giovedì 19 giugno 2014

Mr Ciak #37: Maleficent, Across The Universe, Revolutionary Road

Ciao a tutti, amici! Vi scrivo da uomo libero. Ieri, ufficialmente, ho dato il terzo ed ultimo esame di giugno. Fortunatamente, ho chiuso il mese in bellezza: è stato piacevolissimo seguire quel corso, un po' meno studiare e leggere tre libri interi... in tre giorni. Immerso nel cantautorato italiano, nel beat, nella rivalità Beatles-Rolling Stones, in compagnia del fenomeno De Andrè e dei giovani vip del Piper, ho rivisto Across the universe, un musical perfetto ambienato ai tempi del flower power e della guerra in Vietnam. Dovrò rivederlo più spesso. Ormai sono in fissa. La colonna sonora, dopo anni, è ritornata sul mio iPod! Ennesimo filmone, Revolutionary Road, di cui avevo la recensione sul computer da una vita. Dopo cotanta bellezza, anche un film più recente, ma meno bello, decisamente: Maleficent. Apre il post giusto perchè è ancora nelle sale. Brutto non è, ma l'ho trovato trascurabilissimo: gran peccato. In fondo, brevi commenti sugli altri film visti. Ed alcuni sono carinissimi. A prestissimo, M.

Retelling rivolto quasi esclusivamente ai più piccoli. Lo attendevo, come fanno i bambini, ma aspettandomi qualcosa di adulto. Invece Maleficent mette una croce sulla storia della vecchia e amata villain di La bella addormentata e punta ad altri toni, scopi, colori. Tanti effetti visivi, zero ombre, bontà nascosta nei personaggi più crudeli in circolazione. Della Malefica del cartone restano il nome tenebroso, corna e mantello, la passione per le entrate trionfali. Gli autori ne fanno un personaggio tutto diverso, in una riscrittura educata, ma senza coraggio. In pieno stile Disney. Qualche siparietto comico, creature fantastiche animate al computer, una morale femminista vicinissima a quella dei recenti Brave e Frozen. Le principesse non hanno bisogno di principi azzurri, il bacio del vero amore ha una sfumatura diversa, il colpo di fulmine è un mito da sfatare. Il film è fatto di donne, ed è fatto di una superba Angelina Jolie dai profili perfetti e dal sorriso ammaliante. La sua Malefica mostra che cattivi non si nasce, si diventa. Impara, a sue spese, che l'amore è una bugia. E la scoperta fa male. E' uno strappo, una violenza fisica. Lascia la protagonista sola e senza ali. La nuova consapevolezza la schiaccia forte, a terra. La maledizione più famosa del mondo dell'infanzia scaturisce dal dispiacere di una donna innamorata che ha scoperto che l'anima gemella non esiste. C'è una scena precisa in cui il dramma della donna si percepisce in maniera forte: un risveglio traumatico e solitario, che è il destarsi da un metaforico stupro. La Jolie trasmette quello smarrimento: sa farlo. Peccato che gli autori abbiano voluto puntare ad altro. Quell'attimo perfetto di struggimento cede spazio a un piccolo incanto ad alto budget. La maledizione pronunciata non si può spezzare e quella bambina bionda s'incammina rapidamente verso i suoi sedici anni, un fuso, un sonno ininterrotto. Se l'amore non esiste, allora chi potrà destarla? L'ingresso nel castello è fortissismo. Ricalca con cura le orme del cartone originale e la Jolie ha di Malefica gli zigomi marcati, i gesti languidi, la voce suadente, l'abito scuro. Quel sorriso torvo poi si fa dolce. La sua freddezza diventa desiderio di maternità. E la vendetta personale di quella donna a cui l'amore ha tolto l'aria e la libertà, in poco più di novanta minuti, si fa fiaba. Avrei preferito una fiaba nera, ma non si può avere tutto. Delicata e imbambolata Elle Fanning, che si limita ad essere la principessa un po' leziosa dei cartoni. Parla con gli uccellini, sorride senza un perché, non canta giusto perché non vive in un musical. Le tre fate – divertite ma non per questo divertenti – le avrei fatte fuori con una spruzzata generosa di insetticida. Interessanti Sam Riley e il suo personaggio. Brenton Thwaites più inutile di Sam Claflin in Biancaneve e il Cacciatore – e io che credevo non fosse umanamente possibile! Penserò a questo Maleficent così: un libricino illustrato, solo in live action. Piacevole, pur applicandosi il minimo indispensabile. Poco. Tanto c'è sua grazia Angelina Jolie che regge quello che può essere retto. (5/6)

