lunedì 5 novembre 2018

Ho scritto qualcosa, sono stato contattato da un editore, mi pubblicano (forse)


Scrivevo queste esatte parole. Ai fedeli degenti di Diario di una dipendenza, che hanno creduto
Purtroppo, nel mentre, al solito, non ci ho creduto io. Rischiando che le dediche in apertura andassero sprecate e che le mie storie, sotto silenzio, finissero nel cassetto della scrivania in cui tengo le foto di famiglia che non guardo più e un pacco di pastelli dalla punta ben temperata, ormai inservibili per chi, con l'inattività, ha dimenticato quanto gli piacesse disegnare da bambino. Ho rispolverato il tutto, in questi giorni, perché ho trovato infine il coraggio di fare una cosa molto poco da me: in cerca di salvezza dal pantano di un settembre bruttissimo, e forse lo avrete percepito fra le righe di qualche post, ho mandato in giro una cosa scritta qualche anno fa e presto messa da parte. È successo che qualcuno, a sorpresa, mi ha risposto nell'arco di un mese. Ho ricevuto un contratto editoriale, una chiamata a casa con il prefisso di Milano, una data che cadrà proprio il prossimo lunedì. La vita, sarò sincero, mi ha preso in contropiede. Neanche il tempo di riuscire a domandarmi tra me e me: in cosa mi sono imbarcato proprio adesso, con gli ultimi esami, la tesi magistrale, un alloggio da fuori sede per le mani? Ho accolto la notizia con un misto familiare di orgoglio e paura. Nel momento più giusto e sbagliato dell'anno. Al pensiero che quel treno, poi, sarebbe passato oltre. Ho scritto un romanzo un po' sui quaderni a righe del liceo classico, un po' all'università. Bookabook mi ha dato il via libera. Mi pubblicano (forse).

Bookabook e il crowdfounding
In una parentesi tonda, eccola lì: l'incertezza. Perché la proposta di pubblicazione non è il traguardo, questa volta, ma il punto di partenza. Bookabook, editore indipendente giovane ma dalle idee brillanti, lascia che la parola decisiva spetti ai lettori. Dopo la regolare selezione, infatti, finirò in prevendita nella data pattuita: sul loro sito troverete a breve una sinossi, una breve nota biografica, un'immagine promozionare ancora da definire e, soprattutto, venti pagine da sfogliare in anteprima. Parleranno i numeri, parlerà chi mi acquista. Per quale motivo arrischiarsi a pubblicare un romanzo che nessuno vorrà leggere, se l'editoria è satura di novità e di pessimi investimenti? Dal 12 novembre sarò allora in prevendita, in versione cartacea (€ 16,00) e in ebook (€ 5,99). Limpidissimi, i ragazzi della Bookabook mi ospiteranno sul loro sito per cento giorni, fino alla chiusura della campagna: cosa avrò raccolto nel mentre? Si spera, abbastanza lettori – minimo 250, che pochi non sono – per andare avanti nel mio percorso: essere seguito da un editor, pubblicato, distribuito nelle librerie fisiche e virtuali. Cosa succede se il goal delle campagna di crowdfounding non dovesse essere raggiunto? I diritti del romanzo torneranno miei, il denaro delle prevendite sarà restituito agli acquirenti e, al di sopra delle 60 copie vendute, pur non essendoci chance di pubblicazione, l'editore si impegnerà comunque a far ricevere copie limitate e corrette ai lettori di buona volontà che, a scatola chiusa, si son fidati di me. Non vi nascondo che, giacché timidissimo, pessimo a vendermi, più abituato a parlare delle cose altrui che delle mie, il gradino da superare mi pietrifica. Cosa ho da perdere, d'altra parte? Me lo domando da giorni, e così facendo mi faccio forza. Qualcosa bolle in pentola, vero, ma a un passo da Halloween ho avuto paura a sollevare il coperchio. 
Mi guardo intorno – vi leggo, vi vedo – e mi rassicuro già. Mi butto (lo prometto: non via).

I passi da fare
Non ho intenzione alcuna di snaturare il mio blog, in cui continuerò a parlare di cinema, serie TV e romanzi con cadenza regolare – non del mio, tranquilli! Non voglio darmi allo spam selvaggio, né costringervi a post a tavolino o a blog tour in nome di una lunga conoscenza. Non vi annoierò: liberissimi, anzi, di essere interessati ai miei post e non al resto. Come si fa a consigliare spassionatamente, tra l'altro, un romanzo ancora in forse? Qualcosa che c'è e non c'è al tempo stesso? Un gatto di Schrodinger? Devo chiarirmi le idee: cerco consigli spassionati e un po' di pubblicità, che non guasta. Oggi stesso scriverò all'editore – a tal proposito ringrazio pubblicamente la redazione, e in particolare Chiara, che perora instancabilmente la mia causa e risponde senza batter ciglio alle mie domande più stupide – e spero di potere inviare a coloro che lo vorranno il banner, la sinossi ufficiale e un estratto per un'anteprima a tema. Poco ma sicuro, venerdì mattina sarò ospite sul blog Pensieri Cannibali per parlarvene un po' attraverso una speciale playlist.

