giovedì 6 marzo 2014

I ♥ Telefilm: Dracula, Sleepy Hollow, The Carrie Diaries II, AHS: Coven

Ciao a tutti, amici. Come state? Intensa settimana per me. Da lunedì, ho iniziato i corsi di questo nuovo semestre: per ora mi piacciono, quindi lasciatemi essere fiducioso. Oggi, in attesa di ultimare il libro in lettura, vi propongo brevissime recensioni di alcune recenti serie TV, giunte da poco a conclusione. Di alcune vi avevo già parlato, di altre mai mai. Quindi, mettetevi comodi: buona lettura e, magari, buona visione. Ovviamente, ditemi la vostra. Quali avete seguito? Quali vi attirano, quali no? Un abbraccio e buona giornata, M.

Il capolavoro di Bram Stoker è, forse, più immortale ed eterno del suo stesso protagonista: Dracula. Non sono bastati i secoli per ridurlo all'oblio, non è bastato un semplice paletto di legno per condannarlo alla fine. Il suo nome è paura, leggenda, garanzia; fonte d'ispirazione continua per film, serie TV, romanzi che spaziano dall'urban fantasy, all'horror, allo young adult. In Twilight i vampiri luccicano, in Van Helsing volano e fanno coreografie nel cielo, in Dario Argento non si sa cosa facciano esattamente... Ridere o piangere? Dopo la pessima, ridicola, inutile trasposizione firmata dall'acclamato regista di casa nostra - che ormai non azzecca un film dai primissimi anni '90 - il 2013 ci ha proposto la stessa storia, in una nuova salsa. O forse no. Il serial della NBC - debuttato lo scorso 25 Ottobre in America, e a marzo finalmente da noi, su Mya - è una rilettura originale, ma rispettosa, raffinata e perfettamente consapevole del capolavoro dell'orrore di Stoker. Un reboot non indispensabile, ma che garantisce un intrattenimento pieno di charme. Ambientato in una Londra magnificamente ricostruita nei dettagli, all'alba della Belle Epoque, vede il promettente Jonathan Rhys-Meyers vestire i panni che, in passato, sono stati di Gary Oldman, Gerard Butler, Cristopher Lee... Il suo Dracula è bello, carismatico e, risvegliato dal suo lungo sonno durante il boom economico, s'inserisce immediatamente nell'alta società, tra le sottane delle dame più belle e i congressi degli industriali più spietati. Convincente, nuovo, eppur nostalgico, è una creatura oscura e romantica, con tocchi di Dorian Gray e altri del Grande Gatsby. Viene mostrato come un inventore e un pioniere, come un genio del male, come l'eroe dannato e romantico che, attraverso i secoli, ha inseguito l'amore della sua vita. Mina. Strappatale ai tempi dell'Inquisizione, secoli e secoli dopo, rivive nelle vesti di una giovane studiosa, con la passione per la medicina, un'amica inopportuna, un fidanzamento imminente con un ambitissismo scapolo. L'incantevole Jessica De Gouw, con il suo sguardo limpido e le sue labbra spesso imbronciate, è una bellissima Lady ottocentesca e un'inconsapevole calamita per i guai. L'aitante Oliver Jackson Cohen è il suo Jonathan Harker - personaggio viscido e dagli inediti lati oscuri - e la Katie McGrath di Merlin, bellissima anche in versione bionda, è una Lucy frivola, tentatrice, passionale. La sua segreta attrazione sessuale verso Mina riempie di pepe la storia, diciamolo. Stesso discorso per la sorprendente Victoria Smurfit: una sexy e spietata cacciatrice di vampiri, finita nel letto e nella rete dello sfuggente Principe delle Tenebre. Personaggio pieno di carattere, anche se intontito da una lussuria che, forse, è anche amore. Degni di nota, inoltre, gli stravolgimenti dei personaggi di Van Helsing e Renfield. Il primo, interpretato dallo stesso Thomas Kretschmann che fu Dracula per Dario Argento (povero!), è uno scienziato matto mosso da una furiosa sete di vendetta; il secondo - Nonso Anozie - è un imponente e fedele omaccione, un po' confidente, un po' bodyguard, un po' migliore amico. Dopo primi episodi che stentano a decollare, nella seconda metà, la serie si conferma alquanto valida e il finale di stagione, semplice, ma denso, vale la noia leggera del pilot. Grande cura, bei cambiamenti, cast affiatato, storia senza tempo. Nulla di memorabile, ma, nel complesso, godibile. Confido, se mai ci sarà, nella seconda stagione. (7)

