lunedì 3 febbraio 2014

Recensione: Oltre i limiti, di Katie McGarry

Ciao a tutti, amici. Si ritorna con una nuova recensione: il libro di oggi, infatti, è il recentissimo Oltre i limiti: mi sarà piaciuto, non mi sarà piaciuto? Scopritelo. Ringraziando la casa editrice per avermi dato modo di leggerlo, vi saluto e scappo di già. Domani ho il primo esame: pregate per me! Un abbraccione, M.
 A volte quando vedi il limite pensi che sia una buona idea superarlo...

Titolo: Oltre i limiti
Autrice: Katie McGarry
Editore: De Agostini
Numero di pagine: 432
Prezzo: € 14,90
Sinossi: Nessuno sa cosa sia successo a Echo Emerson, la ragazza più popolare della scuola, la notte in cui le sue braccia si sono ricoperte di cicatrici. Nemmeno lei ricorda niente, e tutto ciò che vuole è ritornare alla normalità, ignorando i pettegolezzi e le occhiate sospettose dei suoi ex-amici. Ma quando Noah Hutchins, il "bad boy" del quartiere irrompe nella sua vita con la sua giacca di pelle, i suoi modi da duro e la sua inspiegabile comprensione, il mondo di Echo cambia. All'apparenza i due non hanno nulla in comune, e i segreti che custodiscono rendono complicato il loro rapporto. Eppure, a dispetto di tutto, non riescono a fare a meno l'uno dell'altra. Dove li porterà l'attrazione che li consuma e cos'è disposta a rischiare Echo per l'unico ragazzo che potrebbe insegnarle di nuovo ad amare?
                                        La recensione
Sono un po' tutte uguali le storie d'amore. Soprattutto quelle nate tra armadietti e banchi di scuola. Non dico noiose, ma monotone: questo sì. Sono inevitabilmente simili tra loro, con un inizio, una pausa di riflessione in mezzo – scandita, nei film, dalla classica musichetta malinconica – e una fine. Una fine tutta rose e fiori, una fine triste o, ancora, una fine da scoprire in un seguito di prossima pubblicazione. E, lo ammetto, ho paura che le mie recensioni su queste storie d'amore un po' tutte uguali siano un po' tutte uguali pure loro. Come di conseguenza. Piene di cose già dette, ripetitive fino allo sfinimento. Scelgo il romanticismo, io, quando il mio cervello me lo richiede, a random. Mi piace dedicarmi al new adult quando sono sottosopra, sottotono, sottostress. In periodo d'esami, per dire, c'è chi si mangia le unghie, causa nervosismo. Io mangio biscotti come se non ci fosse un domani, invece, e scelgo di avere, sul comodino, qualcosa di semplice. Evito saggiamente, così, che mi cresca una terza mano mostruosa nello stomaco e faccio sì che le ultime parole lette prima di andare a dormire mi lascino sereno, riposato. In pace. Ho scelto Oltre i limiti perché è uscito a gennaio e perché a gennaio avevo un esame importante – e quale non lo è, poi? - da preparare. Ma chissà se avrei fatto lo stesso, se fosse stata mantenuta la copertina originale: due adolescenti che pomiciano romanticamente in corridoio. Probabilmente no. Nelle storie d'amore che mi concedo cerco timidezza, normalità, un bacio in controluce, un paio di converse sdrucite. Le converse sdrucite in primis. Che quella di Katie McGarry non fosse quel tipo di storia l'avevo capito da me, ma mi era piaciuto pensarlo, per un momento soltanto. Difficile trovare piccole perle, stupide e splendide dichiarazioni alla Per una volta nella vita, personaggi imbarazzatissimi per la loro tenera inesperienza quando si parla d'eros. Echo e Noah non hanno tempo per quello, in verità. Non sono ragazzi dalla vita facile, perseguitati dalla tragedia sin dall'infanzia. Sembrano avere tutta la sfortuna di questo mondo che rema loro contro, notte e giorno. A lezione di spagnolo, durante un esercizio di conversazione in lingua, si scambiano i loro reciproci drammi e scoprono, con loro sorpresa, di potersi capire. Lei non ha soldi appresso, allora si dividono un hamburger e una partita a bigliardo. Lei non ha ancora perso la verginità e lui non ha mia fatto l'amore davvero. Si contano, sul letto, le cicatrici che nascondono. Sotto le maniche dei maglioni, sotto quei tatuaggi pieni dei nomi di chi non c'è più. Sono simili, i due, ma non così tanto. Complicati e perseguitati dal dolore, questo sì. Ma Echo, che ha il nome di una ninfa dalla vita da tragedia greca e un destino apparentemente simile, è egoista, sempre, e odiosa, a tratti. E non ha paura di esserlo, di poter risultare antipatica e scontrosa a tutti i costi. Capiamo il suo tormento, ma non sempre riusciamo a condividere il modo che ha di scrollarsi di dosso il lutto: spesso, infatti, lo getta sugli altri, a peso morto. Su adulti più confusi, insicuri e deboli di lei che, ai sensi di colpa per le loro mancanze e i loro tradimenti, devono aggiungere pensieri brutti, capaci di creare riverberi intensi, echi ossessionanti. Lei è testarda e tende a semplificare ciò che è complicato, ciò che non può avere semplificazione alcuna. E' un'artista, una talentuosa pittrice che, come ogni adolescente (e questo è vero), vede un mondo senza sfumature. Le sfumature sono sulle sue tele, ma, per lei, gli altri sembrano non averne. Suo padre, allora, è un orco crudele che l'ha lasciata nel momento del bisogno; la sua giovane matrigna è una rovina famiglie che ha, in grembo, il nuovo Anticristo; la sua psicologa è una donna che, con la sua bella laurea, pensa di poter curare tutto... di poter curare lei, che è composta da pezzi sparsi incollati tra loro con lo scotch, alla rinfusa. Non vede, però, che il padre ha vissuto una vita di sacrifici e rinunce, che Ashley è una ragazza che si è innamorata ciecamente di un uomo pieno di guai, che la signora Collins è sua amica. Mi è piaciuta, Echo: probabilmente è come sarei io se, alle mie comuni sfighe, si aggiungessero le sue. Non ha il fare di una guerriera, non ha la passività di una ragazza da salvare. 