Mi sono accorto che parlo troppo. Eppure di alcuni film non parlo abbastanza. Di quello splendore assurdo che va sotto il nome di Across the universe non vi ho parlato mai. Ha sette anni e, ogni volta che lo rivedo, lo riscopro diverso. Più bello, pulito: più profondo. Così la cotta si rinnova. Mi concedo due ore in compagnia di certe canzoni intramontabili, dei fuochi d'artificio spettacolari di quel genio di Julie Taymor, di colori abbaglianti che si sposano e non c'entrano niente tra loro, e Across the universe mi si pianta nuovamente nella testa. Finisco per ricordarlo, canticchiarlo, ballarlo. Ci penso su per giorni. La canzoni d'amore più belle di tutti i tempi avevano un'altra storia da raccontare, quella di un ragazzo che, come, me “amava i Beatles e i Rolling Stones”. L'incontro, lo scontro, il magico mondo di Hey Jude e della sua Lucy in the sky with diamonds; i loro ideali, le loro guerre, i loro Paesi separati da un viaggio in nave senza ritorno. Non ci pensate mai, voi, ai protagonisti delle canzoni? A volte io ci penso, sapete? A che fanno, a chi erano, a se si incontravano tra le tracce dello stesso disco. Allora avevo12, 13 anni e sono state le loro stesse creature, i loro stessi capolavori, a farmeli conoscere. La musica dei Beatles mi ha fatto conoscere i Beatles. Parlava da sé, parlava di sé. Artefice di questo circo umano, sfarzoso e avveniristico, una regista americana che prende le immagini, le assembla e compone schegge di capolavori che non dimenticherai. Across the universe non è solo un musical del passato che viene, bussa, e ti parla del Vietnam con il linguaggio del futuro. E' poesia visiva. Visivamente straordinario, emotivamente esplosivo. Jude, vent'anni, arriva negli Stati Uniti su un mercantile, per conoscere il padre, fermamente convinto – con la sua arte, le sue passioni – che nulla cambierà il suo mondo. Nothing's gonna change my world. Invece, in una New York roboante e caotica, scopre l'amicizia di Max, l'amore di Lucy, il flower power e la bellezza di cantare una canzone tutti stesi in un prato, il fumo in spirali che sale e sale verso il cielo blu. Tra le nuvole, gli angeli, gli aerei da guerra. Sono tante le sequenze bellissime. La straziante “Let it be”, che una voce di donna arrabbiata intona al funerale di un bimbo nero in una bara bianca. L'onirico tuffo in mare di “Because”, quando i protagonisti si trasformano in sirene e il colore è quello delle luci al neon. Il mash-up pazzesco tra la nostalgica “Across the universe”, con i vagoni di una metropolitana mezza vuota, e la grintosa “Helter Skelter". La migliore: “Strawberry Fields Forever”. Una macchia rossa che sembra un frutto di stagione, un Pollock-macedonia, l'ombra minacciosa delle immagini di violenza in tivù, fragole che piombano come bombe nucleari. Posso solo descriverlo. Non posso dirvi com'è. L'unica chiave possibile è guardarlo. Psichedelico, coraggioso, originalissimo, mette in conto bagni di effetti visivi ma non scorda il cuore a casa. Al tempo, i giovani in rivolta davano fiori ai poliziotti; volevano che le pistole sparassero petali e che i corpi potessero fermare i carri armati. Si mettevano su palazzi di diecimila piani e, dall'alto, cantavano l'essenziale. Facevano voltare le ragazze per strada, facevano tornare l'anima gemella all'astronave madre, dicevano “All you need is love”. Gli attori sono performers dalle voci perfette. Jim Sturgess, al suo esordio, era un Jude delicato e fragile, magnifico; Evan Rachel Wood era e resta stupenda; Joe Anderson - una scoperta con la faccia di Jared Leto - dovrebbe comparire sugli schermi più spesso. Dana Fuchs è la gemella di Janis, Martin Luther il fratello di Hendrix. Ho la pelle d'oca. I peli delle braccia che si rizzano come gli aculei di un istrice. Devo stare da solo, quando lo guardo: lo so a memoria e, puntualmente, canto tutte le canzoni. E poi potrei commuovermi così, per inerzia, da una canzone all'altra. Da un momento all'altro. E' uno dei tanti esempi per cui il cinema mi piace. Impossibile non vederlo e dirsi però vorrei farne parte anch'io. Portare il caffè al cast, fare le fotocopie dei copioni, starmene in disparte e guardarli provare. Esserci mentre gli strani e imprevisti miracoli dello spettacolo accadono. (9)

