mercoledì 9 settembre 2015

Pillole di recensioni: Prometto di sbagliare, Tutte le volte che ho scritto ti amo

Ciao ragazzi, come state? Mi accorgo che la normalità è tornata dal chiacchiericcio che questa mattina sento fuori. Da casa vedo la stazione degli autobus e, dai paeselli circostanti, uno sciamare di ragazzi impressionante. Per chi fosse tornato a scuola, allora, un grande, grande in bocca al lupo; pensavate li facesse solo Gianni Morandi? Per gli altri, o almeno per me, la normalità sono lezioni sempre più vicine e la Autunnale. Sto preparando l'ultimo esame del secondo anno e, prossimamente, notorete la cosa anche voi: commenti brevi, probabilmente, per letture semplici e veloci. Si parte già da oggi con due novità che non mi hanno rubato molto tempo; il primo – atteso caso editoriale – non è quel che sembra; il secondo – primo volume di una duologia – è invece proprio come sembra e, quando non c'è voglia di impegnarsi, va anche bene cosi. Per entrambi, devo ringraziare gli uffici stampa.
Ps. Ricordate, sì, che domani è l'ultimo giorno per votarmi ai Macchianera?

Titolo: Prometto di sbagliare
Autore: Pedro Chagas Freitas
Editore: Garzanti
Numero di pagine: 399
Prezzo: € 16,90
La recensione: Mi affido alla recensioni brevi quando il libro è semplice e carino e una parola di troppo potrebbe togliere le poche sorprese a un lettore interessato. O, come in questo caso, quando il romanzo non è un romanzo e la recensione non può essere una recensione. Dopo una raccolta di racconti fantascientifici – del tipo che non apprezzo, purtroppo, e non sono in grado di giudicare –, quest'anno la storia si ripete con Prometto di sbagliare: il caso editoriale che, dalla vicina Spagna, si attendeva dalla scorsa primavera. Prima di leggerlo, un'intera estate in mezzo e qualche estratto, in rete, che incuriosiva. Si parlava, infatti, dell'esordio di successo di Pedro Chagas Freitas, ma nessuno sapeva di cosa parlasse, paradossalmente. Risponderò, dunque, alla domanda che mi facevo anch'io e che, forse, vi siete fatti almeno una volta anche voi, incrociandolo in libreria: qual è il fulcro di questo volume che, a suo favore, ha una copertina stupenda e tanta pubblicità? Nella sinossi, cenni alla storia di due vecchi amanti che, in un bar, s'incontrano e si scoprono ancora innamorati. Prometto di sbagliare racconta la loro, di storia, e non solo. Ogni vicenda non si protrae per più di qualche pagina e cercare il filo che le lega, più o meno invano, è la missione di un lettore che si aspettava altro. Il punto è che, per quanto oneste e ben formulate, le vicende – raccontate da traditori e traditi, uomini e donne, bambini e adulti, compagni felici e partner scontenti – costituiscono scene autosufficienti. Spesso molto emozionanti, con la passione a nudo e i sentimenti esposti nella loro ambiguità, ma adatte – con gli aforismi e l'amore percepito a 360° gradi – a chi apprezza una prosa poetica e l'arte dell'indugiare, del tergiversare. Io, lettore istintivo e materiale, non saprei come leggerlo, se non inserendolo tra un romanzo e l'altro, in cerca di respiro. Un racconto d'amore al giorno avrà i suoi benefici? Commentato in una rubrica che nel nome ha le pillole, Prometto di sbagliare non è di certo una pillola amara, anche se c'è chi al dolce dichiararsi preferisce pur sempre - come me, ad esempio - il gusto agrodolce dell'inconfessato.

Titolo: Tutte le volte che ho scritto ti amo
Autrice: Jenny Han
Editore: Piemme Freeway
Numero di pagine: 365
Prezzo: € 16,00
Il mio voto: ★★★
La recensione: Lara Jean ha sedici anni e ha creduto di amare cinque ragazzi. Niente di significativo, anche se ha custodito le lettere d'addio che ha scritto loro, quando il cuore le faceva male ed era in vena di struggimento. Non le ha mai spedite. Finché, un giorno, il suo nascondiglio segreto viene violato e ogni lettera arriva al destinatario. Dopo la trilogia iniziata con L'estate nei tuoi occhi, Jenny Han, per metà coreana e vintage come il suo alter ego, torna in libreria con Tutte le volte che ho scritto ti amo. Dalla sua, una copertina fresca e una sinossi che promette una spassosa commedia degli equivoci. Cosa succederebbe se le persone per cui hai sospirato in segreto si presentassero tutte alla tua porta? In realtà, pur con uno stile lieve e un'ironia che non guasta, questo young adult è nel classico triangolo amoroso che andrà a parare: dei cinque ragazzi – tra chi si è trasferito altrove e chi ha fatto outing – soltanto due si presentano da Lara Jean per avere spiegazioni. Peter, belloccio ma autoironico, legato alla protagonista da un'amicizia smarrita; Josh, il vicino di casa un po' nerd, fresco ex ragazzo della maggiore delle sorelle Song. Per togliersi dalla testa il secondo, che ama ancora ma non può avere, formare perciò una coppia per finta con il primo, che per tutto il tempo vorrà attirare le gelosie di una sua passata fiamma. Nonostante un'idea dal vago potenziale destinata a un risaputo sviluppo - pensavo, prima di leggerlo, a una versione politicamente corretta della comedy Scrotal Recall -, la Han non stufa e raramente fa sollevare gli occhi al cielo. Perché il suo romanzo è disimpegnato e leggero come un The Duff; per nulla melodrammatico. Non si prende sul serio, e tra una protagonista dalle famiglia ingombrante e due pretendenti per cui si fa ugualmente il tifo, la lettura scorre via in un giorno e risulta più piacevole del previsto – pace fatta, certo, con l'imbattersi in un poligono amoroso (anche se un po' diverso) e una traduzione frettolosa. Peccato allora per il finale aperto; leggo che la storia degli amori di Lara Jean è stata divisa in due libri, e dico che spreco; con qualche pagina in più e una struttura diversa, sarebbe stata a pennello in un romanzo solo. Di quelli divertenti, rilassanti, da ombrellone, che ora che è autunno e sei sotto esame ti fanno rimpiangere la maledettissima distanza dal mare.

