giovedì 15 dicembre 2016

I ♥ Telefilm: Black Mirror, Rocco Schiavone, Ash VS Evil Dead II

C'è un ricatto in corso per il primo ministro britannico, costretto a fare sesso con un maiale: a rischio, reputazione e rapporti familiari. In un'imprecisata realtà distopica in cui l'esistenza consiste nell'accumulare punti e chilometri pedalando su una cyclette, la storia d'amore tra due timidi prigionieri in rivolta: satira spietata contro talent show e pornografia online, che trasformano ogni sogno, ogni buona intenzione, in stereotipo. Un microcip sottopelle fa un puntuale back-up dei tuoi ricordi: una cena tra amici, per una coppia messa in crisi dal sospetto, si trasforma in ossessione. Un'altra giovane coppia, ma questa volte felice: lui muore in un incidente stradale, lei non si arrende e, complice la tecnologia, lo rimpiazza con un surrogato con le esatte fattezze del defunto. Una donna senza memoria fugge da individui mascherati in un gioco al massacro: c'entrano un orso bianco, un colpo di scena fortissimo, una punizione esemplare destinata a durare vita natural durante. Se la politica è intrighi e corruzione, candidare a mo' di provocazione l'ologramma di un orsetto a cartoni e il comico che lo doppia: il peluche Waldo, sboccato e pungente, è un simbolo che può fare danni in mano alle persone sbagliate. Infine, Jon Hamm e Rafe Spall in una baita nella tormenta, con la neve e le festività lasciate fuori: il primo è una specie di guru, il secondo è una specie di divorziato senza speranza; uno dei due è una specie di bugiardo. Dopo il colpo di fulmine con la terza, ho recuperato all'incontrario prima e seconda stagione di Black Mirror. Le aspettative, alte di per sé, sono state superare. All'ultima ho infatti preferito l'essenzialità di questi primi episodi: nudi, rapidi, spaventosi. Ho trovato quegli elementi di disturbo, l'angoscia più sconvolgente, che a mio dire erano un po' mancati nella stagione che schierava Netflix e nomi altisonanti in campo: non a caso, lì, era la dolcezza di San Junipero a prevalere. Nelle stagioni introduttive, invece, l'ironia britannica, la scrittura perfetta e il piglio indie sono costanti che rendono gli episodi, sebbene autoconclusivi, parte di una visione più coerente. Di certo, più desolante ancora. Vince il no e Matteo Renzi si dimette, ma c'è il politico del pilot che se la passa peggio; chi vorrebbe un pupazzo come presidente, si domandano, e intanto vince Trump; patiscono la solitudine, comprano solo Apple e si confidano a Siri. Lo specchio, agli inizi, è più nero che mai. Nella terza stagione lo lucidano regie patinate, volti noti, toni che accettano il compromesso. Ma il riflesso, in un caso come nell'altro, spaventa: opaco, ma non abbastanza da nascondere il futuro che verrà. Come diventeremo, cosa faremo. E quello che, a sorpresa, già siamo. (8,5)

