martedì 8 luglio 2014

Qui Pro Cover #7


Ciao a tutti, amici! Primo post di una nuova settimana. Come state? Qui tutto bene. Devo studiare, anche se non mi va, e sto finendo John Green, anche se non mi va di finirlo. E dopo che leggo? Ne voglio ancora, sì. Oggi, nuovo appuntamento – dopo secoli di assenza – con la rubrica più scema che c'è. Qui pro cover. Ripetiamolo in coro: nata senza nessunissimo intento polemico, la rubrica ha come protagoniste cover gemelle, sorelle, o semplicemente tutte uguali. Esaminiamo insieme quelle di oggi. Quelle del primo gruppo sono di Due varianti di me, a breve in libreria, e di La probabilità statistica dell'amore a prima vista. Stessa posizione, stesso bacio davanti a miliardi di occhi indiscreti, dettagli aggiunti o tolti con Photoshop. Carine entrambe. Adoro il font di quella del romanzo della Smith, ma trovo abbia un po' troppa roba. Meglio buttarsi sul sobrio, no? Sul romanzo della Fabbri: OVVIAMENTE, la fascetta pubblicitaria lo paragona a One day, di David Nicholls. Ancora, le cover a confronto del noir italiano Esco – che mi attira da sempre e devo leggere, prima o poi – e dell'ennesimo retelling americano di La bella e la bestia. Preferisco quella del romanzo curato dalla Bompiani, anche se fa tanto – troppo – Twilight. E poi queste mani... rose, mele, scatoline di Tiffany: ma datemi un assegno, o un barattolone maxi di Nutella! Ultimi, Promessa di sangue e il recente Il libero mercato dell'amore. La modella, identica, ha una gioia di vivere che contagia. Sto meditando proprio ora di buttarmi da un ponte, tipo. Ha il sorriso di Lana Del Rey. E si sa che Lana Del Rey non sorride mica. E' tutto. Ditemi la vostra in un commentino, se vi va. Abbraccio, M.

22 commenti:

  1. Io adoro questa rubrica ! *__*
    Sto leggendo Due varianti di me e mi sono accorta solo adesso dei due personaggi sullo sfondo utilizzati anche in Le probabilità statistiche dell'amore a prima vista , devo ammetterlo, la differenza di colori e lo sfondo mi avevano confusa D:
    L'altro giorno mi sono accorta di come abbiano mantenuto una copertina uguale, ma dico uguale, per due titoli completamente diversi. Se vuoi te la segnalo Mik, magari per la prossima puntata *__* ahah (Sempre che tu non l'abbia già scovata :P)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, dimmi pure, Cristina ^^

      Elimina
    2. bugia ._. , ora che la riguardo attentamente, la copertina non è la stessa ma i colori e l'idea più l'immagine praticamente si :D

      Elimina
  2. Mi piace moltissimo la cover di "Due varianti di me", molto delicata :) Mi ispira anche la trama, sebbene mi spaventi il paragone con Un giorno di Nicholls!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il paragone con quello lì sai che va di moda ;)

      Elimina
  3. Adoro questa rubrica *_* Mi piace molto la cover de La probabilità statistica dell'amore a prima vita. Il titolo un po' meno :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io adoro il titolo. Amo i titoli così lunghi: sembrano impronunciabili, ma invece subito si ricordano! :D

      Elimina
  4. Ahahah adoro questa rubrica, divertentissima!
    Però devi dividere il maxi barattolo di nutella, eh? Non puoi uscire il discorso e poi tenertelo tutto per te u.u

    RispondiElimina
  5. Bella rubrica...è pazzesco come facciano copia e incolla. Davvero mostruosa la cover dell'accademia, anche se a dire il vero sono tutte brutte le cover di quella serie, anche se i libri meritano.

    RispondiElimina
  6. "E poi queste mani... rose, mele, scatoline di Tiffany: ma datemi un assegno, o un barattolone maxi di Nutella!" ho riso troppo XD

    RispondiElimina
  7. Adoro questa rubrica, fantastica ahahahahh Se devo essere sincera preferisco la versione a colori della cover di Due varianti di me, perché un po' più sobria con meno cose accozzate insieme XD e per la serie mai 'na gioia me n'ero accorta in libreria e ho pensato la stessa cosa XD voglio un cucchiaio di nutella pure io u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che Nutella party sia! Io porto un film. Voi la Nutella, eh!

      Elimina
  8. Ma poi, cosa c'entra il faccione della tipa ne Il libero mercato dell'amore? Certo, meglio gli occhi verdi di quelli rossi comunque (:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male che si chiamava Il mercato dell'amore... Se il titolo era un altro, Il mercato della felicità, era un tantino off-topic! :P

      Elimina
  9. Ahahah, mai 'na gioia! xD
    Evviva le cover originali eh! -____-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fossero almeno carine! L'ultima è inguardabile.
      Un'istigazione al suicido :D

      Elimina
  10. Non conoscevo questa tua rubrica e sono rimasta così o.o non lo avevo mai notato ma hai ragione sono quasi identiche, scarsa fantasia? strategia di marketing? chissà forse l'intento era quello >.<

    RispondiElimina