lunedì 18 novembre 2013

Recensione: L'età sottile, di Francesco Dimitri

Ciao a tutti, amici miei. Sicuramente, in queste ultime settimane, girovagando sui vostri blog preferiti, avrete notato uno speciale Blog Tour dedicato a L'età sottile, l'ultimo romanzo dell'italianissimo Francesco Dimitri. Oggi è arrivato il mio turno. Per paura di non riuscire a rispettare la “scadenza”, ho letto il romanzo con qualche settimana di anticipo e, inaspettatamente, nonostante gli impegni, l'ho divorato in una manciata di giorni. Pazzesco. Devo ringraziare l'autrice Bianca Maconero (“Albion”) per aver amato così tanto questo romanzo e per aver dato il via a quest'iniziativa collettiva e la Salani che, gentilissima, ha inviato una copia del romanzo a ogni blogger partecipante. Per conoscere nel dettaglio le altre tappe, fate un salto qui, sul blog della mia amica Denise (scusate, ma sono in ritardo, altrimenti ve le avrei volentieri riassunte io nel post!) e ricordate che, a breve, il 25 Novembre, sul blog Il profumo dei libri partirà un imperdibile giveaway del romanzo. Non mancate. Buona lettura e a presto, M. PS. Scusate per l'ora. C'è stato, nel mio palazzo, un brevissimo black out di oltre tre ore. Cosetta da niente, insomma!
Pensavamo di essere al sicuro. Pensavamo di essere immortaliEravamo molto giovani e non sapevamo molte cose.