Rocco Schiavone, vicequestore romano, è mandato al nord per punizione. La neve, il freddo, la gente più chiusa e, magari, meno azione. Ad alta quota, chi esce di casa e si mette a uccidere? Cosa può succedere di male in Valle d'Aosta? Lui non ha le scarpe adatte, i cappotti pesanti, né la minima idea di quanto si sbagli. Gli toccherà risolvere un giallo a puntata. Gli toccherà fare i conti con sottoposti insubordinati, donne fatali e personaggi del passato che, dopo un decennio, reclamano vendetta. Ispirato all'omonimo personaggio di Antonio Manzini – autore che, sarà per via della barbosa Sellerio che lo pubblica, non mi aveva mai ispirato -, Schiavone è un segugio burbero, spiantato, politicamente scorretto. In prima serata impreca, fuma sigarette su sigarette, si fa le canne in ufficio: i politici italiani, ridicoli, borbottano. Presso quei canali Rai che ripropongono sempre le solite repliche, sempre i soliti prodotti mediocri, si preannuncia sorprendente e, fino alla fine, rispetta le promesse – caso isolato accanto allo spassosissimo Ispettore Coliandro, giunto ormai alla sesta stagione. I casi, certo, sono modesti: suicidi, rapimenti, traffici illeciti e, nella risoluzione, solo sporadici colpi di scena. Una cronaca nera ritoccata con sprazzi di umorismo dissacrante e risoluzioni raramente consolatorie. La giustizia, a volte, ha torto marcio. Ma c'è Rocco – impersonato da uno strepitoso Marco Giallini – che vede e provvede. Ha metodi poco ortodossi, amanti litigiose. In sei episodi viene fuori il ritratto di un uomo affascinante, scalto e profondamente solo. Piace questo. Che, come nel noir di ogni dove, Rocco sia un personaggio tormentato: un'anima nera che si accende qui e lì, in sporadici gesti di gentilezza, e nei tete-à-tete serali con una dolce, indispensabile Isabella Ragonese. Aiutano la regia cinematografica di uno storico addetto ai lavori, il Michele Soavi del cult Dellamorte Dellamore; lo stesso Manzini, che sforbicia e sceneggia; la presenza di simpatiche macchiette da barzelletta che smorzano i toni. Per Schiavone le chiamate nel cuore della notte, i segreti da svelare, i bandoli dalla matassa di cui venire a capo, sono una rottura di coglioni del decimo grado. Su una scala da uno a dieci, però, dov'è che si colloca il piacere della sua compagnia? (7,5)

Ash è tornato. Dopo tre film cult e una serie tivù ci ha preso gusto. E anche se appesantito, invecchiato, ingrigito, si è messo comodo. Prodotto dalla Starz dello stesso Sam Raimi, dice che il piccolo schermo è a abbastanza grande per il suo ego spropositato e che, su certi canali, a sangue e frattaglie non c'è freno. Dopo una prima stagione esilarante e sanguinosa, rieccolo: ha lucidato la motosega, si è messo una camicia senza macchie e, epilogo sospeso permettendo, va a caccia di demoni. Gli aiutanti sono quelli – Pablo, ricettivo al male, e l'agguerita Kelly –, ma la perfida Ruby è dalla loro parte. La mia famiglia si è radunata con i pop-corn alla mano per l'evento, così come quelle normali faranno per i concerti di Natale sul Cinque. Bruce Campbell fa inversione di marcia e arriva al paesello natale: ha un'ex fidanzata che, nel frattempo, ha messo su famiglia; un padre che tutti credevano morto; la reputazione da serial killer. Nessuno ha dimenticato gli eventi di La casa; nessuno gli perdona il fatto di essere stato l'unico sopravvissuto. Soprannome impossibile da scollarsi di dosso: “Ashy Slashy”. Il male l'ha seguito fin lì. Dimosterà ai coincittadini che si sbagliano, in fondo, sul suo conto?  Ash Vs Evil Dead cambia pelle – letteralmente, c'è un antagonista che scuoia le vittime e ne ruba l'identità –, ma resta lo stesso spasso. Morti coreografiche, comicità pecoreccia, buoni sentimenti per personaggi dalla cattiva reputazione. Gli episodi, cronologicamente collegati, costituiscono i capitoli di un lungo film anni '80. Non mancano le splendide trovate – il viaggio nel tempo per cambiare il destino sfortunato di un personaggio, una puntata che vira con leggerezza al thriller psicologico per farci dubitare così della lucidità del buon Ash –, e gli omaggi non si contano. Questo Necronomicon ha qualche sbavatura insanguinata, a volere essere pignoli; qualche (tempo) morto qui e lì. Le imprese di Ash non deludono, ma a tratti si patisce una certa ripetitività. Manca l'effetto sorpresa. Manca la novità, accanto all'amarcord. Come prendere un finale né troppo aperto né troppo chiuso? Come lo troverà l'anno prossimo la mia famiglia, se il dèjà vu – perdonate la rima – non si decide a regalare qualcosa di più? (7)