Leonardo Di Caprio e Kate Winslet: ritornati insieme dopo dodici anni, e io che mi ero perso il loro ultimo incontro. Cosa era successo a Jack e Rose in quell'arco di tempo? Che ne era stato di loro, delle loro speranze, della loro tanto sognata America? In una versione alternativa della storia, in un film parallelo a quello di Cameron, loro ci erano arrivati. Erano arrivati insieme all'ombra della Statua della libertà, salvi dai relitti di una nave alla deriva che di indistruttibile non aveva nulla. Loro erano indistruttibili, loro erano innamorati. Sulla scialuppa, spazio anche per Jack. Una vita, di lì in poi, da costruire insieme. Revolutionary Road è il metaforico proseguimento della loro storia. E' il resto della vita che non hanno mai vissuto. Una vita difficile, anche per due che, come loro, si amano. A volte, però, l'amore non basta. Un paio di lustri, due figli e mari di sigarette spente dopo, sono diventati April e Frank Wheeler: coniugi perfetti in un perfetto quartiere che parla di rivoluzione. Una casa bianca con tanto di steccato, aiuole intorno, qualche amico fidato: un grembiule da cucina lei, una professionale ventiquattr'ore lui. Ruoli ben definiti, fissi, con la moglie che lava, stira, cucina e il marito che provvede, col suo faticoso lavoro, ad alimentare quella bella favola. Sopravvissuta al naufragio, anche Kathy Bates: solare, chiacchierona, querula. La fata madrina, quasi, di quel matrimonio (in)felice. Ma il destino è destino: una catastrofe chiama un'altra catastrofe. E un altro disastro è in agguato. Questa volta l'iceberg cresce in mezzo a loro e avvistarlo, anche se con la sua punta di ghiaccio solidissimo squarcia la tappezzeria, il divano, il soffitto del salotto, non è facile. Sam Mendes porta sullo schermo l'omonimo romanzo di Richard Yates: l'anti-Titanic. Impressionante la direzione del cast, stupenda la scelta degli attori protagonisti. Due ragazzi cresciuti nella stessa casa, ma non insieme. Sempre belli, sempre affiatati, ma innamorati non più. Questi Jack e Rose sono diventati il prodotto di quella cinica borghesia che, mezzo secolo prima, su una nave, voleva condannare il loro amore. E non c'è canzone di Celin Dion che possa farli ballare, nessun pericolo vitale che possa renderli vicini. Eppure sono gli stessi; eppure – ancora una volta – la sceneggiatura li vuole alle prese con un viaggio, ma inverso. Dall'America all'Europa. Un viaggio impossibile, ma a causa di tempeste che avvertono solo e soltanto loro. Loro e un pazzo, interpretato da un grande Michael Shannon, che vede e sente tutto. Di Caprio e la Winslet si confermano due interpreti magistrali, due degli attori più grandi della loro fortunata generazione. Glamour come un tempo, bravi ancor di più. Lui, con il viso da bambino di sempre, balla nei suoi completi troppo grandi: gioca al papà impegnato, ma è un gioco che non gli piace. Si vede dalle rughe minuscole sulla sua fronte liscia. Lei, più matura, materna, se lo strappa da sé a forza: saggia, adulta, affascinante anche con la ricrescita scura e i vestiti da casalinga disperata. Un drammone dall'amarissimo gusto teatrale, intriso d'amore avvelenato e rabbia, che attori monumentali, sfuriate sublimi e dialoghi realistici rendono bellissimo. Atrocemente bello. Un buon non-San-Valentino a me, e a voi. (8)
- Dal Messico, una commedia dolcissima e toccante. La storia non originalissima di un papà all'improvviso che, per quella bambina all'inizio indesiderata, diventa l'uomo più coraggioso della terra. Tema noto, intreccio che forse vuole osare un po' troppe cose. Serietà e slapstick si mischiano: Instructions not included diventa In fuga per tre, con cenni al realistico Kramer contro Kramer e le sporadiche animazioni di Tim Burton. Inaspettato il colpo di scena finale, che emoziona per la sua assoluta e assurda imprevedibilità. Un colpo al cuore. Bruttina la colonna sonora, che fa tanto telenovelas. Invece, buono il cast. Eugenio Derbez è simpaticissimo, la piccola Loreto Peralta incanta con i suoi occhi giganteschi e una certa somiglianza con la bella Kristen Bell. Imperfetto, straripante, lungo, ma consigliato. (3/5)
- Parentesi british con Notting Hill. L'ho sempre visto a tratti, ma mai fino alla fine per davvero. Non mi perdevo niente, devo dire. La prima parte è ottima, con bei siparietti comici e dialoghi brillanti, ma la seconda è bruttissima. Non "surreale, ma bella", bensì irritante. Bravo Hugh Grant, ma la Roberts la preferisco adesso, a quindici anni di distanza: invecchiata, migliorata, alle prese con drammi molto impegnativi. Esilarante il mitico Rhyf Ifans. Canzone cult: When you say nothing at all. (2/5)
- Il remake di un film horror di qualche decennio fa: Patrick. Che creatura strana che è. Oscilla tra scelte di estrema classe e scelte estremamente trash. La forte contrapposizione tra la fotografia scura e curatissima, la meravigliosa colonna sonora firmata dall'immortale Pino Donaggio e l'idiozia di alcune svolte lascia straniti, molto. Ha il fascino dei vecchi noir, ma elementi splatter e grotteschi che lo rendono una specie di "Attrazione Fatale" in salsa paranormal. Chi è Patrick? Il fratello di "Carrie", che di Satana - però - ha il sonno. Ironia nera, un pizzico di squallore, qualche morte fantasiosa, attori discreti. Ha un suo perché. (2,5/5)

