giovedì 24 marzo 2016

Recensione in anteprima: Gli occhi neri di Susan, di Julia Heaberlin

Le Susan dagli occhi neri mi fanno visita in sogno. Sono più vive che mai. Stanno cercando il mio mostro, lo cercano in ogni angolo, come se la loro casa, che è la mia testa, fosse sul punto di esplodere. Come se quella fosse la loro ultima occasione.

Titolo: Gli occhi neri di Susan
Autrice: Julia Heaberlin
Editore: Newton Compton
Prezzo: € 12,00
Numero di pagine: 336
Data di pubblicazione: 31 Marzo 2016
Sinossi: Tessa Cartwright, sedici anni, viene ritrovata in un campo del Texas, sepolta da un mucchio di ossa, priva di memoria. La ragazza è sopravvissuta per miracolo a uno spietato serial killer che ha ucciso tutte le altre sue giovani vittime per poi lasciarle in una fossa comune su cui crescono delle margherite gialle. Grazie alla testimonianza di Tessa, però, il presunto colpevole finisce nel braccio della morte. A quasi vent’anni di distanza da quella terrificante esperienza, Tessa è diventata un’artista e una mamma single. Una fredda mattina di febbraio nota nel suo giardino, proprio davanti alla finestra della camera da letto, una margherita gialla, che sembra piantata di recente. Sconvolta da ciò che evoca quel fiore, Tessa si chiede come sia possibile che il suo torturatore, ancora in carcere in attesa di essere giustiziato, possa averle lasciato un indizio così esplicito. E se avesse fatto condannare un innocente? L’unico modo per scoprirlo è scavare nei suoi dolorosi ricordi e arrivare finalmente a mettere a fuoco le uniche immagini, nascoste per tanti anni nelle pieghe della memoria, che potranno riportare a galla la verità…
                                                 La recensione
E' primavera, svegliatevi bambine. Il ventuno marzo, con l'ingresso di questa mezza stagione che per molti non c'è più, mi sono ritrovato a fischiettare la canzone facendo colazione. Mi è venuto in mente mio nonno, che cantava Claudio Villa mentre si radeva, e il postino, di lì a poco, mi avrebbe consegnato un romanzo in uscita che non sapevo di aspettare. Fuori c'era un bel sole, un vento mite, e sempre fischiettando ho dato una sbirciata a com'è che iniziava, questo romanzo a sorpresa di ragazze resuscitate, cacce al tesoro, polvere soffiata via da casi dati per risolti. Ritorna il ritornello: è primavera, svegliatevi bambine. Un appello a cui risponde solo Tessie, sedici anni e le gambe che corrono veloci. Si sveglia per miracolo, ma non fanno altrettanto le sue amiche fantasma, in quel fosso infestato da carogne, fiori e incubi. Unica sopravvissuta a un serial killer di adolescenti, la piccola Cartwright – con la mamma che un giorno si è accasciata a terra e non si è rialzata, due nonni che vivono in un castello degli orrori, il fiuto per i guai – riapre gli occhi su un letto di ossa e margherite in boccio. Ma non sono margherite qualsiasi, con i loro petali gialli e, al centro, come un occhio nero. Gli americani hanno un nome per loro, Black-Eyed Susan, e da quel nome giornalisti da poco e cronisti d'assalto traggono ispirazione per identificare, a modo loro, le vittime e la rediviva dai capelli rosso fuoco. Un omaccione dalla pelle nera, con scarse prove contro cui tutto ha potuto però il pregiudizio, è stato incriminato e giustizia sembra in fretta fatta. Poche erano le tecnologie della scientifica, sommari e incerti i tentativi di dare un'identità a quei macabri resti. Chi erano le altre Susan, sepolte insieme a Tessie in quella bara a cielo aperto? Sono passati poco meno di vent'anni. Il mostro sta per essere giustiziato, ma c'è un dettaglio tutt'altro che trascurabile. Quell'elemento fuori posto che, di solito, toglie il lieto fine a un thriller quando pensavi che i protagonisti, finalmente, fossero sani e salvi. Sotto la finestra di Tessa, che nel frattempo è diventata madre e ha abbandonato il diminutivo di gioventù, una mano sconosciuta pianta nuovi esemplari di quei fiori infestanti, e sembrano un avvertimento o una minaccia. Soprattutto, nella testa di una protagonista che non crede all'ipnosi o alle suggestioni dei medium, gli spettri delle sue compagne insepolte non hanno mai smesso di chiacchierare. Sembra accattivante di certo ma consueto, Gli occhi neri di Susan: thriller un po' psicologico e un po' investigativo tradotto in mezzo mondo e adocchiato, leggevo, anche dal cinema. Ma lo è e non lo è, sapete? Avrete capito già, infatti, che quella famosa sbirciata all'incipit inneggiando all'ingresso della primavera è diventata, poi, una lettura che non ha conosciuto pause e che la conoscenza con l'esordiente Heaberlin e le sue ninfe ammazzate si sia rivelata, in particolare all'inizio, profondamente conturbante. 
