lunedì 1 giugno 2015

Come un quiz di Cioè: non-recensione in anteprima di A Fior Di Pelle, di Sophie Jackson

Premessa. Il romanzo non mi ha convinto, e in una recensione seria sarei stato forse troppo cattivo. Visto che è di prossima uscita e che liquidarlo così, con due parole, non mi sembrava corretto, l'ho buttata sul divertimento. Ovviamente, inutile dirlo, è un parere strettamente personale. Quindi, massimo rispetto per le colleghe blogger a cui è piaciuto. I gusti sono gusti. E i miei, anche se Giulia dell'ufficio stampa Rizzoli, che ringrazio, ci prova a propormi letture diverse, sono altri. Se la Jackson fa un genere che a te, lettore o lettrice, piace molto, magari non fidarti, questa volta, di quel che dico io. Corrispondo al profilo "a", ma tu lo capirai leggendo.
 
Titolo: A fior di pelle
Autrice: Sophie Jackson
Editore: Fabbri “Life”
Numero di pagine: 464
Prezzo: € 15,90
Data di pubblicazione: 11 Giugno 2015
Sinossi: Dopo aver assistito all’omicidio di suo padre quando era solo una bambina, Kat da anni sogna il misterioso ragazzo che l’ha salvata dal fare la stessa fine. Ora, a 24 anni, Kat insegna letteratura inglese in carcere, per onorare la memoria del padre, un sognatore prestato alla politica. In carcere, i demoni di Kat sembrano risvegliarsi, soprattutto quando incontra Wes, un detenuto problematico, pericoloso almeno quanto affascinante e carismatico. Tra loro cominciano presto a esserci scintille, soprattutto quando Wes riconosce in Kat la bambina che ha salvato tanti anni prima…

                      Come un quiz di Cioè
Per un'altra fan fiction di Twilight che diventa una trilogia di inspiegabile successo, una recensione che è fan fiction dei post del blog Pensieri Cannibali. A fior di pelle sarà in libreria dall'11 Giugno, ma in anteprima ve ne parlo io, o meglio, un'ospite a sorpresa. In una speciale non-recensione che, più che altro, è un quiz in rosa di Cioè. La parola a...
Ehi, sono in linea. Sfigato, puoi riagganciare. Galvanizzati, evapora, sfarfalla lontano dal mio palcoscenico. Ma ciao a voi, bella gente. Sapete o no chi sono? La gemella di Rinko, sciocchini: Inka. Ma che davvero pensavate che “Ink” stesse per “inchiostro”? (Nitrisce) Abbiamo lo stesso nome, ma io sono la sorella bella, e già. Non sapete che vergogna, a scuola, quando mi paragonavano a quell'impiastro. Gemelli diversi, nomi uguali. Perciò, come scusa, dicevo che nostro padre fosse un grande estimatore del porno ungherese – Inga e le schiave del piacere l'avete visto? -, e che quel “k” stesse lì perché eravamo una famiglia troppo alla moda. Marika, Erika, Jessika... nomi molto '90s. Coooomunque, dove sono stata per tutto questo tempo? Chiusa in soffitta, come in quel film pallosissimo con quel figo satellitare di Michael Fassbender e la tipa malaticcia di Alice nel paese delle meraviglie. Cioè, ma che bidet a pedali che è quella. Jane Eyre doveva essere Belèn. O al limite io, visto che adesso sono passata al castano, perché il mondo, cioè, ma, dico, ci credete?, è pieno zeppo di pregiudizi. Dovrei essere oca solo perché maggiorata, incredibilmente sexy e bionda naturale? Io valgo. Lo dice anche la pubblicità. No, non quella di “mamma ho un fastidioso prurito intimo”. L'altra. Sono a capo dell'angolo letteratura su (indovinate!) “Cioè” – l'anno scorso ho letto tipo due romanzi illustrati, un post del mio fratellino emo, i volantini dell'Eurospin con le offerte più vantaggiose: lungo curriculum, ebbene sì, in un'Italia di raccomandati - e, questo mese, vi parlerò di una novità che ho letto in anteprima grazie alla Fabbri – baci a voi, Fabbri, muà muà – e che Rinko, sfigato sì, ma con più contatti degli uffici stampa che peli sul petto, mi ha fatto generosamente leggere. In realtà, voleva il numero di telefono di Taylor Swift, che ho incontrato dall'estetista, ma, Taylor, proteggerò la tua privacy. Io applico la politica dei Cookie anche alle amicizie, cara. Cinquecento pagine che volano – ma lui dice che, se volavano, è fuori dalla finestra. Invece, Sophie Jackson, buttati pure, ché il mio cuoricino è morbido morbidoso – e quello che c'è attorno, ti assicuro, è tutta roba che mi ha concesso la Natura. Vuoi tastare? Per le lettrici più affezionate, un quizzuccio a tema. Per dirvi che A fior di pelle è davvero a misura di lettrice sognatrice. Sophie Jackson ci ascolta e ci fa sentire protagoniste di una storia fia-be-sca. Un galeotto e una maestra. Un letto che prima tremava per gli incubi, poi per tutti quei bollenti e continui zùm zùm. Non leggevo una storia così profonda e accattivante dai tempi di Black Ice: fidatevi. Per il numero ufficiale della rivista, mi dispiace, dovrete però attendere lo sventordici di Giugno, ma – visto che ci lovviamo – vi mostro uno stralcio del mio articolo. Rinko l'ha compilato per prova. Riconoscerete il suo stile a causa di quella terrificante “✓” accanto alle risposte. Quando avrebbe potuto scegliere tra un cuore, un unicorno rosa, la gif di Hilary Duff...

