domenica 13 aprile 2014

I ♥ Telefilm: Shameless, Pretty Little Liars, Looking

Ciao a tutti! Rieccomi. La noia avanza e vi scrivo. Vi scrivo e voglio parlare con voi di alcuni telefilm - in realtà sono due, il terzo è recentissimo - che seguo da tempo e che, nelle scorse settimane, si sono conclusivi, dandomi – e dandoci – appuntamento al prossimo anno. L'imperdibile Shameless, che quest'anno ha raggiunto livelli altissimissimi; l'orribile e inutile Pretty Little Liars, che mi ostino a seguire armato di non so quale pazienza; il Looking che ha bisogno ancora di tempo per essere messo bene a fuoco. Parlo del primo e sparlo del secondo per tutto il tempo, principalmente. Oggi va così. E voi? Li conoscete, li seguite, li amate – Shameless DOVETE amarlo – o li odiate - PLL dovete odiarlo. Un bacione e buona domenica, M.

Shameless
IV Stagione
Io seguo un mare di serie tv. Tante. Troppe. Seguirle, a volte, può diventare anche un peso. La verità è una, ed è bruttissima: io mi annoio subito. Delle stesse storie, delle stesse cose, delle stesse facce. Eppure ci sono telefilm che seguo da tempo: per abitudine, per noia, per pura inerzia. Lascio accumulare gli episodi, per poi guardarli tutti insieme, come fanno gli studenti modello con i compiti in arretrato. Shameless devo guardarlo subito. Io non posso perdere tempo. Io non posso aspettare. Io lo adoro. Sempre, da sempre. Per me, è la serie tv. La mia preferita in assoluto. Mi sto accorgendo che, almeno in Italia, non siamo in molti a seguirla. Che vergogna, per il telefilm che non ha vergogna! Se non lo conoscete, conoscetelo. Punto. Avete quattro, meravigliose stagioni da recuperare. E non sapete quanto cavolo v'invidio. Per i profani, dico in due parole di che parla. Shameless è incentrato sull'unica cosa più difficile e sfuggente dell'amore: la famiglia. La famiglia Gallagher è l'America che non hai mai visto nei film hollywoodiani: sudicia, marcia, esclusa dalla cara riforma sanitaria e dalle grazie del caro Dio. Dimenticate le foto sorridenti accanto all'albero di Natale, i saggi e accorti capifamiglia, gli amori per sempre. Sono ormai quattro anni che il superbo John Wells che ha diretto il recente I segreti di Osage Country mette la firma a questo prodotto che, in silenzio, è venuto dall'Inghilterra uggiosa e sregolata di Skins e Misfits. Parliamo di un remake. Parliamo di una sorta di reboot vietato ai minori di Malcolm in The Middle; di Un settimo cielo per canaglie e peccatori. Il linguaggio fa male alle orecchie, ma il resto è splendore. Incontaminato, generoso, viscerale. Uno squallido splendore. Io voglio bene ai Gallagher, sul serio. Non chiedono aiuto, non cercano redenzione, ma ai miei problemi aggiungerei volentieri i loro. Ad occhi chiusi. Si fanno amare con una facilità incredibile, si amano con una facilità incredibile. Con un papà alcolizzato e con un piede nella fossa, un disastro di sorella maggiore, due fratellini in preda agli ormoni, un genio travestito da mela marcia. Li chiamo per nome, potrei parlare di loro fino allo sfinimento. Sto zitto, e mi limito all'essenziale. Shameless è un capolavoro del piccolo schermo e la quarta serie, forse, è una delle più belle di sempre. Sono belli Ian e Mickey – pieni di sangue e segreti – che si amano e fanno a botte. Personaggi secondari, bulli omosessuali, ragazzi felici in una Chicago di papponi scontrosi, locali notturni, escort russe. Il Mickey del bravissimo Noel Fisher è credibile, folle, di un'umanità senza pari. E poi, accanto al magistrale e fragile William H. Macy e a una spumeggiante Joan Cusack, la sola e unica Emmy Rossum. La ami e la odi. Non ha trucco, non ha un ruolo facile, ma ha un copione che strappa da lei il meglio: sofferenza, pianto, sangue. Fiona è cambiata e, da sorella maggiore, è diventata tutrice legale dei suoi fratelli. Le responsabilità la rendono diversa, la rendono sgradevole e in briciole. Potenzialmente, un'erede di Frank: tale padre, tale figlia... Un ruolo che si scopre crudele la rende, però, intensa come mai prima. Un Emmy ce l'ha nel nome: non candidarla, questa volta, sarebbe una blasfemia. Nel sesto episodio – Iron City – ti spezza, si spezza. Il finale di stagione parla di morti che camminano e di giovani che s'ammalano della depressione dei vecchi: poveri Lazzari di periferia. Shameless è il serial che non puoi perdere. (9/10)

