sabato 23 maggio 2015

Mr. Ciak: Insurgent, Kingsman, Musarañas, The Boy Next Door, Maicol Jecson, The Town That Dreaded Sundown

Un anno fa, quando dicevo ancora di odiare Shailene Woodley, Insurgent l'avrei forse aspettato con ansia. L'arrivo al cinema del primo episodio mi aveva convinto, ma passo dopo passo, avevo visto dissolversi tutto il potenziale della saga della Roth, che non aveva avuto chissà quale idea brillante o, complice uno stile acerbo, non aveva saputo metterla a fuoco. Il dente avvelenato, in particolare, ce l'avevo contro questo seguito, che mi aveva annoiato in maniera indicibile: non a caso ricordavo giusto il colpo di scena finale; non a caso – a marzo – non sono corso al cinema. E Insurgent il prezzo pieno del biglietto non lo valeva, ma mi aspettavo peggio. Fila liscio, lì dove il romanzo vegetava. Quanto sia rispettosa la trasposizione questa volta non so dirvelo. Il film riparte nel momento in cui si era fermato e scorre, ma – soprattutto all'inizio – manca di un collante. Ha l'aria di una maratona di episodi dell'ultima produzione The CW. Più avvincente che nel romanzo, invece, la seconda parte, che non salva il film da un aggettivo che ha un suo peso: Insurgent è gradevole, ma trascurabile. Nonostante i paragoni si sprechino, non è Hunger Games: prendiamo i pochi colpi di scena, ad esempio, snocciolati così, senza emozione. Il metaforico mastice – nonostante la regia di Schwentke, che con l'azione e gli effetti speciali ci sa fare – purtroppo sembrano averlo perso anche i membri del cast. Singolarmente convincenti, ma incapaci di amalgamarsi senza imbarazzi. Dei due premi Oscar – e mezzo – con una Octavia Spencer di passaggio e una Naomi Watts mai così spaesata, sarà perché madre impossibile di un trentenne, solo la fedelissima Kate Winslet sta al gioco. Il monolitico Quattro di Theo James, che regala tanti sospiri alla sua Tris, ne regalerà molto meno alle spettatrici; Ansel Elgort ci prova a scrollarsi di dosso l'aria adorabile da eterno Augustus Waters, ma ci riuscirà?; semplicemente terribile Miles Teller che, dopo il trionfo di Whiplash, fa passi indietro per colpa di un pedante epigono di Malfoy scritto da una che non è la nuova J.K Rowling. A capitanare la rivolta, la Shailene Woodley che adesso non odio più: White Bird in a Blizzard me l'ha fatta scoprire sexy, Colpa delle stelle me l'ha fatta piangere. Bravina, qui, anche se se la cava meglio a spezzare cuori che ossa: nonostante il capello corto e le braccia muscolose, non crede neanche lei fino in fondo alla sua aggressività d'intrepida. (6)

Qualche giorno fa ho rievocato il carnevale di un'infanzia lontana. Quando mi vestivo da supereroe e da grande dicevo di voler essere un fumettista. I sogni non avevano un numero fisso, e in alternativa avrei trovato stimolante anche la vita da agente segreto. Stravedevo per Spy Kids; poi alle medie per Agente Cody Banks – e Hilary Duff. Adesso non guardo cinecomic né pellicole di spionaggio. A me piace poco l'azione, ma parecchio due fattori che solitamente cozzano: l'elegante e il tamarro. In Kingsman, in due ore che volano, cafonate e alta moda si incrociano e danno vita a uno sposalizio irresistibile, anche per me, spia mancata senza rimpianti. Con la firma del Matthew Vaughn di Kick Ass, altra perla, questo film è una parodia di un genere che o si ama o si odia: ma come odiarlo se è riproposto in chiave ironica, con invasioni massive di effetti speciali, una regia strabiliante, combattimenti coreografici e dialoghi gustosi? In Kingsman non mancano le missioni impossibili, i cattivi che vogliono distruggere il mondo, le rivincite personali: il protagonista combatte contro le smanie dei figli di papà, sventa piani criminali, conquista principesse ninfomani. A fargli da guida, un magnifico Colin Firth che si congeda con un colpo di scena ad effetto ed è re di una tavola rotonda di moderni cavalieri. Picchia duro, ha pantaloni dalla piega perfetta, beve il té delle cinque in punto. Samuel L. Jackson caratterizza un antagonista che è uno spasso, a metà tra un Mark Zuckemberg pazzo e uno coi difetti di pronuncia del primo Muccino; Michael Caine dice due parole ed è subito un'icona; Mark Strong trova il supporto di uno script che, questa volta, lo vuole più presente del solito. A mancare in copertina, il nome del giovane Taron Egerton, quando questo poi è il suo picaresco romanzo di formazione. Chiassoso, sopra le righe, chic. Vive dei tòpoi dell'action movie e cita My Fair Lady. Con un fucile tra le mani e un paio di intramontabili Oxford lucide in cui specchiarsi. Kingsman ha la violenza esagerata dei cartoni, rumori fortissimi e colori che fulminano la cornea. Le scene d'inseguimento più spettacolari che vedrò quest'anno e uno degli intrecci più spiritosi che mi godrò nei sei mesi a venire. (7,5)

