mercoledì 17 febbraio 2016

Mr. Ciak - And the Oscar goes to: Room, Il caso Spotlight

Miglior film, Regia, Attrice, Sceneggiatura non originale
Una mamma prigioniera, un figlio che non ha mai visto l'esterno. Dopo la fuga, il miracolo impensato di una seconda infanzia per il piccolo Jack - tra i narratori più dolci in cui mi sia mai imbattuto – e anche per noi lettori. A volte, troppo presi dal resto per accorgerci di quanto sia azzurro il cielo e di quanto grande, ma spaventoso sia invece il mondo. Là fuori, piccoli principi - sui loro pianeti a forma di capanno degli attrezzi - e orchi famelici. Mi era piaciuto raccontarvelo come una fiaba, a parole mie. Un ricordo per un ricordo, scambio equo, e una panoramica personalissima su undici metri che racchiudevano tutto l'amore e tutta la speranza di questa nostra folle umanità. Nella Stanza, c'è però chi ci ritorna. Ho letto il bestseller di Emma Donoghue a dicembre e l'ho incoronato senza doverci pensare su romanzo dell'anno; dalla mia palla di vetro, da petto e stomaco che scalpitavano all'unisono, vi avevo anticipato la sua necessaria presenza alla notte degli Oscar, dopo la calorosa accoglienza a Roma e il premio alla migliore attrice protagonista ai Golden Globes. Lo avevo letto in cerca del meglio – sull'innocente Jack, così minuto eppure così forte, il fardello di un triste inizio e delle mie aspettative astronomiche – e, di lì a poco, avrei visto la trasposizione cinematografica a cura di Lenny Abrahmson, già autore del dissacrante Frank, con simile ansia. Se Revenant era un'americanata senza fantasia e Brooklyn una commedia retrò dallo scarso mordente, in Room cercavo la potenza e l'originalità di cui il cinema indie è naturalmente capace. Il miglior film della competizione, o almeno il mio - amante, al contrario dell'Academy, del cinema di nicchia, più della sostanza che della forma e di emozioni che, nel tempo, non ti tradiranno. Room, rimaneggiato, è altrettanto struggente e trasognato. Una trasposizione rispettosa e calzante di un racconto che si articola in due parti: la vita dentro, sotto chiave, e l'avventuosa conquista del fuori. Ma dove si sta meglio e dov'è più facile volersi bene? Per vivere in questo mondo, ci vogliono gli occhiali scuri, la crema solare, un cappello a forma di orso per ripararsi da una pioggia scrosciante che no, non ci affogherà. Bisogna farsi gli anticorpi, contro l'insensata crudeltà del prossimo. Allo spettatore, invece, per sopportarla – la vicenda infatti sconvolge, ma i toni sono quelli delicatissimi in cui confidavo sin dall'inizio - basta guardare gli occhi blu dello straordinario Jacob Tremblay, grandi e stupiti, mentre contempla un cielo di un colore sconosciuto, ritagliato tra i fili del telefono, i rami secchi, la ruggine del pick up del padre assassino. Ancora in cattività, ma presto libera, una intensa Brie Larson: la notevole somiglianza fisica, la confidenza e l'intimità di un piccolo set, di una piccola stanza, rendono i due attori metà combacianti e parenti di sangue. Lui, ancora più di lei, è un ometto da applausi: inspiegabile la sua mancata candidatura. E Leo, al posto tuo, avrei avuto paura del prodigioso Jacob. Si sorride, inteneriti. Si piangono fiumi di lacrime, ma sono sincere, e scorrono più per le cose belle che per quelle brutte. E nel dramma madre-figlio di Abrahmson, nonostante la rabbia e il disgusto, c'è davvero tanto per cui gioire: l'amore non ha confini, la stanza è un buco arredato alla bell'e meglio, ma il film del regista irlandese sa essere immenso. Ciao Ma', sii forte, e ciao Jack, di mezza spanna già più alto. Sapete che in sala sta per passare una perla tutta schegge e speranze che parla niente meno che di voi? Arriverci Letto, arrivederci Armadio, arrivederci Specchio; a tutti, addio. Anche a te, cuore, che ormai dici di voler restartene lì, per un altro po'. (8,5)

