lunedì 15 gennaio 2018

Mr. Ciak - And the Oscar goes to: Tre manifesti a Ebbing, Missouri | Coco

Alle porte di Ebbing, Missouri, non esiste giustizia. Non cresce l'erba, su una strada di campagna percorsa o dagli idioti, o da quelli che si son persi. Dove il terreno è più scuro, cicatrice di un crimine già vecchio di un anno, qualcuno ha arso il cadavere di una diciassettenne. Questa, però, non è la sua storia. In città i più hanno finto di dimenticarla: abili a distogliere lo sguardo, meno a porgere l'altra guancia. Alle porte di Ebbing, Missouri, così sorgono dal nulla tre manifesti rossi come il peccato, sui cui campeggiano domande senza risposta. Le accuse pesantissime di una mamma coraggio che, a colpi di intraprendenza, disturba il sonno di forze dell'ordine che non prendono né pesci né assassini impuniti. Questa è la sua storia, e parte dai sentieri sterrati, dalle voci di corridoio, dalla fine. Quando purtroppo non esiste altro scopo nella vita e la furia prende di mira l'immobilismo – alla cieca però. Una granitica McDormand, a cui è impossibile strappare gentilezze o sorrisi, gioca a fare la vandala in una gara già persa contro il dolore più devastante: le restano i dubbi del figlio Lucas Hedges, gli approcci galanti dell'insolito Dinklage, gli sfottò verso un ex traditore e tante di quelle parolacce, tanti di quei debiti, da costringere magari la verità a palesarsi. Lo sceriffo in fin di vita di Harrelson, insospettabilmente dolce e abile con le parole, cerca di non prenderla troppo sul personale. Ma al suo vice, un Rockwell smidollato, razzista, strepitoso, piace essere il braccio violento della legge: nella stessa casa, ha una mamma insopportabile che lo rimbecca di continuo. Se autore e regista è Martin McDonagh, mente folle dei per me poco memorabili In Bruges e 7 Psicopatici, le conseguenze saranno disastrose e tragicomiche. Ci faranno un po' ridere e un po' piangere del destino di queste tre anime derilitte in cerca di moventi, seconde chance e premi Oscar. Three Billboards, commedia di un nero senza fondo con dialoghi da manuale e interpreti al meglio, è un bagno di male da cui si esce annaspanti, grati, toccati – colpiti in pieno petto. Difetto isolato, tocca riconoscerlo: ci si rischia di trascinare in un epilogo dilungato, ripetitivo, che tuttavia fa stringere i denti e le dita. Si perdona, ci si vendica. Si piantano i fiori, e una donna in tuta da meccanico se ne prende cura, perché ha un cuore nero ma il pollice verde. Si aspetta che un cerbiatto – un segno, diremmo, se solo si credesse ancora nei miracoli – torni a brucare. Alle porte di Ebbing, Missouri, finché c'è rabbia c'è speranza. (8)

Ammetto subito la mia colpevolezza. State leggendo, infatti, l'unico parere così così su quel Coco apprezzato in lungo e in largo. La sola persona al mondo, forse, ad essere rimasta impassibile davanti alle emozioni annunciate di un capolavoro Pixar che tale, purtroppo, non mi è parso. Ma sì, resto uno che crescendo si è scoperto inspiegabilmente scettico davanti alle prodezze della favola: le eccezioni esistono, vedasi le lacrime copiose versate per la bellezza del sottovalutato Il piccolo principe. Gli spettatori, lo so, per Coco si struggevano. I critici, anche loro in preda al pianto, si davano a lodi sperticate. Un po' come accaduto con Inside Out di cui almeno riconoscevo l'originalità dello spunto – la visione dell'ultima fatica di Lee Unkrich mi ha lasciato amareggiato e con gli occhi asciutti. Come se, in difetto io, non avessi saputo apprezzarlo. A metà fra La musica nel cuore e La sposa cadavere, ma con le insolite ambientazioni del Libro della vita, il film racconta l'avventura del piccolo Miguel – aspirante chitarrista in una famiglia di calzolai che la musica l'ha messa al bando – e il suo viaggio ultramondano, durante il Giorno dei morti, alla ricerca del beneplacito di un trisavolo celebrità. Lo accompagnano un amico a quattro zampe, che non a caso si chiama Dante, e un musicista senza arte né parte che ha paura di scomparire se dimenticato. Intuibilissimo dall'inizio alla fine per via delle incertezze della sceneggiatura, Coco trova nelle indiscrete gioie del comparto tecnico e nella tenerezza verso una vecchina che somiglia tanto alla nonna che non ho più (lei, la donna di cui il titolo parla) motivi per perdonare la banalità del villain, il ruolo lampante di alcuni comprimari e perfino quella chiusa già scritta in partenza, che eppure ha toccato le anime sensibili. Coi suoi colori accattivanti e una colonna sonora in forse, perché maltrattata impunemente dalla solita edizione italiana, parlando di morte e memoria, la Pixar convince senza rischiare. Ponte che non si è mai aperto, almeno non del tutto, fra una dimensione e l'altra; fra me e un'animazione che ogni anno sembra passare a timbrare il cartellino, sotto le feste, consegnando il compitino corretto e convenzionale che non conquista. (6,5)

17 commenti:

