giovedì 26 settembre 2013

I ♥ Telefilm: Under the Dome, Devious Maids, Orphan Black

Ciao a tutti, amici miei. Come state? Giornate piene per me: lunedì dovrei stabilirmi al campus a pochi passi dall'università che frequenterò, quindi sto sistemando le ultime cose: scatoloni e bagagli ovunque. Oggi vi voglio parlare di tre telefilm che, recentemente, sono giunti a conclusione. I primi due potete – o potrete, a breve – reperirli in italiano, mentre l'ultimo è ancora inedito, anche se vi straconsiglio di seguirlo in lingua: capirete il perché leggendo il mio breve commento. Inoltre, nell'ultimo periodo, stanno approdando negli USA telefilm molto promettenti: vi consiglio al volo Hostages, Sleepy Hollow e la simpatica sit-com Mom, con Anna Faris. Su Fox, invece, ho beccato un'altra serie molto carina: Ben & Kate. Nei panni della protagonista, la giovane attrice che – per sua sfortuna – reciterà nelle Sfumature di grigio: è brava, vivace, di una bellezza autentica e poco convenzionale. Forse, tra un anno, mi rimangerò tutto, ma credo che dal romanzo di E.L James potrebbe venire fuori qualcosa di molto dignitoso. O almeno spero. Un abbraccio e ditemi, come sempre, la vostra. M.

Under The Dome era una di quelle serie che aveva tutti i presupposti per diventare la più interessante ed originale dell'anno. Effetti speciali più che dignitosi, un cast variegato che univa volti noti a volti meno noti, un plot che era un intrigante incrocio tra X-Files e Lost, un autore straordinario su cui fare affidamento: il fantasmagorico Stephen King. Il romanzo da cui è stata tratta questa serie venne pubblicato in un periodo in cui io e il Re eravamo in crisi: cose che capitano anche alle coppie più unite! Era arrivato a deludermi spesso e quindi guardavo con un certo timore le mille pagine e oltre del romanzo, l'ennesimo mattoncino portato qui da noi dalla fedele Sperling & Kupfer. Dopo la lettura del meraviglioso 22/11/63 e del nostalgico e toccante Joyland, io e zio Steve siamo tornati ad essere amici come prima. Potevo mai perdermi l'ennesimo telefilm tratto da una delle sue creaturine? L'ho visto dall'inizio alla fine, ma se io sono stato costante e puntuale come un orologio svizzero – e ogni settimana, quindi, ero lì al pc a guardare un nuovo episodio – la serie TV lo è stata decisamente meno. Il pilot l'ho trovato splendido, sensazionale, con la giusta dose di violenza, azione e dramma. Come nel caso di The Following, tuttavia, andando avanti, si perde parte del mistero e parte dell'interesse. Under the Dome non mi ha conquistato e sono arrivato a vedere il dimenticabile e poco efficace season finale spinto più dall'abitudine che dalla curiosità. Una volta isolati gli abitanti di questa “ridente” cittadina sotto una cupola infrangibile, intrighi e scandali rubano il posto alla fantascienza e all'orrore. E, in ogni episodio, si scopre che Chester's Mill è tutt'altro che ridente come appare dall'esterno. Scoppiano rivalità e tensioni, amori e ossessioni, ma, per quanto siano credibili gli attori, non tutte le storie dei personaggi catturano l'attenzione. Mentre il Mike Vogel di Bates Motel sventa istituzioni criminali e conquista il cuore della bellissima Rachelle Lefevre, la rossa vampira di The Twilight Saga, sfidando a spada tratta il Don Rodrigo del paese – Big Jim, coinvolge particolarmente la sottotrama che vede come protagonisti assoluti i più giovani della squadra. Non tutti convincono, ma sono belli, affiatati, simpatici e sembrano rubati – con le loro visioni e i loro poteri – da uno di quei romanzi young adult/ urban fantasy che tanto ci piacciono: Britt Robertson (The Secret Circle, Life Unexpected), Alexander Koch (Underemployed), Colin Ford (Supernatural), Mackenzie Litz (Hunger Games). Sperando che con la seconda serie arrivi tutto ciò che nella prima mi è mancato, confido di comprare presto il romanzo e, soprattutto, di dare una seconda possibilità al telefilm. Gli ingredienti giusti ci sono tutti, ma manca uno chef che sappia come valorizzarli a dovere. Sono quattro anni che guardo Pretty Little Liars – meglio conosciuto come l'allegra fiera del trash – quindi, secondo voi, volterò proprio adesso le spalle al Re? Il nuovo bambino di Stephen King è “intelligente, ma non si applica”. Chissà cosa ne penserà il suo papà...