Quando si parla di Tim Burton, difficile scegliere quale sia il film da lui diretto che preferisco. Edward di forbice è ormai un classico, Sweeney Todd è uno spettacolo per gli occhi e le orecchie, Big Fish è il suo autentico capolavoro, Il mistero di Sleepy Hollow è una grande perla dark. Proprio quest'ultimo, con la sua atmosfera fumosa e i ricchi scenari, gli abbellimenti vagamente barocchi e una violenza spesso lasciata all'immaginazione, è uno dei film più suoi. Uno dei pochi film di cui non mi stanco mai, sicuramente. Oltre al nome, la recente serie TV e il raffinato horror di Burton non hanno nulla in comune. Prendono spunto dalla stessa leggenda, dallo stesso incubo, ma percorrono strade opposte. Si capisce sin dal pilot del serial: poco violento, con atmosfere belle ma decisamente meno memorabili, avventuroso, simpatico. Sleepy Hollow, infatti, è una paranormal alla Supernatural, con indagini varie, crudeli super-cattivi e due protagonisti affiatati, convincenti, divertenti. Loro sono l'attrazione di un telefilm che si lascia seguire sempre, ma con scarso entusiasmo, alla fine dei conti. Le aspettative iniziali, dopo un po', sono andate scemando e, dopo una pausa di riflessione, ho recuperato gli episodi mancanti e ho finito di vedere la prima stagione. Carinissima, sebbene di nuovo proponga poco. Fortunatamente, gli episodi che la compongono sono ben pochi e il rischio di annoiare e di cadere in una fastidiosa monotonia di fondo non si corre mai. La parte iniziale è affascinante, quella centrale meno, ma nel finale sa stupire, con qualche piccolo colpo di scena e qualche battutina particolarmente riuscita. Come i fratelli Winchester, i protagonisti combattono mostri, fantasmi, demoniache presenze e, tra esorcisimi e case infestate, portano lo spettatore indietro nel tempo e in orrorifiche dimensioni. Ichabod Crane e la detective Abby Mills sono la strana coppia di questo più che discreto intrattenimento. Lei, con un passato traumatico alle spalle e una sorella in manicomio, scopre di essere la chiave di grandi e inquietanti misteri. Lui, con un favoloso accento inglese e i vestiti d'epoca, è una sorta di consulente sui generis, sbucato letteralmente dal passato. Sua moglie era una strega e ha mantenuto il suo corpo vivo e la sua mente vigile, affinché potesse combattere un nemico che seminava e semina morte. Un cavallo dagli occhi di fiamma, un'ascia infallibile, la precisione di un cavaliere spietato. L'amicizia tra i due protagonisti fa sorridere, come fanno sorridere i tentativi di Ichabod di inserirsi nella società odierna: non è disposto a dire addio ai suoi pantaloni attempati per un paio di fastidiossissimi jeans aderenti - sono il segno che l'Apocalisse è vicina, per lui! - ma gli Iphone lo attirano parecchio, per essere un reperto vivente da museo. (6)

C'erano incertezze sul ritorno nei palinsesti americani della serie TV The Carrie Diaries: io, di incertezze, non ne avevo. Leggerezza, un tocco di buonismo, zero sesso, tanto della "city". Tutto quello di cui c'è bisogno in una serie per adolescenti della The CW: come la formula produttiva del noto marchio americano prevede, inoltre, attori freschi, giovani, belli. Adolescenti senza apparecchio, senza brufoli, senza grossi conti in sospeso con madre natura. La sceneggiatura era credibile, il cast altrettanto. Cosa faceva borbottare molti spettatori? The Carrie Diaries era il prequel del notissimo Sex & The City. E qui il sesso non c'era, non c'erano le quattro amiche di New York al completo, non c'era la novella Sarah Jessica Parker che tutti aspettavano. Con un'antipatia assoluta verso la Parker e la sua faccia sempre più di plastica, del tutto ignaro dei meccanismi della famosa serie della HBO, senza criteri di paragone, avevo potuto apprezzare decisamente la prima stagione: di aspettative non ne avevo, dunque non ero stato deluso. Un'altra serie, giunta velocemente e a sorpresa, si è da poco conclusa. Come mi è sembrata? Nel bene e nel male, perfettamente in linea con la prima: romantica, ironica, alla moda, immersa nel cuore coloratissimo degli anni '80. Si aggiunge un lievissimo tocco di sensualità - la protagonista perderà la verginità, ad esempio, e gli spettatori faranno la conoscenza di una sua amica molto vispa - ma il target iniziale resta. E' un intrattenimento da bollino verde, questo, in cui con garbo si affronta un po' tutto. Forse con un po' troppo garbo, magari con un po' troppa velocità. Argomenti gravosi come l'AIDS e altri attuali come l'outing sono eccessivamente all'acqua di rose; edulcorati. Ho avuto l'impressione che avrebbero meritato maggiore attenzione questi ultimi rispetto all'iniziazione sentimentale della giovane protagonista. Protagonista che, come nella prima stagione, ha il volto, i capelli biondissimi e il sorriso da angelo dell'incantevole Anna Sophia Robb: uno splendore di ragazza, con pochissimo in comune - nulla - con la Parker. Fortuna delle fortune, aggiungerei! Accanto agli amici di sempre - impegnati con la scuola e il college, l'amore e le svolte più inattese - il solito Austin "Sebastian" Butler e una piacevole new entry, non molto new: si tratta di una giovanissima ed inedita Samantha Jones - Kim Cattrall, nella serie originale - con il volto di Lindsey Gort. La somiglianza tra le due è impressionante davvero, anche se la Samantha degli anni '80, per quanto espansiva e audace, non ha la stessa focosa passionalità di quella adulta: il lato positivo, però, è che, tutto sommato, scuote un po' il torpore da principessa in cui Carrie era solita vivere, negli episodi precedenti. Non imperdibile, ma piacevolissimo. Quaranta minuti che volano, tra le poche ombre e le tante luci dello skyline newyorkese. (6,5)