In una Spagna che ancora porta le cicatrici del conflitto mondiale, la storia di un soffocante mènage familiare. Un appartamento abitato da due sole donne, l'arrivo di un vicino di casa a comprometterne le fragili dinamiche. Montse, che non ha mai oltrepassato l'uscio del suo mondo asfissiante, dopo l'abbandono del padre orco, vive come una reietta, barricata nelle sue stanze piene di pizzi, sete, bottoni. Fa la sarta. Sognerebbe, un giorno, una boutique in centro e un rapporto esclusivo con quella sorella che non ha un nome e che, semplicemente, definisce la sua bambina. Anche se ha diciotto anni, è una giovane donna che fa innamorare tutti al primo sguardo e ha rubato le attenzioni di lui, Carlos, l'uomo ferito che le due accudiscono sotto il loro tetto. Ma Carlos, a letto con le gambe rotte, ha i suoi segreti, proprio come la paziente Montse: gli scatti di ira, le mani che tremano, l'ossessione di avere tutto, e tutti, sotto controllo. Personaggi prigionieri di una casa che è impossibile abbandonare; tutti vittime. Musarañas ha nel titolo i toporagni: roditori che vivono al buio, protetti a vita nel loro nido. Thriller psicologico dello scorso anno, è la rinnovata conferma di un cinema spagnolo pensato meravigliosamente, che sa intimorire con originalità e immensa eleganza. Sorpresa per molti? Non per me, che ai cugini d'oltralpe invidio le commedie romantiche a ai vicini spagnoli gli horror più rigorosi in circolazione. Questo, diretto a quattro mani da due esordienti, ha un intreccio classico e la tensione alle stelle. Girato interamente in un appartamento dal perimetro circoscritto, ospita tra i suoi corridoi i fantasmi della pedofilia e i tragici traumi che si trascina dietro. Si sguazza perciò nel sangue delle vittime della sarta assassina, una Misery che non potendo scappare dal suo incubo vuole trascinarci dentro anche chi le è vicino, ma a impressionare sono i chiaroscuri di personaggi con la guerra in testa. Nel cast, uno Hugo Silva poco approfondito, il viscido Luis Tosar di Bed Time, ma – ormai nomi di grido internazionali – sono nullità in confronto all'ipnotica Macarena Gòmez, che regge divinamente il tutto con una prova che vive di tic stizzosi e minuzie. Un personaggio ambiguo con uno spiazzante segreto che il finale, puntualmente, ci svela. Facendo pensare allo spettatore che Musarañas fosse bello già prima, ma dopo quella svolta a fior di nervi - già intuita ma cattiva - più bello ancora. (7)

Che è banale in maniera esasperante lo si capisce già dal titolo. Girato con quattro soldi e inaspettato successo, ha la storia dell'ennesima attrazione fatale. Virtuosa prof divorziata finisce a letto col suo vicino di casa pazzo. La bella Jennifer Lopez – sempre più sexy - non vincerà l'Oscar, ma la sua prova è dignitosa e in biancheria fa la sua porca figura. Con lei, dopo un paio di Step Up, Ryan Guzman: che va ancora al liceo non ci credo neanche se lo vedo con zaino in spalla, ma è un convincente squilibrato; meno pesce lesso del collega ballerino Channing Tatum, ha la faccia giusta e palpeggia le grazie della Lopez con la nonchalance di chi non deve chiedere mai. Questo thriller in rosa è scontato e classico così come appare. Ma fila, nonostante la trama la sappiano pure i sordi, e ha l'apprezzabile faccia tosta di cullarsi spudorato nei luoghi comuni, non arrampicandosi sugli specchi in cerca di novità impossibili. E' esattamente come lo si immagina, ma per quell'ora e mezza lo si tollera. Piacevole il giusto. E trash. (5)

