lunedì 11 maggio 2015

Mr. Ciak: La famiglia Bélier, Hungry Hearts, Sarà il mio tipo?, Lost River, The Last 5 Years, It Follows

La famiglia Bélier era finito nella lista delle prossime visioni da sé. Destino di ogni commedia francese in cui mi imbatto. E la storia di questa famiglia speciale è tutto quello che è stato detto, ma io l'ho trovata troppo americana per i miei gusti. Pensata per il remake lampo. Svendutella. A me il cinema dei cugini d'oltralpe piace invece quando è colto, raffinato, snob. Sono abituato a francesi che hanno tutto sotto controllo, eppure – nonostante la trama lineare – qui ci sono svolte inserite a casaccio. La candidatura del padre, la buffa prima volta del fratello, la storiella d'amore della protagonista con uno che entra in scena come Edward Cullen e rimane poi nell'anonimato: tutto accennato e messo in ombra dal sogno di diventare cantante e da un provino, nelle scene conclusive, che so ha commosso molti. Ho riso poco - risate concentrate soprattutto nella scena del ginecologo, esilarante - e purtroppo le lacrime non sono arrivate. Il resto, tra battute non troppo fulminanti e sottotrame abbozzate, è una sorta di I ragazzi stanno bene che indugia troppo a lungo dalle parti del film per teenager con, chessò, Hilary Duff. Carino ma deludente. Mi sento come il Grinch a Natale, perché gli ho trovato un pregio solo e si chiama Louane Emera: questa ragazzina bionda, che ha fatto The Voice ed è carinissima, rotonda, spontanea. Ma tanto ho la coscienza pulita. Lo sanno tutti che sono buono, ma a pranzo – e al cinema – dai Bélier non vi consiglio entusiasticamente di andare. (6)

Ragazzo conosce ragazza nel bagno di un ristorante. Ridono, si sposano: mandano avanti veloce. Sembrano i minuti iniziali di una commedia indie. E quella tra Jude e Mina una grande storia d'amore. Niente di più sbagliato; niente di più giusto. Hungry Hearts è un amore tirato per i capelli, nutrito a suon di bugie e cibi ipocalorici quando unica soluzione sarebbe stato abortirlo sul nascere. Lasciarsi andare, strade separate e via, prima che Mina diventasse una madre folle e Jude un padre sceso a compromessi. Prima che un innocente ne pagasse caro il prezzo. Il dramma di Costanzo è una mosca bianca che ronza, fastidiosa ma alta, nel panorama italiano. A metà tra i drammi indipendenti che non ci sono estranei e il thriller psicologico, genere che al contrario non appartiene alla nostra genetica. Dopo le atmosfere orrorifiche di La solitudine dei numeri primi, il regista ha la storia adatta e un cast all'altezza. Sullo sfondo di una New York caotica e lirica, l'ossessione serpeggiante, e gli abbracci materni che diventano una morsa. Un Rosemary's Baby ai tempi del veganesimo, con la scusa del troppo bene. Lento, gelido, straniante. A colpire, la forza delle citazioni e un uso ipnotico della macchina da presa che schiaccia, deforma e inchioda le facce affascinanti, malate, stambe di Driver e di una spregevole Rohrwacher. Lei, per me, più brava di lui: coraggiosissima. Peccato che il doppiaggio appiattisca l'intensità dei loro dialoghi. Avrei voluto sentire il brutto inglese di lei, lui che storpiava Modugno. Cuori affamati, corpi a digiuno e rabbia che si nutre d'altra rabbia però si vedono. E come attraverso uno spioncino che ci sbatte in faccia la nostra impotenza di spettatori. (7)