  1. Non ho letto la parte di Tre manifesti in quanto sto ancora scrivendo il mio post e non voglio farmi influenzare ma per quel che riguarda Coco sono una di quelle che ha pianto, e molto.
    Il twist l'avevo intuito appena un certo personaggio ha preso in mano la chitarra e la storia è molto semplice ma il messaggio che veicola mi ha toccata nel profondo e commossa da morire. O forse sarà perché peggio di Frozen e del maledetto Olaf Coco non poteva essere :PP

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, avendolo visto a casa, il corto l'ho saltato.
      Poi Frozen mi è piaciuto tanto, tantissimo, ma che due palle 'sto Olaf. :)

      Elimina
  2. Su Tre manifesti a Ebbing ho un dubbio che mi toglierò appena lo vedo, su Coco già sai. Non l'ho trovato scontato, anzi per un attimo mi sono aspettato che le cose andassero diversamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So di essere io dalla parte del torto, Pier. Diciamo così.
      Per fortuna l'ho visto con mio fratello però, e anche lui ha gradito pochino. Tare genetiche: non c'è altra spiegazione!

      Elimina
  3. Quindi sei più cuore di pietra del Cannibale?!
    Se dovessi pensare a Coco a mente gelida, non gli perdonerei quella sceneggiatura pasticciata e fin troppo prevedibile, ma le lacrime parlano da sole, e quel messaggio finale, bellissimo e indispensabile, mi ha fatto passare sopra anche a questo enorme difetto.

    Felicissima che i Tre manifesti ti abbiano conquistato, rivisto con il giovine, quante lacrime anche qui, quante risate amare, quanta bravura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sui Tre manifesti, già a scatola chiusa, non avevo dubbi!

      Ammetto, però, che le troppe lacrime per Coco mi avevano lasciato un po' scettico sin dall'inizio. E non mi hanno avuto. Meglio del riciclatissimo Oceania, peggio dell'allegoria sottile che era Zootropolis. Vedremo se nella categoria ci sarà qualcosa di più interessante...

      Elimina
  4. Il cinema europeo o di qualsivoglia matrice europea in quanto ad originalità batte sempre il cinema americano...tranne le volte in cui salgono sulla cattedra gente come Tarantino, Scorsese e diversi altri. Non mi sorprende che l'irlandese brilli di luce propria, le sue sceneggiature sono ben oliate..ma sono un po' restio per l'attrice nonostante ne riconosca la bravura non sono un fan della moglie di Coen...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristian! Confesso che non sono fan dei Coen, proprio no, e che anche sulla McDormand (straordinaria, per carità, ma sempre burbera, sempre scorbutica: penso a Olive Kitteridge soprattutto) ho qualche riserva. Non rimarrà la mia preferita dell'eventuale cinquina, ma il film ha la marcia in più - nonostante d'America si parli e sparli - che dici tu.

      Elimina
  5. Io, invece, adoro la McDormand: so già che non riuscirò a vedere il film al cinema (tanto per cambiare...), ma cercherò di recuperarlo prima che "invecchi" troppo, perché sembra davvero imperdibile! :D
    "Coco", stranamente, non riesce a incuriosirmi neanche un po': immagino sia colpa della somiglianza con "Il Libro della Vita", alias il film d'animazione più deludente del millennio o quasi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allorai amerai la McDormand qui, impossibile il contrario.

      Il libro della vita, piccino e tutto, non mi era dispiaciuto. Ma Coco, dopo tanto parlarne...

      Elimina
  6. Tre manifesti molto bello. Davvero notevole eh, però già adesso che siamo al 16 gennaio posso dire che non sarà il mio film dell'anno. E probabilmente non c'andrà nemmeno vicino...
    Segno comunque che sembra essere un grande anno, per il cinema.

    Coco a me a tratti ha emozionato, ma pure a me non è certo sembrato il capolavoro tanto osannato da altre parti. Anzi. Di difetti ne ha eccome (come dici tu la banalità del villain) e la colonna sonora, piuttosto penosa in italiano, ho provato a cercarla anche in versione originale e le cose c'è da dire che non è che vadano molto meglio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si prospetta un anno di bei film, sì, e oggi, 16 gennaio, già te ne saprei nominare un paio accanto a Tre manifesti.

      In Coco, putroppo, monotonia, prevedibilità e alte aspettative (mal riposte) hanno avuto la meglio: l'emozione, eppure messa in conto, è andata a farsi benedire.

      Elimina
  7. cioèaspè, le 2 insopportabili sorelle canterine sbriciolapalledineve e il barbi|noia|turico Piccolo Principe ti sono piaciuti tantissimo, e per Miguel con la sua dolcissima Coco solo un tiepidino 6 e qualcosa? robe da matti! che frozen|heart! ahaha xD
    ovviamente scherzo, eh... perché ci sta! certi film osannati da tutti a me hanno lasciato solo un mucchio di eh|buh|mah. è il bello del cinema :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hanno commosso più le stelle intrappolate nell'aspirapolvere, in una certa sequenza del Piccolo principe, che la troppa dolcezza di Coco. Ebbene sì.
      Sarà la deformazione letteraria? :)

      Elimina
  8. Anch'io avevo pianto tantissimo di fronte al Piccolo Principe! Ahimé, lo ammetto, più o meno dall'inizio alla fine.
    Stessa tua reazione di fronte a Inside out e viste le premesse, credo già di sapere come reagirò di fronte a Coco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono così solo, che bello. <3

      Elimina
  9. A me Coco ha commosso taaantoooo! Sono "nonni addicted" <3

    RispondiElimina