Il romanzo: Malanotte
In questi giorni l'ho sfogliato di nuovo, sapete? La rilegatura scricchiolava, talmente tanto era il tempo passato dall'ultima volta. Maestro nell'autodemolirmi, così come avevo cercato invano l'inghippo in un contratto oggettivamente inappuntabile, volevo convincermi che i miei personaggi, la mia storia, non mi parlassero più. Invece sono cresciuto, sono cambiato, ma a sorpresa non ho smesso di volere loro bene. Ho un difetto, infatti: mi affeziono a tutto quel che faccio, anche se mi dicono spesso che non dovrei. E così mi sono scoperto affezionato ancora a loro, che mi hanno fatto compagnia durante l'ultimo tratto dell'adolescenza e nei pensieri dei quali, ormai ventiquattrenne, potrò rispecchiarmi ancora per poco. Ci vuole un'età per tutto, credo: certamente per essere credibili. Ci vuole un foglio volante che tenga traccia di chi e come sono stato: l'adolescenza, per quanto atipica sia stata, penso vada tenuta stretta. Era nato così Malanotte (che per ragioni editoriali molto probabilmente avrà un sottotitolo). Per dire che alcune città alla Stephen King di giorno possono sembrare rassicuranti, ma la notte qualcosa cambia nell'ululato del vento. Per dire che se hai sedici anni, gli occhiali a fondo di bottiglia, i denti storti e mille piccole manie certe notti possono sembrare cattive da morire. Per dire, soprattutto, qualcos'altro. 
Se non hai il physique du rôle, nella migliore delle ipotesi, altrove ti ridurrebbero infatti a una spalla comica; a un figurante anonimo che non ha diritto strada facendo a qualche colpo di testa o di cuore. Qui, invece, ti ritrovi tuo malgrado voce narrante e protagonista assoluto: puoi risolvere all'occorrenza il giallo di macabri omicidi rituali, innamorarti dell'ultima arrivata in città mentre in un cinema d'essai guardate Cantando sotto la pioggia, avere finalmente voce in capitolo. A partire dalla settimana prossima, a tal proposito, potrete avere voce in capitolo anche voi, che ringraziavo già in quella dedica programmatica. Miei sostenitori sulla fiducia, spero, capaci di farmi credere nei miracoli della lettura e in com'è che gira il mondo ancor prima che aprissi bocca. Per questo e per altro, per questi sei anni e mezzo di blog ad esempio, già grazie.

50 commenti:

  1. Sono molto felice per te. Il tuo modo di scrivere mi piace molto e sono curiosa di leggere le prime pagine per farmi un'idea di questo libro che sembra promettente. Buona fortuna per tutto!

    P.s. Se vuoi sono felice di ospitare un banner.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ciao! Se e quando vorrai, perdona il ritardo, troverai il banner nel post di oggi. Spero ti piaccia: anzi, ti piacciano.

      Elimina
  2. Qualcosa di bello bolle in pentola! E' una sfida, e fa paura. Ti capisco, oh come ti capisco, ma sono felice tu ti sia "buttato". Meglio non avere rimpianti e provarci. Io ti seguirò! Felice per te :) In bocca al lupo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Viva il lupo, Tessa.
      E sperando che in pentola non resti solo qualcosa di bruciacchiato sul fondo!

      Elimina
  3. Complimenti! In bocca al lupo spero che il tuo scritto abbia la visibilità che merita! Mai dire mai nella vita...
    Rosa

    RispondiElimina
  4. Grande! Ti sosterremo e accoglieremo con affetto e cura. Tu sai che le parole, e le storie, sono importanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Onoratissimo della visita. Qualcosa mi dice che potrebbe piacervi, o così mi racconto.

      Elimina
  5. Non c'è mai un momento specifico, le cose belle quando arrivano lo fanno senza preavviso, ti sconvolgono, ci vuole tempo per assimilarle. Ti meriti tutto il bello di questa nuova esperienza, ti sosterrò e sono sicura che come me lo faranno in tanti. Quando avrai il materiale pubblicitario contattami! Complimenti ancora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti scrivo presto, cara Nunzia, e grazie di tutto.

      Elimina
  6. Wow Michele. Fantastico. Non so se in questo caso si facciano i complimenti, gli auguri, in bocca al lupo grazie. Io faccio il tifo per te. Vado a vedere, io ci sarò. smack

    RispondiElimina
  7. Grande! Felice per te e sicura che i lettori sapranno apprezzarti!!! <3 <3 <3
    Onorata di averlo saputo ben prima di questo post! ;)

    RispondiElimina
  8. Ciao ma che bella notizia, intanto congratulazioni!! Anch'io sono super timida, ma ti dico: buttati!! Se non altro sarà una bellissima esperienza :-) vado subito a curiosare sul sito di Bookabook ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimmi cosa ne pensi, Chiara. Hanno un catalogo bello e vario, indipendentemente da come andrà con me. Va detto. 😬

      Elimina
  9. Sono contenta per te. In bocca al lupo e vedrai che, alla peggio, sarà un'esperienza importante :D
    Nel frattempo, complimenti vivissimi ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione. O mezzo pieno, o mezzo vuoto, l'importante è che il bicchiere non sia rotto. Di tagliarmi irrimediabilmente, credo, non c'è rischio.