Quest'estate, durante il periodo della maturità, cercavo sul web una serie che potesse rilassarmi a dovere. Ero troppo stanco per uscire la sera, ero troppo stanco per leggere libri impegnativi ed ero troppo, troppo stanco per guardare telefilm che richiedessero la partecipazione attiva e la viva attenzione dello spettatore. Come una sorta di diligente addetto ai lavori, ho visionato più pilot ma, tra delusioni e noia, alla fine se n'è salvato solo uno: quello di questo frizzante e grazioso Devious Maids, che, giusto in settimana, è giunto in America all'ultimo episodio. Impossibile non cogliere il parallelismo tra queste novelle ambigue domestiche e le più note casalinghe disperate. I creatori sono gli stessi, come lo è anche il target. Se, al contrario mio, avete seguito qualche stagione di Desperate Housewives su Lifetime, allora capirete benissimo cosa intendo. E se è quello che state cercando, be', non posso che consigliarvi questo simpatico telefilm. L'ho trovato carinissimo, dall'inizio alla fine. Non mi ha deluso, perché non mi aspettavo praticamente niente. Non mi ha annoiato perché, tra misteri e scandali, le cinque e affascinanti domestiche portoricane hanno saputo mantenere vivissima la mia attenzione. Il sentiero della soap è giusto dietro l'angolo, ma Devious Maids non lo imbocca mai completamente. Sarà che gliene frega pochissimo di cercare nuove vie e di conquistare i critici più severi ed esigenti. Mi è piaciuto per questo. E' rimasto onesto, leggero, fedele a sé stesso e ai gusti degli spettatori, comodamente seduti in poltrona, fino alla non definitiva conclusione. Mi ha fatto fare parecchie risate e quei piccoli e banali colpi di scena, di tanto in tanto, mi hanno sorpreso, quasi come se di gialli non ne sapessi granché. Mi ha ricordato l'epoca in cui, in TV, davano l'esilarante Ugly Betty, storia della bruttina più simpatica dei palinsesti Mediaset, che si era fatta voler tanto bene sin dall'episodio pilota. Devious Maids è ambientato nelle case dei ricchi, tra piscine limpidissime, feste raffinate, vestiti firmati, adulteri e segreti. Si apre con un omicidio a sangue freddo. La vittima è la giovane e conturbante Flora, una domestica uccisa da uno dei suoi numerosi amanti durante un party. La polizia, convinta di aver trovato il colpevole, ha chiuso in carcere un giovane cameriere, che, da dietro le sbarre, urla la propria innocenza. Solo sua madre, una professoressa universitaria di origine spagnole, gli crede: certe cose i genitori le sentono. E da insegnante a domestica sotto copertura il passo è breve. Con una nuova identità, Marisol (Ana Ortiz: Ugly Betty) si intrufola – armata di grembiule, divisa e spazzolone – nelle vite di persone al di sopra di ogni sospetto, scoprendo gli scheletri nell'armadio di chi vorrebbe metterla a tacere e diventando amica di quattro domestiche a cui non può rivelare la verità: la bella Carmen (Roselyn Sanchez: Senza Traccia), che vuole diventare una cantate alla Jennifer Lopez; Zoila (Judy Reyes: Scrubs), la cui figlia adolescente è perdutamente innamorata del ragazzo per cui entrambe lavorano; Rosie (Dania Ramirez: American Pie – Ancora insieme), una giovane vedova che, con un figlio al di là del confine messicano, ricomincia a vivere grazie al suo gentile e fascinoso datore di lavoro. Una schiera di attrici brave, sorridenti e in gamba, dall'orecchiabilissimo accento spagnolo, che recitano a contatto con ottimi comprimari: l'algida, cinica e sorprende Rebecca Wisocky (The Mentalist) e, tra gli altri, il viscido Tom Irwin (Saving Grace) e l'insospettabile e familiare Stephen Collins (Settimo cielo). Con domestiche di questo calibro in giro nessun segreto è al sicuro! Se voi volete scoprire i loro, in veste di complici o spettatori, non posso che consigliarvi questa intrigante, pepata e adorabile serie americana. Quel pizzico di cinismo vi solleticherà i palati e la curiosità e, davanti a qualche trovatella un po' tamarra, chiuderete volentieri un occhio. L'anno prossimo non mi perderò di sicuro la seconda stagione, già ve lo dico. Un The Help in salsa latina, con manciate abbondanti di Desperate Housewives: la prima stagione sarà trasmessa da noi a partire dal 9 Ottobre.