46 commenti:

  1. Uhhh, io mi ricordo il vecchio Patrick, non sapevo avessero fatto il remake!
    Maleficent lo voglio vedere, ma ci hai dato un voto bassino T___T
    Notting Hill è una delle commedie meno riuscite di sempre. Salvo il coinquilino di Grant e le sue mutande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahha, il coinquilino di Grant è quasi al livello del mio. Qui mi protegge l'anonimato, quindi lo dico liberamente. :D Patrick è forte. Un po' tamarro, però curatissimo. E poi Donaggio mi piace troppo.

      Elimina
  2. Beato te, o uomo libero. Io uomo non lo sono, ma ahimè neanche libera per il momento... mpf.
    Ho visto Malefient e Revolutionary Road e sono d'accordo con te: il primo è una visione esteticamente interessante e nulla più, il secondo è un imperdibile pugno nello stomaco, una ballata dolorosa e disillusa in pieno stile Mendes.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai un pensiero su Across. Non so se ti piace il genere, ma penso possa piacere a tutti. Ma io parlo da amante del musical (al cinema), quindi non faccio testo. Io sarò libero per poco. A breve, mi butto su Shakespeare. Che sarà pure grande, però due palle.

      Elimina
  3. across the universe mi era piaciuto parecchio, anche se magari non ai tuoi maniacali livelli ahah :)

    maleficent con la cagna suprema angelina jolie invece me lo risparmio volentieri...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua fama di Scrooge non ti smentisce mai! :-D

      Elimina
  4. Visto solo Revolutionary Road, ma anche qui ho un vago ricordo, quindi mi boccio per questo giro di tue recensioni :D

    RispondiElimina
  5. Ho visto Maleficent che mi è piaciuto davvero tantissimo! Mi sono piaciuti i costumi, i colori, i luoghi.. tutto meraviglioso. Ho adorato Angelina nella parte di Malefica. Mi ha commosso il finale inaspettato e diverso *-* molto carini i momenti ironici con le fatine un po' sclerate e isteriche! Voglio rivederlo *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io le fate le ho proprio odiate! A me non è dispiaciuto, il film, ma non doveva chiamarsi Maleficent. Non doveva essere il "biopic" sulla cattiva di La bella addormentata, visto che cattiva non è. Mi è parso un tantino (tanto) incoerente!