Era partito nel migliore dei modi. Alla perfezione. Un cast immenso, dialoghi pieni di umorismo nero, violenze efferate, magia per adulti. American Horror Story: Coven era una delle serie TV che avevo atteso per tutto il 2013. E le attese erano state ripagate non alla grande, di più. Dopo le case infestate e i manicomi, il geniale Ryan Murphy aveva deciso di condurci in una Hogwarts non censurata. Una villa piena di donne e cattiverie, in cui esplorare tutto il fascino seduttivo e distruttivo della stregoneria: da Salem a New Orleans, dal passato al presente. Pilotati da due grandi mattatrici del grande e del piccolo schermo - Jessica Lange e Kathy Bates - i primi episodi erano favolosi. Macabri, scorretti, intrisi di sangue e sortilegi. Dopo la pausa natalizia, tuttavia, ritornando col nuovo anno, il telefilm ha dato il peggio di sé. Personaggi che morivano e resuscitavano senza un perché, come in un episodio dell'Antico Testamento o, peggio ancora, di Beautiful, scene da musical al limite del trash, inspiegabili mattanze gratuite. Situazioni mal gestite, protagonisti pieni di crepe, trame piene di falle. Ho atteso il finale di stagione pieno di speranze, fiducioso nei soliti colpi da maestro che, nei suoi tre anni, American Horror Story ci ha saputo spesso regalare. E invece niente. Dopo i titoli di coda, ho saputo che tutto era finito e che quel tutto non mi era piaciuto. Il finale di stagione, infatti, presenta errori imperdonabili e, anziché giocarsi le carte migliori, stupisce mostrando un po' del peggio. Molte trovate, infatti, non hanno completamente senso e accentuano ancora di più l'impressione che questa stagione sia stata costellata di più buchi (narrativi) di una forma d'Emmental stagionato. Grandi personaggi liquidati così, tanto per snellire il cast. Prove che causono grotteschi effetti tragicomici - personaggi morti infilzati su un cancello, nemmeno fossero parte di uno stormo di piccioni kamikaze; altri ridotti in polvere, senza pathos alcuno; altri - potentissimi come uragani - uccisi in una stupidissima colluttazione fisica con una sorta di ameba vivente. Si ride, più che nel resto degli episodi, in una pessima conclusione per una pessima serie, ma di un ottimo e valido prodotto. Peccato immenso. Indubbiamente notevoli la consueta raffinatezza stilistica e i virtuosismi di molti membri del cast, penalizzati da copioni pieni di idiozie. Soprattutto la Bates, trasformata da sanguinaria assassina a idiota senza speranza in un episodio solo. Grande conferma Jessica Lange, ormai scoppiata la coppia Peters-Farmiga, sorprendente la giovane Emma Roberts - una delle attrici più brave della sua generazione, per un personaggio piacevolmente detestabile. Asylum resta il capolavoro, per questo Coven che oblio sia. (5)

37 commenti:

  1. Ohhh mi piace Jonathan Rhys-Meyers, l'unica sfiga è che non mi piacciono i telefilm, mi scoccio subito xD
    Infatti ho iniziato a vedere Sleepy Hallow per poi mollarlo... niente da fare, non riusciva a convincermi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dracula ha solo dieci episodi :P

      Elimina
    2. e dopo i dieci episodi? finisce o ci sarà la seconda, terza e quarta serie?