Titolo: L'età sottile
Autore: Francesco Dimitri
Editore: Salani
Prezzo: € 15,90
Numero di pagine: 396
Sinossi: Quando Gregorio incontra la Magia per la prima volta ha quattordici anni e l'infanzia gli sta scivolando di dosso come l'acqua del mare del piccolo paese del Sud dove va in vacanza. La proposta che gli viene fatta va oltre ogni immaginazione, e l'idea di diventare più potente di qualsiasi mortale sembra decisamente allettante... Se Gregorio accetta, però, dovrà nascondere a chiunque la sua nuova vita; dovrà tacere e mentire alla famiglia e agli amici di un tempo; dovrà abbandonare la sua normalità ed entrare in un mondo dove la parola è azione, e le azioni sono al di sopra di ogni giudizio. Un mondo di cambiamento costante, di pericoli mortali, di tradimento, ma dove l'amicizia è più potente della morte... Originale, spiazzante, crudo, onirico e realistico al tempo stesso, un romanzo di formazione che ci ricorda che ogni adolescente è mago, perché vuole conservare il potere dell'infanzia e trasportarlo integro nell'età adulta.
                                                    La recensione
Erano altri mondi, quelli. Il mio era fatto di asfalto e sudore e fatica, e di macchine che ti buttano fuori strada, e di malattie che ti uccidono nel giorno del tuo compleanno. Non era un mondo né brutto né bello: era arido. Se solo ci fosse stata una possibilità, l'avrei cambiato volentieri. Se solo.” La chiamano l'età sottile, l'adolescenza. Arriva e subito scappa via, lasciando ricordi agrodolci di impacciate prime volte e foto scattate in riva al mare, con Polaroid passate di moda, familiari che non ci sono più, sorrisi che – senza più il metallo degli apparecchi – sono più ampi, spontanei e sicuri. Passa, e ci lascia con discorsi densi di rimpianti che iniziano tutti con un familiare e puntuale Come eravamo... Tanto tempo fa - in un'epoca lontana dalla nostra, ma poi non così tanto - i giovani intellettuali tedeschi, arsi da fervore politico, smodate passioni e inestinguibile sete di giustizia, avevano coniato il termine Sturm und Drang, Tempesta e impeto. Non avevano Facebook, non conoscevano i miracoli del T9 o l'abominio delle abbreviazioni e, nella loro scrittura tutta bella infiocchettata ed elegante, avevano elaborato questo concetto, che, forse, suonerà altisonante e ostico, ma che – in realtà – non lo è nemmeno un po'. Tempesta e impeto è essere arrabbiati con l'universo; sbraitare contro una ragazza che non ricambia i nostri sentimenti e contro le autorità di genitori sempliciotti e pieni di preconcetti; celebrare la prima notte d'amore, la prima pubblica manifestazione di ribellione, il primo cuore fatto a pezzi. Anima e guida morale degli sturmer era un tale Johann Wolfgang Goethe e, ancora prima degli editor e del passaparola tra lettori, il suo I dolori del giovane Werther era stato elevato a simbolo di un'intera generazione e di un movimento destinato a rimanere, sui libri di testo di infelici studenti e nelle viscere di scioccamente e incomprensibilmente felici appassionati. Il nuovo romanzo di Francesco Dimitri - primo, tra l'altro, che leggo dell'autore - si sarebbe potuto chiamare così: I dolori del giovane Gregorio. Per Gregorio, un tempo erano questi i dolori: il suono della sveglia al mattino, lo stare lontano dalla sua fidanzata Chiara, il dover lottare tutto solo contro il padre, durante i viaggi della sua sorella maggiore, e le giornate noiosissime durante le vacanze estive al mare, passate in un posto da favola. Ma lui ha sedici anni, ricordiamocelo: le favole sono sopravvalutate, e lo stesso vale per Portodimare, una cittadina perennemente sonnecchiante, sulle sponde dello Ionio. Una sera, con le spiagge spopolate e il sole calante, un uomo misterioso e ben vestito gli si avvicina, proponendogli qualcosa di assolutamente imprevedibile e insensato. Levi non è un pedofilo e, soprattutto, non è un folle. Ha gli occhi e le rughe dei saggi, la voce carezzevole di un guro indiano. Eppure, quella sera di fine estate, è convinto che introdurrà il giovane Gregorio alla Magia. Quella curiosa lettera di Hogwarts, arrivata con qualche anno di ritardo, nasconde, però, un ticchettio sinistro. Come un bastardo pacco bomba recapitato a tradimento. E così l'ordigno espolode, nelle mani di un giovane uomo che, sotto sotto, non è poi così tanto infastidito quando gli adulti lo considerano ancora un bambino. 
E così, metaforicamente, un bambino di sedici anni viene fatto a pezzi, dilaniato dall'esplosione di un astro che – Dio sa dove – ha imparato a morire. Gli apprendisti stregoni di Francesco Dimitri sono adolescenti che si consumano. Che imparano sulla propria pelle trucchi mortali che il caro Harry Potter non insegna. Che muiono come animali, e in maniera così poco epica... Così poco nobile. Che, messi sottosopra dall'uso di sostante stupefacenti e droghe pesanti, sono inquadrati in strane riunioni notturne, stretti – completamente nudi e confusi – tra candele, pentagrammi e parole arcane. La chiamano l'età sottile, l'adolescenza. Perché è sospesa. E questa è una storia sottile. Fluttuante, ma tangibile. Dura come il cemento armato. Magica, ma senza avere nulla di fatato, etereo, lontano: la bellezza di essere al centro dell'attenzione, il brivido della truffa, il mare salato del sud dell'Italia... Vive semplicemente qui, tra noi che non possiamo comprendere i sovrumani e sfuggenti misteri del creato. Immersa, da capo a piedi, nel vero. Al centro di una strada immensa, solcata, notte e giorno, da una folla immensa come il mondo. Tra gente di carne e ossa, capace di amare, uccidere, combattere, morire, soccombere miseramente. Tra bene e male, indistinguibili ad occhio nudo per via della naturale miopia del genere umano tutto. Questa strada grandissima è parte di una città ancora più grande, e fatta di strade più grandi ancora: Roma. Eterna, tentacolare, notturna: inospitale nei luoghi oscuri in cui i flash dei turisti non balenano più. Gregorio ha un'idea particolare di cosa sia la magia; un'idea che coincide alla perfezione con quella del lettore medio, abituato a Lady in the Water, Nightmare Before Christmas, Gremlins, Neil Gaiman. Francesco Dimitri, con l'audacia e la leggera presunzione dei più bravi della classe, riscrive ogni regola. 
Indugia a lungo sulle turbe adolescenziali del suo protagonista e, usando alte citazioni dal sapore filosofico, firma un romanzo psichedelico, nero, bizzarro e cucito con immagini fuse violentemente insieme. I suoi maghetti fabbricano in casa le loro bacchette magiche, usando il ramo di un nocciolo cresciuto in un cimitero buio, carta vetrata, forni e phon. I suoi maghetti fanno sesso, sanguinano, sfidano il tabù della nudità a testa alta. Sono personaggi complessi, a tutto tondo. Shakespeariani, quasi. Ossessionati dal potere e intimoriti dal nemico più grande (una vita di solitudine), seguono il motto cane mangia cane... E tiranno mangia tiranno.“La realtà è una prigione, e la vita è una lotta per annientare i carcerieri.”
Tra una canzone cantautoriale e un pezzo dei Pink Floyd, L'età sottile è quello che Non mi uccidere ha rappresentanto nell'ambito dei romanzi gotici di nuove generazioni di vampiri. E' la novità. E' un'eredità da raccogliere, da custodire con gelosia e da tramandare con parsimonia. Intimo, profondo, vero, follemente lucido. Nudo e crudo. Straripante di dettagli morbosi, sbagliati, malati, eppure giustissimi così. Arso dentro, come i neuroni dalla droga, o come una falena divorata da una fiamma alimentata dall'inferno stesso. E' una lezione di stile, è una lezione di vita. Un libro che non va per il sottile. Il suono che ha il fantasy quando diventa poesia, semplice e incontaminata.“E' una teoria in cui credo ancora, quella per cui i posti (e le parole, e le fotografie) si consumano. Se un posto ti piace, non devi tornarci spesso, o la magia finisce. Solo ogni tanto. Quando serve.” Smetto di parlare, adesso. Almeno la magia, o quella cosa misteriosa che ad essa assomiglia, resterà. Vivrà ancora. Magari, vivrà in voi.
Il mio voto: ★★★★ +
Il mio consiglio musicale: Elisa – L'anima vola