1) Kat, la protagonista, ancora bambina, assiste all'assassinio del padre. Uomo politico accoltellato in un vicolo di Gotham City New York. Chi la salverà?
- Batman.
- Alfonso Signorini. ✓
- Wes Carter.

2) Prigioni, maestrine hot, carcerati dai petti villosi: a cosa pensi?
- Gang Bang! Gang Bang! Gang Bang!
(ma cos'è, la canzone di Ariana Grande?)
- I carceri sono i nuovi licei, in ambito new adult.
- La più grande storia d'amore dopo Twilight e Uno splendido disastro.

3) Chi è il tuo lui ideale?
- Mr. Ink. (ma che davvero?!)
- Un ragazzaccio bello e dannato.
- Un ragazzaccio bello e dannato, con la fedina penale sporca, i tattoo e un'eredità di cinquanta milioni di dollari, ma con un cuginastro cattivissimo; nel weekend ripara macchine – tutto sexy e sudato, gnàm – e legge poesie.

4) Perché Carter è in gatta buia?
- Fan di lunga data del gioco in doccia, mi raccogli la saponetta?
- Per essere così cool ci vuole il porto d'armi, e lui ne era sprovvisto quel maledetto giorno.
- Non ha commesso quel crimine! Si è dichiarato colpevole per salvare il migliore amico!

5) Primo giorno di lavoro. Tu, maestra di letteratura in un carcere. Quale sarà il tuo outfit?
- Non mi lavo per settimane. So che il cattivo odore allontana i malviventi. Che vuoi che importi dell'outfit? ✓
- Divisa arancione, per essere sempre in tema. 'Cause Orange is the new black.
- Tailleur attillato sui punti giusti, reggiseno di pizzo, tacchi a spillo.

6) Com'è la vita in carcere?
- Come alle scuole medie. Siamo in un new adult, vuoi forse impressionare le lettrici?
- Durissima. Carter deve camminare col sedere vicino al muro e sventare violenti attentati alla sua castità posteriore. ✓
- Sono un “gangsta”. Io regno.

7) Carter e Kat – miglior coppia di sempre – cosa hanno in comune?
- I geni, perché sono segretamente fratelli.
- Il quoziente intellettivo. ✓
- Shakespeare e le motociclette.

8) Dove la notte d'amore più bollente?
- Cella di massima sicurezza. ✓
- La Camera Rossa di Christian Grey. Con Christian Grey.
- Casa della nonna.

9) Per Kat, Carter è....
- Meglio di un Cartier.
- L'anima gemella. ✓
- “Sesso puro. Anzi, meglio, sesso bollente, sesso selvaggio da fare contro il muro” (cit. pag. 196)

10) Il soprannome della protagonista è...
- Pigeon.
- Fruittella Bella. ✓
- Pitches.