Vive così, dato che, a volte, è anche giusto sputare veleno gratuito. Alleggerire il nostro cuore e il nostro stomaco, anche se – per stare meglio – è necessario mietere qualche vittima senza colpa, tra coloro che sono tanto buoni e pazienti da prestare ascolto ai nostri pianti. Noah, invece, mi è piaciuto per il motivo diametralmente opposto. Sente il peso di colpe non sue, ragiona da adulto anche se fa ancora il liceo, ha pensieri sensati anche se, nello scantinato, con Beth e Isaiah, si fa qualche canna di troppo. E' un personaggio positivo; anche un personaggio un po' troppo “da libro”. Con tutte le variazioni, le sfumature e i toni di sorta che solo grazie alla magia della prosa possono fare di lui una mela marcia, un principe azzurro, un esemplare fratello maggiore, e tutto in una volta. E' ben definito, misurato, limato dagli eccessi inutili, e non ha tutte le ombre e i tagli di Echo. Meno problematico di lei, fa certamente più simpatia, ma ispira un po' troppa fiducia per essere il bad boy della storia. E' un tantino meno credibile, in realtà, ma le pagine coi suoi pensieri si leggono meglio e più volentieri. Mi è stato simpatico a pelle e, se hai mari di tatuaggi, troppi muscoli, ricchi eserciti di ex, pagelle di voti negativi e amici con il pollice verde di Bob Marley, be', saprai che non capita esattamente tutti i giorni.
Più che il loro amore, mi ha colpito la bellezza autentica ed elementare di alcune riflessioni sulla famiglia – sfondo per eccellenza dei loro segreti inconsci. I passi che fanno più effetto, sinceramente, hanno quel tema. Ti emozioni, ti guardi intorno, vedi casa. La casa che Noah non sente di avere, ma che desidera per i suoi fratelli: lontani da lui, ma nelle mani di persone che li amano come figli. Egoisticamente, vorrebbe che gli assistenti sociali avessero un motivo valido per strapparli alla famiglia affidataria e darli a lui, che ha il loro codice genetico e frigge hamburger per lavoro. Ma lui li ama troppo per condannarli alla stessa povertà, allo stesso squallore, e li preferisce felici, anche se in quella felicità non è compreso lui – l'orfano perennemente arrabbiato. Echo, invece, una casa ce l'ha e sempre l'ha avuta. Una volta, era anche una ragazza felice, popolare. Poi si è svegliata senza ricordi, intontita, con un ordine restrittivo verso sua madre. Nel sangue di cicatrici aperte, arrampicate sulle sue braccia come edera velenosa. Non si sente più la benvenuta in casa, né al sicuro: nemmeno da sé stessa. Teme che la madre, oltre alla passione per il disegno, le abbia lasciato qualcosa di contagioso: una follia come eredità sgradita. Oltre il limiti è a modo, come un romanzo di Sparks per adolescenti. Il meno pazzo tra i titoli appartenenti al genere, nonostante il bipolarismo e la violenza siano tra le sue colonne portanti. Altro paradosso: Echo e Noah, pur se più giovani dei loro colleghi, sono anche più maturi – meglio parlare di young adult, quindi, o di new adult? I limiti che oltrepassano non sono quelli fisici. Non si spingono mai oltre baci e carezze, perché l'autrice, al contrario che nel recente Losing it, insegna che aspettare è la mossa giusta. Non si dedicano anima e corpo alle acrobazie sotto le lenzuola, come nel volgarissimo The Vincent Boys, non infrangono la legge, non danno il brutto esempio. Addirittura, ho letto discussioni in cui si accusavano libri come Uno splendido disastro di essere la causa del femmincidio in Italia. A quelle persone consiglierei di leggere questo Oltre i limiti, oltre che di farsi seriamente oleare gli ingranaggi giusti: almeno per capire che la McGarry non è l'equivalente dei super-cattivi di 007 e che, in storie così, non c'è malvagità alcuna. I presupposti del romanzo, eppure, all'inizio, non erano dei più entusiasmanti, come non lo era lo stile: nonostante i punti di vista alternati, l'introspezione mi sembrava ben poca. Mi dava leggermente fastidio il fatto che l'autrice volesse imboccare il lettore col cucchiaino, come con un bambino, dando motivazioni per tutto: lui è “cattivo” perché ha subito questo, lei è “problematica” perché ha vissuto quest'altro. Ho pensato, in momenti simili, che raramente la realtà fosse così semplice: mai. Poi hanno cominciato a parlare da soli, senza essere guidati dalla mano ferma del loro genitore. E mi hanno raccontato una storia ordinaria, gentile, lieve, raramente sdolcinata. Ordinaria, anche se le loro storie sono tristemente poco ordinarie. Gentile, anche se li unisce il lutto e l'ira. Lieve, per uno stile senza fronzoli e senza errori. Raramente sdolcinata, per aver saputo atleticamente oltrepassare l'abisso lacrimoso e insuperabile del melò.
Il mio voto: ★★★ ½
Il mio consiglio musicale: David Guetta – Just One Last Time feat. Taped Rai