38 commenti:

  1. Dai, neanche un blackout può fermare un blogger!! :P
    Questo libro sembra davvero bellissimo ed interessate! Confesso che non ne ero particolarmente attratta prima di leggere questa recensione ma adesso... beh, adesso DEVO leggerlo!! Sicuramente parteciperò al giveaway di Alessia, dita incrociate! *__*
    Inutile che mi ripeto ma lo faccio lo stesso: bellissima recensione Mik!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Incrocio le dita per te ;) In bocca al lupo!

      Elimina
  2. Beh che dire, come al solito hai proprio dato tutto te stesso! Vorrei vederti all'opera mentre scrivi una di queste review XD
    Bellissima e verissima! Non potevi davvero esprimerti meglio riguardo a questo libro. È semplicemente speciale e l'hai fatto capire alla grande :)
    Azzeccatissima anche la canzone (che adoro) :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Denise! La recensione di questo romanzo è stata facile, altre sono un parto. E' stata facile perché - come mi capita con i romanzi belli belli - ho preso un sacco di appunti durante la lettura. Metterli insieme è stato un gioco da ragazzi: altro che filologia umanistica, romanza e compagnia bella ù.ù La canzone la adoro: una delle più belle dell'anno, per uno dei video più atroci di sempre (?).

      Elimina
  3. Ho riletto il libro coi tuoi occhi, in questo post. Hai dato la vera misura della sua originalità e della sua grandezza.
    Grazie a te- e a tutti gli altri- per esserci stati :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Bianca. Per tutto.
      La disponibilità, la pazienza, l'entusiasmo e il sostegno in caso di catastrofi naturali annunciate :))

      Elimina
  4. Non ho parole e non ne servirebbero. Se tu non ci fossi bisognerebbe inventarti. Ho rivisto tante belle immagini che Francesco Dimitri era riuscito a trasmettermi, solo leggendo questa bella recensione. Non conoscevo la canzone però, molto bella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una delle cose più belle che mi abbiano mai detto - e i complimenti smaccati di mia nonna non valgono, eh. Ti ringrazio di cuore. Sono i commenti come i tuoi, claudina, che colorano una giornata nera. E nera letteralmente! La canzone è stupenda, assolutamente: non so quanto sia in tema con il romanzo, ma mi ha fatto compagnia durante tutta la lettura :)

      Elimina
  5. Ok, è arrivato per me il momento di fare una confessione pubblica. A causa del project books non posso acquistare nuovi libri. Ma ho fatto una cosa bruttissima. Per colpa vostra e le vostre stupende recensioni. Ho infranto la promessa del mio project e sì, ho comprato l'età sottile. ç_ç non ce la facevo più a resistere, dovevo avere questo meraviglioso libro!
    Ok, ora che ho confessato tutto mi sento meglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Due "Padre nostro" e sei perdonata, figliola. Che Dio ti benedica! :P

      Elimina
  6. l'ho preso finalmente!!! è mio!!! presto lo leggerò:-)

    RispondiElimina
  7. L'ho detto tante volte e non mi stancherò mai di ripeterlo, Dimitiri è semplicemente un genio e L'età sottile è un romanzo che lascia il segno. Mi fa piacere che abbia conquistato anche te! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutti i suoi romanzi in WL. Immediatamente!
      ;)