Sarah: una ragazza madre con un brutto passato alle spalle, un compagno violento, una figlia lontana, nemici ad ogni angolo di strada. Elizabeth: una detective con una misteriosa vita privata, un matrimonio pieno di segreti, una colpa traumatica da scontare. Cosima: studentessa, hacker, scienziato, genio. Alison: la casalinga perfetta, la mamma perfetta, la perfetta vicina di casa. Helena: capelli ossigenati, occhi vacui, una mente confusa, cicatrici sanguinanti che formano ali di graffi e lividi dietro la sua schiena. Cosa hanno in comune queste donne? Hanno la stessa età, hanno gli stessi geni, hanno lo stesso viso. Sono identiche, sono cloni. Vivono vite diverse, sembrano aver ignorato a lungo la loro reciproca esistenza, abitano in città distanti. E qualcuno vuole ucciderle: tutte. Le loro esistenze, in Orphan Black, si intrecciano tra misteri, delitti ed equivoci. Lo stesso Orphan Black, che è decisamente una delle serie più belle che siano state girate in questo 2013. Imprevedibile, imprevisto, originale, pauroso, forte, architettato da menti superiori. Ma, in 45 minuti ad episodio, si scopre anche divertente e, a tratti, passionale. La storia, all'inizio, ricorderà in maniera preoccupante quella di Ringer e The Lying Game. Voi dimenticateli. Non sono nulla, se confrontati con questo superbo e contagioso intrattenimento. In due giorni, la scorsa estate, ho visto tutti gli episodi della prima stagione. Perché quando una cosa è così – ben scritta, ben diretta e recitata ancora meglio – non basta guardarla. E' necessario divorarla tutta d'un fiato. Questo è il telefilm, non un telefilm. Un taglio cinematografico, una trama che non regala nessun momento di noia gratuita, una sfilza di scene velocissime e memorabili, perfette eppure così poco americane, anche se la fattura è ottima e a dir poco hollywoodiana. La serie è stata prodotta in Canada e non ha nulla da invidiare alle statunitensi, spesso inutili e scadenti perdite di tempo. E' favolosa. Soprattutto, è favolosa la protagonista, che – quasi sconosciuta – interpreta una miriada di ruoli diversi con una bravura sorprendente e fuori dall'ordinario. La domanda sorge spontanea: dove diavolo è stata nascosta Tatiana Maslany per tutto questo tempo?! E' bellissima, è giovanissima e vederla recitare senza doppiaggi aggiunti, ma in lingua originale, è un spettacolo inenarrabile. Non solo perché è espressiva e convincente in ogni ruolo, ma perché, per ogni ruolo, sfoggia un accento diverso: inglese, americano, russo. Credo sia un extraterrestre, e io ho scoperto la sua vera identità. Non ci sono altre spiegazioni. Insieme a lei, la morte sempre più vicina, un amico gay esilarante e unico, un marito che sotto il cuscino nasconde pistola e segreti mortali... L'ultimo episodio è esaltante, frenetico, semplicemente da fiato sospeso. Come l'intera serie. Guardatela e basta. Io, per una volta, non dico più niente. Shhh...