Pretty Little Liars
IV Stagione
Le protagoniste di Pretty Little Liars non recitano, starnazzano. Sono galline professioniste. Vagano in boschi e cimiteri in abito da sposa. Vanno conciate ai funerali come diciassettenni a un festino di Capodanno. In questo serial capitano cose così. Anche l'occhio vuole la sua parte, non c'è dubbio. E, sulla ABC come in casa The CW, tutti sono super: super bellissimi, super popolari, superati. Ma è una serie ABC e sono anche tutti casti e ben vestiti. Niente scene osé: non ci sperate! Due le note positive che riesco a trovare. Spencer e Allison. Spencer: quella che si veste da vecchia, sì. Ah, ma forse vi confondete con Aria? No, lei è solo vintage: si veste come una zingara/cartomante/barbona per scelta di vita. Lei è vecchia dentro. Attiva come la Signora in giallo, lucida come Courtney Love, ma piuttosto brava. Le altre sono dei cani proprio. La peggiore, Ashley Benson, che pare tutti trovino la più bella. In compenso la bambolona bionda non mi convince nemmeno sotto quel punto di vista. Poi Allison: Allison è Allison. Non capisci un cavolo di lei, ma è ipnotica. Bellissima, carismatica, convincente. Com'è il finale di stagione? Inconcludente, come al solito. Prendi a vaglio tutti i tipi loschi. Stani tutti i sospettati. Ci sei. La verità, finalmente. E invece niente. Come quattro serie prima. E questa quarta stagione è la più inutile, insulsa e noiosa: il che è tutto dire, vabbè. Per correttezza, ammetto di essermi addormentato ad ogni puntata, o quasi, e ad ogni puntata, o quasi, di aver saltato interamente le parti di mezzo. Ma Pretty Little Liars è così ordinato, raffinato, organico che riesci a capire tutto lo stesso, anche in quei dieci minuti in cui ti svegli di botto sul divano? No. In realtà ti svegli e le vedi che blaterano, scappano, si lasciano sfuggire il colpevole, come una mosca in un pungo. Mi è piaciuto? Noooo. Guarderò la serie successiva? Sììì. Lo so che pensate: questo è idiota fino al midollo! Comprenderete solo dopo aver visto questo serial.Troppo trash per essere vero. Ognuno ha bisogno della sua dose settimanale di scemenze. I nostri palati chiedono di dissetarsi con il trash puro. E Pretty Little Liars è il Nestea, la Corona, la Coca Cola del trash. Dai creatori di The Walking Dead, Peppa Pig e i Barbapapà. Che collaborazione illustre! (3/10)