Ecco, qui ci avviciniamo. Alla mia commedia francese. Alle giusta proporzione tra semplicità e impegno. Il titolo italiano prometteva risate e un epilogo solito. Non che quello originale fosse diverso, non che la trama brillasse: professore di filosofia in esilio, intreccia una relazione con una ragazza che non ha grossi sogni. Lui frequenta convegni, lei si esibisce al karaoke. Lui legge saggi, lei ha la fissa per i rotocalchi e la Aniston. Uno orgogliosamente parigino, l'altra – sia nel nome, sia nello studiato look – esterofila. E ci provano sì a venirsi incontro. Ma Clément è scettico, perfino sui dettami del cuore; Jennifer, a un bivio, è stanca di inseguire l'uomo impossibile. E' lei a dire il primo e unico ti amo; è lui a tenere gli occhi aperti mentre si baciano. La freddezza del prof e il romanticismo della parrucchiera sono due modi di vedere la stessa storia. Il punto di vista dello spettatore, però, finisce per coincidere con lo sguardo limpido e comune della bravissima Emilie Dequenne – la Rosetta dei fratelli Dardenne ormai diventata donna. Ma è in lui, opportunista e misantropo col volto impenetrabile di un ottimo Loic Corbery, che mi sono un po' rivisto: brutto ammetterlo, ma viva l'onestà. Parte con la consueta leggiadria e con ritmi perfetti questo Sarà il mio tipo?, per poi imboccare l'inconsueta strada dei drammi da Sundance. Allora sorprende, per l'amaro in agguato. Per quel titolo originale, Ne pas son genre, che è simile al nostro, ma manca del punto interrogativo. Non c'è dubbio, è una dura presa di coscienza: non è il mio tipo. Illudersi del contrario è un attimo, un errore, una bugia. (7+)

Nonostante sia bello e bravo in quantità uguali, Ryan Gosling lo si invidia un botto, ma non lo si odia. Si attendeva, dunque, il suo esordio alla macchina da presa. Lost River si fa fatica a metterlo a fuoco. Non è quel che sembra, ma non si sa cos'è: è girato da dio – anche se, a sprazzi, sembra più un lavoro di Nicolas Winding Refn che dell'onnipotente – ma è scritto da chi non sa bene come e cosa comunicare. Un puzzle di storie dolci e crudeli, in un'oscura fiaba che ha le ambientazioni surreali, i lupi cattivi esagerati, personaggi dai nomi parlanti e una morale della storia che sfugge. La procace Christina Hendricks è una madre che, per campare, ogni notte lavora in un club di sensualità e massacri. Suo figlio, perseguitato dal bullo Matt Smith e innamorato di Saoirse Ronan, la aiuta come può, rubando rame e cercando Atlantidi sommerse. Ma non c'è un attore che brilli davvero sugli altri, tant'è vero che la particina della Mendes è aria fresca e l'iconica Barbara Steele strega. Tra rimandi, fuoco e acqua, immagini sanguinose e suggestive e la ricerca della fuga. Tecnicamente all'avanguardia, ma secco, troppo, nella trasmissione del messaggio. Messaggio che ci sarà, ma personalmente ho stentato a recepire. Come dire che sia brutto? Come dire che sia bello? Si opta, perciò, per un è già finito; tutto qui? Resoconto di un fantasmagorico videoclip muto. Senza canzone. (6)

The Last Five Years è un altro spettacolo di Broadway che fa il grande salto. Fatto strano, perché quando si immagina il musical non si fa che pensare agli epiloghi felici. Eppure le canzoni vivono di cuori spezzati, fiducia infranta e continui facciamola finita. Into the woods però era una fiaba Disney, e vedi che noia. Figuriamoci se Like Crazy o Blue Valentine diventassero una ballata sull'amore tradito, sorretta da un cast di due attori. Inaspettatamente  purché piaccia il genere – si rivela un musical moderno e adulto, originale nella sua normalità. Cathy e Jamie si innamorano subito e si disinnamorano in fretta: lei, il sogno dello spettacolo e le insicurezze della moglie oggetto; lui, prodigioso scrittore che colleziona riconoscimenti e musi lunghi. A reggere il tutto, i bravissimi Anna Kendrick e Jeremy Jordan. Che lei canta e recita bene lo testimoniano quella Cups Song tormentone e una nomination all'Oscar, mentre le doti di lui – assodate per chi ha seguito Smash – si fanno ricordare grazie a note altissime e al personaggio più umano della storia. Unico appunto: alcune canzoni, registrate in presa diretta, sarebbero state meno precise ma più intense, con un sospiro o un singhiozzo piazzato al momento giusto. LaGravenese, con la leggerezza di chi da tanto è tra gli addetti ai lavori, confeziona un dramma sentimentale dal finale annunciato, in cui i punti di vista di lui e di lei si alternano, passando da toni effervescenti a maturi faccia a faccia. E non ci si annoia, nonostante la musica perenne e il tema agrodolce. Con l'allegria contagiosa delle prime volte che sfuma canzone dopo canzone, mentre i due si allontanano piano, tra loro e da te, senza lasciarti amareggiato. (7)

