martedì 12 giugno 2012

Recensione: Memento - I sopravvissuti, di Julianna Baggott

Vogliono cancellarci, cancellare il nostro passato, ma noi non glielo lasceremo fare. Il passato è tutto ciò che abbiamo.


Titolo: Memento – I sopravvissuti
Autrice: Julianna Baggott
Editore: Giano
Numero di pagine: 496
Prezzo: € 18,00
Data di pubblicazione: 7 Giugno 2012
Sinossi: Un grande boato, il sole che emana la luce e il calore di tre stelle sovrapposte, e il mondo svanisce, spazzato via dal fuoco. È il giorno delle Detonazioni, il giorno in cui l'umanità si divide in due: da un lato i Puri che, rifugiatisi nella Sfera, sono privi di deformazioni o cicatrici sul corpo; dall'altro i Sopravvissuti che, coi loro corpi deformi, fusi con gli oggetti più disparati, si aggirano tra i detriti e le pozzanghere nere di pioggia della terra esplosa. Pressia aveva sette anni quando le Detonazioni le regalarono una bambola al posto di una mano. Ora ha quasi sedici anni e la bambola è divenuta parte di lei. Tuttavia, nel magazzino sul retro di un negozio di barbiere dove vive con suo nonno, Pressia pensa a volte che sarebbe bello essere Puri, cancellare le cicatrici, vivere in quella Sfera da dove qualche settimana dopo le Detonazioni lasciarono cadere sulla terra devastata un messaggio che diceva: "Sappiamo che siete li, fratelli e sorelle. E un giorno emergeremo dalla Sfera per unirci a voi, in pace". Invece Pressia deve ora guardarsi dall'ORS, il cui acronimo significava Operazione Ricerca e Salvataggio, e aveva l'obiettivo di ripristinare le unità mediche, redigere liste dei morti e dei sopravvissuti e poi formare una piccola milizia per mantenere l'ordine. Trasformata in Operazione Rivoluzione Sacra, L'ORS governa infatti col terrore e arruola tutti i sedicenni con lo scopo di abbattere, un giorno, la Sfera.