Looking
Stagione I
Looking è la versione maschile del celebrato Girls. Così l'hanno presentato, lo scorso gennaio. Spontaneo, vero, senza orpelli. Una serie TV con soli uomini e uomini soli. I personaggi, a volte, mi sono parsi veri chiché ambulanti. Ma a volte mi hanno stupito positivamente, perché anche con i baffoni alla Village People o il fare da primadonna, risultano autentici. Looking è targato HBO: dove non ci sono i belli senza arte né parte della The CW. La stessa HBO nota per i suoi telefilm da bollino rosso, ma che – in questo caso – sa essere diretta, incisiva, coerente ma senza eccessi. Bravissimo il Jonathan Groff della prima stagione di Glee, nei panni del quasi assoluto protagonista, e, tra i comprimari, resta impresso il simpatico Russel Tovey di Him and Her. Per le gigantesche orecchie a sventole, i videogame, l'accento british. Soprattutto per l'accento, forse. Questa serie non vuole essere educativa, non vuole essere importante, non vuole indurre alla tolleranza. Scarni gli scenari, misurata la recitazione, magnetica la fotografia. Pittoresca e malinconica questa San Francisco qui. Da intenditori – e io non lo sono, lo premetto – la variegata colonna sonora. Un gioiellino di regia e scrittura il quinto episodio: il più bello. Non è una serie adatta agli spettatori più omofobi del cosmo, Looking. Prosegue per la sua strada – chi c'è c'è, chi non c'è non c'è. Non si parla della confusione giovanile, dell'outing, dei dubbi, ma del dopo. Otto episodi adulti e di grande intimità. In cerca di un loro destino - come i tre protagonisti allo sbando -, ma interessantissimi. Da mettere ancora bene a fuoco. (7/10)

27 commenti:

  1. anche a me shameless è sempre piaciuto, però devo dire che questa quarta stagione è stata nettamente superiore alle precedenti. una bomba!
    emmy rossum davvero da emmy!

    le pretty sono sempre più trash, però è impossibile non seguirle. :D

    looking mi ha deluso abbastanza. il protagonista principale jonathan groff è l'unico personaggio interessante, mentre i suoi due amichetti sono abbastanza ininfluenti finora...
    concordo sul fatto che il quinto episodio è stato il migliore, peccato che gli altri non siano stati altrettanto eccezionali. per raggiungere i livelli di scrittura della lena dunham di girls gli autori devono ancora farne di strada...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Girls l'ho seguito a singhiozzi, ma è evidente anche a me che la differenza tra i due serial è abissale. Concordo su Groff, convincente e con un ottimo personaggio a disposizione: gli altri sono molto caricaturali, a tratti. Soprattutto il tizio barbuto: non mi piace per nulla :/

      Elimina
  2. Shameless lo seguo da poco sotto tuo suggerimento e mi piace molto. Ho molte puntate da recuperare, ma lo farò!:D Looking non sapevo esistesse, ma è colpa mia che ogni tanto mi perdo nella giungla delle serie...@.@ Per quanto riguarda le Pretty, ci sarebbe da fare una conferenza su di loro. Ho iniziato a seguire la serie per gioco, non è il mio genere e a volte mi viene una paresi facciale durante la puntata ,però devo seguirle. Forse hai ragione tu: ognuno di noi ha bisogno di una dose di scemenze terapeutiche, mah! La cosa buffa è che non so nemmeno spiegarti cosa mi piace della storia. Magari è il fatto che succede tutto e niente allo stesso tempo, oppure perchè sono curiosa di capire dove vogliono andare a parare alla fine. Mistero! So solo che persevererò fino allo sfinimento!:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo schiavi delle schifezze di PLL: è la vita! :P

      Elimina
  3. Pretty Little Liars lo seguo anche io perché è frivolo, idiota e mi fa incazzare!

    Con Shameless mi hai incuriosita. Provvederò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Mareva: felicissimo di avervi messo una certa curiosità.
      E' divertente, triste, bellissimo. Spero che agli Emmy qualcuno apra gli occhi, su.
      Pretty Little Liars continua a piacerci (?) nella sua assurdità. Uno squallore da dipendenza. E io di dipendenze me ne intendo ;)

      Elimina
    2. Vero, è lo squallore che ci frega.
      Allora, appena riesco, mi butto in Shameless :)

      Elimina
  4. Mi hai convinta a vedere Shameless.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo amerai, Ester. Ne sono sicurissimo.
      Fa proprio per te :)

      Elimina
  5. A me pretty little liars e sempre piaciuto forse perche ti mette quella suspance per capire chi cavolo e -A di cui nessuno ne ha la più pallida idea ... comunque continuerò a seguirlo .. per gli altri mi hai incuriosito quindi li guarderò ...
    PS : dove posso vedere la quarta stagione di pretty little liars ??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, Alessia.
      In italiano non so se è già andato in onda, ma lo trovi sui vari siti di streaming con i sottotitoli. Cercalo su Google ed è fatta ;) C'è una pagina facebook in cui i gestori linkano, volta per volta, gli episodi.

