giovedì 17 ottobre 2019

Mr. Ciak: Joker | It - Capitolo due

Dichiararsi confuso davanti al film su cui tutti hanno le idee chiarissime. Succede quando diventa impossibile elaborare una recensione dal taglio tradizionale. Per l’ultimo vincitore del Festival di Venezia, infatti, servirebbe uno di quegli articoli monografici a cura di Gianni Canova: la lente d’ingrandimento puntata su un aspetto in particolare – la recitazione di Joaquin Phoenix –, con il resto lasciato in secondo piano. Come parlare altrimenti di un film che esiste esclusivamente in funzione dell’istrionismo del primo attore? Secondari l’intreccio, la morale di fondo, il comparto tecnico. Tanto è già stato scritto a priori: il cinecomic d’autore farà storia per il suo trionfo nel tempio della critica impegnata, il passaggio di Phillips dalla commedia demenziale alle atmosfere scorsesiane, le rappresaglie all’uscita delle sale statunitensi. Ma, a ben vedere, il ritorno della nemesi di Batman è un dramma di rivalsa tanto solido quando convenzionale, prevedibile nello svolgimento e meno coraggioso del previsto. Indegno delle assurde controversie in patria, e della vittoria in Laguna? Tutto va come da programma, nella metamorfosi del giullare che voleva diventare re. Messo ai margini, costretto a prendersi cura di una madre che non sempre la conta giusta, il protagonista sta a cuore con poco: capitano tutte a lui, è il capro espiatorio per eccellenza, e quando inizia a seminare morte miete vittime fra personaggi sgradevoli o sacrificabili. Lancia il sasso ma nasconde la mano. Senza fare spoiler, per esempio, perché non mostrare l’esito della relazione fra lui e la vicina di casa: paura di gettare ulteriori ombre su un cattivo che risultasse tale ma non troppo? Seguendo Arthur nel suo sogno irrealizzabile – quello di un mondo gentile –, ci lasciamo turbare dal rantolio sofferto della sua risata e guidare da una scena madre all’altra. Quant’è incredibile Phoenix mentre si concede una danza liberatoria in bagno o, leggero come non mai, quando affronta saltellando una scalinata all’inizio spossante: probabilmente è una delle migliori performance di cui abbia memoria. Ma se molto fanno le danze e gli alterchi improvvisati sul set, il corpo scarnificato per i venti chili persi, quali meriti spettano invece alla sceneggiatura? Se il film fosse pari alla complessità della sua prova, sarebbe lecito gridare al capolavoro. Invece resta un buon compromesso, per me distante dalla potenza del nostro Dogman – altra fiaba nera di perdenti al limite, altro anti-eroe struggente –, che funziona alla stregua di un’esibizione di stand-up comedy. Un palco vuoto, un canovaccio appena abbozzato, le luci della ribalta. Ma non sorprendono né le battute del mattatore, che tiene banco con riflessioni didascaliche, né le reazioni del pubblico. Phoenix è più spettacolare dello spettacolo – un’arma a doppio taglio. Bisogna avere il caos dentro di sé per generare una stella danzante. Allora il suo Joker è un planetario; una cazzo di discoteca itinerante. (7)

