giovedì 5 giugno 2014

Del nuovo header e di un po' di telefilm: Reign, Flowers in the Attic (e Petals on the Wind), Mom, The Crazy Ones

Buongiorno amici! Notate qualcosa di diverso, per caso? Ieri ho dato una bella rinfrescata alla grafica. Dopo due anni e mezzo, ho voluto cambiare un po'. Io odio i cambiamenti, non mi ci abituo, quindi ho aspettato il giusto per trovare un'idea che mi piacesse. L'header, come vedete, è semplicissimo, ma mi appartiene. Volevo qualcosa di personale: ci sono Her, Big Fish, 500 Giorni insieme, Lego House, puzzle di me. Ammetto di andarne piuttosto fiero, quindi spero piaccia anche a voi. Oggi, con l'esame praticamente dietro l'angolo, vi propongo un nuovo appuntamento di I Love Telefilm, e penso proprio che ci sentiremo direttamente la prossima settimana. Vi parlo di Reign, previsto a breve nei pomeriggi estivi di Rai Due; delle sit-com Mom e The Crazy Ones; di Flowers in the Attic e Petals on the Wind, due film per la tv targati Lifetime che, in Mr Ciak, mi sarebbero sembrati fuori luogo. Pregate per me, e buona visione. Un abbraccio. 

Reign
I Stagione
Io ho un odio inconscio, e mica tanto inconscio, per la storia. Raramente leggo romanzi storici, raramente guardo film storici, e mai sono alle prese con serie TV in costume che non siano i bikini di Baywatch. Reign, eppure, l'ho visto. Reign che è tutto, fuorché una fiction storica. Un teen dramma leggero, divertente, pieno di licenze pseudo-poetiche, all'epoca di Elisabetta I e alla corte di Francia. C'è il marchio The CW. Ciò significa che sono tutti belli come dei, ricchi, famosi e che il trash galoppante è nascosto, tra riccioli perfetti, sottane d'alta sartoria, maschere di madreperla. Nel regno in cui si balla sulle note dei Bastille, le voci narranti vanno a ritmo dei The Lumineers, l'antichità incontra la novità come in Il destino di un cavaliere. Reign ha una delle sigle più belle messe a punto di recente, cattura anche chi è allergico agli intrighi dinastici, è una parata di sfarzo ed eleganza, con vari sprazzi di mistero. Ha creato fandom dai cui, ovviamente, mi tengo a distanza di sicurezza; fanfiction sui triangoli amorosi; team contrapposti. Un po' alla Twilight, insomma. Il segreto sta nella leggerezza del tutto – anche se non nascondo di essermi annoiato, verso la fine di questa prima stagione: troppi episodi, troppe pause, troppi tempi morti – e in una parata di bellezze. I protagonisti sono Mary Stuart – ché detto in english fa più figo - , fanciulla che tutti vogliono (uccidere, sedurre, sposare) e il Delfino di Francia, Francis. Promessi sposi per motivi politici e per volere dei loro rispettivi Paesi, si vedono e si piacciono. E ti credo. Probabilmente, la vera Mary aveva la barba, ma in questo serial è la bellissima Adelaide Kane: ventiquattro anni, una cascata di capelli scuri, fisico da modella, un accento inglese che fa sciogliere. Anche se il vero Francis, dai dipinti trovati su Google, non era ai livelli di bruttezza di Enrico VIII – che nei Tudors, eppure, era il non proprio brutto Jonathan Rhys Meyers - , di certo non era Toby Regbo: sensibile, efebico, biondissimo. Principe Azzurro in incognito. I due sono alla moda, affiatati e pure bravini. Il terzo incomodo è il figlio bastardo di quell'erotomane pervertito di re Henry II: Sebastian. A far girare la testa ai reali, anche le amiche della futura erede al trono: sveglie, scaltre, con le idee chiarissime. Il loro scopo nella vita è stupire con continui cambi d'abito e accasarsi. A dominare incontrastata, mentre il sovrano fa la bella vita e i figli diventano rivali in amore, la regina Catherine: una carismatica, letale, affascinante Megan Follows. Realizzato discretamente, simpatico, originale, Reign riporta in vita il personaggio di Nostradamus e le paure del paganesimo. Ha una bella colonna sonora, immagini da rivista patinata, costumi regali firmati da Alexander McQueen. Anch'io che sto alle passerelle come Maurizio Costanzo sta agli scaldacollo, ne riconosco l'eleganza. Il telefilm è elegante, ma senza classe. E' malizioso, ma senza volgarità. E' piuttosto coinvolgente, ma senza impegnarsi. A lungo andare, temo che la perenne aria da soap opera potrebbe ucciderlo, però. Si vedrà. (6)