L'estate del 2009: quella in cui Andrea perderà la verginità, quella in cui il fratello minore perderà il suo idolo. La storia delle loro prime volte – l'amore, il lutto – s'incrocerà con quella di un pensionato convinto di essere il loro nonno, di un cacciatore di alieni, di un viaggio verso la fine del mondo. Maicol Jecson è una commedia italiana e, a tratti, non ci si crede. La trama è vista e rivista. La voce fuori campo ricorda più quella di uno YouTuber qualsiasi che John Green. C'è una scrittura che va affinita, ma sulla resa non posso mettere bocca: non segue standard televisivi, è girato con intelligenza e con gusto internazionale, gli attori più giovani, ineditamente – anche merito del doppiaggio; ma perché doppiarli? -, non sono dei cani totali. Un bravo d'incoraggiamento ai registi, per l'idea e la buona realizzazione, e al cast di esordienti, capitanati del veterano Remo Girone. Maicol Jecson va visto come un vincente esperimento di prima commedia adolescenziale nostrana. Solo così può essere osservato con occhi diversi e un po' compiaciuti. E' la variante young adult di Il ragazzo invisibile, ma l'esperimento è dello stesso tipo. Territorio raramente esplorato, dunque, soprattutto con questi deliziosi toni indie. (6,5)

Titolo lungo, durata ridotta, un assassino mascherato che per i fanatici dell'horror, forse, è una vecchia conoscenza. The Town That Dreaded Sundown è il remake di uno slasher degli anni '70, e uno dice che noia. Ma questo film si rivela un'autentica chicca; un gioiellino insanguinato. Il regista è Alfonso Gomez-Rejon, nome di punta nella direzione di Asylum, il migliore degli American Horror Story, e ha un talento sorprendente. Nonostante la trama esilissima, uno Scream vintage che qualche colpo di scena ben piazzato lo regala, il film si fa guardare dal cinefilo attento con gli occhi a cuore. Non c'è una scena che non sia confezionata ad arte. Sangue contenuto, morti fantasiose e i volteggi funambolici di una macchina da presa che non sa stare ferma, in cerca delle angolazioni più originali, dei giochi naturali delle ombre, della qualità che nel genere di serie B per eccellenza si è raramente riscontrata. Il resto è roba che Craven, con più ironia e vivacità, ha già affrontato. Uno script più memorabile, al prossimo giro, e Gomez-Rejon potrebbe essere il profeta del nuovo modo di far paura, ma con classe. (6,5)

27 commenti:

  1. oh ecco stavolta sono più ferrato...allora vediamo : Divergent l'ho odiato abbastanza e questo Insurgent non mi ha fatto neanche scattare la voglia di vederlo, The Boy next door non l'ho visto, gli altri si e praticamente sono d'accordo su tutto, forse sono stato leggermente più entusiasta su maicol jecson e su the town...che è girato veramente da dio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo il tuo odio per Divergent. Lo scorso anno, sarà che stavo molto appresso alla saga letteraria, mi aveva abbastanza divertito; questo un po' meno, quindi non te lo consiglio. Il film della Lopez è la classica cafonata, e l'importante è non prenderlo sul serio. Bravissimo Gomez-Rejon, infatti aspetto quel dramma che al Sundance ha fatto furore, da poco :)

      Elimina
  2. Io Insurgent non l'ho ancora visto e non ho tutta 'sta voglia di farlo. Il primo film lo avevo apprezzato perchè in un qualche modo migliorava il libro.
    Comunque non è legale mettere Roth e Rowling nello stesso commento, proprio no. L'idea di base dei libri mi piaceva, e il primo è accettabile, ma dopo li ho odiati dalla prima all'ultima pagina. Li ho finiti solo perchè erano in inglese e così facevo esercizio (che non era un gran esercizio data la sua povertà di vocabolario!) ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io li ho letti anche in italiano, non ho scusanti :)

      Elimina
  3. Kingsman per me è il Guilty pleasure dell'anno ;-) The Town That Dreaded Sundown non è malaccio, anche se va sotto con perdite contro l'originale, li trovi tutti e due commentati anche dalla mie parti, comunque concordo con i tuoi voti e i tuoi commenti ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, procederò al recupero dei tuoi post. Mannaggia, non ricevo i tuoi aggiornamenti :)