      Elimina
  8. Il mio commento che scompare -.- Dunque non ritroverò mai le stesse parole ma ci provo.
    Recensione splendida, che rende omaggio ad un libro altrettanto splendido. Amo ogni tua recensione (anche se purtroppo ultimamente non ho tempo di passare così di frequente come una volta), ma questa in particolare mi ha colpito. Forse perché anch'io ho amato così tanto il libro e mi ha sconvolto così tanto, che leggere le tue parole mi fa sentire meno sola e mi fa comprendere meglio anche le mie sensazioni.
    Tu con le tue parole hai la capacità di far rivivere i libri (nel bene e nel male) e grazie a te i lettori sentono entrarsi un libro nel cuore senza averlo ancora letto.
    Complimenti, sei grandioso!

    RispondiElimina
  9. Mikkkkkkkkkkkkkkkkk...ti prego scrivi un libro...fallo per meeeeeee!!!! :))))))
    Recensione da pelle d'oca che per chi come me ha letto il libro e l'ha recensito è un rivivere ogni emozione, ogni singola magia di quelle parole scritte con tanta maestria. Per chi non l'ha letto credo sia impossibile non esserne incuriosito, affascinato.
    Bravo Mik! Ma questo tu già lo sai!!!!! :*
    Canzone splendida, perfetta per il libro e per le emozioni che lascia dentro!

    RispondiElimina
  10. Come al solito hai scritto una meravigliosa recensione!!!
    Il blackout non ti ha scoraggiato!! :P
    Comunque voglio questo libro da quando ho visto la prima anteprima in un blog, (purtroppo la mia memoria non si ricorda in quale blog ho letto l'anteprima) ero rimasta incantata dalla sua trama magica, e adesso la tua recensione mi fa ancora più incuriosire!!
    Non vedo l'ora che sia mio, e credo che non aspetterò troppo!

    RispondiElimina
  11. Come sempre, bellissima recensione!!
    Ho letto recensioni piuttosto positive, al riguardo, e nn vedo l'ora di poterlo leggere anch'io :)
    Buona serata e buone letture ;)

    RispondiElimina
  12. Una recensione quasi poetica, sei riuscito a trasmettere quanto questo romanzo ti abbia profondamente colpito. Lo hai fatto senza svelare molto della trama ma cogliendone l'essenza. Lo leggerò, sicuramente.

    RispondiElimina
  13. Ho una voglia pazzesca di leggerlo, spero che qualcuno me lo regali per Natale :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiedi a Babbo Natale. O a Luca :P

      Elimina
  14. bellissima recensione Michele, come sempre, sai cogliere con le tue parole emozioni che io invece non sono riuscita esprimere e frami scoprire nuovamente il libro con i tuoi occhi!! è un onore condividere questa avventura con te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laraaaa :3 Dai, lo sapete che divento fucsia in questi casi. Grazie milleee!

      Elimina
  15. Ultimamente, a parte qualche piccola eccezione qua e là, sto facendo terribilmente la snob nei confronti del fantasy all'italiana, e devo assolutamente piantarla, a quanto pare XD! Tanto più che la trama di questo libro mi ha sempre intrigato tantissimo!! *___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo caso, puoi fare a meno di fare la snob, sì, ma in alcuni casi è meglio esserlo! :PP

      Elimina
  16. Era l'unico libro che non mi ispirava per niente. Era.
    Mi tengo quasi sempre lontana dai libri italiani, è più forte di me, ma questo lo state adorando tutti quindi lo ficco nella lista di Natale che somiglia ad un papiro, dovrò andare a scovare parenti dispersi per avere più regali.
    Bellissima recensione, stupendissima issima issima come sempre!

    RispondiElimina
  17. Se non fossi già intenzionata a leggerlo mi avresti convinta a 1/3 della recensione ^^

    RispondiElimina
  18. Benissimo... già volevo leggerlo... adesso mi hai messo ancora più voglia!! :D

    RispondiElimina
  19. Presa dallo studio, mi era sfuggita questa tappa del blog-tour!! D: Davvero una bellissima recensione...diversa dalle altre che ho letto fino ad ora, non ha fatto che aumentare il mio già grande desiderio di leggere questo libro!! :)

    RispondiElimina
  20. Dimitri è uno di quegli autori che continuo a incrociare, ma che per un motivo o per l'altro non incontro (ovvero, leggo) mai di persona... Urge rimediare, soprattutto dopo tutto l'entusiasmo e la passione che hai messo in queste recensione :)

    RispondiElimina