It Follows non è il classico horror di nicchia che si pesca tra i film inediti e si guarda con aspettative zero. Su di lui, pesavano attese poderose. Chi dice sia il film di genere più bello dell'ultimo decennio ha incuriosito e ha detto anche una cazzata da guinness. Non so se le attese mi hanno reso troppo fiducioso, ma al posto del troppo io ho trovato il nulla. Mi ero informato a stento sulla trama e, per un'ora e quaranta, paziente, sono andato in cerca di un senso. Horror indipendente, premiatissimo, parla di un terrore che si diffonde come una malattia venerea. Attraverso un rapporto sessuale, un'adolescente contrae una maledizione e unico modo per liberare la sua casa infestata – fior di metafora - è fare ancora sesso, per passare sortilegio e gonorrea al partner successivo. Il meccanismo della videocassetta di The Ring, insomma, ma con la firma della Durex. Disposta ad aiutare la bellissima Maika Monroe, spalla di Dan Stevens nell'idolesco The Guest, al gioco della patata bollente - altra metafora - una fila lunga così. Riuscirà la nostra eroina a darla via prima che oscure entità la facciano pentire della notte in cui ha ceduto all'altro sesso? Trama ridicola, personaggi insensati, una regia particolarissima ma che dopo un po' viene a noia. Mitchell scimmiotta Carpenter – vedi le sonorità vintage della colonna sonora e l'ambientazione indefinita: kitsch e con sprazzi futuristi - ma il suo è un omaggio inutile: ama tanto la macchina cinema e poco il genere. Magari ho visto il film sbagliato e, sotto il nome giusto, c'era un video degli anni '80 sui giovani e l'importanza del sesso protetto? Non fa paura, annoia, sembra nato vecchio, ed è mortalmente serioso: fattori ricercati, tra l'altro, negli horror di ultima generazione. E i tempi cambiano, e nostalgicamente preferisco quelli vecchi: non c'ero io, ma vi ho assistito in differita. Una volta la paura viaggiava sul filo del rasorio. Oggi, al massimo, sulla punta del pisello. Avrei usato un'altra metafora, ma le ho finite, sorry. (4)

25 commenti:

  1. La famiglia Belier mi è piaciuto un pò di più di te, come dici ci sono quelle svolte casuali, una trama ramificata se così si può dire, ma non sembra troppo americano e penso che il merito sia del cast e di molti momenti davvero ben costruiti, alla francese ;)
    Hungry Hearts potrei provare a vederlo però so che è una di quelle visioni che mi darebbe un po' fastidio. Eheheh!
    Sarà il mio tipo? l'avevo pregiudicato come banalotto, a questo punto potrei dargli una possibilità invece.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hungry Hearts è molto molto fastidioso, diciamo che per la Festa della Mamma non l'avrei consigliato a cuor leggero, però è una bella cosa nostra, per una volta tanto, che sembra anche internazionale. Sarà il mio tipo? carinissimo e tutt'altro che banale. Anzi, le svolte dell'epilogo potrebbero lasciare molto insoddisfatti, ma io sono un po' così... :)

      Elimina
  2. Di molti film devo ancora parlare, quindi non svelerò molto. :)
    Posso solo dire che questa volta non sono quasi per niente d'accordo con te...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So che ti è piaciuto senz'altro It Follows, e sono curioso di capire perché... L'ho trovato bruttissimo ;)

      Elimina
  3. It Follows lo devo ancora vedere, così come Hungry Hearts. Saràm il mio tipo non mi attira per nulla e non so se lo vedrò. Lost River è la prima volta che lo sento, ma penso lo vedrò per via della regia di Gosling. The Last Five Years mi incuriosisce, non fosse altro che per la presenza di Anna Kendrick.

