venerdì 22 novembre 2013

Recensione: The Returned, di Jason Mott

Ciao a tutti, amici. E' già venerdì! Questo weekend, ho deciso di non tornare a casa: studio (si spera!), film (ovvio!), freddo (purtroppo!). Questa mattina, subito dopo la colazione, mi sono messo all'opera: ho finito il romanzo che avevo in lettura e, immediatamente, ho deciso di parlarvene. Non è un romanzo da consigliare a tutti, ma io sono tra quelle persone che l'hanno apprezzato così com'è: incompleto, un tantino lento, frettoloso, ma emozionante. Decisamente. Ringraziando la casa editrice, vi auguro una buona lettura e uno splendido weekend. Un bacione, M.
Jacob rappresentava la sconfitta del tempo. Era il tempo fuori sincronia, un tempo più perfetto di quanto non fosse mai stato. Era la vita come avrebbe dovuto essere. Questo erano tutti i Redivivi.

Titolo: The Returned
Autore: Jason Mott
Editore: Harlequin Mondadori
Prezzo: € 16,00
Numero di pagine: 336
Sinossi: Per Harold e Lucilie Hargrave la vita è stata felice e amara allo stesso tempo, da quando hanno perso il figlio Jacob il giorno del suo ottavo compleanno, nel 1966. In tutti questi anni, si sono adattati a una vita tranquilla, senza di lui, lasciando che il tempo alleviasse il dolore... Finché un giorno Jacob, il loro dolce, prezioso bambino, misteriosamente, ricompare alla loro porta, in carne e ossa. E ha ancora otto anni. Qualcosa di strano sta succedendo... i morti stanno tornando dall'aldilà. Mentre il caos rischia di travolgere il mondo intero, la famiglia Hargrave di nuovo riunita si ritrova al centro di una comunità sull'orlo del collasso, costretta a fare i conti con una realtà nuova quanto misteriosa e con un conflitto che minaccia di sovvertire il significato stesso di genere umano.
                                   La recensione
Alcune persone chiudono le porte del loro cuore quando perdono qualcuno. Altre tengono porte e finestre aperte, lasciando che i ricordi e l'amore vi passino liberamente. E forse era così che doveva succedere. Stava succedendo lo stesso in tutto il mondo.” The Returned racconta la storia di uno, due... mille ritorni. Ritorni di aspiranti Ulisse che, in cerca della strada per arrivare dalle loro amate e personali Penelope, hanno attraversato mari, cieli, pericoli: l'intero aldilà. Sono ritornati dal regno dei morti con ricordi nebbiosi, corpi perfettamente intatti, menti lucide nelle quali, scolpita indelebilmente, c'era l'immagine della loro casa perduta. Il romanzo di esordio di Jason Mott è il post Warm Bodies, il post Pet Sematary: una toccante, dolorosa, originale e romantica testimonianza post mortem. Mostra, sin dall'accattivante incipit, un mondo improvvisamente sovrappopolato, in cui i morti – abbandonati i loro vecchi e polverosi giacigli – camminano insieme a noi. Al nostro fianco. Quando non ci sarà più posto all'inferno, i morti cammineranno sulla terra: così recitava la frase promozionale dell'horror ormai cult diretto dal leggendario George A. Romero. Lui, in quella celebre pellicola del 1978, parlava di zombi; parlava di sangue, morte, malvagità. Di creature sputate dalla gola rovente e catramosa dell'inferno. La cosa sorprendente di The Returned è il sapere scavalcare abilmente il cliché per eccellenza, pur partendo da punti di partenza piuttosto simili, nelle linee generali. Inizialmente, pieno di entusiasmo, avevo avuto l'impressione che il romanzo di Mott fosse una sceneggiatura perfetta per un film perfetto. Era, almeno nella prima parte, uno di quei libri che non riesci a poggiare sul comodino senza aver prima conosciuto la fine della storia. Pieno di inquietudine, rabbia sommessa, sussurri e bisbigli che, alla resa dei conti, dicono cosa, esattamente? Parole d'amore. Nessuna paura, nessun timore. Ma c'è il pericolo costante, c'è la violenza dell'uomo, c'è il dubbio, onnipresente come un chiodo fisso. La storia si apre con il risveglio di Jacob, otto anni. Confuso e disorientato, si sveglia in un posto che non conosce, tra genti che parlano lingue esotiche e misteriose, accanto a un fiume molto simile a quello che vide, cinquant'anni addietro, prima di chiudere per l'ultima volta gli occhi. Durante il suo lungo sonno ininterrotto, tante cose sono cambiate: Jacob sa che non bisogna più aver paura del colore della pelle dell'omaccione gentile che lo sta per riportare a casa; sa che i Redivivi affollano il mondo, sfidando ogni equilibrio naturale; sa che i suoi genitori temono e sognano di riabbracciarlo ancora, dopo mezzo secolo di lontananza. Harold e Lucille Hargrave, però, non sono più la coppia giovane e briosa di una volta: sono vecchi, stanchi di vivere e di litigare tra loro, spossati e dilaniati dentro dal più grande dei lutti.
Loro, insieme a comprimari particolarmente riusciti, sono personaggi assolutamente meravigliosi, con il loro fare burbero, la falsa saggezza portata dalla vecchiaia, gli occhi opachi per la miopia e le inevitabili lacrime. Mettono in dubbio tanto, tutto, a quasi settant'anni: scoprono, infatti, una grande verità. Dio, se c'è, non ha tutte le risposte.
