Quando il realismo, nella rappresentazione essenziale, doveva invece essere di casa. Un film che va a finire come già sai, ma di cui non convince il modo di arrivare all'inevitabile epilogo. Il The Last Man On Earth in versione Sundance non serve: allora, meglio riderci su. (5)

43 commenti:

  1. Inside Out rischia di subire le troppe aspettative, ma resta uno dei candidati a miglior film dell'anno. "Z" non mi convinceva molto, mi hai confermato i miei dubbi ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insieme al sopravvalutato Birdman, mi sa che nel mio classificone non ci finirà però. Piuttosto l'incubo della Bier, per cui spero non sia tardi l'ennesima candidatura per il Film Straniero. Chissà. ;)

      Elimina
  2. Non ho ancora visto nessuno di questi film ma mi incuriosisce "Second Chance" e "Elephant Song" ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con Second Chance avrai davvero pane per i tuoi denti.
      Tostissimo.

      Elimina
  3. Inside Out l'ho visto ieri sera, accanto a un'amica che lo vedeva per la seconda volta da quanto le era piaciuto. E... meh. Cioè, sì, bellino. Simpatico. Non so cosa ne penso, soffre veramente tanto delle super-aspettative che mi avevano messo addosso.
    Forse non l'ho trovato abbastanza immaginativo, tipo che l'inconscio poteva essere veramente fantastico e invece ne esce solo un clown. Magari è che la mente funziona in maniera un po' piatta, troppo perfetta. Mah.
    Bellino, eh. Però.
    (e ovviamente di tutti questi film ho visto solo il Pixar xD)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, il tuo "bellino" mi rassicura. Neanch'io mi sbilancerei. Altrove parlano di capolavoro, e per me proprio no. Olé, non sono più l'unica pecora nera. :)

      Elimina
  4. Inside Out l'ho amato. Ancora adesso, se ne vedo degli spezzoni fuori contesto, piango come una pazza. Come le emozioni, è un cartone molto soggettivo e a quanto pare con me è riuscito a toccare determinate corde :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma con tutti, Babol. Però, questa volta, mi ha emozionato più quello che avete scritto voi blogger - che belli i post di Lisa e Ford, ad esempio - che il film: per me, come dice la Leggivendola, bellino e poco più. :)

      Elimina
  5. appagata la mia curiosità sul fatto se saresti andato a vedere o meno Inside out (io conto di farlo sabato o domenica con le mie bambine) ho adocchiato il libro che hai in lettura, che è tra i miei prossimi . sono curiosa di sentire il tuo parere in merito. a presto e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo non deluda, Chicca, perché sono appena reduce da un altro thriller (però per ragazzi) partito bene e finito così così. Sarà un'altra delusione di fila?

      Elimina
    2. ti auguro di no!
      comunque riallacciandomi alla tua risposta ad Ilenia TD Lemon i mondi Ghibli sono spettacolari, in casa mia (io e figlie) restiamo sempre incantati davanti alla genialità delle loro storie.

      Elimina
    3. Sono curioso, ad esempio, di vedere Quando c'era Marnie!

      Elimina
    4. Ci aggiorniamo su quello, allora. ;)

      Elimina
  6. Inside Out. Un'idea geniale, sviluppata male. Bello, per carità, ma sono rimasta molto delusa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ohhh! Fatevi avanti: siamo in tanti, allora. :)

      Elimina
  7. Chissà che effetto mi farà questo Inside Out, la tua è l'unica recensione non eccellente che ho letto. :D
    Prendo nota anche di tutte le altre pellicole alle quali hai dato almeno 6,5, bisogna fare un po' di selezione. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Bier, questa volta, ha la precedenza.
      E che attorcigliamento di budella che è!

      Elimina
  8. Questo 'Inside out' sembrerebbe essere il film d'animazione più bello del millennio per come ne parlano ovunque e, sinceramente, mi hanno incuriosita.
    Però il tuo parere mi riporta in terra alla realtà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E Inside Out prevedibilmente porterà a casa la statuetta, ma senz'altro altrove - ad esempio, nei mondi dello Studio Ghibli - si nasconderanno sorprese più grandi.

      Elimina
  9. Sono contenta di aver finalmente letto una recensione un po' meno entusiasta di Inside-Out, perché tutti i commenti che ho letto hanno portato davvero troppo in alto le mie aspettative... e di conseguenza il rischio di rimanere delusa.
    In settimana andrò e poi ti farò sapere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetto le tue impressione, Elisa.
      Ma noto, in generale, che noi lettori, soprattutto, ci aspettavamo qualcosa di più approfondito. ;)

      Elimina
  10. Inside Out è l'unico che ho in programma di vedere. Cerco di tenere le aspettative basse, ma l'idea sembra carina e mi ricorda un sacco le strisce di Eriadan :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'idea è carina e resta carina, ma secondo me non va oltre.
      Si attendeva più profondità. ;)

      Elimina
  11. Il cambio di culla c'era nel 7 e l'8 di Ficarra e Picone :P Second chance sembra migliore comunque :) Mi ispira anche Inside out

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh, il 7 e l'8 lo ricordo anch'io. :)
      Questo è senz'altro meglio, sì.