L'ultima scommessa Newton Compton, che ha mantenuto quella copertina sgargiante e sinistra e viva la suspance, è più complessa da definire, forse, che da raccontare. La trama, in definitiva non così intricata, a malincuore non così imprevedibile, contempla differenti punti di vista e salti frequenti, le riflessioni sulla pena di morte in Texas e gli straordinari traguardi delle scienze forensi. Una narrazione a cavallo tra passato e presente, un mistero che rinasce ogni volta che i giardini sono in fiore e soffia il vento, l'alternarsi al timone della Tessa di oggi e di quella di ieri. Negli anni Novanta, lei e la migliore amica, Lydia, seguono accanite il caso O.J. Simpson alla tivù e giocano a fare le investigatrici, affascinate dalle storie macabre e dal sangue. Non sanno ancora che, ben presto, un campo sperduto e la testimonianza della fortunata superstite faranno delle loro vite, e di quell'amicizia agli sgoccioli, una storia di quelle che si seguono con le orecchie aguzzate, le occhiate sospette all'esterno e il cuore a mille. Quando l'incubo finisce, iniziano le sedute psichiatriche settimanali e un processo che le coinvolge entrambe, più o meno direttamente. La Tessa di oggi, invece, ha un pacemaker, una cicatrice a forma di mezzaluna sul viso e una bambina, Charlie, che dorme in una stanza dalle pareti viola. 
Una vicina sclerotica, ancora, che dal suo portico ha adocchiato un misterioso ladro di vanghe e il tatuaggio di una farfalla, abbinato a quello di una amica del cuore trasferitasi Dio solo sa dove. Per un periodo, dopo il ritrovamento del suo corpo non morto, Tessa ha perso la vista: cecità isterica, stabilisce lo psicologo che invece ha perso una figlia. Per un periodo, dopo gli interrogatori a tappeto e la maternità, ha pensato che fosse addirittura finità. Gli occhi neri di Susan prende le mosse dal recupero di una vecchia scatola in cantina e dalla collaborazione che nasce tra la mancata vittima e due professionisti - un bell'avvocato e una antropologa - per salvare un innocente da morte certa. Quel che rende la lettura strana e un po' surreale, ma in senso buono, sono il filtro di una narratrice sui generis e toni cantilenanti, tanto deliziosi quanto crudeli. Le ossa parlano, e parla Tessa: la lingua sciolta, la testa che gira e il gusto dell'artista. Le regole di buon vicinato, case dai colori pastello, figure dalle abitudini alquanto pittoresche e con il pollice verde. E i toni, trasognati, sono quelli di una narratrice inquieta che dice e non dice, ma che spesso ti trae in inganno. Quale spazio può esserci, in una villetta di donne e macchine da cucito, veli e centrini, bluse a fantasia e pigiami a pois, per un mistero che lega due generazioni? Nei riti messicani, ci sono fiori colorati che sbucano dai teschi, i corpi spolpati fino alle ossa e le orbite vuote. Ma i crani frantumati e le bocche spalancate permettono alla natura, alla vita, di mettere radici. E sbocciare. Le stesse dicotomie – vite e morte, luce e buio, angoscia e ingenuità – sono presenti anche in un thriller che, nonostante le sbavature sparse, esercita per lunghi tratti un fascino profondo e pressoché inspiegabile. Peccato che qualche pagina di troppo al centro e un finale sornione, ma che non sconvolge, non rendano perfetto, ahimè, questo placido sonno marzolino, in mezzo al polline e agli scheletri. Julia Heaberlin, così, ufficialmente firma un giallo che da Gillian Flynn prende in prestito i risvolti femministi, ma ufficiosamenete è più una Kathy Reichs sotto acidi, con quei suoi disegni che raccontano la verità, i giardinieri silenziosi delle favole dei Grimm e una scrittura rococò, musicale e spaventosa, da “giro giro tondo” in capo al cimitero.
Il mio voto: ★★★½
Il mio consiglio musicale: Hooverphonic – Mad About You

24 commenti:

  1. la Reichs sotto acidi potrebbe piacermi, altrimenti proprio no!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me incuriosiva, della Reichs, quella sua serie per ragazzi. Sperando che li si droghi pesantemente, ché nel pieno delle sue facoltà ci annoia. ;)

      Elimina
    2. ho letto il primo, noia anche in quel caso u.u

      Elimina
    3. Scrive libri sui gggiovani di oggi e non si droga?
      Scarso lavoro di introspezione. Male, male.