Flowers in the Attic & Petals on the Wind (TV Movies)
Flowers in the attic. Remake dell'omonimo film del 1980 e, soprattutto, trasposizione di un romanzo della dimenticata Virginia C. Andrews: una signora autrice che sua maestà Stephen King ha inserito nella lista degli scrittori che più l'hanno ispirato. Prodotto destinato alla TV, sul puritano Lifetime, si rivela interessantissimo, per le tematiche, la psicologia dei personaggi, la morbosa crudeltà di fondo. Non perfetto, ma macabro, cattivo, freudiano. Mi ha ricordato An American Crime, a tratti. La storia di quattro bellissimi fratelli imprigionati nella soffitta della nonna, come fiori senza sole. La madre che li abbandona, in cerca dell'ennesimo matrimonio di convenienza; la nonna che li punisce con barbari metodi; il mondo che ignora la loro prigionia, mentre il resto della casa si scopre un covo di segreti, lussuria proibita, omicidio impunito. Sono sbagliati i rapporti che nascondo tra quelle mura, ma comprensibili. Hanno un perché che capisci. Cathy e Cristopher, i fratelli maggiori, si scoprono attratti tra loro: fioriscono insieme, sbocciano insieme, scoprono insieme la sessualità e l'amore. Non hanno contatti con l'esterno. Hanno due bambini piccoli da accudire e proteggere, come se fossero figli e loro genitori. Il giocare alla famiglia felice, il mentirsi a vicenda per sentirsi meglio, il ritrovarsi cresciuti e adulti all'improvviso, accende una scintilla nera che, anche se contro natura, ha un senso. L'ho visto, a gennaio, pensando di trovarmi davanti a una pellicola autoconclusiva. A un horror psicologico distrubante e crudele. Validissimo nella sua semplice crudezza, coinvolgente per il suo romanticismo perverso - con una futile, fragile, odiosa Heather Graham e una mostruosa Ellen Burstyn. Poi, quattro mesi dopo, il seguito. Arrivato puntualmente, ma non richiesto. Ambientato dieci anni dopo, vede i protagonisti cresciuti e finalmente liberti. Dalla soffitta, ma non dal passato. Modesto come il primo, ma non altrettanto accattivante: nemmeno lontanamente. Cambiano gli attori e i due bellocci chiamati ad interpretare gli ormai grandi Cathy e Cristopher sono biondi, angelici, aitanti, ma pessimi. Dei mezzi cani. Lui vuole fare il dottore, lei la ballerina. Si dividono, tentano di andare avanti, rinnegando il dramma dell'incesto; il passato. Hanno relazioni fallimentari, si allontanano e si riavvicinano, tornano al punto di partenza. Quella che dovrebbe essere la loro atroce vendetta nei confronti di una mamma cattiva si rivela un bislacco polpettone, inverisimile e paradossale. E io amo il trash, ma Petals on the Wind mi ha messo a dura prova. So che il “troppo” è stato eliminato senza rimpianti: immaginate, allora, cosa debba significare sorbirsi un intreccio simile per intero! La cronaca di un Beautiful nella Casa del Diavolo. Il primo era oro. Questo seconda capitolo, si salva giusto alla fine, quando scendono in campo la Graham e la nostra nonnina preferita. Hanno un carisma innagabile; stessa cosa non si può dire del resto del cast, coinvolto in una o due scene erotiche da bollino verde che, montate in maniera rozza e arrangiata, hanno la stessa sensualità dell'accoppiamento tra triceratopi allo stato brado. Tanto Flowers in the Attic era teso e intenso, tanto Petals on the Wind è comico. Nel primo caso, ho partecipato con trasporto alle vicende. Nel secondo, non ho creduto nemmeno per un attimo a quello che stavo guardando. Diverte per sbaglio. Più inquietante Banderas che parla con la gallina Rosita: sì. Da oggi all'uscita del sequel – perchè i volumi della Andrews sono ben cinque – ne passerà di tempo. Magari mi passerà il fastidio, e magari i giovani protagonisti andranno a scuola di recitazione. (7) (4,5)