      Elimina
  12. second chance è in programma, buono a sapersi che ti sia piaciuto, per un disastro di ragazza sono completamente d'accordo, per inside out e z for zachariah siamo discordanti ma già lo sai... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già so, già so. Curioso di sapere le tue impressioni sulla Bier, ma ricordo che anche a te questi film danesi un po' scomodi, alla Il Sospetto ma ovviamente non a quei livelli, piacciono. ;)

      Elimina
  13. Su Inside Out già sai, ho una predilezione per l'animazione e un amore profondo per la Pixar, che ha saputo stupirmi e sorprendermi anche questa volta.
    Gli altri film intrigano chi più chi meno, Dolan attore forse più di un Williams che sa di pesantino, mentre la Schumer a pelle non mi ispira la simpatia necessaria per recuperarla e quel Z, mah, convince meno di tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai con Williams, perché non è pesante per nulla.
      Dura poco, ma lascia tanto. Anche tanta tristezza - ma più per la sua fine che per un dramma con un po' di speranza in agguato, all'ultimo. :)

      Elimina
  14. Sei tra i pochi al mondo a non gridare al capolavoro per Inside Out. Io devo ancora vederlo ma, chissà, potrei pensarla come te...

    Un disastro di ragazza non pretende di rivoluzionare il genere, però per me è una delle commedie più divertenti, e anche meglio scritte, dell'anno. Amy Schumer for President!

    Elephant Song potrei recuperarlo per Xavier Dolan. Z for Zacariah invece mi sa che manco per Margot Robbie ce la posso fare... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo vedermi gli sketch della Schumer, magari cambio idea. :)

      Elimina
  15. Inside out mi incuriosisce molto, ma non mi aspetto chissà cosa. Per quanto riguarda i cartoni animati sono un po' come te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah? A me solo i Disney - ma quelli della tradizione, proprio - piacciono davvero.
      Gli altri carini e basta. Siamo vecchi dentro. :)

      Elimina
  16. Inside out voglio troppo vederlo *_*

    RispondiElimina
  17. Inside out magnifico.

    Degli altri ancora non ne ho visto nessuno ma mi ispirano Un disastro di ragazza e The Elephant Song

    RispondiElimina
  18. Inside out per me è uno dei candidati più forti a film dell'anno, e concordo con Bara rispetto al peso delle aspettative in proposito.
    Degli altri è in rampa di lancio Apatow, e poi segno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Colpa vostra, me ne avete parlato tanto e bene. :-D

      Elimina
  19. A me Inside out è piaciuto davvero un sacco *^* al contrario di Frozen che aveva fatto impazzire tutti, ma che io non avevo trovato niente di speciale XD
    Sarà che i cartoni Pixar sanno sempre come conquistarmi :3 adoro i Toy story, i Monsters & Co e tutti gli Shrek *^*
    In ogni caso il tuo scetticismo nei confronti dei cartoni mi ricorda quello del mio ragazzo! Quando gli ho detto "andiamo a vedere Inside out?" mi ha riso in faccia come si fa con i bambini e al mio "dico sul serio" ha risposto "lo so" XD poi però è venuto lui a propormelo perché "tizio l'ha visto e ha detto che è molto bello" al che io ero tipo "..."
    Come con Big Hero 6, quando gli propongo di vedere cartoni è sempre molto meh :/ come se fossero cose da bambini e basta v.v anche se poi finisce che apprezza :D

    Comunque devo assolutamente recuperare Boulevard!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Big Hero 6 non mi è proprio piaciuto; Oscar telefonatissimo.
      Io, invece, ho amato Frozen come un bebé ma Inside Out già non lo ricordo più.
      Bellissima idea svilupatta in modo molto banale. Un bambino, secondo me, non lo apprezzerebbe granché, sai?

      Elimina
  20. Beh, per me è bellissimo inside out! è solo un piccolo, semplice grande capolavoro! è semplicemente intelligente e creativo! dopo averlo visto al cinema, i miei tre cuginetti sono rimasti entusiasti (da 7 a 10 e 13 anni). insomma, in famiglia ci è piaciuto molto. compreso anche ad alcuni miei amici. Fin dal 2010, non ne vedevo infatti un buon film pixar con quella qualità, dopo le deludenti uscite di cars 2, ribelle e Ralph Spaccatutto. L'ho trovato quasi all'altezza di Wall-e, Ratatouille, Alla ricerca di Nemo, Monsters & Co, Stori toy 3 e Up (In questo ultimo, è lo stesso creatore di Inside Out). Non dico il più bello di tutti, questo no, ma uno dei pixar meglio riusciti questo sì. Se a te non è piaciuto, va bene così. I gusti sono gusti. Però dai in fondo è sempre meglio di quei alcuni film scemotti come Minions, per esempio. Sarà anche molto divertente, questo non lo metto in dubbio, ma come trama non mi piace granchè. Non lascia niente ciò che può insegnarti e farti riflettere. Comunque, Leggendo il tuo ultimo commento sopra, sono invece d'accordo con te su Frozen E Big Hero 6. Frozen è un film veramente bello e meraviglioso, l'unica cosa che mi dà fastidio è che ci sono troppe canzoni per i miei gusti. Per carità, mi piacciono quelle cose del genere perchè mi fanno tornare bambina pensando ai classici di un tempo. Però secondo me dovrebbero cercare di non esagerare, per esempio perchè far cantare anche il pupazzo Olaf? Comunque, tutto il resto è bellissimo! Su Big Hero 6, concordo con te...infatti non capisco perchè ha preso l'oscar. Sì, è un film molto carino e piuttosto molto avventuroso, che forse è per per quest'ultima cosa che piace tanto alla gente in cerca un po' di tensione. Però non mi pare molto speciale. Solo L'unica cosa che ho apprezzato particolarmente in quel film è il tenerissimo e simpatico robot morbidoso! Ogni volta che lo vedo, mi viene voglia di coccolarlo! ahah!

    RispondiElimina