35 commenti:

  1. tra queste serie tv ho visto solo Rocco e... i mercoledì senza di lui sono di una noiaaaa >_<
    spero torni presto :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, mi sa che tocca aspettare nuovi romanzi di Manzini, altrimenti le indagini non vanno avanti. Su, su! :)

      Elimina
  2. Pienamente d'accordo con te su Black Mirror. Anche se ho apprezzato molto anche l'ultima stagione, le prime due sono state inaspettatamente tragiche e reali. Come ricevere un pizzicotto quando non te lo aspetti.
    Quanto è reale quel riflesso della nostra società?
    La serie Rocco non l'ho vista, per personale antipatia verso la Rai, ma mi sa che dovrò recuperarla! :)

    RispondiElimina
  3. schiavone mi interessa, potrei ritonare a vedere una produzione rai dopo anni...

    RispondiElimina
  4. al momento sono in pausa con tutto, libri,film serie Tv, ma Rocco Schiavone e Black Mirror li ho iniziati; con BM sono all'inizio della seconda dopo aver visto la prima e ogni episodio lo trovo più inquietante del precedente, non so se e quando riprenderò a vederli. Per quanto riguarda Rocco Schiavone, devo recuperare gli ultimi tre ma so già, avendo letto i libri, prima. Se ti interessano i retroscena riguardanti Marina, potresti leggere 7-7-2007 che non è stato trasposto, come ultima risorsa, per farti un'idea dello stile di Manzini, anche se ci sono altri titoli al di fuori della serie di Rocco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sicuramente leggerò 7-7-2007 e ho già sul Kindle l'altro, Orfani bianchi, che è molto breve.

      Elimina
  5. Devo guardare Black Mirror. L'altro giorno stavo per guardarlo, ma non trovavo nessuno streaming sottotitolato in italiano, solo in italiano doppiato e ultimamente sto evitando proprio per fare pratica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, con Black Mirror ho fatto un'eccezione. Li ho visti doppiati anch'io. Non c'era di meglio, purtroppo. Con le serie Netflix è così. Le prime due, però, potresti trovarle con facilità. Hai visto su Serietvsubita? :)

      Elimina
    2. Dopo vedo di sicuro, non conoscevo questo sito. :) Di solito uso Eurostreaming e un altro che non ricordo mai come si chiama ma ho tra i preferiti.

      Elimina
  6. Gli episodi di “Specchio nero” non sono molto originali, ma per essere la stagione con cui hanno aperto al grande pubblico, è andata molto bene, sono d’accordo con te.
    Ash diviso in tre troncoli, l’ultimo forse troppo frettoloso, ma la stagione resta valida, la serie diverte e non vedo l’ora di continuare a seguirla ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però noto che, nel caso di Ash, i finali non sono mai il punto forte... Ci si limita a seguire la scia dei precedenti nove episodi e, con tutto il bene che gli voglio, potrebbe venirmi un po' a noia. L'anno prossimo, magari, una tappa nel Medioevo dell'Armata delle tenebre? ;)

      Elimina
  7. Ash è fantastico, ho appena scritto la recensione, se vuoi facci un salto così capirai quanto mi è piaciuto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passo, Pietro!
      Quest'anno, in famiglia, ci è piaciuto poco poco meno, ma niente di grave. :)

      Elimina
  8. Sto finendo oggi Black Mirror poi scriveró anche io, cercando di mettere insieme le parole giuste per una serie cosí xD
    Penso sia una delle serie piú belle in circolazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo! Il ritardo del mio (anzi, nostro) recupero ha i suoi pregi: abbiamo avuto tutti gli episodi a portata di click. I fedelissimi avranno penato. :-P

      Elimina
  9. Schiavone però sta in Val D'Aosta :)
    In ogni caso, ottima serie, d'autore (doppio: scrittura e regia).
    Un telefilm così, in America, subito era osannato stile True Detective.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, c'hai ragione! Poi in geografia sono una pippa, io. Ho corretto. :)