      Elimina
  6. Maleficent mi è piaciuto abbastanza, credevo davvero peggio. Dal punto di vista tecnico si sarebbero potuti sprecare di più: imho la cg si integra malissimo con gli attori in carne ed ossa :/
    Unico appunto su Aurora che ride senza un perchè: mi pare che tra i doni delle fate ci fosse l'essere sempre felice ed allegra, quindi credo che per lei sia impossibile non avere la gioia come atteggiamento base. Del resto anche Malefica avrebbe dovuto ricordarsi che chiunque avesse conosciuto la ragazzina l'avrebbe amata...

    Su Across the Universe niente da dire, l'ho adorato *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che meraviglia che è.
      Ai doni delle fate sai che non avevo pensato? Se Aurora è un'ebete è colpa loro :D

      Elimina
  7. Bellissimi sia Across the Universe (ma quanto sono belle le musiche? **) che Revolutionary Road.. Li ho amati :)
    Maleficent devo ancora vederlo speriamo mi piaccia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo, troppo belle. Le ho ascoltate in treno, ieri.
      All'andata e pure al ritorno.

      Elimina
    2. Anche io le ascolto spesso e molto volentieri **

      Elimina
  8. Pensa, "Revolutionary road"-libro è persino più bello e doloroso del "Revolutionary road"-film. Ho amato moltissimo entrambi.

    "Notting hill" non lo ricordo così pessimo, anzi, lo ricordo in fondo come una piacevole visione :) Vero è che Julia Roberts ora ha ruoli più interessanti, comunque.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo leggere il libro, quando sarò pronto a tutto questo dolore, Cami ;)
      Ho anche Non lasciarmi, in libreria, ma il film già mi aveva provato. Parecchio.

      Elimina
  9. Su Maleficent preferisco ancora sorvolare, l'immolazione del mio migliore amico uscito disperato per lo scempio che il suo Disney preferito è diventato mi è bastato per ora. Amore profondo per Across the Universe, quando ci incappo in tv mi incanto sempre, musica e storia che si fondono magnificamente! Non mi sono più soffermata, invece, su Revolutionary Road, per il quale ho versato così tante lacrime amare che la paura di ri-affrontarlo è tantissima.

    Infine, no, Nothing Hill è sempre bello bello e surreale, come può non esserti piaciuto?
    Per finire, davvero, consigliatissimo Le Week-end, da amante dei vecchietti credo proprio lo adorerai come me :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sììì, lo vedo stasera. I vecchietti regnano :3

      Elimina
  10. 'Maleficient' mi ispira, però io non vado mai al cinema. Al massimo lo guarderò più avanti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì, ti perdi poco!

      Elimina
    2. Ciao bello, sono sempre io!! Scusa se lo posto qui, ma non sapevo dove avvertirti.
      Non so se lo ha già fatto qualcun altro, però ti ho lasciato un premio <3
      http://libridicristallo.blogspot.it/2014/06/premio-dellamicizia-lovely-blog-award.html

      Elimina
    3. Grazie, passo a ringraziare ^^

      Elimina
  11. Io sono una spettatrice della domenica, non m'intendo per niente di cinema, ma quanto ho trovato brutto Revolutionary Road. E' stato uno dei film più noiosi che abbia mai visto, da pennichella proprio. Mi sa che proprio non l'ho capito lol

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai di essere un tantino blasfema, vero? :P

      Elimina
    2. Mi sento molto ignorante ora xD

      Elimina
    3. Ti perdono, figliuola!

      Elimina
    4. Ahahahahah, non sai che diventerò frate e andrò a The Voice?
      Altro che Suor Cristina... Don Ink!