20 commenti:

  1. Ciao, Mik! Che bello il campus! Goditi questa nuova avventura. :)

    Per quanto riguarda i telefilm, mi ha incuriosito la tua recensione a "Orphan Black". Non lo conoscevo e non conoscevo la bravura di Tatiana Maslany, ma la capacità di interpretare più personaggi in un unico sceneggiato, e così ben caratterizzati, mi attira! (la mia coinquilina era riuscita a farmi vedere qualche puntata di "Vampire Diaries" dicendo che Nina Dobrev interpretava sia la protagonista che la cattiva).
    Insomma, ci farò un pensiero (sperando di trovare il tempo per guardarlo, prima o poi T_T)

    A rileggerti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Gisella! Secondo me "Orphan Black" sì che ti piacerebbe.
      Carino The Vampire Diaries: io li guardo tutti e, ovviamente, seguo anche quello. Ma la Dobrev e questa Tatiana sono due mondi a parte: credo di non aver mai visto nulla di più impressionante. Mamma mia, ma dove l'hanno fabbricata?! Mostruosa :D

      Elimina
  2. La seconda serie non mi attira molto perché mi sembra qualcosa di già visto ma il primo e il terzo mi attirano molto! Peccato che ultimamente non abbia nessuna voglia di leggere i sottotitoli altrimenti mi scaricherei subito Orphan Black, ma Under The Dome lo vedrò a breve suppongo ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di Under the Dome potresti anche fare a meno. Orphan Black, invece, è assolutamente imperdibile :)

      Elimina
    2. Dici? Più che altro voglio leggere "The dome" da anni, fin'ora mi ha fermato solo la mole (e il fatto che dovrei prenderlo in biblioteca)
      Il telefilm me lo ha già chiesto mio padre quindi di sicuro inizierò a guardarlo con la famiglia, poi al massimo lo mollo, io non mi faccio problemi ^^

      Elimina
  3. Ciao Mik!!! In bocca al lupo per l'università, campus & co! ^.^
    Finalmente è cominciata anche questa stagione di telefilm! *________*

    Per il momento ho visto soltanto il primo episodio di Castle e di HIMYM e sono rimasta piuttosto delusa... L'inizio di Castle è più o meno promettente e lui resta comunque un personaggio simpaticissimo ma per HIMYM mi viene da pianegere! Questa era una serie che amavo alla follia, che riusciva sempre a farmi ridere! Invece ormai si è spenta, manca quella frizzantezza degli albori ed è come se si sapesse già tutto... Spero davvero che si riprenda con il degno finale che merita!

    Proprio stamattina invece ho visto l'episodio di una nuova sit-com che mi ha fatto morire dalle risate e che se continua così diventerà una tra le mie serie tv preferite: Brooklyn nine nine! Se non l'hai ancora vista ti consiglio davvero di farlo, è assolutamente fantastica! Niente di impegnativo e simpaticissima!
    Anche New Girl è cominciato abbastanza bene, i primi due episodi non erano male! :)
    All'appello mancano ancora The Tomorrow People, Once upone a time in Wonderland e Agents of SHIELD, di cui sto per vedere il primo episodio! Tutte serie nuove, per cui dita super incrociate! E poi manca Arrow... *_____* e tutti quelli che inizieranno a Gennaio...