La paura c’era, ma per le ragioni sbagliate. Già stroncato dalla critica, il ritorno di Pennywise partiva svantaggiato: non sarebbe stato superiore al primo capitolo, e lo sapevano a prescindere dal minutaggio eccessivo – quasi tre ore – o da una computer grafica tremendamente kitsch. Nella lista dei difetti: la mancanza dei magici anni Ottanta e la consapevolezza che King e i finali non vadano d’accordo. Lo fanno notare anche al personaggio di Bill, suo alter-ego alle prese con l’adattamento di un besteller: saprà architettare una chiusa decorosa? Si fa dell’autoironia e, in cerca dell’epilogo perfetto, ci si mette in viaggio: direzione Derry. Sono passati ventisette anni dalla promessa di rimanere amici per sempre: il pagliaccio è tornato a colpire e i Perdenti si riuniscono così come si sono divisi. Allegra rimpatriata di morte, il secondo capitolo di It funziona proprio come reunion commossa e godereccia: nel ristorante cinese del romanzo, scopriamo quanto sono belli la Chastain e MacAvoy – ma occhio a Jay Ryan, non più bambino in sovrappeso –, quant’è esilarante Hader, quanto sia stato ridimensionato il personaggio del bibliotecario Mike. Bowers evade, ma la sua fuga costituisce un pericolo passeggero; di ritorno all’ovile, Beverly e Bill non sono seguiti né da un marito manesco né da una moglie avventata. La resa dei conti – esemplificata, esclusiva – conta i personaggi superstiti e Pennywise, bullo sopra le righe a digiuno di scene madri – a parte l’adescamento allo stadio o nella casa degli specchi, il resto sono apparizioni di fantocci grotteschi in una pessima CGI – ma non di carne fresca. Chiamato a un compito arduo, Muschietti s’impegna: gestisce al meglio le tempistiche e le stelle del suo cast, nella prima metà pretende miracoli dal direttore della fotografia e dal tecnico del montaggio, ma la seconda frana poi goffamente fra riti e trappole per ragni. Pessimo come la miniserie originale non lo diventa mai, ma il problema è uno: perché l’accento esagerato su battute sarcastiche e sfottò in contrapposizione alla totale mancanza di tensione? Salti in poltrona a parte, le bizze di Skarsgard non suscitano più spavento; il conflitto finale celebra sì un’unione che fa la forza, ma resta la copia sbiadita del film precedente. Da bravo fan, tuttavia, conosco bene il mondo interiore di King – qui impegnato anche in un cameo –, e non vive soltanto di spauracchi da multisala. Ci illumina la Chastain, in parte, ricordandoci che un attizzatoio potrebbe diventare anche un’arma letale: basta crederci. Quando si uniscono passato e presente e la solita nostalgia canaglia s’intromette a gamba tesa, così, l’incanto di un’estate sul filo del rasoio risulta per fortuna sano e salvo. (6,5)

24 commenti:

  1. Joker si fa perdonare ogni scorrettezza in fase di scrittura in virtù di Phoenix e di una bella regia, ma non griderei al capolavoro come fanno quasi tutti.
    It... per me è tutta questione di cuore. Io ho adorato anche i momenti comici, peraltro presenti in abbondanza anche nel romanzo. E ho concluso la maratona con un bell'applauso a Muschietti, al suo coraggio e alla sua dedizione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capolavoro proprio no.
      Non è neanche brutto.
      È un film medio, con un attore sopra la media.

      Fanboy, prendete e portate a casa, su.

      Elimina
  2. It lo si ama per affetto, non si può essere troppo oggettivi secondo me.
    Joker mi è piaciuto tanto, anche se potrebbe esser un cattivo qualunque. Phoenix WOW.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però trovo ingiustificabili, oggi, effetti speciali tanto scadenti. Soprattutto in un horror.

      Joker, con un altro titolo, non avrebbe fatto così tanto chiacchierare. E forse, meno carico, lo avrei apprezzato di più.

      Elimina
  3. Come gli altri commenti qui sopra riportati, anche io ho amato It con un certo affetto. Ma Joker non l'ho ancora visto, ma conto di farlo il prima possibile 🤗🤗

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco l'affetto, però Muschietti questa volta ha fatto più di qualche passo indietro.
      Soltanto fan come noi possono perdonarlo.

      Elimina
  4. La Chastain ci illumina perché è una roscia non male! XD
    Oh, comunque sì, questo Capitolo II è la copia sbiadita e in versione (inversione?) adulta del primo. Peccato.

    Quanto a Joker (e alla citazione zuccherina) penso anche io che sia stata una delle migliori performance, ma è pure vero con col Joker non è forse difficilissimo.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. È un ruolo così ipercaratterizzato che un attore ottimo come lui non poteva non brillare.

      Elimina
  5. Il primo vorrei vederlo, anche se probabilmente mi confonderà tanto quanto te... anzi, probabilmente di più: da brava appassionata di cinecomics, diciamo che l'idea stessa di un film d'autore basato su un personaggio della DC basta e avanza a destabilizzarmi! XD Ma la curiosità c'è, e anche tanta: per cui credo proprio che lo guarderò, anche se non so ancora quando...
    "IT", invece, è un'altra storia. Il primo film mi aveva abbastanza... ehm, diciamo "fatto ridere", in un senso nient'affatto positivo. Se il secondo riesce a essere ancora peggio, poveri noi! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Joker, del personaggio, ha solo il nome. Funziona come film a sé, e come tale è solidissimo. Ma niente di mai visto.

      Se It ti ha fatto ridere, preparati a questo mamma mia...

