lunedì 23 novembre 2015

Recensione: Fino alla fine del mondo, di Tommy Wallach

Guardò il cielo, cercò la scintilla implacabile e vide che erano impegnati in uno scontro di volontà. In quell'istante smise di averne paura, anzi, la sfidò ad arrivare, sicura che quel sasso non potesse avere fame di morte più di quanto lei avesse fame di vita.

Titolo: Fino alla fine del mondo
Autore: Tommy Wallach
Editore: Piemme – Freeway
Numero di pagine: 388
Prezzo: € 17,00
Sinossi: L'asteroide Ardor ha il 66 per cento di probabilità di colpire la Terra, distruggendola. Potrebbe accadere entro due mesi. Potrebbe accadere sul serio. Due mesi è un tempo irrisorio oppre eterno. Dipende. Può essere impiegato per disperarsi oppure per commettere ogni sorta di nefandezza, oppure per ridefinire ciò che siamo, liberandoci dalle etichette che abbiamo lasciato che ci appiccicassero addosso. A Seattle quattro ragazzi stanno aspettando la fine del mondo. C'è lo sportivo, la puttana, lo sfigato, la studentessa brillante. Hanno due probabilità su tre che quei mesi siano l'ultima occasione per fare qualcosa che abbia un senso. Non per essere degli eroi e nemmeno per dimostrare niente a nessuno, ma solo per diventare se stessi, trasformando le proprie vite in qualcosa che abbia avuto senso vivere.
                       La recensione
Qualunque cosa sia, non ne vale la pena. A metà della scorsa settimana, di sera, ho ricevuto una chiamata inaspettata. Il cellulare ha vibrato e, sullo schermo, ho letto il numero di una persona con cui, faccia a faccia, credevo di non avere mai parlato prima. Giusto per messaggio. Magari era partita una chiamata per sbaglio: con il touch, spesso capita. Una volta, due... Alla terza, ho risposto, ricordandomi che tra noi c'era una questione in sospeso: a quella ragazza, infatti, avevo promesso delle dispense, ma quando avevamo detto di incontrarci, in settimana, era caduto il discorso; non mi aveva fatto sapere altro. Alle ventidue spengo la tivù e, un po' imbarazzato, rispondo: odio parlare al telefono. Non so quando i miei silenzi siano troppi o troppo pochi, quando è giusto spezzare parola oppure no. Con gli sconosciuti, a volte evito: mi si deve conoscere per interpretarmi. Ma quella sconosciuta alla cornetta, d'un tratto, non lo è stata più, sconosciuta. Mi sono ricordato di averla incontrata una mezza volta - amici in comune e lei, più grande di me, parlava dei suoi viaggi –, mentre mi raccontava di come, in Italia per gli errori della segreteria didattica, aveva preferito tornare a Parigi, da un giorno all'altro, all'indomani della tragedia. Lì ha una casa, un impiego – ho capito che scrive, che lavora in ambito umanitario – e al suo paese originario, in Abruzzo, non poteva starci, con il pensiero che vola altrove. Al concerto, quella sera, c'era il primo ragazzo che aveva conosciuto in Francia e la memoria del cellulare conservava ancora le sue promesse: doveva andarla a prendere in aeroporto. Ma quel ragazzo era morto, e adesso lei si scusava con me per i libri, per il ritardo. Ma la voce tremava, e tremavo anch'io. Lo avrà capito, si è subito scusata, ma aveva bisogno di parlare. E così abbiamo parlato. Di parigini che si fanno in quattro per la loro amica italiana, che di giorno si stanca, a lavoro, per non pensare, ma che quando è sera ha paura. Dei tanti feriti e, in particolare, di un'amica che è sopravvissuta alla sua compagna – e con la naturalezza che nel nostro Paese non ci sarà forse mai, senza dovere specificare sai, lei è lesbica, perciò aveva una compagna. Dei suoi inevitabili e se lì ci fosse stata anch'io; della preoccupazione di andare in ufficio in metropolitana, ché cosa ne so se quello di fronte a me, dal nulla, mi spara in fronte. Ho riattaccato un'ora dopo, ma non sono riuscito a dormire. Solo rigirandomi tra le coperte, pietrificato, mi sono scoperto realmente scosso dalla drammatica notizia che, quante volte, un centinaio?, avevo sentito al TG. Non erano le frasi fatte della televisione a parlarmene, non i titoli dei giornali. Il racconto di quella ragazza, per la prima volta, mi aveva fatto sentire Parigi vicina, e la preoccupazione – incancellabile - mi voleva sveglio. Così ho iniziato a leggere Fino alla fine del mondo