      Elimina
  4. Oddio anch'io ho pensato che Ryan Guzman non fosse tanto credibile come studente! Cioè... Dai si vede che è leggermente grandicello per la scuola!
    Insurgent non l'ho ancora visto ma anche a me il libro non era piaciuto molto, è l'unico della serie che non mi ha convinta del tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordiamo in pieno, Jessica. Poi fammi sapere come trovi Insurgent.
      Guzman non era credibilissimo e il ruolo è scontato, però secondo me farà strada ;)

      Elimina
  5. Non so se guarderò i film relativi alla trilogia di 'Divergent', però vorrei leggere i libri!
    In realtà ancora non li ho presi perché una ragazza molto simpatica mi ha 'casualmente' spoilerato il finale, quindi mi è passata un pò la voglia. Ho visto però che iniziano a fare le economiche, quindi forse prenderò quelle!

    RispondiElimina
  6. Divergent mi è piaciuto molto (parlo del film, i libri non li ho letti) però stranamente ancora non ho visto Insurgent xD dal quale comunque mi aspetto un film piacevole per passare una serata, di certo non un capolavoro xD molte più aspettative ho su Kingsman! Magari la prossima settimana li recupero entrambi :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Kingsman è uno spasso.
      Su Insurgent avevo scarse aspettative anch'io, e forse è meglio così ;)

      Elimina
  7. Non ne ho visto nemmeno uno e me ne interessano pochi: Divergent mi ha annoiata dal primo volume, quindi l'adattamento cinematografico non è mai stato nelle mie corde.
    Ti ringrazio per avermi chiarito le idee su Kingsman (che dal trailer non avevo la più pallida idea di che cosa parlasse, ma adesso credo che lo recupererò) e Maicol Jecson (non proprio il mio genere, ma genere della famiglia... quindi lo recupererò per loro) :D

    RispondiElimina
  8. Kingsman lo adorerai e Maicol Jecson è una vera chicca che, sfortuntamente, in pochi conoscono!

    RispondiElimina
  9. Avevo visto il trailer del film Il ragazzo della porta accanto e nn mi sembrava male. Se poi come dici tu sarà la classica storia almeno mi sarò rifatta gli occhi con Ryan ;) Insurgent ho tanta paura che mi deluda... :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è davvero la classica storia, ma a me già dal trailer sembrava male :)
      Insurgent decente, ma niente di che.

      Elimina
  10. A me l'antipatia per la Woodley non è mica ancora passata! :P
    Non è "odio", comunque... è più uno strano senso di straniamento e confusione esistenziale, misto a perplessità, quello che mi piglia quando la guardo! XD Non sono riuscita a vedere "Divergent" (nel senso che ho visto dieci minuti, mi sono ricordata che due scatole mi avesse fatto il libro e ho lasciato perdere), ma mai dire mai, immagino...
    Voglio vedere "Kingsman", in compenso... assolutamente! *____*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma Colpa delle stelle l'hai visto? Ti passerà l'antipatia ^^
      Kinsgman piacerà anche a te!

      Elimina
  11. Ma sai che Insurgent non ho avuto ancora il coraggio di guardarlo?
    L'horror spagnolo sembra ottimo e voglio vedere anche Maicol Jecson! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sii coraggioso, così ti accolgono gli Intrepidi nel loro covo. E' inutile, ma si guarda :)

      Elimina
  12. Maicol Jecson fighissimo!

    The Town ecc valido, ma anche io ho trovato la sceneggiatura troppo esile...

    Il ragazzo della porta accanto nonostante odi Jennifer Lopez come tu odiavi Shailene Woodley l'ho trovato sorprendentemente divertente nel suo essere trash. :)

    Gli altri vedrò di recuperarli, soprattutto Shailene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per Shailene troverai sempre tempo!

      Elimina
  13. Kingsman l'ho adorato. La sequenza omicida di Firth la ricorderò finché campo. E The Town that Dreades Sundown è slasher e "vecchio" ma con stile quindi ho promosso in pieno anche lui.
    Adesso ho ai blocchi di partenza Musaranas, speriamo bene!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cattiva di Musaranas è strepitosa, apprezzerai! :)

      Elimina
  14. Mi cogli impreparata visto che di questi film non ne ho visto mezzo. E mi va bene così, tranne forse per quella Spagna dalle tinte thriller e quel Maicol che tutti osannano e sembra molto nelle mie corde :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma occhio anche a Kingsman: ti divertiresti!

      Elimina
  15. Mi ero perso questo post. Si il 5 ci può stare ma in fondo non gli si può volere troppo male :D come sai il 7,5 per Kingsman per me è esagerato...

    RispondiElimina