11) Sophie Jacson è un'insegnante di letteratura; cosa faresti se fosse la tua prof?
- La denuncerei. Tu che scrivi coi piedi, come ti permetti a giudicare un mio saggio breve? ✓
- Vorrei fosse la mia Kat. Però, prima, meglio controllare le foto. Metti sia peggio di E.L James...
- Che idola! Ci scambieremmo tutti i romanzi di Jamie McGuire.

12) Stile.
- Da fotoromanzo.
- Sarà scritto bene, sarà scritto male, sarà scritto boh?
- L'emozione non ha voce. (Nè stile. Nè contenuto...) ✓

13) Titolo per il sequel – perché sì, ci sono altri due libri, contenti?
- A fior di palle. ✓
- Se mi arresti, ti sposo.
- La mia splendida libbra di carne.

Qual è tuo punteggio? Se, in numero maggiore, hai barrato la risposta...
a) Sei arido/a, crudele, disincantato/a. Un pezzo di ghiaccio, e di cacca. A Natale, chiedi ai tuoi in regalo un cuore funzionante, Scrooge!
b) Non era il tuo genere, ma ci hai provato. Tre stelle e il proposito che, il prossimo anno, darai un'occhiata al sequel. Nella Jackson, sotto sotto, hai visto del potenziale.
c) Il romanticismo è nel tuo DNA, come il segreto per una pelle perfetta. Non giudichi a prima vista, sei assennato/a e riflessivo/a. Il secondo romanzo, inutile dirlo, l'hai già prenotato. Incontrerai la tua Kat – o il tuo Carter – perché credi nell'amore. Tu, lettera a, morirai invece solo/a e con sette gatti cenciosi.

Fate un po' i conti voi...

42 commenti:

  1. Diciamocelo Michele non era il tuo genere, ci hai provato! ti dirò che l'idea non mi dispiaceva, della storia e dei protagonisti, credo che non sia riuscita a gestirli bene facendosi prendere la mano nella descrizione troppo "fisica" (basta non voglio più sapere come sono vestiti i protagonisti, so a memoria il loro guardaroba) e con uno stile di scrittura da adolescente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alle descrizioni inutili e alla scrittura da adolescente, aggiungerei un intreccio che saccheggia il peggior Nicholas Sparks e i Disastri della Maguire, più che Twilight. Ma nei seguiti, mi domando io, visto lo smaccato e stucchevole lieto fine, che ci sarà scritto?

      Elimina
    2. altre storie di altri personaggi, nel secondo il protagonista è Max!

      Elimina
    3. Ah, impressione al quadrato che è copiato all'impostazione degli Splendidi Disastri. Grazie, Lara. Eviterò con cura :)

      Elimina
  2. Articolo simpaticissimo. XD
    Devo dire che appena ho letto la trama di questo libro ho pensato "Ma anche no!" Voglio dire, un carcerato per quanto mi riguarda ha il sex appeal di un paio di calzini bianchi. Insomma, mi puzza di vaccata (termine modenese per stronzata fotonica) lontano un miglio. E tu me lo confermi. Ma siccome faccio Alice di nome, e di fatto, cioè sono sia svampita che curiosa come la puzza, lo leggerò e ti dirò di che profilo sono. Kiss!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah, nomen omen, eh? :-)
      Fammi sapere.

      Elimina
  3. Son morta dal ridere! decisamente non è il mio genere.
    Salutami tua sorella Inka, lei sì che è il top :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti saluta, ma scrivo io, oggi.
      Lei deve aspettare che lo smalto si asciughi ;)

      Elimina
  4. Allora sarò sincera tutta la faccenda del carcere simil liceo non mi ha convinta però il resto a me il libro è piaciuto e quindi saràche sono la bandierina del romanticismo o perchéson super stressata in questo periodo e librickme questo non mi fanno pensare e li adoro proprio per questo.
    Per lo stile mi sa che è questione di gusto xD
    Super divertente il test, il mio risultato è la C <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comprendo perfettamente.
      Dipende dai periodi. Anch'io cerco libri d'evasione in periodo d'esame, ma questo ha la sfortunata di venire dopo altre due letture deludentissime. Quando è troppo è troppo :)

      Elimina
  5. Ahahahah!!!!!! Bellissima...?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, Bradipo, il trash meglio riservarcelo per i film...
      Cinquecento pagine in compagnia di 'sti soggetti mi hanno messo a dura prova.
      Ps. So bene che tu corrispondi al terzo profilo, non mentire!