Il libro giusto nel momento sbagliato, a tal punto che non riesca a dirvi, su due piedi, quanto sia effettivamente bello e quanto, quella notte, sia sembrato bello a me. Ma non è la stessa cosa, dopo tutto? In uno young adult – il più illuminante letto quest'anno – dove si parla di scienza e fede, si muovono significativi protagonisti in cerca di un senso, in un'annunciata apocalisse che somiglia un po' all'estate delle grandi scelte. Metteteci però le rivolte in piazza, la legge marziale, una festa spaziale. Una seconda parte dura, cupa, in cui l'isteria collettiva miete ingiuste vittime e il salvataggio di una sorella che frequenta brutte compagnie porterà i personaggi in un covo di tossici, a giocare con il fuoco. L'autore, giovane e colto – ne sa infatti di musica, filosofia, letteratura -, cita Vonnegut e con uno stile profondo, buffo, assolutamente originale nello spirito, scrive un romanzo che non è una lista di cose da fare. I diciotto anni e i buoni propositi di ogni dove – perdere la verginità, inseguire un sogno, trovare l'amore – somigliano, in Wallach, a quelle immagini veloci, frammentate, in cui nei film si vide un'umanita che, nel profondo, emoziona. Peter, sportivo e popolare, ha il successo in pugno, ma inizia a domandarsi se il suo scontato futuro – una borsa di studio, una fidanzata sciocca e possessiva – non sia l'equivalente di una vittoria di Pirro, come gli ha suggerito il prof a lezione.
Eliza, nuova a Seattle, ha dato un bacio al ragazzo sbagliato, sotto lo sguardo di un'osservatrice indiscreta e, in un lampo, il pettegolezzo l'ha dipinta come una poco di buono. Sul petto ha una lettera scarlatta. Si è perciò adeguata in fretta. E' diventata la ragazza disinibita e sfacciata che tutti, sbagliando, pensavano che fosse. Ma ritrova se stessa nella camera oscura, quando l'unico lampo positivo – il flash della macchina fotografica – le permette di immortalare attimi irripetibili. Andy, punk e skater, indossa jeans troppo stretti e fuma troppe canne, invece: innamorato pazzo di Eliza – che anche Peter ama, tra l'altro -, è autore di testi intensi e di dichiarazioni d'amore brille nelle segreterie telefoniche. Anita, afroamericana, è ricca e precisa: avrebbe Princeton nell'imminente futuro, ma c'è questa voce potentissima, da cantante soul, che non riesce a zittire. Perché cantare nel proprio armadio, se c'è una folla che vuole sentirsi dire, e cantare, un'ultima cosa buona? L'esordio di Tommy Wallach – cantante e compositore che, all'interno della sua opera prima, mette tutta la musica che può – parla della vita, essenzialmente, che non si ferma mai. Che siano i terroristi, che sia un'asteroide che ha il 66 per cento di possibilità di ridurre in cenere la Terra. Ma la vita continua, anche senza di noi, e ci sono i giovani, per fortuna, che non smettono di proiettarsi a domani. Come l'amico della ragazza di cui vi ho parlato, che aveva promesso di andarle incontro, domenica, e a domenica non ci è arrivato. Quante le promesse infrante? Quanti gli appuntamenti mancati? A colpire, qui, soprattutto il concetto di karass. La social catena di Leopardi; lo splendido momento di Sense8, in cui gli otto protagonisti, in città lontane, si ritrovano a canticchiare sovrappensiero la stessa canzone. Persone che operano per uno stesso fine e che, ovunque siano, qualsiasi cosa facciano, si ritrovano a guardare la stessa asteroide che incombe. Siamo sotto lo stesso cielo - e non è sempre più blu, ma, a tratti, nerissimo. 
Sono a sentirti piangere, una sera, dall'altro capo del filo.
Il mio voto: ★★★★
Il mio consiglio: The Smiths – There Is A Light That Never Goes Out


To die by your side
is such a heavenly way to die.”