      Elimina
  10. Rocco visto e amato. Black Mirrow mi incuriosisce moltissimo, soprattutto la prima serie.
    Ancora congratulazioni ;-)
    Lea

    RispondiElimina
  11. Eh sì, il primo Black Mirror non si scorda mai: nero, nerissimo, e angosciante.
    Schiavone di cui tutti parlate un gran bene, potrei vederlo nonostante tutto, ora che pago il canone sfrutterò la nuova app per il recupero ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ray Replay? Comodissima.
      Ti dirò, a me piace molto anche la serie tratta dalla Mafia uccide solo d'estate. Familiare, fresca, ben fatta. E, per fortuna, Pif fa solo da voce narrante e non ci recita. :)

      Elimina
  12. Ottimi commenti mi ci ritrovo pienamente, BM ho inziiato a vederla dal principio quando è uscita e ho apprezzato davvero la nera realtà. Ash lo lascio al marito che ha adorato i film io ho visto solo l'armata delle tenebre XD Schiavone non so se mi ispira.. nememno come libro ma mai dire mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Schiavone mi voleva scettico, all'inizio, ma ci si ricrede in fretta. ;)

      Elimina
  13. Ash è stato uno spasso anche in questa stagione, inoltre la comparsata di Cheryl mi ha ammazzata ben bene, effetto amarcord di potenza devastante. Confido nella terza stagione e confido anche di trovare un tutorial fatto bene per costruirmi il pupazzetto di Asy Slashy <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah, il pupazzetto era carinissimo!
      Mi ha divertito molto anche quest'anno, ma gli è mancato qualcosa. Cos'ha detto di nuovo rispetto all'anno scorso? Ecco. Voglio troppo. :)

      Elimina
  14. Le prime stagioni di Black Mirror sono ormai storia della tv!
    Waldo mitico, però la mia puntata preferita è comunque San Junipero dell'ultima season.

    Rocco Schiavone & Marco Giallini grandiosi!
    Speriamo non ci facciano aspettare troppo per una seconda stagione, visto che l'attesa rischia di essere una rottura di coglioni del decimo livello. :D

    Ash vs Evil Dead abbandonato senza rimpianti dopo alcuni episodi della prima stagione. Non faceva per me e poi mi sembrava recitata peggio dei cinepanettoni. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ash lo devi vedere con gli occhi dell'amore, sennò niente.
      Ora mi hai fatto immaginare un aberrante remake nostrano con De Sica però... :)

      Elimina
  15. Come te, anch'io ho attaccato Black Mirror dalla terza stagione e purtroppo sono ancora ferma lì...


    Imperdibile Rocco Schiavone, il perfetto connubio tra il poliziesco all'italiana (con i sottoposti fessacchiotti) ed il noir all'europea. Per carità, come giustamente scrivi, i casi non brillano di luce propria, però alcuni dialoghi (soprattutto tra Giallini e la Ragonese) sono stati davvero originali e toccanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahhh, la Ragonese... La amo. Basta.

      Elimina
  16. Adoro Rocco-Giallini.Non ho letto i romanzi ma recupererò.
    Perché la Sellerio ti disturba tanto?Einaudi non è certo più economica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, la Einaudi non è più economica, ma qui un po' mi disturba il formato e un po' il blu tutto uguale delle loro copertine. In libreria la Sellerio proprio non mi attrae, boh. Riconosco che hanno titoli bellissimi, ma realizzo con il senno di poi e li leggo sul Kindle senza grossi sensi di colpa. Un'altra è l'Iperborea, con quei volumi stretti stretti!

      Elimina
  17. Sono tutti e tre in rampa di lancio, mi dispiace solo che non potranno, probabilmente, entrare nella classifica di fine anno per questioni di tempistiche: sarà per l'anno prossimo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene!
      Ahhh, che ansia queste liste, vero. :)

      Elimina