Sono figure composte da piccoli tasselli, e che vivono di piccole cose. E le piccole cose, come direbbe l'anziana e accorta protagonista, sono importantissime. Vivono ad Arcadia, una città in cui tutti si conoscono e in cui tutti, alla lontana, sono imparentati tra di loro; un posto lontano dal mondo, ma non dai meccanismi di uno strano e contorto cambiamento epocale. Vicini alle Sacre Scritture e ai sermoni domenicali, tutti, o quasi, reputano i Redivivi creature del male: Arcadia – insieme al resto del mondo – sta vivendo, infatti, una tragica storia da Antico Testamento. Lazzaro e i suoi figli mai nati sono usciti dal loro sepolcro. Eppure, nonostante la diffidenza, tutti hanno qualcuno da aspettare: aggiungono un posto in più a tavola, tirano la casa a lucido, spolverano il vecchio pianoforte del nonno di turno o il quadro di mamma e papà. La vecchia Lucille ha avuto una vita monotona e tormentata, passata ad addormentarsi in poltrona e a svegliarsi in un ricordo felice di un passato felice, insieme a un bambino brillante e vivace che – con i suoi fortini fatti di giocattoli – da grande sarebbe sicuramente diventato un onesto e ricco architetto. Insieme ai sogni, ci sono anche gli incubi, però: un'altalena vuota che il vento fa cigolare, un nascondiglio da cui non esce più nessun bambino sorridente, un fiume troppo profondo per un bagno benedetto dal sole del 15 Agosto. Il suo, il loro Jacob ritorna, e il suo ritorno è, a tratti, sinistro. A seguirlo, però, non è il tanfo della morte e i suoi occhi dolcissimi non sono destinati a decomporsi barbaramente da un secondo all'altro. E' bello, felice ed è vivo come lo era cinquant'anni prima; non inquietante, solo immensamente tenero e delicato. 
Lo sa sua madre, lo sa suo padre: un uomo duro, cinico e diffidente, che gira sempre con una croce tutta rovinata in tasca, ma che non può dimenticare il naturale, puro amore per il sangue del suo sangue. Imparerà a volere bene ancora – a una moglie splendida e splendidamente irritante e ad un dolce bambino non morto – durante una forzata prigionia nella vecchia scuola elementare di Arcadia: il luogo in cui gente ignorante e divorata dai pregiudizi ha chiuso crudelemente coloro che sono tornati in vita. Un triste e sporco campo di concentramento, alimentato da commoventi storie e ricordi sbiaditi che, forti, si levano al di là del filo spinato e oltre le armi dei soldati. Onirico, intenso, appassionato e credibile, The Returned è un romanzo strano e sfuggente, che si avvale di uno stile maturo e fluido – ho pensato a Stephen King e al Carsten Stroud di Niceville: pensate un po' - e di una sicurezza unica nell'ambito del crossover. Raffinatissimo. Intimista, complicato e sfuggente, lentamente imbocca una nuova strada – meno entusiasmante, o forse solo meno commerciale – e, sempre lentamente, ti imbriglia nelle sue domande senza risposta apparente, nella sua prosa d'altri tempi, nei suoi sentimenti viscerali che ti strizzano tutto quanto come una spugna. Lascia domande, non dà risposte. Eppure domande senza risposta non lo saranno mai per davvero: tocca a noi cercarle. Svegliarci, alzarci sulle nostre gambe e trovare tutte le infinite, sfuggenti e mutevoli risposte possibili. Lascia con sentimenti poco chiari, vero. Ma con una sensazione, allo stesso tempo, che, insieme ai brividi, striscia sulla nostra pelle: sulla nostra scorza dura di genitori, figli, lettori, esseri umani. All'inizio mi piaceva moltissimo, poi mi ha deluso, prendendo una strada tutta sua. Però ho capito che era quella la strada giusta, anche se lungo il percorso non ho trovato scritte – su un segnale stradale o su una corteccia d'albero – le risposte che sempre vado cercando. La ABC, immediatamente, si è ispirata al materiale di Jason Mott per un serial televisivo, dal titolo Resurrection. Il trailer (qui) mostra sequenze identiche, perfette. Ma i sentimenti? Non si sfilacceranno come un gomitolo di lana rossa, tra un episodio e l'altro? Tutta la verità è scritta nelle ultimissime pagine, nella toccante nota dell'autore: The Returned è un libro sul perdono: un libro per perdonarsi, per pareggiare i conti in sospeso; scritto più per sé stessi che per gli altri. Lo vedo fuori posto. Nella collana Harlequin, in TV, sullo scaffale dedicato al paranormal. E' un qualcosa di estremamente personale, ma sono felice come un bambino: l'autore è stato così generoso, infatti, da voler condividere questa sua visione ad occhi aperti con noi. Già la copertina, con quel bambino biondo a testa in giù, doveva farmi pensare a un altro libro altrettanto strano, altrettanto “fuori”: L'età dei miracoli. Dove la fantascienza diventava un'ottima scusa – la migliore - per parlare esclusivamente di noi stessi.
Il mio voto: ★★★★
Il mio consiglio musicale: Asaf Avidan – Reckoning Song (One Day)