Mom
I Stagione
Partiamo dal presupposto che io e Anna Faris ci becchiamo sempre con piacere. Come Emma Stone, lei ha un viso e una mimica che scatenano le risate più fragorose nel sottoscritto. L'ho vista in Scary Movie, La coniglietta di casa, in (S)ex List. Film non proprio grandi, che avevo saputo, però, sottolineare il suo lampante talento comico. Non mi sarei perso una sit-com tutta sua nemmeno per sogno. Mom mi ha creato dilemmi. Odiavo le risate registrate del format (e le odiavo profondamente!), ma adoravo lei. Che fare? L'ho visto tutto, Mom, e dopo un po' alle irritanti risate in studio non ci ho fatto più caso. Gli straordinari tempi comici di lei sottolineavano quello che c'era da sottolineare, facevano sorridere nei momenti giusti. Quasi sempre, cioè. Spesso volgarotto, spesso cinico, racconta la storia di una ex Juno, nonché mamma di una futuro Juno. Figlia, a sua volta, dell'antenata diretta di Teen Mom. A trent'anni, la Faris – madre di due figli avuti da padri diversi – si trova alle prese con una nuova maternità: quella della figlia sedicenne. La storia si ripete. E le famiglie sono fatte per sostenersi. Si sentono nel momento del bisogno. La famiglia del personaggio di Anna è Bonnie, sua madre: la mamma, tipo, peggiore della terra. Una neo-cinquantenne destinata, in nove mesi, a diventare bisnonna, con un curriculum di tutto rispetto: carcere, strip club, droga, alcolisti anonimi. Un imprevisto testa a testa tra la Faris e la collega, una spumeggiante Allison Janney: chi sia più disastrosa, materna e avventata non saprei dirlo. Un finale di stagione non banale. Un ultimo episodio arrivato in ritardissimo, tra pause, festività, appuntamenti rimandati. Mom, tra le sit-com seguite dal sottoscritto, è una delle più carine. Nonché una delle poche non destinate alla cancellazione. Era destino, immagino. (6,5)

The Crazy Ones
I (e ultima) Stagione
Avventure e disavventure di una banda di pazzi pubblicitari newyorkesi: boss poco malefici, stagisti, impiegati, clienti, passanti occasionali, omini delle consegne. The Crazy Ones non è piaciuto. Ha avuto scarso seguito. E' una sit-com il cui destino si è giocato in una stagione soltanto. Un po' mi dispiace, sapete? Non imperdibile, ma divertente. Di ottima compagnia. Da vedere quando ti va, senza impegno. Soprattutto per il cast: affiatatissimo, nuovo, variegato. Un istrionico e camaleontico Robin Williams, una Sarah Michelle Geller che è sempre piacevole rincontrare in giro, tanti cameo di piccole star. Sorpresa autentica, i più giovani della serie. Li ho adorati. Tre personaggi ben scritti, esilaranti, scemi fino al midollo. L'allampanato e capelluto nerd Hamish Linklater e i belli Amanda Setton (Gossip Girl) e James Wolk. Rivederli all'opera con altro mi farebbe tanto piacere. E anche rivedere, magari, una New York racchiusa tra le stesse vetrate; dipinta con gli stessi colori, ravvivata dagli stessi toni da barzelletta al bar. Carino, ma evidentemente non abbastanza. (5,5)