      Elimina
  2. Bellissima recensione come sempre Mr. Ink! Come sai, in questo periodo sono thriller mood anche io ^^ Ti dirò, pur con le sue sbavature questo thriller mi ispira, le atmosfere surrealie i richiami gotici mi chiamano a nozze... me lo segno ^^ Trama e cover mi avevano forse un po' sviato, mi era passato davanti senza suscitare grande interesse.
    Interessante scelta musicale ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, Jerry!
      Io l'ho letto per caso - non è la prima volta che ricevo libri random, ma è forse la prima volta che uno di questi mi attira sul serio - e le atmosfere sono state una scoperta. Lo snodo del giallo insomma, ecco.

      Elimina
  3. È la mia prossima lettura, sembra non male... questo 2016 sta andando benino con i thriller :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me ispira un bel po' il nuovo della Slaughter, anche se mi fa ridacchiare come l'editore dia l'autrice per nuova, per sfornatrice di casi editoriali, quando è in attività - e sugli scaffali dei tascabili - da secoli, senza fare troppo baccano. La Heaberlin, pur nelle sue imperfezioni, è una voce nuova di sicuro. :)

      Elimina
    2. Non mi è dispiaciuto quello della slaughter o meglio quelli dato il piccolissimo prequel :-)

      Elimina
    3. Il prequel lo provo di sicuro, vista la brevità ;)

      Elimina
  4. Non leggo thrillwr ma ultimamente mi affascinano, ne ho letti alcuni interessanti lo scroso mese e questo sembra carino :)
    Forse lo aggiungo in TBR

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le ambientazioni, effettivamente, si prestano bene a qualsiasi genere. Per me, ti piace. Tutto al femminile, particolare e non troppo crudo nei dettagli. :)

      Elimina
  5. Come Susi, nemmeno io sono una grande lettrice del genere, però la Newton riesce in qualche modo ad affascinarmi con alcuni dei suoi titoli! Questo qui ad esempio mi ispira!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me, invece, poco affascinano i loro titoli, ma questo fa eccezione. Sempre a sorpresa, mi era arrivata la bozza di Segreto di famiglia e per ora non l'ho toccato. Sta lì. :/

      Elimina
  6. Ciao Michele, recensione stupenda come sempre, ma io non sono per queste letture, per me la protagonista starebbe ancora a sonnecchiare in un letto di ossa :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sta, Nunzia. Allora lasciamo a sonnecchiare lì. :)

      Elimina
  7. Complimenti per la Recensione!!!! Trama interessante anche se dal titolo e dalla cover scelta on si direbbe...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Debora. Nella cover c'è qualcosa che mi disturba - forse quei capelli, rosso pennarello? - e il titolo è abbastanza intraducibile, riferendosi a una tipologia di fiore che da noi o non esiste, o comunque non ha nome. Chi lo sa. Nonostante il risultato non brilli particolarmente nella resa, la Newton è stata fedele all'originale almeno. :)

      Elimina
  8. Ciao Mr Ink, ho letto la recensione nel primo pomeriggio e confesso di non aver capito molto della trama, ma ero colpevole di aver mangiato a pranzo pasta al ragù e un piatto di patatine fritte, un'abbinata nociva e deleteria per le capacità cognitive. Rileggo ora e il dubbio persiste, ma forse ora è troppo tardi. Nel dubbio la leggerò domani una terza volta, ma ammettilo...non è che traccia di questi acidi è rimasta impigliata tra le pagine??? Perchè in tal caso potrei leggerlo pure io.
    Un saluto da Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh... Potrebbe darsi e le conseguenze si fanno sentire anche oggi. :-P

      Elimina
  9. Un pò macabro ho idea...svegliarsi sopra ad un letto di ossa...però il resto mi sembra molto intrigante, e visto che l'arrivo di un libro è sempre ben accolto, leggiamolo e svegliamoci bambine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Macabro, sì, ma di certo mantiene svegli. ;)

      Elimina
  10. È arrivato anche a me :3 non lo conoscevo e non ne avevo mai sentito parlare prima di trovarmelo fra le mani, ma devo dire che la trama mi ha incuriosita abbastanza!
    Il fatto che non sia troppo imprevedibile non mi piace v.v però il macabro un po' mi affascina... dunque quando sarò dell'umore, gli darò volentieri un'occasione :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A distanza di giorni, posso dire più lucidamente che ha atmosfere magnifiche. Il resto un po' meno, ma vabbe'. Per essere un libro a sorpresa, per noi blogger, male direi che non è!

      Elimina