mercoledì 4 marzo 2015

Recensione in anteprima: Slammed. Tutto ciò che sappiamo dell'amore, di Colleen Hoover

Non si può piangere per sempre. Tutti, prima o poi, si addormentano

Titolo: Tutto ciò che sappiamo dell'amore
Autrice: Colleen Hoover
Editore: Fabbri “Life”
Numero di pagine: 352
Prezzo: € 15,90
Data di pubblicazione: 12 Marzo 2015
Sinossi: Lake ha vissuto l’anno peggiore della sua vita: la morte del padre, i litigi con la madre, un trasloco in una nuova città e la fatica di reinventarsi una vita. Finché non conosce Will, il vicino di casa, a sua volta costretto dalla vita a crescere in fretta. L’intesa è immediata, ma il primo giorno in classe Lake scopre che il loro è un amore impossibile: Will è uno dei suoi professori. Altrettanto impossibile allontanarsi, dimenticarsi, rinunciare: e così Lake e Will – costretti a restare divisi – si parlano attraverso la poesia, anzi, le poesie, in pubblico ma in segreto, servendosi di uno slam (una gara di versi) per dirsi tutto ciò che devono e vogliono dirsi.
                                    La recensione
Io non ci rinuncio. Io mica mi arrendo. Voglio capire qual è la differenza tra “nuovi” e “giovani” adulti – e non ci sono riuscito, non ancora. Voglio trovare un romanzo di un genere esploso all'improvviso, ma tristemente sempre uguale a se stesso, che mi faccia credere che ci sia sempre di meglio, che al young adult le nuove autrici – tutte donne, tutte appresso ai soliti temi: tutte uguali – rubacchino anche la profondità, la verosimiglianza dei loro racconti, e non solo i protagonisti all'ultimo anno di liceo in preda agli ormoni – e se ci sono riuscito, qualche tempo fa, è stato proprio grazie a Colleen Hoover che da allora, all'incirca, mi ripropongo di leggere di nuovo. Quando la Fabbri, in cerca di un parere maschile, mi ha indicato una serie di titoli da recensire in anteprima, la mia scelta, a colpo sicuro, è ricaduta, quindi, sulla ristampa di Tutto ciò che sappiamo dell'amore. Uscito qualche estate fa, è entrato ed uscito ed entrato ed uscito dalla mia lista dei desideri a tempi alterni: mi convincevano i pareri positivi, mi faceva passare la voglia, però, anche la minima recensione stonata. Non sarebbe stato come Hopeless, delicato e tostissimo, con due protagonisti originali e un oscuro contorno di abusi familiari e infanzie negate; ma a scatola chiusa, se proprio dovevo scegliere, sceglievo la Hoover. Scatola chiusa tra virgolette. In realtà, come capita con quei libri che ti incuriosiscono ma che poi, convinto non li leggerai mai, vai a spulciarti per bene, impaziente di capire cosa sia piaciuto e cosa invece no, devo confessare che sapevo più di quanto volessi a proposito di questa storia. La svolta drammatica della parte finale, ad esempio. Quella che a tutti, me compreso, a causa di un'ironia inusuale che mi è parsa solo mancata discrezione, ha fatto storcere il naso. Poiché preparato, mi è sembrata poca cosa: ci sono passato sopra; il resto scorreva. Il pregio del romanzo – primo di una trilogia, ma perfettamente autoconclusivo – è che è piacevolissimo, lieve, e che i classici lutti dei protagonisti non risultano troppo. Lontano dalla profondità di Hopeless, è un romanzo tutto sommato onesto, che non vuole farsi ricordare grazie a trovate ruffiane o fastidiose – il sesso esplicito, la promessa di una maturità che poi manca – ma neppure per il sentimento travolgente tra i due giovani protagonisti – due ragazzi che si amano, anche se, come in Pretty Little Liars, lui è un professore di lettere e lei una studentessa – dei quali non avverti mai la loro relazione come maledetta dalle stelle; realmente ostacolata.
Lake e Will, con le loro famiglie bisognose e l'esigenza di crescere in fretta, si muovono in un ambiente noto – il liceo – e percorrono insieme le tipiche fasi del lutto e le altrettanto tipiche fasi dell'innamoramento: gli amici consueti, i consueti litigi, anche se i simpatici fratellini minori, i loro preparativi per Halloween e il filo doppio delle emozionanti esibizioni al N9VE danno colore. Considerando la presenza costante di una narratrice che non brilla per buone idee, più infantile dei suoi diciotto anni, il romanzo ha il suo riscatto, la sua ora d'aria, quando sottraggono la parola a Lake le lettere dei genitori e, soprattutto, le poesie rabbiose e autentiche dello Slam. Gara poetica senza rime e senza regole che unisce i due personaggi, dirimpettai e qualcosa di più, dietro un microfono e contro l'ingiustizia di una vita da vivere come viene; sia quando dispensa dispiaceri, sia quando distribuisce piccoli miracoli. La poesia, purtroppo, resta sul palcoscenico e non influenza lo stile: non scende in campo, non dà quella cosa in più alla prosa lineare e standard delle autrici che fanno romance, ma il troppo stroppierebbe e Tutto ciò che sappiamo dell'amore risulta abbastanza. Semplicemente, abbastanza. Abbastanza problematico, abbastanza romantico, abbastanza carino. Il che è molto di più di quanto si possa dire di tanti new adult, che si prestano a stroncature spietate e a facile ironia. Tutto ciò che sappiamo dell'amore – traduzione liberissima dall'americano Slammed, titolo che finirò sempre per confondere con quello di una brutta e (quasi) omonima commedia di Gabriele Muccino - non sarà il vostro breviario dei sentimenti. Tutto ciò che saprete sull'amore, ecco, non lo saprete grazie a questa lettura. Non spicca il volo, ma è come un viaggio a velocità costante confortevole e senza tratti al buio, mentre la strada è tutta dritta – nonostante qualche buca sporadica faccia sobbalzare – e alla radio passa un pezzo che ti piace e che fa, lungo il tragitto, buona compagnia.
Il mio voto: ★★★
Il mio consiglio musicale: Swedish House Mafia - Don't You Worry Child Feat. John Martin (Acoustic Version)


Don't you worry, don't you worry child
See heaven's got a plan for you.”