19 commenti:

  1. Lo devo iniziare e la tua recensione mi ha messo molta voglia. Voglio provare a leggerlo con la playlist così da entrare ancora di più nell'atmosfera.
    Buone letture!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ho avuto tempo di ascoltarla, purtroppo, ma rimedierò!
      Ho sentito l'autore su Facebook, tra l'altro, ed è gentilissimo.

      Elimina
  2. bella rece, la trama ricorda these final hours ma quello credo sia di un genere diverso :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille. Sai che These final hours lo avevo messo da parte e l'ho dimenticato lì? Chissà quando, recupero. I toni, qui, sono più da commedia del Sundance. E' una versione indie e giovanile di Cercasi amore per la fine del mondo che, se la memoria non mi inganna, avevo trovato bellino. ;)

      Elimina
  3. Non ho letto la tua recensione, ho guardato solo le stelline finali per vedere a cosa andavo incontro :) L'ho iniziato ieri quindi ripasserò tra un paio di giorni a lettura ultimata ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti aspetto, Sara, e buona lettura!

      Elimina
  4. Se è riuscito a colpirti così tanto nonostante il momento, beh, allora è senz'altro da leggere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse mi ha colpito così tanto, Nora, proprio per il momento no. :)

      Elimina
  5. Ma dai *-* non mi aspettavo una recensione tanto positiva per questo libro! Devo dire che l'avevo bellamente snobbato...ma Lucia me lo ha gentilmente inviato insieme a un altro che avevo richiesto... ed ero indecisa perché non mi sembra niente di che >.< ora invece sono meno restia a leggerlo grazie a te :D ottimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, Lucia Lucia. Sempre sia lodata.
      Una santa!

      Elimina
  6. Accidenti, l'ho iniziato ieri sera e mi stava piacendo, la tua bella recensione mi fa ancor più ben sperare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contento. Spero sarà all'altezza delle aspettative. Il finale - e parlo proprio degli ultimissimi capitoli - è un gioiello. :)

      Elimina
  7. Post da brividi!

    Chissà se anche il libro è sugli stessi livelli... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie, Marco.
      Spero lo scoprirai di persona, magari con una trasposizione. Pare sia stato opzionato dalla Paramount. ;)

      Elimina
  8. Bella recensione...non ci sono parole ovviamente per quella ragazza...niente restituisce ciò che si è perso in quel momento...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bruttissima storia, Debora. Parlandovene, anche senza scendere nei dettagli, mi sono alleggerito un po'. Ti dico la verità.

      Elimina
    2. A volte, anche se sembra poco, parlare è liberatorio...

      Elimina
  9. A volte dimentico perchè amo le tue recensioni, a volte troppo presa dal mio blog e soprattutto dal mio bimbo dimentico di passare di qui e perdermi in quello che scrivi... Poi oer fortuna blogspot mi ricorda i pochissimi blog che ancora seguo e mi mostra i nuovi post e così torno qui, mi perso, mi faccio coccolare e torno alle mie cose più leggera :)
    Per quanto riguarda la ragazza e parigi non ci sono parole, qui a Beuxelles non ci sono stati attentati in questo periodo (ne abbiamo avuti in passato...), ma una mattina ci siamo svegliati come se fosse scoppiata la guerra (abito in pieno centro), con la sirena che suonava ogni 5 minuti ricordandoci che era meglio stare a casa, con il coprifuoco alle 18, tutto chiuso e nessuno per strada a parte militari armati (anche sui tetti) e poliziotti.. Solo davanti al mio portone ne avevamo 4 :(

    RispondiElimina