Uno schermo completamente bianco, il cursore di Word che continua fastidiosamente a lampeggiare, parole che non arrivano, una pagina che non vuole ancora essere riempita. Sono qui da una mezz'ora buona e, come un autore frustrato che non riesce a combattere il temuto blocco dello scrittore, continuo a cancellare le poche righe che riesco a buttare giù, insoddisfatto e stanco.
Sono fiaccato dalla calura estiva, dal soffocante garbino che soffia fuori dal mio balcone e da una storia di inaudita originalità che mi ha rubato tutto, lasciandomi a respirare la polvere dell'amarezza e il silenzio delle mie riflessioni.
Memento – I sopravvissuti non è un romanzo di denuncia, una storia vera o un complesso trattato di attualità. E' un romanzo di fantascienza e di azione, un distopico all'apparenza molto simile a quelli che i maggiori editori ci propongono sulla scia del milionario successo di Hunger Games. Parlarne, tuttavia, mi risulta assai difficile.
Descrivervene la brutale e al contempo poetica essenza vorrebbe dire andare al di là delle affascinanti righe riportate nella ricca sinossi. Vorrebbe dire elevarsi sul reale ed esaminare con la freddezza di un medico legale le cause, le conseguenze e la congerie di avvenimenti storici che ci hanno portato fino a questo punto; vorrebbe dire parlare della nostra civiltà e gettare sale in tagli nascosti, ma mai rimarginati del tutto.
Memento è quell'indelebile cicatrice. E' quel dolore bruciante che ci fa aprire gli occhi su frammenti di storia più dolorosi del dolore stesso.
E' un complesso romanzo che si respira e che si lascia vivere. E' un racconto epico a metà strada tra cielo e terra. Un albero nodoso e dalle radici deformi, teso in un abbraccio verso il grigio polveroso del cielo, ma la cui linfa scorre vitale nelle fondamenta del mondo.
Magico, visionario e spaventosamente realistico, umano e alieno al tempo stesso, è un viaggio sulle sottili ali di una farfalla dagli ingranaggi arrugginiti e sulla scia della notte più nera, tinta dal rosso del sangue e dalle urla dei sopravvissuti. Urla che sono suppliche di bersagli umani coinvolti in una caccia mortale, schiamazzi di bambini che non cresceranno mai, ninnananne di donne dai corpi deformi e dai cuori di mamma, inni di speranza e canti di ribellione...
Immaginate il mondo che conoscete racchiuso tra le mura invisibili di un'enorme cupola di vetro. Immaginate di essere circondati da individui fisicamente perfetti e dall'elevato quoziente intellettivo, di vivere l'adolescenza in elitarie accademie, di non conoscere la sensazione del vento sulla pelle o tra i capelli e il gusto del cibo sulla lingua.
Fuori da quell'Eden protetto, la polvere del “Prima”: le macerie del tempo che è stato. Un desolante nulla abitato da bestie feroci, mostri dagli occhi gialli e malevoli che sbucano dalla sabbia, crudeli milizie militari e piccoli manipoli di superstiti.
L'autrice è il collante che lega questi due mondi, il filo che manipola le azioni dei Puri e quelle dei Sopravvissuti, la voce tanto roca quanto cristallina che descrive la fredda lucidità degli uni e l'immensa umanità degli altri, la trascinante fantasia che dà vita a scenari degni del più ispirato Stephen King e a creature vicine e lontane che ricordano l'apocalittico Ken Il Guerriero e l'incantevole La chimera di Praga.
Più abile e coraggiosa di Suzanne Collins (Hunger Games), meno melliflua di Lauren Oliver (Delirium), Julianna Baggott intrattiene per quasi 500 pagine, suggerendo immagini vivide e regalando alla letteratura young adult alcuni dei personaggi più intensi che i lettori incontreranno mai. Inoltre, il suo stile denso e frenetico è in grado di privare il lettore di qualsiasi punto di riferimento, portandolo a confondere presente, passato e futuro, buoni e cattivi, verità e consolanti bugie.
Così appaiono l'amicizia, il coraggio, l'amore, la morte e la voglia di rivalsa, filtrati dagli occhi di quattro adolescenti dai cuori imbrigliati in una società soffocante come una prigione e vivida come un incubo ad occhi aperti.
Memento spaventa, sorprende, commuove ed emoziona, risultando sì completo e soddisfacente, ma anche amaro a causa di un epilogo troppo affrettato che, senza delicatezza alcuna, apre bruscamente il cammino per Fuse - capitolo successivo della serie - interrompendo in tal modo, senza nessun preavviso, il rapporto viscerale e simbiotico che si era creato tra lettore e romanzo, fusi insieme in una fiaba nerissima fatta di principi dagli uccelli conficcati irreversibilmente sotto la pelle, principesse dagli occhi a mandorla e con bambole al posto delle mani, colpi di scena e inaspettate eredità.
Legandomi a questo piccolo cavillo, mi riservo la quinta stellina per il prossimo romanzo, ma credetemi se vi dico che è questo un titolo che merita veramente. Figuratevi che, talmente affascinato, ho notato solo nelle ultime pagine che l'autrice aveva adoperato il “mio” odiato presente indicativo per tutto il tempo!
Il mio voto: ★★★★
Il mio consiglio musicale: Florence + The Machine – Never let me go
Un enorme grazie all'ufficio stampa Giano, che mi ha gentilmente dato modo di recensire questo imperdibile romanzo e che ha permesso ai lettori italiani di conoscere la surreale storia descritta dalla Baggott, impreziosita dalla meravigliosa copertina che arricchisce anche l'edizione originale.


8 commenti:

  1. Sono così indecisa su questo libro, eppure l'ho aspettato tanto, e mi attira tanto.
    Tempo momenti di "lentezza", non ricordo dove ne ho sentito parlare, forse su goodreads, ma il concetto di lentezza è così soggettivo se non so se fidarmi. Pagine intere dedicate alla riflessione per me sono fondamentali e non cerco azione, ma anche e di più, introspezione.
    Bella recensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia! Credimi, io mi annoio facilmente, ma non ho trovato davvero nulla di lento o pesante nel romanzo. L'autrice indugia spesso sui dettagli, ma, in romanzi del genere, per me è importantissimo: ci permette meglio di focalizzare le cose, no? :)
      C'è tanta azione e l'introspezione non manca, grazie anche a capitoli in cui si alternano i punti di vista dei diversi personaggi...ecco, ho dimenticato di scrivere un'altra cosa xD

      Elimina
  2. Ho una voglia matta di leggere questo libro ma mi sono ripromessa di finire prima quelli che ho in libreria. >///<
    Spero mi perdonerai se non leggo per intero la tua recensione ma non voglio rovinarmi nulla >.< però ho visto il tuo giudizio (4 stelline *-*) e questo mi invoglia ancora di più. ^_____^

    RispondiElimina
  3. bella recensione.. il libro è in effetti interessante..

    RispondiElimina
  4. A me ha attirato fin da subito! Non vedo l'ora di poterlo leggere!
    Comunque bellissima recensione, mi piace moltissimo il modo in cui hai trattato l'argomento :D

    RispondiElimina
  5. Bella recensione: sarà mio *w*

    RispondiElimina
  6. Fantastico! Complimenti per la recensione. Stavo giusto pensando all'ordine delle mie prossime letture. Credo che lo metterò in testa alle classifiche :-)

    RispondiElimina
  7. Complimenti per la recensione, ho appena finito di leggere il libro ed é davvero eccezionale!
    Qualcuno sa quando uscirà il seguito? Sono troppo curiosa di vedere come andrà a finire :D

    RispondiElimina