31 commenti:

  1. Buongiorno e in bocca al lupo x l'esame, sn sicura andrai alla grande. Sono contenta ti sia piaciuto qst libro, l'ho acquistato settimana scorsa, ma nn l'ho ancora letto, causa letture arretrate cm sempre, ma a pelle sento ke mi piacerà. Bellissima recensione, molto delicata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Dean! Ti piacerà :)

      Elimina
  2. Questa recensione la aspettavo proprio. Non amo moltissimo il genere ma a volte, non so come dire, mi viene voglia di amore. Sono alle prese con Per una volta nella vita - che, aiuto, è bellissimo- e Oltre i limiti era lì, in bilico. Mezzo dentro la Wl e mezzo fuori ;) le cose buone che ci hai visto potrebbero piacere anche a me. Ma non mi sembra una lettura 'imprescindibile' - per i non appassionati, intendo- Quindi, per una volta, il dilemma rimane U_U

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, Per una volta nella vita *-* Quel romanzo è la dolcezza pura. Una piccola perla. Ecco, quella di Oltre i limiti non è quel genere di storia d'amore, ma tra i pochi new adult letti (ma questo fa parte o no del genere, poi?) è quello più per tutti: non c'è sesso, non c'è scandalo, non c'è volgarità. Il realismo non manca, ma non è niente di brutale. Comunque no, non è una lettura imprescindibile: carino, però. Parecchio. :)