    Troppi troppi telefilm! *______*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sìììì, ho visto anche Brooklyn nine nine: io adoro quell'attore che fa il protagonista. Mi fa troppo ridere :) Di New Girl ho visto i primi episodi della prima stagione: troppo, troppo splendida Zooey. Ci ho messo un po' per capire cosa fosse HIMYM, ahahahaha. Io lo seguo solo di tanto in tanto ^^

      Elimina
  4. under the dome non è eccezionale, ma come serie d'intrattenimento me lo sono goduto abbastanza.
    devious maids invece è una latinata inguardabile, come fai a seguirlo? :)
    e orphan black mi sono fermato al pilota che non mi è sembrato davvero niente di che... magari lo recupererò...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha, bhooo: io e il trash siamo una cosa sola! Però mi diverte parecchio :)
      Guarda assolutamente Orphan Black: non te ne pentirai nemmeno per un attimo. Va sempre migliorando.

      Elimina
  5. Bellissimo, "Orphan Black", non potrei essere più d'accordo!! *__* "Under the Dome" l'ho rimandato, ma di sicuro non me lo lascerò scappare... Avvincenti e convincenti anche i due pilot che hai citato, "Hostages" e "Sleepy Hollow": se il buongiorno si vede dal mattino, penso che ne vedremo delle belle! ^^ Stupendo anche il pilot di "Agents af Shield", a proposito: Joss è sempre Joss, la sua firma è inconfondibile! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo vedere Agents of Shield in questi giorni, anche se per il genere non vado pazzo. Vedremo...!

      Elimina
  6. In bocca al lupo x l'università Mik. Sono curiosa per Orphan Black, ma mi hai smontato su Under the Dome, sembrava carino dal trailer. Io ho troppi telefilm da recuperare e troppo poco tempo...credo che invecchierò prima di rimettermi in pari...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piano piano, riuscirai a vederli tutti :-D

      Elimina
  7. ciao Mitch,
    allora non è solo una mia impressione! Parlo di Under The Dome. Sono arrivata a vedere la 1*11 e mi manca sempre quel pizzico di magia, quel qualcosa che mi sussurra a vedere una puntata dopo l'altra, divorandole in un sol boccone. Le storie ci sono, lo sento, il paesino ridente nasconde tanto, i presupposti ci sono eppure quella scintilla fatica ad attecchire. :(
    Siamo ben lontani dalla piatta monotonia di The Walking Dead, dove credo di essere morta anch'io, solo per far succedere qualcosa... vedrò la seconda serie sperando in un cambio di marcia!
    Settembre-Ottobre ricominciano un sacco di serie! Periodo pieno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, Ale. Spero che la connessione internet funzioni a dovere, al campus in cui andrò ;)

      Elimina
  8. Under the dome come sai lo seguo e devo dire che mi è piaciuto, spero che la seconda stagione sia più ricca di colpi di scena. Devious maids l'ho evitato perchè le famose casalinghe disperate mi hanno resa isterica e non volevo aggravare la situazione...:) Mentre Orphan black mi incuriosisce, devo trovare il tempo di guardarlo!^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me purtroppo Under The Dome mi ha tanto, tanto deluso. Speravo tanto in un miglioramento, ma purtroppo non è arrivato. Alcune delle sottotrame era proprio inutili e noiose, almeno per me. Orphan Black è oggettivamente ottimo! ;)

      Elimina
  9. Devious maids è terribilmente trash, ma non sono sono riuscita a lasciarlo, mi ha proprio preso, oggi mi gusterò l'ultima puntata e da ottobre ho già in programma di farlo vedere a mia mamma su sky xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha, a me piace troppo! Ma poi è volutamente trash, perché secondo prende un po' in giro tutte quelle telenovelas latine che danno in giro. Sì, lo farò vedere a mia mamma anch'io xD

      Elimina