34 commenti:

  1. Ti consiglio la serie televisiva francese Les Revenants: la trama è praticamente la stessa (un paesino dove i morti cominciano a tornare e cercano di riprendere da dove hanno lasciato), ed è veramente notevole sia dal punto di vista dei sentimenti dei personaggi che dal lato mistero :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho il pilot da mesi sul pc, Katerina: seguirò il tuo consiglio :))

      Elimina
    2. les revenants è da non perdere assolutamente!

      Elimina
  2. Ce l'ho in lettura proprio adesso..però non ho resistito alla recensione e dovevo vedere se ti era piaciuto o meno..bene, sono contenta adesso, anche perchè sono ancora all' inizio e non riesco perfettamente a inquadrarlo, non sembra il paranormal "classico" e questo mi incuriosisce molto..proseguiamo nella lettura ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passerò a leggere, in definitiva, come l'hai trovato :)

      Elimina
  3. Bellissima recensione Mik! È il mio prossimo libro da leggere, spero tabto che riesca a catturarmi!! *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero anch'io. E grazie mille, Frannie!

      Elimina
  4. Splendida recensione che mi trova perfettamente d'accordo. Condivido in pieno anche l'accostamento a King e le tue considerazioni finali circa la collocazione di questo romanzo (difficilmente etichettabile in realtà) e la trasposizione cintematografica. Quest'ultima mi incuriosisce tanto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me, Miriam. Giudicheremo insieme!

      Elimina
  5. Uh uh, lo devo avere. E' un libro che mi perseguita *_*
    La recensione mi è piaciuta molto e spero di avere questo libro tra le mani il più presto possibile. Mi dispiace ma non ho nemmeno premuto play riguardo alla canzone. Mi da il voltastomaco scusa =(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura, claudina? Io la adoro troppo, ma esclusivamente nella versione acustica: a Sanremo 2013, se non sbaglio, il cantante mi ha messo i brividi.