      Elimina
    3. Non si sa ancora, credo, ma intanto hai questi dieci episodi! Tanto il finale lo conosciamo, se decideranno - proseguendo - di rispettarlo alla lettera, nonostante le innovazioni varie ;)

      Elimina
  2. Io ho iniziato a seguuire sia Dracula che Sleepy Hollow....poi ho abbandonato entrambi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riprova ;) Con Sleepy Hollow ho fatto lo stesso anch'io, ma è carino!

      Elimina
  3. Ciao ^-^
    Dracula vorrei proprio iniziarla..ma non so se fa per me :\ devo ancora decidermi! Sleepy Hollow e The Carrie Diaries sembrano carini, mi sa che guardo qualche puntata!
    Una domanda, l'attore che interpreta Dracula, è lo stesso che interpreta Valentine in Shadowhunters o sbaglio?

    io per il momento seguo Teen Wolf e puntata dopo puntata mi piace sempre più **
    sto anche seguendo una nuova serie, si chiama Star-Crossed..è davvero bella **

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giusy! Sì, è lo stesso attore di Shadowhunters.
      Anch'io seguo Teen Wolf e, nonostante apprezzi moltissimo il fatto che il mitico Stiles sia praticamente protagonista della serie, trovo un po' "buttati così" gli elementi della mitologia orientali. La seconda serie, invece, mi aveva positivamente stupito. Di Star-Crossed, invece, ho provato il pilot, ma proprio non mi piaceva. Sarà che ho letto troppi libri del genere, ma non ci vedevo niente di originale :/

      Elimina
    2. Hai ragione, anch'io ho notato in Teen Wolf qualche elemento buttato lì a caso..spero che presto le tessere del puzzle tornino al loro posto, e poi Stiles mi sta mettendo paura D:
      Comunque ti consiglio di guardare la prima puntata di Star-Crossed, sembra una serie davvero promettente :-)

      Elimina
    3. Sì, ti dicevo che la prima l'ho vista, ma non mi è piaciuta. Preparati, perché secondo me - visti anche gli scarsi ascolti e il costo, immagino alto - avrà vita breve!

      Elimina
  4. Dracula ce l'ho, ma sarà una di quelle serie che guarderò durante l'estate :P nei due episodi che ho visto più che il Grande Gatsby e Dorian Gray mi ha ricordato il Conte di Montecristo, col ritorno sotto falso nome in virtù della vendetta. E trovo che più che al libro, segua la scia del film di Coppola. Mi solleva che decolli dopo, perchè più che la serie è l'interesse verso Dracula a non avermela fatta cancellare.
    Ma al cuor non si comanda, e io sono ancora innamorata del Dracula di Gary Oldman. Decisamente averlo visto a sette anni ha avuto conseguenze indelebili nella mia psiche (benvenuta, eterna celebrity crush per Gary Oldman).

    Sleepy Hollow, per quello che mi riguarda, è la migliore novità di quest'anno. Almeno di quelle che ho visto io XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Dracula di Coppola, vabbé, è il top del top! ;)

      Elimina
  5. AHS Coven è stata un delusione pure me, stagione troppo glamour e poca sostanza rispetto alle altre... Dracula mi ispirava visto il bel Jonathan, magari in estate che ci sarà più tempo me lo vedo, al momento affogo tra True Detective, Bashee, Girls e tutte le altre serie in dirittura d'arrivo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Banshee lo voglio troppo vedere. Sto lasciando accumulare gli episodi ;)
      E non dimenticare Shameless, Lisa!

      Elimina
    2. Non lo dimentico, anzi, ogni giorno è una sfida ad evitare di iniziare! E' che preferisco vedere tutto d'un fiato, o so già che l'attesa settimanale (come facevo l'anno scorso) mi ucciderebbe ;)

      Elimina
    3. Fai benissimo. Io sono sempre troppo curioso. Già prevedo la mazzata finale, quest'anno. Però, che dire? E' sempre meglio.