32 commenti:

  1. È davvero bellissimo!!!!! Complimenti! Sei unico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Stefania! Felicissimo che ti piaccia :3

      Elimina
  2. Nuuuu, hai cambiato grafica! Ok, mi ci farò l'occhio, ma sono un'abitudinaria per natura :P
    Ma veniamo a Flowers e Petals. Il primo è sicuramente il più bello, crea un'insana dipendenza, il secondo ha (come il libro) un'impronta da soap opera, ma ho capito che l'autrice - Virginia Andrews - è così. Si diverte a rimescolare i fatti degli altri e questi due poveracci (Cathy e Chris) non avranno mai pace °___°

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Madonna. Che famiglia sfigatella, eh :/ La Andrews, pace all'anima sua, non stava molto bene. La stimiamo per quello.

      Elimina
    2. Ah i volumi della serie sono 4 si può dire, il quinto è la storia della nonnina quando era giovincella. Ti attira lo so xD

      Elimina
    3. Il mio sogno erotico segreto. Però voglio sapere com'è diventata una bomba secsiii xD

      Elimina
  3. Header davvero fantastico, anche perchè hai racchiuso ben 3 miei film preferiti: un colpaccio :)

    Per quanto riguarda questi telefilm, da non amante delle sit-com mi salto le ultime due, Reign mi stuzzica per la sua natura trash, mentre i film TV mi lasciano perplessa: il capitolo I mi intriga, ma le tue parole sul secondo mi fanno quasi quasi rinunciare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, però noi siamo fan di Revenge. Questi intrecci alla Beautiful non ci "spettinano" poi tanto :P Il primo, nonostante la sua natura televisiva, merita abbastanza. Ha il fascino del proibito. Casomai, puoi fermarti lì. Il finale è aperto, ma tanto il secndo riprende la storia dieci anni dopo. Reign ti divertirà: non è malvagio ;)

      Elimina
  4. Guarda, l'header applicato al blog è una figata ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio: sei sempre la mia consulente personale :-D

      Elimina
  5. L'header lo adoro, bravissimo!

    Su Flowers in the attic la penso esattamente come te, e che delusione è stato il sequel! Oltretutto mi sono letta le trame di tutti i libri su wikipedia (ebbene sì: spoiler, non vi temo!), quindi - pur essendo preparata all'aria da soap - mi aspettavo qualcosa di nettamente diverso, di migliore. Spero in un miglioramento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Cate ^^ Sì, che delusione Flowers. La mia amica Silvia mi ha spifferato tutto su mio ordine: so che il terzo sarà più simile al primo, ma per il resto ci attende una soap in piena regola. E io che criticavo le mie compagne di liceo che, di pomeriggio, guardavano Il segreto :P

      Elimina
    2. Mhhh... il Segreto lo sbircio anch'io U_U

      Elimina
    3. No, Silvia. E' troppo per il mio cuoricino.
      Pepa sucks.

      Elimina
  6. ah ecco, mi sembrava fosse cambiato qualcosa... :)

    crazy ones inguardabile, nonostante la presenza della mia adorata sarah michelle. mi spiace per te, ma è stato giustamente cancellato dalla faccia della terra.
    reign irresistibile e pure io di storia me ne frego alla grande. ma per fortuna come dici non è una fiction storica. proprio per niente eheh

    e 'sto flowers in the attic magari me lo guardo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, guarda, non sono poi tanto addolorato per Crazy Ones, non preoccuparti :D
      Flowers potrebbe piacerti. Chissà. Però il primo: il secondo è troppo squallido, anche per noi.