6 Nominations 
Siamo negli anni ottanta e, in una commissariato di Boston, c'è una mamma interrogata, insieme al figlio. Il bambino è stato molestato - e da chi, all'epoca, non ti saresti aspettato mai. Il suo aguzzino indossava l'abito talare. Ma il crimine non poteva essere denunciato: si seppelliva la verità sotto mucchi e mucchi di sabbia, se poteva creare scandali mediatici. Per il sacerdote, il minimo indispensabile della pena: il trasferimento presso un'altra parrocchia. E lì, come riveleranno i coraggiosi giornalisti del Globe, altre vittime innocenti, altri occhi chiusi, altre menzogne. Sono trascorsi quasi vent'anni e siamo precisamente agli inizi del nuovo millennio, quando nella redazione di un quotidiano locale arrivano un nuovo direttore e, dal passato, uno scoop. All'incirca, le statistiche dimostrano che il sei percento dei sacerdoti, almeno una volta, ha abusato di un loro piccolo parrocchiano: un chirichetto, il bambino più timido che frequenta il gruppo del catechismo, un fragile dodicenne che ha confessato al parroco gli ingenui sospetti sulla propria omosessualità... Fatte le debite proporzioni, nel capoluogo del Massachussets dovrebbero essere quasi novanta i preti tacciati di pedofilia. Invece, risultavano dieci scarsi quelli implicati in lunghi casi giudiziari che si erano conclusi o con l'omertà, o con un irrisorio risarcimento danni. E gli altri ottanta a piede libero, ma mai denunciati? Cos'era stato, soprattutto, di quei minori che per vergogna non avevano chiesto prima giustizia? Spotlight, presentato in anteprima a Venezia, premiatissimo e nominato nelle maggiori delle categorie, è un thriller che ruota intorno alle indagini di un manipolo di tenaci reporter statunitensi, invischiati in un caso che sfugge, disgusta, mette a dura prova i nervi. All'inizio, hanno pochi nomi e tanti nemici. L'indagine è circostritta e delicata. Da metà in poi, lo scandalo pedofilia supererà i confini nazionali e, nel mirino, il vicino di casa, il vecchio insegnante di religione, il Vaticano. E la Chiesa che, potente e corrotta associazione a delinquere, intima che si faccia al più presto silenzio. Tom McCarthy, ispirandosi a un'indagine Premio Pulitzer, scrive e dirige un film d'inchiesta che ha, dalla sua, insieme a una storia spinosa e quantomai attuale, un cast d'eccezione. Prevalgono la dimensione corale, la portata della notizia e la ricerca dei sopravvissuti al tocco ignobile di alcuni adulti, piuttosto che le singole storie dei giornalisti in azione. I riflettori saranno puntati, dunque, sui dati nudi e crudi e sui resoconti delle vittime, non su prove attoriali piene di discrezione, tatto e naturalezza – Keaton, Schreiber, Tucci e Crudup non sono meno soprendenti, infatti, del sempre grande Ruffalo e di un'anonima Rachel McAdams. Le vittime, bambini bisognosi e taciturni a cui un cattivo sacerdote, un orco, aveva rubato l'innocenza e, peggio, la Fede nel prossimo. Non ci sono religioni giuste o sbagliate, non c'è un Padreterno che vendica in questa vita – e nell'altra? - i torti subiti: la colpa, conferma il lucido e analitico McCarthy, è degli uomini. E lo fa con uno stile cronachistico, valido e incalzante, ma con il taglio di un documentario. Spotlight, percio, seppure fruibile e schietto, è un film d'inchiesta che ha riflessioni e dita puntate, ma non il guizzo. Incontrovertibile e ingiudicabile. Non la mia idea di miglior film, laddove l'attinenza ai fatti e il forte realismo lasciano da parte il piacere di una storia – vera o falsa che sia – raccontata con personalità, assieme ai non trascurabili benefici della quarta parete, qui assente. Ci perde Dio, sotto accusa. Ci perde l'essere umano, vile. E quando ci guadagna qualitativamente parlando il cinema, se trionfa la verità? (6,5)

23 commenti:

  1. Spotlight mi é piaciuto un sacco, come ho scritto da altre parti, proprio per l'essere giornalistico, cast eccezzionale, Room sono certa sia meraviglioso ma emotivanente al momento difficoltoso,aspetto un po'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io Spotlight l'ho trovato interessantissimo e mai noioso, a sorpresa, ma proprio non so dove collocarlo. Tutto così vero, tutto così accurato, che non mi è sembrato nemmeno cinema. Sta lì, mi dirai, la riuscita del film d'inchista... Sì, ma io non lo rivedrei mai.

      Elimina
  2. Di Room me ne hanno parlato bene un po' tutti, e da quanto leggo c'è anche la tua conferma. Quello che mi sorprende invece è il voto appena più che sufficiente dato a Spotlight.
    Sta di fatto che ancora devo vederli entrambi, chissà che effetto faranno a me. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spotlight è un compito ben fatto, ma che non mi ha impressionato nemmeno un po'. Sinceramente, non capisco perché piaccia così tanto.