      Elimina
  10. Complimenti, sono molto felice per te!😊 Se vuoi contattarmi, ti faccio pubblicità molto volentieri pubblicando il banner, la sinossi e l'anteprima!

    RispondiElimina
  11. Finalmente Milo ha trovato casa ❤

    RispondiElimina
  12. E' una bellissima notizia! Congratulazioni!
    Sono molto curiosa, non vedo l'ora di saperne di più :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualcosa in questi giorni si muoverà. Spero ti colga ugualmente curiosa. 😘

      Elimina
  13. Sono davvero contenta per te, congratulazioni! :)
    So che a volte lo stile cambia a seconda di quello che si scrive, ma anche solo leggere i tuoi post "normali" mi fa capire che il libro sarà allo stesso livello - se non superiore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, lo stile cambia e con lo stile si gioca. La sfida più grande, a stesura ultimata, è stata uniformarlo. Ci darò riuscito, soprattutto per amore di quel finale scritto di getto dopo tanto tentennare?

      Elimina
  14. Complimentissimi! Hai fatto strabene a buttarti in questa avventura, ti auguro che il tuo libro riceva gli apprezzamenti che sicuramente merita :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Apprezzamenti o meno, giuro, l'importante è farlo leggere a coloro che vorranno. Glielo devo, soprattutto se voglio andare avanti. 😊

      Elimina
  15. Oh, una novità davvero bellissima che condividerò e supporterò senza alcun dubbio! Già il titolo -per non parlare della sinossi- mi piacciono un sacco :)
    Che dire, complimenti, aspetto altre notizie e dritte per chi come me nella rete si perde, ma soprattutto aspetto di leggerti per davvero.
    Che bella notizia in questa giornata -diciamo pure periodo- di pioggia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra i commenti più belli, il tuo. Perché non l'ho letto prima, ché anche qui piove - metaforicamente almeno? 😊

      Elimina
  16. Già sai. ♥ Certissima che questa creatura di carta vedrà presto la luce. :)

    RispondiElimina
  17. A congratulazioni 💙💙💙 È una notizia meravigliosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confido che gli sprazzi horror in abbondanza ti attirino!

      Elimina
  18. Forza ! Ne hai ; e anche talento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore. Spero bastino questa volta.

      Elimina
  19. Ciao! Non scrivo spesso un commento ai post, lo ammetto, ma seguo il tuo blog da anni e volevo dirti: complimenti!
    Conosco Bookabook, una ragazza di un corso di editoria che ho fatto stava per pubblicare (in libreria, avendo già passato i primi step) con loro. Penso che sia una formula innovativa, non così senza senso come ho sentito dire, perché nel marasma di libri che ci sono oggi capisco sia l'editore che vuole una pubblicazione sicura, sia il lettore, cui fa piacere essere coinvolto in questo modo.
    Quindi niente, non vedo l'ora di leggere l'inizio di questo romanzo che hai scritto, e nel caso prenotarlo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non perché sono chiamato in causa, giuro, ma io la trovo tutt'altro che senza senso. L'editoria sta cambiando e per me Bookabook sta anticipando i tempi. Ottima occasione per gli esordienti che non possono permettersi un agente, la fama immediata, il manoscritto giusto sulla scrivania giusta nel giorno giusto. 😀

      Elimina
  20. Ottimo, fa piacere leggere qualcuno che ce l'ha fatta. Io sto provando a pubblicare il mio libro da quasi due anni, ma non riesco a trovare una cada editrice che mi aiuti. In bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova qui. La cosa bella è che in caso positivo o negativo, una email di risposta è comunque assicurata. E non è poco, tra silenzi e porte in faccia.

      Elimina
  21. io sono una dei 250. Te lo dico già!

    RispondiElimina
  22. "In cosa mi sono imbarcato proprio adesso, con gli ultimi esami, la tesi magistrale, un alloggio da fuori sede per le mani?" scrivi tu ed io ti rispondo afferra il treno che passa, salici con forza e determinazione, fatti largo tra i passeggeri e siediti al tuo posto, te lo meriti! Congratulazioni, io tifo per te! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Anna.
      E ti scrivo in diretta da un mezzo pubblico strapieno in cui, tuttavia, ho trovato un posticino a sedere. Prendiamolo per un buon segno!

      Elimina
  23. Io pure ci sono e segno il 12 novembre in agenda. Lea

    RispondiElimina
  24. Bellissima notizia! Io leggo sempre con vero piacere le tue recensioni e già pregusto la lettura di "Malanotte". Sarò sicuramente tra i tuoi sostenitori. Con il tuo talento sarà un successo. In bocca al lupo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, saprai che la stima è reciproca. ☺️

      Elimina
  25. Come ti dicevo anche in pagina, faccio assolutamente il tifo per te! Sicuramente preordinerò! Nel frattempo, dita incrociate :D
    E se avessi bisogno di qualcosa (anche tramite il mio angolino) non farti problemi a chiedere ^.^

    RispondiElimina