      Elimina
  7. Bello il nuovo header :D
    Reign è stato una sorpresa: trash quanto basta per essere divertente, con punte di genio. È il primo telefilm che ho visto dove dal nulla un personaggio impazzisce. Così, tanto per. Ma concordo con i punti morti... la sottotrama di The Darkness era soporifera, soprattutto perchè l'hanno tirata fuori solo ed unicamente quando Noastradamus e Bash non avevano niente da fare :/

    Flowers in the Attic non lo conosco, ma urge recupero immediato *ç* il sequel... a quanto ho capito posso lasciarlo stare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Reign mi ha "entusiasmato" per le prime dieci puntate, ma c'erano trame e sottotrame un po' morte. Anche la storia delle ancelle di Mary: sticazzi, dai. Flowers in the Attic, secondo me, merita. Non l'avevo recensito, al tempo, perché mi aveva lasciato un po' intontito. Non so dove, gli avevo dato giusto un sei. Guardando quella schifezza del secondo, ho alzato il voto ;)

      Elimina
  8. L'header è davvero carino, mi piace molto! :)
    Per quanto riguarda i telefilm non mi esprimo, a parte Breaking Bad e occasionalmente Game of Thrones non guardo niente perché trovo che la tv sia la cosa più soporifera del mondo. o_o

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guai a dire che io guardo la tv, eh. Io guardo telefilm in streaming :-D
      Breaking Bad voglio assolutamente vederlo, mentre GoT lo seguo così, quando capita. Se lo guardano i miei, mentre io sto al pc. Però sono abbastanza informato.

      Elimina
    2. No ma pure in streaming mi fa lo stesso effetto, non ce la faccio a vedere un film/telefilm/qualsiasi cosa per più di dieci minuti consecutivi. Praticamente l'unica eccezione è Breaking Bad, è geniale *-*

      Elimina
    3. Ah, comprendo! Per certi versi, sono anch'io facilmente annoiabile!

      Elimina
  9. Bello l'header ;) piccolo consiglio forse dovevi dare più spazio al nome del blog :P io per un po' non tocco la grafica, anche se più volte sono tentato, meglio non fare danni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei farlo, Nico, ma non trovo più lo stesso font. Mi sono arrangiato e ho ritagliato quello del precedente, ahahahah: volevo che rimanesse :D

      Elimina
  10. Molto bello il logo mi piacciono particolarmente l'immagine a tre blocchi sulla sinistra, quella di Her e la scritta per il titolo ;) Questi telefilm non li seguo, ma con la pausa estiva sto cercando qualcosa di nuovo^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. E' una foto che mi ha fatto mio fratello in balcone :P Purtroppo la qualità non è ottima, ma era una cosa improvvisata, col cellulare. :)

      Elimina
  11. Ciao Mik!^^ Complimenti per il nuovo look! E' molto più personalizzato e credo sia l'ideale per un blog del tuo calibro.:) Sai che pur amando il genere, non sto seguendo Reign? Di solito le serie "in costume" mi attirano parecchio, ci penserò su!^^ Flowers in the Attic e il seguito mi incuriosiscono ma non troppo, altra riflessione!:D Mom non lo seguo. Mi è dispiaciuto un sacco per The Crazy Ones...Possibile che tutte le serie con Sarah le cancellano? Cos'è, una maledizione? E si che lei è brava, uffa!:(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, lei è brava, ma sfortunatella, direi. Io l'ho trovata ottima nella trasposizione cinematografica di Veronika decide di morire, ma il film - in Italia - non è mai uscito. Eppure è dell'amatissimo Paulo Coelho. Bho. Reign potrebbe piacerti: magari, dà un'occhiata quando lo fanno su Rai due :) Grazie. Felice che ti piaccia ^^

      Elimina
  12. Mom mi sembra una serie divertente e che potrebbe piacermi parecchio...Attualmente sto seguendo (amadole alla follia) due serie piuttosto dark Salem e Penny Dreadful e magari un po' di comicità ci vuole, per staccare un po'!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le seguo anch'io! Una più bella dell'altra :)

      Elimina
  13. Ho visto Reign, sono arrivata alla puntata 7, diciamo che poi ho perso interesse!
    Le prime puntate mi piacevano anche, ma poi è calato drasticamente.
    Al suo posto ho iniziato a seguire Games of Throne, molto meglio direi!!
    Gli altri telefilm, mai visti :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', direi che non c'è paragone :P

      Elimina