      Elimina
  3. Room andrò a vederlo in anteprima a breve, spero proprio che soddisfi le mie aspettative altissime!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso proprio di sì, Gaia. Davvero splendido.

      Elimina
  4. Un bimbo vs. i preti pedofili. Sarò d'accordo con i tuoi giudizi?
    Nei prossimi giorni ne parlerò anch'io. Certo che gli Oscar si stanno avvicinando...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E pure gli esami, purtroppo.
      Secondo me, saremo d'accordissimo: troppo bello il primo, troppo asciutto il secondo.

      Elimina
  5. Room è lì che scalpita, ultimo della mia lista degli Oscar, dovrebbe trovare spazio nel weekend.
    Spotlight è uno di quei film necessari, che non fa applaudire per la forma -troppo asciutta, senza guizzi- ma per il contenuto, e visto il contenuto scottante e attuale, va bene così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lo avessi trovato tra i documentari, forse, il mio giudizio sarebbe stato diverso. Io sono legato al racconto, al cinema narrativo, quindi questo approccio tipicamente giornalistico - al contrario, invece, del tema - non mi ha impressionato. Per dirti, meglio Il dubbio o The Woodsman, sul tema, che oggettivamente è atroce: m'interessano prospettive diverse. :)

      Elimina
  6. Room assolutamente sì, ma prima vorrei leggere il libro. L'impressione che mi ha fatto il solo trailer di Spotlight è confermata dalla tua recensione. Posso guardarlo in tv.
    Un saluto da Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E recupera Room - libro e film, ma non necessariamente in quest'ordine -, Lea!

      Elimina
  7. Room ancora mi manca, di Spotlight parlerò nei prossimi giorni.
    Staremo a vedere. ;)

    RispondiElimina
  8. non vedo l'ora di vedere Spotlight, deve essere veramente appassionante

    RispondiElimina
  9. Ho intenzione di vedere sia Spotlight sia Room il più presto possibile -sto facendo una specie di maratona pre-Oscar- ed entrambi mi attirano molto. Spero di non rimanere delusa!
    p.s. alla fine ho visto Revenant e mi trovo abbastanza d'accordo con te! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, quest'anno, mi sono avviato con largo anticipo, a causa esami. Questi miei commenti, in realtà, hanno settimane e settimane di vita. :-D Fammi sapere!

      Elimina
  10. direi che il cinema, col caso spotlight, non ci guadagna davvero nulla. avevo il terrore, dato l'argomento, che si scegliesse un taglio morboso o esplicito ma non avrei mai immaginato che si eccedesse nel contrario. Hanno rappresentato un'inchiesta agghiacciante, attraverso una trama pulita come le camicie di Keaton. E se l'aver estromesso del tutto i bambini e la loro voce dal film mi ha permesso una fruizione serena della trama, dall'altro mi ha lasciato un grande interrogativo. Quale era, precisamente, lo scopo di questo film? Ruffalo, trafelato e d'assalto mi è piaciuto, ma è uno dei pochi, con Tucci, e, parlando di Oscar, mi sa che non lo prende. La cinquina è troppo competitiva, tra Bale, Hardy e Stallone-nostalgia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ruffalo lo adoro, ma quest'anno avrebbe meritato più la candidatura per la prova maiuscola in Infinitely Polar Bear. Lì, pazzesco. Qui, nella media. Lo scopo del film, forse, era quello di farci salire il nazismo verso la Chiesa, ma quello è salito di suo, con il tempo. Trumbo, purtroppo, è stato distribuito male male; Room esce a marzo, in super ritardo, quindi c'è speranza.

      Elimina
  11. Room è davvero un gioiellino, se dovessi esprimere un desiderio vorrei davvero che vincesse lui agli Oscar, alla faccia di quell'antipatico di Revenant. Ma purtroppo non succederà.
    Il caso Spotlight è molto valido, cinema asciutto e d'inchiesta, tutt'altro genere rispetto a Room. L'argomento, a mio avviso, era fin troppo delicato per infilarci anche una componente emotiva.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io tiferò con tutto me stesso per Room, ovviamente. L'unico film in gara ad avermi conquistato del tutto. Su Spotlight concordo con te, ma era una realtà già nota - tra telegiornali, reportage, articoli di denuncia. Allora lo scopo del film qual è? Come ti ho scritto, il clero lo avevo già in odio prima. ;)

      Elimina
  12. Ho visto Room e mi è piaciuto, poi ho letto la cronaca da cui è stato tratto il libro del film ed è terrificante. :'(
    Su Spotlight direi che siamo sulla stessa linea, tutto molto bello, ben raccontato, ma manca un po' il cinema, mi ha stupito la sua vittoria a miglior film!

    RispondiElimina