21 commenti:

  1. Ciao Mik! Ultimamente mi rendo conto di riuscire a commentare poco ma non mi perdo un tuo post, anche se di corsa e letto dallo smartphone!
    Di questa autrice non ho mai letto nulla, sarà che il genere non è proprio dei miei preferiti e visto il pochissimo tempo tendo ad eliminare ciò che dovrei un po' impormi di leggere.
    Cosa mi dici? Tu che ormai mi conosci... potrebbe piacermi? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dani, non preoccuparti :)
      Questo è quasi solo per giovanissimi - e forse nemmeno io, ventenne, sono così tanto giovanissimo. L'altro - Hopeless - ti piacerebbe. Molto coinvolgente.

      Elimina
  2. Ciao!
    Ti seguo da poco, ma concordo su questa recensione. Le coincidenze è un libro più maturo, più profondo ma sempre delicato, nonostante le tematiche forti. Delicatezza che trovo sia un marchio di fabbrica Hoover. L'ultimo uscito, Forse un giorno, secondo me è ancora di più (più maturo, più profondo, più delicato). Insomma, con questi tre titoli ho assistito a una fantastica escalation. Quando vorrai dare un'altra possibilità al NA ti consiglio questo titolo. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alice, e benvenuta.
      Aspetto il cartaceo, ma sicuramente lo leggerò ;)

      Elimina
  3. Ciao sono Firefly, una nuova follower. Ho da poco aperto un blog insieme ad una mia amica, se ti va di passare ci farebbe molto piacere :)
    Della Hoover ho letto solamente Le coincidenze dell'amore e mi era piaciuto parecchio, dovrei provare a leggere anche questo. Bellissima recensione come sempre :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e benvenuta, Firfley. Passerò volentieri!

      Elimina
  4. Ho letto sia questo sia Hopeless e mi sono piaciuti entrambi mentre il seguito: Le sintonie dell'amore non mi ha preso per niente. Ora proverò a leggere: forse un giorno ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, inutilissimo quel sequel. Rimosso...

      Elimina
  5. Adoro tutti i libri di Colleen Hoover.. questo l'avevo già letto un pò di tempo fa, dopo essere stata letteralmente conquistata da Hopeless e Le sintonie dell'amore.
    E poi proprio ieri ho terminato Forse un giorno (Maybe Someday): non pensavo mi avrebbe preso tanto come i romanzi precedenti della Hoover e invece ha confermato ancora una volta la bravura di questa autrice. Bellissimo e consigliato, allo stesso livello di Hopeless se non migliore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, perfetto, Antonella. Siete in tanti a parlarmene bene. Sarà il new adult che mi farà dire sì a un genere che non dispiace, ma che neppure spicca?

      Elimina
  6. Non ricordo se ne ho già parlato qua ma il mio incontro con il new adult ,o young?, mi ha talmente infastidita che non ci riproverò più.Per la cronaca il romanzo era"Uno splendido disastro" campione di incassi e di cuori infranti.Capisco che non ho più l'età ma certe minchiate dovrebbero fare fastidio anche alle fanciulle in fiore...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, io sono un nuovo adulto in piena regola - dio, che definizione agghiacciante - e non convincono neppure me. Il Disastro, sarà perché bastonatissimo e accusato di essere la causa del femminicidio nel mondo (rido ancora, giuro), mi aveva divertito. Un guilty pleasure di quelli innocui e spontanei.

      Elimina
  7. Beh dai mi fa piacere leggere che anche se non ti ha pienamente convinto, un minimo ti è piaciuto! Io l'ho adorato e non vedo l'ora di leggere il seguito :)
    Devo ancora recuperare Le coincidenze dell'amore invece!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente: il seguito non lo leggerò, ma gradevole, nel suo essere "niente di che". Non poteva osare di più, ma poteva essere scritto un po' meglio, solo questo :)

      Elimina
  8. Interessante, non lo conoscevo, ma adesso però non me lo lascio sfuggire :-)

    RispondiElimina
  9. Lo sai vero che io odio Lake? Stupida, infantile, egoista. Eppure sì, il libro si legge, ma ancora oggi, quando guardo le tre stelline che ci ho dato, mi chiedo se non sono stata troppo generosa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho più odiato Il tuo meraviglioso silenzio. Una protagonista tosta tosta, ma in realtà era la solita lamentosa vestita da squillo in saldo, ahahahah :)

      Elimina
  10. A me ha emozionato molto qst libro, purtrp sn fragile difronte a qst storie strappalacrime. Infatti ho tt i libri della Hoover ke sn usciti dopo qst e appena posso voglio recuperarli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me, purtroppo, non ha emozionato troppo, sarà che qui e lì la protagonista mi ha irritato un mondo, ma è una storia sicuramente molto carina :)

      Elimina
  11. ciao mik :) amo le tue recensioni! Ho letto questo libro un poì di tempo fa, l'edizione vecchia della rizzoli. Non mi ha entusiamato, ho preferito le coincidenze dell'amore anche se a mio modesto parere, entrambi non sono libri indimenticabili. Non penso di leggere i seguiti, non ne sento il "bisogno".

    RispondiElimina