      Elimina
  6. Devo dire che mi hai incuriosita! Soprattutto riguardo al finale XD poi va beh il libro di per sé ha una trama che mi affascina troppo :3
    Di sicuro sarà tra le mie prossime letture e da brava telefilm addicted guarderò la serie di sicuro :D

    RispondiElimina
  7. Ho subito pensato all'Età dei Miracoli, romanzo che tra l'altro mi era piaciuto molto, quindi se l'autore ha voluto usare i redivivi per fare riflessioni intimistiche non posso che appoggiare questa scelta. Spero non mi deluda. Soprattutto nel finale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono curioso di sapere cosa ne pensi, Silvia. E io aspetto un nuovo romanzo dell'autrice di L'età dei Miracoli: ci spero troppo :)

      Elimina
  8. Voglio sia il libro che il telefilm, mi intriga molto...e poi mi piacciono queste storie piene di sentimento in stile Warm bodies (Dio quanto l'ho amato)...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io, Dean. Un po' meno il film che, per quanto carino, non lascia tanto.

      Elimina
  9. ma com'è che stanno parlando tutti di questo romanzo?
    siete stati pagati oppure vale davvero la pena leggerlo? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma magari, Marco! Mollerei tutto e farei solo quello :P
      E' che, gira e rigira, la casa editrice ha inviato la scheda (o il romanzo stesso) a molti blog letterari come il mio. Poi Novembre è stato un mese un po' povero di uscite: meglio per i miei soldi!

      Elimina
  10. E' la prima recensione che leggo di The Returned complimenti, veramente! Ero già molto curiosa appena seppi della sua uscita, l'altro giorno l'ho visto in libreria, ero molto tentata di penderlo subito, ma ho aspettato. Ora però sono sicura che prima o poi finirà tra gli acquisti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Cristina, e benvenuta, se non te l'ho già detto :))

      Elimina
  11. Tornerò a leggerla non appena avrò finito la lettura ^^

    RispondiElimina
  12. Lo sto leggendo anche io! Sono più o meno a metà e la prima parte l'ho praticamente divorata...ora sono in fase di stallo...spero di finirlo questo fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comprendo. Anche a me, all'inizio, la seconda parte ha lasciato un po'... così. Spero che ti piaccia ugualmente, nonostante la diversità con gli inizi!

      Elimina
  13. Io l'ho appena letto e mi è piaciuto tantissimo... In effetti hai ragione, è talmente particolare e unico che è difficile dargli una collocazione ^^ Non vedo l'ora di guardare il telefilm per scoprire se gli hanno reso giustizia. Cone sempre bellissima recensione :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Lo. Contento che ti sia piaciuto ^^

      Elimina
  14. Sono lieta di sentire che ti sia piaciuto, Mik! ^^ Io ho letto i tre mini-prequel e, sinceramente, li ho trovati un po' bruttini (patetici in alcuni punti, semplicemente banali in altri, nonostante l'ottima premessa originale). Stavo cominciando a titubare sull'acquisto del libro vero e proprio... riprenderò la cosa in considerazione! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io quelli non li ho letti! Non ti so dire :(

      Elimina
  15. L'ho snobbato a causa di tutto il parlare che ne facevano, ma appena mi sono informaa un po' ne sono rimasta colpita. Da leggere :)

    RispondiElimina
  16. Sei proprio imperdonabile sai? Questo libro l'ho ignorato da sempre e nemmeno mi sfiorava l'idea di leggere la trama. Imperdonabile, ora mi tocca leggerlo u-u

    RispondiElimina
  17. Voglio evitare spoiler involontari quindi non leggo la recensione, ma appena finisco il libro recupero! A me sta piacendo parecchio, sto andando un po' a rilento ma mi attira.
    Ha quel misto tra giallo-non-giallo e libro-cronaca. Sembra sai quegli special che fanno in tv in cui dicono i fatti, le cose come stanno, di un qualcosa accaduto veramente? Non so se mi sono spiegata, ahah!
    Comunque, per ora me gusta! :3

    RispondiElimina