      Elimina
    2. Bianca Per Una Volta nella Vita è una perla, finalmente una storia VERA! Però darei un possibilità anche a Oltre i Limiti che non si concentra sugli ormoni, ma sui sentimenti ^^

      Elimina
    3. O meglio, si concentra pure sugli ormoni, ma solo su quelli che rendono gli adolescenti degli eterni rompipalle! :P

      Elimina
    4. Okay, facciamo che il 'parecchio carino' di Mik e il 'dagli una possibilità' di Silvia sono più che sufficienti per decidere. Lo leggo. grazie ragazzi ;)

      Elimina
  3. Visto che faccio parte del gentil sesso ho dato 4 stelline perché mi sono fatta irretire da Noah. E comunque nel firmamento new adult la McGarry per me è una stella che brilla di luce propria al contrario di tante sue colleghe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Continuo a ritenere che la nostra versione della storia fosse più originale, Silvia! Una trashata geniale, proprio :°D

      Elimina
  4. Go Mik gooooooooooooooooo domani andrai alla grande <3
    Leggo la recensione dopo aver finito la lettura, l'ho iniziato ma vado con calma XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Valeee :3 Sarete i primi a saperlo!

      Elimina
  5. Non è sicuramente il mio genere, ma la psicologia dei personaggi mi incuriosisce molto. Magari ci faccio un pensierino!
    Comunque per gli esami, i biscotti sono un toccasana!

    RispondiElimina
  6. anche io alle prese con Per una volta nella vita!!1 vi saprò dire a giorni ma non so perchè avverto un senso di tragedia, se piangerò vi riterrò tutti colpevoli!! oltre i limiti adoro la copertine per la storia è un si, no, si, no, tanti libri da leggere e pochissimo tempo fanno si che le nuove uscite si accumulino! vedremo anche perchè io quando sono sotto stress amo le storie d'amore ma quelle che mi fanno ridere sognare e finisco con l'happy end! domani incrocerò le dita per te!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo, forse piangerai, ma Park e Eleanor non si toccano: guai all'autrice! :P
      In questo oltre i limiti, be', qualche elemento che cerchi c'è! Grazie mille: incrociamole tutte quante! :)

      Elimina
  7. Bellissima recensione, anche se non credo lo leggerò a breve (decisamente non è il momento adatto, e sotto stress le storie d'amore mi fanno venire il nervoso XD) ma se lo metterò in WL è per come ne hai parlato :P

    In bocca al lupo per l'esame ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crepi, Kate. Grazie per la difucia :)

      Elimina
  8. Un applauso per l'immagine da Skins ;)

    RispondiElimina
  9. Bellissima recensione :)! Io ho questo libro sul comodino più o meno dal giorno della sua uscita: non so perché, ma c'è qualcosa che mi frena, non so perché. Chi mi consigli? Lo inizio o do la precedenza ad altri? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alexandra! Se, come me, rischi l'esaurimento sui libri, è l'ideale. Veloce, leggero, ma tutt'altro che vuoto. Una lettura piacevolissima :)

      Elimina
  10. L'avevo adocchiato ma non mi convinceva del tutto. Per stavolta mi sa che passo.
    Buona fortuna per l'esame e grazie per la recensione :)

    RispondiElimina
  11. Davvero bellissima la tua recensione, Mike!! Spero di poterlo leggere anch'io, al più presto :)
    Ti auguro un grande in bocca al lupo x il tuo esame!! A rileggerti :D

    RispondiElimina
  12. da fan di questo libro temevo la tua recensione, alla fine non è andata così male!
    Non sarà il libro che mi cambia la vita, ma personalmente mi è piaciuta la scrittura della Mc Garry, semplice, che fila via tutta d'un fiato, ma non vuota, con personaggi finalmente credibili e pieni. Un storia non sdolcinata, con ragazzi che hanno una testa per pensare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, Ale: ma lo sai che io non sono cattivo! :P

      Elimina
  13. Molto bella questa recensione. Spero di riuscire a leggere presto anche io questo libro.

    RispondiElimina
  14. Vabbè, tu hai i superpoteri, scrivi benissimo! *inchino*
    Avevo già intenzione di leggerlo...ora lo bramo proprio xD
    Bellissima recensione as always.

    Spero che l'esame ti sia andato bene ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Claudiaaaa :D
      Sì sì, è andato benissimo. Come inaugurare il libretto alla grande!

      Elimina