      Elimina
  6. Risposte
    1. L'importante è ridere per non piangere ;)

      Elimina
  7. Scoprire di questa sorella chiusa in soffitta... fa tanto Fiori nell'Attico...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel prossimo post, chissà, rivelerà di avere subito delle avance inopportune da (R)ink(o)...

      Elimina
    2. E non dimenticarti il profilo psicologico di vostra madre..

      Elimina
    3. Quella uccisa e chiusa in cantina? Mi ha insegnato che tutte le donne sono crudeli - soprattutto questa Sophie Jackson - e adesso indosso la sua camicia da notte per respirare il suo profumo.

      Elimina
  8. Non leggo new adult, ma accetto la loro esistenza anche solo perché ispirano recensioni divertentissime come questa. :P
    Spero ne farete altre insieme: son rotolata dal ridere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cose come Hopeless, della Hoover, sono notevoli - nel loro piccolo - ma alcuni...
      Chissà quando Inka salterà di nuovo fuori :)

      Elimina
  9. Ahahahah il test è fantastico! :) (Ovviamente è venuto fuori che sono un pezzettino di ghiaccio,ma insomma tell me something i don't know! XD)
    Gli Young adult come questo stanno prendendo il sopravvento e la cosa mi inquieta abbastanza,io li odio praticamente tutti,tranne qualche rara eccezione!

    RispondiElimina
  10. Ahahah, ma questa simpatica sorella da dove salta fuori? :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo, dal grembo materno, insieme a me :(

      Elimina
  11. :D E finalmente l'ho letta fino alla fine... Ho partecipato e anche io voto per "A fior di palle" :D No, dai. Ritornerò a confrontarmi appena finisco di leggerlo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, tu, Fortunella, sei stata tra le prime a conoscere Inka!
      Ritorna che ti aspetto :)

      Elimina
  12. Onestamente averlo visto "In lettura" mi ha lasciata perplessa perché così, proprio a pelle, non mi sembrava il tuo genere - se posso permettermi - .Ergo, non mi sorprende affatto che non ti sia piaciuto ma mi sorprende positivamente la tua gemella :P
    Dal canto mio, lo evito come la peste anche se mi sto attrezzando per la vecchiaia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dura verità? Sono una persona materiale e coloro che partecipavano all'iniziativa potevano scegliere altri tre titoli Rizzoli. Puntavo al romanzo Pulitzer di quest'anno :P Mi hanno tentato, ecco. E chi sono per resister - poi al potere del trash?

      Elimina
    2. Scherzi? Trash e Pulitzer combinazione assolutamente irresistibile!

      Elimina
    3. Altro che Pandoro e Nutella, sì!

      Elimina
  13. Condivisa su tutti i social del regno. Epica ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, ti ringrazio.
      Ma non diciamolo alla gemella, lì, che si monda la testa :-)

      Elimina
    2. Nah, nah, diciamoglielo: vogliamo più Inka! Tra un'asciugatura di smalto e l'altra potrebbe dedicare un po' di tempo a condividere le sue "non-opinioni" :D

      Elimina
  14. Sto rotolando dalle risate xD ti adoro! e ora la condividerò ovunque :D

    RispondiElimina
  15. Ahahahaha bellissima "non recensione"! xD
    Io, ai new adult non mi ci avvicino, non li digerisco proprio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eppure sono pasto leggerissimo.
      C'è qualcosa che non va nell'impasto. Che metafore alla Masterchef, eh? :P

      Elimina
  16. Maggico come sempre (scusa, non sono riuscita a trattenermi :) )

    RispondiElimina
  17. OMG ma qsta da dove ti è uscita? Mai visto una recensione del genere. Potrei denunciarti x avermi fatta strozzare dalle risate. Inka è magnifica, potrebbe essere la nuova Oprha. Da romantica quale sono leggerò cmq il libro, nn si sa mai ke qst tizio della Jackson abbia il fascino di un certo carcerato di Prison break.

    RispondiElimina
  18. Stima. Abbracci. Pacche virili sulla spalla. Grazie ragazzo, grazie mille. C'ho bisogno di cose così, mi fanno credere che la mia rubrica del lunedì sia dovuta al mondo intero xD

    RispondiElimina
  19. Tanto amore. Tanto amore per te! *__*

    RispondiElimina