    Su La famiglia Belier invece non siamo d'accordo, a me è piaciuto molto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di Lost River, in questi giorni, ne parlavano Lisa, il Cannibale e Bara Volante. Più o meno siamo d'accordo sul fatto che non siamo d'accordo con la critica ufficiale: non è brutto come dicono, per nulla. It Follows, sinceramente, non l'ho capito. Passerò a leggerti per spiegarti perché l'ho trovato tanto scemo :)

      Elimina
  4. It follows voglio vederlo assolutamente!!
    Lost river anche mi incuriosisce però viene per secondo, mi spiace :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanto odio verso It Follows. Ho capito il film indipendente, ma questo è scritto coi piedi. Spero proprio che non ti piaccia :P

      Elimina
  5. Seguirò il tuo consiglio su Hungry Hearts, forse non seguirò il tuo non consiglio su It follows :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non seguitelo, non seguitelo. Sono d'accordo con me, sul fatto che sia un filmaccio, solo i genii di Italia Film! Loro capiscono, ahah :P

      Elimina
  6. La famiglia Belier mi ha lasciata molto insoddisfatta. Molto carino ma purtroppo lascia al caso molte delle storylines secondarie e pwr una precisina come me è imperdonabile!
    Indubbiamente un plausp a Louane che è formidabile come cantante e anche come attrice :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, poi è carinissima lei. In un film americano - visto la sua bellezza poco convenzionale - non avrebbe trovato spazio. Per fortuna, ci sono i francesi. Vedi, noi lettori alle storylines abbandonate a sé stesse ci facciamo sempre caso ;)

      Elimina
  7. Difficile trovare recensioni in cui ogni riga che leggi capisci che sia partorita da chi la scrive,
    Nessuna forma canonica, nessuna banalità, nessun superfluo di più.
    Bravissimo.
    Ah, mi riferisco al film di Costanzo, l'unico che ho visto.

    (forse quel compressi è compromessi? curioso, "compromessi" compressi fa proprio "compressi")

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!
      Sì, era "compromessi". Filo a correggere la svista :)

      Elimina
  8. Stavo pensando che da quando ho visto la locandina della famiglia Belier non faccio che fare il cuoricino con le mani. Di solito in senso sarcastico, quando un amico dice una cazzata cosmica :D :D :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, il cuoricino con le mani è il nuovo dito medio ;)

      Elimina
  9. Un bel po' di film oggi in rubrica, e tutti che mi hanno colpito positivamente.
    Partiamo con i francesi che come già sai da una parte mi hanno fregato con le lacrime (perchè sì, quei difetti soprattutto di sceneggiatura mi sono pesati comunque), dall'altra mi hanno appassionato e fatto innamorare di un naso perfetto (e di tutto quello che gli cresce intorno) pur spiazzandomi con quel finale.
    Buonissima la prova di Costanzo, una delle migliori visioni a Venezia e sì, quell'inglese stentato di Alba potrebbe fare la differenza.
    Saltando a piè pari l'horror che non è nelle mie corde e il musical che ha quella Kendrick che non riesco a mandar giù, arrivo direttamente a Gosling... fortuna che ci siamo noi che lo salviamo, o perlomeno ci troviamo quel promettente che basta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'horror te lo sconsiglio proprio - e so di essere impopolare perché piacera a tutti, ma io e mio fratello abbiamo sonnecchiato per gran parte del tempo. Sugli altri, felice di pensarla allo stesso modo!

      Elimina
  10. Ed io che ieri alla vista dei sottotitoli di It Follows avevo esultato, poi vengo dalle tue parti e mi ritrovo un 4. :')
    Cercherò di vederli tutti, in particolare mi incuriosisce il debutto alla regia di Gosling, sono felice che non lo stiate massacrando.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gosling ci deve minimo un apertivo :)

      Elimina
  11. infornata di titoli interessantissimi ma l'unico che ho visto è ahimè quello sbagliato...come abbiamo avuto già modo di dirci a me It follows ha detto parecchio...ne parlerò domani, sugli altri sono moderatamente fiducioso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Curioso di leggerti, perché voglio capire cosa non ho capito. :)

      Elimina
  12. Curiosa su Costanzo, Gosling e persino it follows nonostante il massacro tuo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Remerò contro It Follows a vita - peggio che con Birdman - ma gli altri te li consiglio.

      Elimina
  13. Oh, finalmente posso leggerti.
    E che dire, scrivi troppo bene, sei intelligente, competente e simpatico, non ce la faccio nemmeno a controbattere.
    vaffanculo ;)

    (però di passaggi insensati ne ho trovati tanti anche io. Ma l'atmosfera per me c'era alla grande...)

    RispondiElimina