28 commenti:

  1. Quindi alla fine avevo ragione e "Prometto di sbagliare" è un bluff colossale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende da cosa intendi per bluff. Un po' sì, comunque.
      E' una specie di manuale d'amore e, nella mia indelicatezza, non so sinceramente cosa farmene.

      Elimina
  2. Ok mi hai tolto ogni dubbio su entrambi i romanzi. Passerò a qualcosa di più incisivo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'incisività non è il loro forte, ma - soprattutto il secondo - si leggono.

      Elimina
  3. Il primo è già sullo scaffale della mia libreria quindi ormai un'opportunità dovrò dargliela, il secondo lo scarto direttamente! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, però mi sa che ci andavi meglio col secondo, sai? :)

      Elimina
  4. Nooo...davvero? E' la mia prossima lettura e ti confesso che mi aspettavo molto...
    Per il secondo ad essere sincera l'ho sorvolato quando cercavo anteprime di questo mese...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non sapevo bene cosa aspettarmi, invece, Debora.
      Non dispiace affatto, ma non è quel che sembra.
      Per gli amanti del genere, insomma, e dell'aforisma facile.

      Elimina
  5. Risposte
    1. Ah, non avevo letto!
      Crepi il lupo, grazie :)

      Elimina
  6. Tutte le volte che ho scritto ti amo lo leggerò, anche se odio quando un autoconclusivo lo devono rendere per forza una duologia -_- La traduzione è così male? :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, però qualche refuso - anche bello grosso - l'ho notato. :)

      Elimina
    2. Ah ok, allora, purtroppo, ho letto di peggio. Ormai i fastidio refusi ci sono ovunque, cose che pensi ma come cavolo avete fatto a non notarli -_-

      Elimina
    3. Sì, ho letto di peggio anch'io. Peccato, perché basterebbe una seconda lettura.
      La Piemme non fa questi errori, di solito; avrà avuto fretta di pubblicare. ;)

      Elimina
  7. non so perché ma diffidavo già del libro di Freitas, troppe citazioni ed estratti mi avevano messo in allarme :/ tu hai confermato l'opinione che mi ero fatta, passo senza rancori :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevi capito tutto, effettivamente. :)

      Elimina
  8. Aspettative per Prometto di sbagliare dopo questa recensione: raso terra.
    Non fa per me, credo proprio che me ne terrò alla larga. È un vero peccato perchè la cover mi piaceva molto, ma d'altra parte è proprio vero che un libro non si giudica mai dalla copertina.
    Mi butterò su qualche altro titolo, considerando che settembre mi ha regalato una wl chilometrica.
    Tutto sommato è un sollievo avere un libro in meno da comprare! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione! Settembre è un guaio: troppo da leggere e troppo poco tempo.

      Elimina
  9. Avevo iniziato a leggere l'anteprima di quello della garzanti ma.. boh.
    L'ho trovato confusionario e incomprensibile. Non sono neanche riuscita a finire di leggerla a dirla tutta XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah, evidentemente non faceva proprio per te.
      A me non dispiace lo stile dell'autore, ma alla narrativa... anti narrativa non sono abituato, ecco. :)

      Elimina
  10. Il libro della Han volevo già leggerlo e sei riuscito a mettermi ancor più curiosità...del resto l'ho sempre saputo che hai un dono con le parole u.u Bravo Mik!

    RispondiElimina
  11. Molto carino il libro della Han, ma concordo, sarebbe stato decisamente meglio aggiungere qualche capitolo e lasciare la storia così com'era. Il seguito è stato del tutto inutile, e mi ha ricordato fin troppo l'altra serie dell'autrice, che non mi è piaciuta per niente xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immaginavo. Magari, mi faccio dire un po' di cose da te, così me lo evito. :-D

      Elimina
  12. Prometto di sbagliare non mi ispira nemmeno un po', passo con decisione dopo questa tua conferma ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non volevo neanche sconsigliarvelo, eh. Semplicemente spiegarvi cos'è e cosa non è, per evitare equivoci spiacevoli. :)

      Elimina
  13. Uhm mi hai dato la conferma che posso tranquillamente evitare di leggere il romanzo della Han senza sentirmi in colpa u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho trovato carino, in realtà, ma non ti perdi niente, no. :)

      Elimina