      Elimina
  6. Mi hai incuriosito! Appena posso guardo shameless :3
    Per quanto riguarda PLL ho guardato solo una puntato ma non mi ha fatto né caldo né freddo, eppure ne sento parlare benissimo..ma non credo di iniziarla, mi scoccia :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti perdi niente, Giusy! Shameless guardalo <3

      Elimina
    2. per me è sbagliato giudicare una serie televisiva così aspramente. Se non vi piace perchè la seguite?io la sto vedendo da cinque stagioni e non mi capitava da una vita di essere presa così da un telefilm dai tempi di baffy. Forse perchè sono anni che vengono messe in onda cose scadenti una ugale all'altra e per giunta anche in fascia protetta. Quindi prima di stare a sparare sentenze su una serie guardatevi intorno la gente ha bisogno di evadere dalla realtà .

      Elimina
    3. Be', se era dai tempi di Baffy...

      Elimina
  7. Pretty Little Liars va guardato, per forza. Deve essere visto per poter ridere dei vestiti di Aria, delle facce da "ah ma stavate parlando con me?" di Emily (ma sul serio oh, è la più rimbambita di tutte, sempre con la stessa faccia poi), delle battute sbagliate di Hannah... Ma comunque, che scarpe orrende hanno tutte? Aria poi è quella vestita sempre peggio, non capisco per quale motivo. Pora stella. Trama, ovviamente, inesistente. Chissà Ezra se lo rivedremo oppure no.
    Looking, invece, non l'ho visto però adesso mi hai messo curiosità. Certo, se aggiungo un'altra serie a quelle che vedo già rischio di non avere il tempo per dormire ma vabbè, chi se ne frega. Si vive una volta sola e la dipendenza da serie tv non è ancora stata inserita come malattia nel DSM V. Per cui, ecco, tocca godersela prima che diventi una malattia vera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Commento troppo bello, il tuo. :D

      Elimina
    2. Ahahaha grazie, troppo gentile xD è la stupidità della quale sono portatrice sana (e fiera, mi pare chiaro) che mi fa dire e/o scrivere certe cose :D

      Elimina
  8. Io non seguo molti telefilm, ma uno dei pochi è Pretty Little Liars, che ha colmato il vuoto che aveva lasciato Gossip Girl xD Sarà idiota, ma è ipnotico e lo adoro ahaha xD I libri da cui è tratto sono molto carini comunque :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io Gossip Girl lo adoravo. Era un trash di lusso, almeno :D
      Io l'ho rimpiazzato con Revenge!

      Elimina
  9. Arrivo tardi ma non posso non essere d'accordo sulla magnificenza di Shameless, una stagione bomba che mi ha fatto rimpiangere l'averla consumata in una sola settimana... l'anno prossimo mi vedrò gli episodi volta per volta così da godermelo di più!
    Le bugiarde stazionano da anni nella memoria esterna, non c'è mai tempo per loro, e un po' mi spiace visto il trash che portano avanti!
    Su Looking, infine, per quanto delusa ho speranza che possa crescere meglio con la prossima stagione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dispiacerti, Lisa. "Guarda e passa"! :P

      Elimina
  10. io ho guardato solo la prima stagione di shameless e lo adoro <3 veramente unico :)

    RispondiElimina
  11. Shameless è il serial che non puoi perdere....giustissimo

    RispondiElimina
  12. ho finito tutte le serie di shameless e adesso non riesco a vederne delle altre! Nessuna mi soddisfa, mi attrae, mi fa divertire, mi ipnotizza più di questa... ho un disperato bisogno di trovare una serie con le stesse qualità! Avete consigli da dare?

    RispondiElimina