venerdì 27 dicembre 2019

[2019] Top 10: Le mie letture


10. La simmetria dei desideri, di Eshkol Nevo (Neri Pozza)
Quattro amici, quattro anni, un patto: realizzare i propri desideri entro l’inizio dei prossimi mondiali. Con uno stile che ricorda il miglior Nicholls, il mio primo romanzo dello scrittore israeliano fa il bello e il cattivo tempo con una storia che a tratti fa ridere, a tratti fa piangere. È rimasta una delle maggiori emozioni del 2019.

9. La ragazze delle meraviglie, di Lavinia Petti (Longanesi)
Un’amica scrittrice attesa per anni e anni al varco. Un ritorno irresistibile in una Napoli da sogno (e da incubo), guidato dallo spettro di un inquietante Pulcinella e da una fantasia senza eguali. Quanto è brava Lavinia? Quando tornerò, soprattutto, a visitare la città che parla il dialetto dei miei parenti stretti?

8. La lista semidefinitiva dei miei peggiori incubi, di Krystal Sutherland (Rizzoli)
A volte mi dico di non avere l’età. Per apprezzare romanzi per ragazzi. Per avere paura. E poi ci sono quelle autrici brillanti, dall’immaginazione iperattiva, che ti rubano il cuore con una saga familiare a metà tra Tim Burton e Wes Anderson. Quelle letture che sussurrano ai tuoi giorni storti e alla tua ansia sociale, vincendo i peggiori tabù: malattia mentale e depressione.

7. Dracul, di Dacre Stoker e J.D. Barker (Nord)
Tra biografia e invenzione, si muovono un diretto discendente di Bram Stoker e il collega J.D. Parker. Lo spunto del loro romanzo fa tremare, su carta, ma per i motivi sbagliati: chi oserebbe scrivere il prequel di una pietra miliare dell’horror? L’esperimento, vincente, sorprenderà perfino gli appassionati con una narrazione ad ampio respiro e dettagli – cuori pulsanti, topi, blatte – da autentico almanacco della paura.

6. Il potere del cane, di Thomas Savage (Neri Pozza)
Riscoperta postuma, una tragedia americana su un triangolo inconciliabile e un’omosessualità vissuta con inquietudine. La tensione è alle stelle. L’epilogo è degno di un thriller. Splendido e perturbante,  questo novello classico è il lato oscuro della Holt di Kent Haruf.

5. Cat person, di Kristen Roupenian (Einaudi)
Dodici racconti che spiazzano, spaziando dalla favola nera alla commedia grottesca, dalla denuncia sociale all’erotismo. Contemporanea, scorretta e amorale, l’autrice americana  - voce di Tinder, Twitter, del metoo –  conferma il suo diritto a non essere né moglie né intellettuale battagliera: ma vampira, principessa, amante, bambina dai desideri infernali.

4. Nemesi, di Philip Roth (Einaudi)
Un’estate sospesa negli anni Quaranta, una doppia guerra: da un lato le bombe, dall’altro la poliomelite. Di chi è la colpa? Degli italiani, dei randagi, del cibo spazzatura oppure di Bucky, protagonista irreprensibile? Se con la serie TV Chernobyl è mancata la scintilla, qui invece quanta agonia, quanta ira, quanta bellezza.

3. La clausola del padre, di Jonas Hassen Khemiri (Einaudi)
Le famiglie infelici sono infelici a modo loro? Mi perdono Tolstoj, ma dissento. C’è più della mia qui – tra le pagine di una commedia svedese degna di Allen – che in una foto ricordo. L’ho amato ma, se siete persone liete e speranzose, troppa verità potrebbe nuocere.

2. Favola di New York, di Victor LaValle (Fazi)
Apollo, antiquario, incontra Emma, bibliotecaria. Romantici e hippy, hanno un bambino nato sulla linea A della metropolitana. Sembra una fiaba moderna, ma dopo un gesto indicibile si trasforma in un incubo. Tutto dovrebbe finire così, nel sangue: e invece comincia. Incantevole, originale, violentissimo, un romanzo allegorico che parla del lutto al tempo dei social, della presidenza Trump, di troll leggendari e metaforici.

1. Storia del nuovo cognome, di Elena Ferrante (E/O)
Son venuto meno ai miei buoni propositi. In un dicembre svogliato e irrequieto, non ho portato a termine la tetralogia dell’Amica geniale come avrei sperato. Ma Elena Ferrante l’ho letta e riletta – ben quattro romanzi in dodici mesi, compreso La vita bugiarda degli adulti – innamorandone ogni santa volta; sento, però, che l’emozione dell’adolescenza delle indimenticabili Lila e Lenù, nel futuro prossimo, non sarà né superata né equiparata. 

16 commenti:

  1. della tua top 10 voglio recuperare La lista semidefinitiva dei miei peggiori incubi, Dracul (magari dopo aver letto Dracula *sigh*) e Favola di New York. Sembrano poco il mio genere, però mi ispirano parecchio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Soprattutto la Sutherland, invece, secondo me ti si addice particolarmente!

      Elimina
  2. Caspita quanti bei titoli! Devo assolutamente recuperare Nemesi, ma anche Dracul di cui ho letto solo pareri positivi :) per quanto mi riguarda, fra le più belle letture dell'anno si annoverano Il cardellino di Donna Tartt, Le braci di Sandor Marai, Con in bocca il sapore del mondo di Fabio Stassi e... qualche altro, che pubblicherò l'ultimo giorno dell'anno sul blog :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riuscirò quest'anno a vincere la paura della Tartt?

      Elimina
  3. Ferrante devo assolutamente leggerla prima che inizi la seconda stagione della serie tv ^_^
    nemesi lo lessi tempo fa... bello!
    è una top ten da cui attingerò sicuramente più di un titolo!!

    RispondiElimina
  4. E come sempre, sei utilissimo per trovare titoli interessanti con cui uscire dalla propria comfort zone ^-^
    A parte Nemesi, che ho letto anche io qualche tempo fa e concordo, quanto è bello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roth sempre troppo troppo bello. Indignazione lo avevi letto?

      Elimina
  5. Ciao Ink, della tua classifica ho letto solo il romanzo della Ferrante, ma ce ne sono alcuni che m'ispirano :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice di averti dato qualche spunto utile. :)

      Elimina
  6. Mi piacerebbe leggere Dracul... ma non so se riuscirò :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggilo leggilo, soprattutto per riprenderti dalla delusione della nuova serie Netflix...

      Elimina
  7. A sorpresa, e per una volta, tre ne ho letti e li ho amati anch'io.
    Come sempre, mi ritrovo ad averne (già in lista però, che sono stata brava) 4 nel mio futuro. E se ho già finito i buoni di Natale come faccio? E se sono appena tornata dalla libreria con altrettanti titoli nel mio carrello immaginario?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Curioso di sapere quali sono, eh eh!

      Elimina
    2. Eccoli: Cat person e Il potere del cane (che fa quasi ridere vedere assieme), quella Favola di New York che mi stuzzica tanto e Dracul, soprattutto per digerire l'ultima miniserie tanto indigesta.

      Elimina
  8. Vedi lo sapevo che non dovevo soffermarmi... mi sono segnata quattro titoli mentre Dracul, di Dacre Stoker e J.D. Barker è andato diretto nel cestino di Amazon eheheh

    RispondiElimina