      Elimina
  6. Alla fine, causa mancanza di tempo, sono riuscita a seguire (finora) per bene soltanto "Sleepy Hollow" :P... e me ne sono perdutamente innamorata! *____* Amo immensamente i due protagonisti (che trovo adorabili, ciascuno a modo suo) e le trame, per quanto a volte un po' abbozzate XD, riescono sempre a strapparmi un sorriso... aspetterò la seconda stagione con l'acquolina in bocca, insomma! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì, sono fiducioso per la seconda serie. Questa l'ho trovata simpatica, molto, ma c'è stato poco feeling tra me e le puntate :)

      Elimina
  7. Di "Dracula" e "Sleepy Hollow" voglio leggere i libri, anche se la presenza di Tom Mison in quest'ultimo mi sembra una garanzia.
    The Carrie Diaries lo seguivo, dopo un pò mi ha stancata e l'ho mollata
    Penso che li recupererò tutti in estate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se segui prima le serie TV, Cecilia, non penso che ti rovinerai la lettura: prendono tutta un'altra piega. :)

      Elimina
  8. Allora: Dracula l'ho mollato la prima puntata...non mi convince tanto il protagonista!@.@ Sleepy Hollow credo sia tra le serie più affascinanti e ben fatte del 2013. Adoro l'Ichabod di Tom Mison. Oltre ad essere un bel figliolo, recita benissimo e ha una voce stupenda! Mi fa troppo ridere in alcuni suoi atteggiamenti. Insomma è perfetto!:) The Carrie Diaries mi manca all'appello, mentre American Horror Story è una sfida che non riesco ad affrontare...@.@

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come, un'appassionata di horror come te! Non perdono, Indil. Non perdono :P

      Elimina
    2. Chiedo venia...sono colpevole!^^ Prima o poi lo vedrò...tanto stanno sospendendo tutte le serie che vedo, avrò molto tempo!:D

      Elimina
  9. Ho amato Dracula, soprattutto Jonathan Rhys Meyers! Mi è piaciuto da morire, speriamo che ci sia una seconda stagione, ma che non cadano nel trash più assoluto. La maggior parte delle volte succede con queste serie TV. The Carrie Diaries lo seguo più che altro per perdere quei quaranta minuti di nullafacenza, ma non mi ha mai appassionata più di tanto. Per American Horror Story non so ancora cosa pensare... diciamo che questa stagione non mi ha fatta impazzire. La mia preferita per ora è Asylum!

    RispondiElimina
  10. ahs coven, pur avendo deluso rispetto alle premesse iniziali e pur con tutti i suoi difetti, per me è stata comunque divertente.
    dracula e sleepy hollow invece li ho abbandonati senza ripensamenti dopo le prime soporifere puntate...
    the carrie diaries per me più che promossa, è la serie più pucciosa in circolazione :)
    purtroppo non credo sarà confermata per un'altra stagione :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, mi dispiace :(
      La Robb meritava!

      Elimina
  11. alla fine cel'hai fatta a scrivere 1 bel postONE... alla faccia dell'uni :-P

    Sleepy Hollow devo guardarmelo al più presto... é da 1 vita che Sophie ne parla. Sto finendo di vedere Teen Wolf poi lo inizio

    RispondiElimina
  12. Su Sleepy Hollow la penso all'incirca come te. Distante dal film, scontato come evoluzione di trama, non molto approfondito nell'analisi dei personaggi. Certe volte sarebbe meglio creare qualcosa di nuovo piuttosto che rifare un "classico" in salsa moderna, si eviterebbero spiacevoli confronti.

    RispondiElimina
  13. Dracula, l'ho visto e mi è piaciuto molto. Un 10+ alle scenografie davvero ben ricostruite, e la storia intrigante al pari dei personaggi.
    Gli altri, ho troppe serie da guardare :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comprendo! Piano piano, poco alla volta, io sto cercando di finirle tutte ;)

      Elimina
  14. Tra questi, l'unico telefilm che non seguo è Dracula, magari quando finirò gli altri 37542 telefilm che sto guardando in questo periodo mi deciderò a vedere pure quello!!
    Anche io non ho mai seguito Sex and the City, quindi non saprei paragonarli, ma The Carrie Diaries mi è piaciuto molto, spero che facciano la terza stagione.
    AnnaSophia Robb è davvero carinissima! :)

    RispondiElimina
  15. Ciao caro! bel post :)
    Sono una tua nuova followers, gestisco un blog che parla appunto di Telefilm..vuoi passare? mi farebbe molto piacere! un abbraccio.

    RispondiElimina
  16. Coven.. che delusione! Ero impaziente di iniziare questa seconda stagione sperando di ritrovare il clima della precedente ma purtroppo niente, il vuoto assoluto. Io adoro le streghe e tutte le leggende che ruotano attorno ad esse ma qui proprio non ho trovato nulla di coinvolgente a parte forse le primissime puntate!
    :(

    RispondiElimina