      Elimina
  6. Joker non mi ispirava, ma le ottime recensioni mi stanno un po' convincendo. Solo che avevo delle perplessità, e tu me le hai confermate.
    It mi è piaciuto molto, nonostante sia consapevole che avrebbero potuto fare di meglio. Tipo esplorare l'aspetto psicologico dei personaggi. Da un lato però per me va bene così, almeno ho la scusa per finire di leggere il romanzo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetto il tuo parere sul film di Phillips!

      Elimina
  7. Penso che it lo guarderò ugualmente. Non so resistere.
    ciao da lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti per un lettore è da vedere, però cinematograficamente risulta parecchio scadente...

      Elimina
  8. Quindi sei uno dei pochi al mondo a cui il Joker non è piaciuto. Era ora. :)
    La sceneggiatura in effetti non è proprio da capolavoro e come cinecomics sarà anche qualcosa di rivoluzionario, ma come dramma di rivalsa mica tanto.

    Riguardo all'esito della relazione tra Joker e la sua vicina di casa, c'è una scena, quando lui si presenta in casa sua, in cui viene mostrato in maniera evidente come lui si sia immaginato tutto. In pratica non c'era alcuna relazione tra loro, quindi questa questione almeno per me viene chiarita.

    It - Capitolo 2 veramente imbarazzante. Dopo quel gioiellino del primo capitolo, non pensavo avrebbero potuto rovinare tutto così. Quasi 3 ore interamente kitsch e involontariamente ridicole, cameo di King compreso. L'hai salvato solo perché sei un fan, ammettilo. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SPOILER SU JOKER
      .
      .
      .
      Non mi riferisco a quel dettaglio, ma all'uscita di scena della vicina. Presumibilmente la uccide, e la stessa sorte tocca al bambino. Perché non mostrarlo?
      Il femminicidio è troppo, per un villain?

      Elimina
  9. Joker lo devo ancora vedere, ma mi è un po' passata la voglia per la troppa sovraesposizione mediatica.
    Prima di andare a vedere il secondo film di IT ho dato una rispolverata al primo e forse questo non dovevo farlo.
    Per me la parte giovanile della pellicola doveva essere chiusa con il primo.
    Capisco che avrebbero perso milioni di ragazzini che potevano immedesimarsi nella pellicola, ma la seconda parte soffre parecchio il parallelo tra la parte adulta e quella giovanile, che per me rimane la migliore per come è stata trasposta.
    Non a caso per me la miglior scena del secondo film è quella della botola ritrovata.
    Mi è piaciuto comunque Richie ed anche il cambiamento riguardo ai suoi gusti sessuali, che sicuramente è stato inserito per la quota LGBT, ma che è molto forte emotivamente ( per quanto assurdo perché alla fin fine è una cosa messa un po' così perché visibile solo a noi spettatori visto che agli altri membri del gruppo non dice nulla ).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Richie lo si adora, sì, e per una volta non fa neanche storcere per niente il naso l'inclusione della solita tematica arcobaleno. Ci stava bene, delicatissima.

      Elimina
  10. It è difficile che lo veda, il pagliaccio di king mi ha turbato l infanzia -_-'
    Ma Joker lo vedrò *______*
    Adoro Gioacchino

    RispondiElimina
  11. Quoto ogni singola parola.
    Occhio che scoppia l'apocalisse...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Altro che Joker.
      Questo è motivo di rivolta popolare!

      Elimina
  12. Ho visto Joker e sono stata rapita dall’interpretazione di Phoenix, talmente intensa da non farmi sentire la carenza di tutto il resto. Io l’ho vissuto slegata dal mondo DC (che non mi appassiona troppo) e la mia idea è che Fleck sia il film.
    Per quanto riguarda It aspetto che esca in dvd per procrastinare la delusione

    RispondiElimina
  13. Joker me lo sono andata rivedere ieri sera, con il giovine vergine. Non mi piace mai rivedere i film per l'ovvia mancanza di sorpresa e per l'attesa verso le scene madri. Ma continua a reggere e coinvolgermi, accanto alla bravura di Phoenix ci metto la musica e ci metto la regia, che riempiono le scene. Non grido e non griderò paroloni, ma resta un gran gran film che sono felice di aver visto prima dei tanti polveroni.

    It, come sai, ha avuto ancora il mio cuore. Non è bello come il primo, è strutturato in modo meno convincente (troppe divisioni) ma riesce a commuovere. Ora non mi resta che leggerlo, ce la farò?

    RispondiElimina