      Elimina
  12. Allora, Malificient ancora non l'ho visto. Con gli esami non ho fatto proprio in tempo ad andare al cinema, e mi dicono che la storia in sé e per sé non è che sia così bella, quindi l'unica cosa da vedere sono gli effetti speciali. Che lo streaming non mi darà mai. Across the Universe è spettacolare. L'ho comprato sulla paytv così da poterlo vedere ogni volta che voglio. Poi la colonna sonora... brrr ogni volta che la sento ho i brividi.
    Dico la verità: ho visto Revolutionary Road soltanto per vedere di nuovo sul grande schermo Kate e Leonardo. E cavolo, non si sono smentiti per niente. Una coppia perfetta. Notting Hill invece l'ho trovato abbastanza noioso, per quanto ami Julia Roberts non ce la faccio proprio a vederla a fianco di Hugh Grant. Insieme non mi piacciono per niente :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, felice che qualcuno detesti Notting Hill. Io amo le commedie british e amo pure il lieto fine, però questa fine è troppo, troppo lieta. A me Hugh Grant nel genere piace molto - anche Scrivimi una canzone lo trovo carinissimo - ma la Roberts la preferisco adesso. Anche perché come sex simbol mica ce la vedevo!

      Elimina
  13. Maleficent... mi vengono ancora i brividi se penso a tutto il buonismo che trasuda! No, no, no e ancora no! I cattivi devono essere cattivi, che diamine!XD In questa versione finisce tutto a tarallucci e vino, volemose tanto bene e via dicendo... Io sono per le favole classiche, quelle per bambini. Quelle dove i bambini imparano che il male esiste, esiste davvero, e bisogna averne paura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, Fra. A me non è dispiaciuto, ma dovevano mettere un altro titolo e dare un altro nome al personaggio. Anche perché... una fata buona che si chiamava Malefica? Come chiamare Babbo Natale Satana!

      Elimina
  14. Pensavo di non essere riuscita a postare, e alla fine ho riscritto due volte il commentoXD Comunque sì, Malefica poi è una Malvagia con la M maiuscola, che peccato snaturarla fino a questo punto >__< Questo non toglie che la Jolie sia semplicemente meravigliosa nei suoi panni *__* (a parte la scena mega-trash con la tuta da catwoman, hahaha, ma cosa si sono fumati?!)

    RispondiElimina
  15. Io sto cercando di recuperare Revolutionary Road perchè prima devo leggerlo e poi vederlo :p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io voglio leggerlo, ma già mi aspetto una bella mazzata. Però sai che gradisco, da masochista quale sono :P

      Elimina
  16. Maleficent mi è piaciuto un sacco, ho portato i miei nipoti a vederlo in 3D...Il lavaggio del cervello o lo si fa bene o è meglio lasciar perdere!:D Across the Universe l'ho visto tempo fa e l'ho adorato senza riserve.^^ Revolutionary Road mi ha un pò annoiata ,anche se amo la coppia Di Caprio - Winslet. Non mi ha totalmente convinta...@.@ Notting Hill è un classico straridato in tv, ma non mi dice nulla. Sarà che Grant ha la faccia da antipatico (sai che a me stanno antipatici quasi tutti, sono un'asociale!:D) Gli altri devo recuperarli e in gran fretta!^^

    RispondiElimina
  17. Maleficent non l'ho ancora visto, però ne ho sentito parlare esattamente nel modo in cui lo descrivi... sono curiosa di vederlo, ma non sono impaziente tipo "odddio devo andare al cinema subito" XD
    Invece mi mancano sia Across the universe che Revolutionary Road ma conto di recuperarli entrambi quando ne avrò occasione!

    RispondiElimina
  18. Maleficent mi ispira, ma fin'ora ho letto più pareri negativi che positivi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio è neutro. Non mi ha fatto impazzire, no :P

      Elimina
  19. A me Maleficent è piaciuto:) Adoro le rivisitazioni delle fiabe, è bello vedere quante interpretazioni di una stessa storia si possano avere.
    Accross the Universe non l'ho visto, ma voglio farlo al più presto.
    PS. Ti ho nominato per un premio, passi?:) http://paroledi-carta.blogspot.it/2014/06/lovely-blog-award.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me i retelling piacciono, ma il punto è che Maleficent non mi è proprio sembrato parte della stessa storia di La bella addormentata. Passo ;)

      Elimina
  20. Maleficent...
    una domanda è sorta spontanea nel mio cervellino per i primi secondi del film: ma se Malefica era una fata perché diamine si chiamava Malefica? Insomma... Male... fica... non è proprio un nome da fatina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho detto anch'io in un commento precedente, infatti :D

      Elimina