lunedì 9 settembre 2019

Recensione: Il signor Diavolo, di Pupi Avati

| Il signor Diavolo, di Pupi Avati. Guanda Editore, € 16, pp. 202 |

Ridevano le finestre del suo più grande successo. Un giallo di culto negli anni Settanta – fra i suoi estimatori si ricordano Quentin Tarantino e Eli Roth –, ambientato sullo sfondo della campagna emiliana e nel mondo dell’arte sacra. Recuperato in tempi recenti, ho scoperto un film invecchiato malamente ma un intreccio accattivante: al di là delle immagini ormai slavate e di un cast di sconosciuti non sempre all’altezza, si ricordano i paesaggi – inconsueti perché luminosissimi, lontani dalla trafficata Torino di Dario Argento – e la sofferenza sul viso di un San Sebastiano da restaurare. Chiamato a dare nuovo lustro all’affresco e a rivangare la sorte di un pittore morto di follia, era un giovane di città: curioso come il gatto del proverbio, in una matassa di donne fatali e concittadini omertosi, rischiava di lasciarci lo zampino. Nel frattempo l’instancabile regista, ottantenne, non si è fermato. Dalle commedie in costume ai drammi familiari, dal grande schermo al piccolo, è una presenza costante del nostro cinema. Ma i fan dell’horror reclamavano da un po’ il suo ritorno ai fasti splatter. In sala da qualche settimana, Il signor Diavolo aveva messo già alla prova le inquietudini dei lettori. Prima romanzo, poi film, omaggiava a tratti il famoso predecessore ma trasferiva il mistero in Veneto, all’epoca del dopoguerra: per deformazione professionale, prevedibilmente, ho preferito dare la precedenza al volume Guanda.

Il parroco di Lio Piccolo non c’era quasi mai, così per la prima comunione ci preparò il suo sagrestano. Lo faceva la sera quando era già buio. Lui sapeva tutto del diavolo, anzi ci aveva insegnato a chiamarlo il signor Diavolo perché diceva che le persone cattive bisogna trattarle bene.

Roma è in macerie, la stazione Termini è in fase di costruzione. In un appartamento semivuoto, con Nilla Pizzi impegnata a struggersi in un ritornello alla radio, l’inquieto Furio fa i conti con i morsi dell’abbandono: fervente cattolico, è impensierito dai debiti – ha preso in gestione una tabaccheria fallimentare – e dalla vergogna che lo lega a Laura, l’ex moglie. Per il viaggio di nozze, da innamorati, avevano pensato a Venezia. Ci andrà, adesso, ma in completa solitudine: così detta un incarico ministeriale che nessuno sembra volere. Inetto, assuefatto alla disistima dei colleghi, parte per Lio Piccolo per conto della Democrazia Cristiana: il suo compito, salvare il buon nome della cristianità attraverso un ispezione. Il caso è già chiuso: il piccolo Carlo, affranto per la morte dell’amico Paolino, avrebbe ucciso a pietrate Emilio – un forestiero di nobile famiglia, grosso e tonto, con una dentatura bestiale e uno scandalo nel passato. Il movente: una possessione demoniaca. Quella che dovrebbe essere la fine di Emilio è l’inizio della storia di Furio. Ci sono dettagli stridenti, incongruenze, dilemmi etici e morali; perfino il medico legale e l’addetto agli esami balistici, davanti a un cadavere con qualcosa di strano, alzano bandiera bianca.  L’ispettore dall’ego infranto legge gli incartamenti e prende il primo treno. Non è pronto al sopraggiungere dei ricordi d’infanzia. Non è pronto alle nebbie perenni, a esondazioni che disturbano la pace dei cadaveri, alla forza oscura dei riti rurali.

Fisso quella brodaglia lucida e ferma e all’improvviso so perché quella grande pozza è lì davanti a me. Non c’è nessuna ragione per farsi venire un’idea così. Però sono certo che qui, ancora all’asciutto, dove mi sono fermato, sul limite di questa pozza, finisce la prima parte della mia vita. […] Dall’altra parte c’è un viaggio che probabilmente la maggior parte dei miei colleghi ha rifiutato di fare accampando le scuse più fantasiose. Dall’altra parte c’è la mia morte.

Splendidamente reso, il paese è un microcosmo invalicabile su misura di questi ragazzini isolati e macilenti, incattiviti dal conflitto armato e dall’analfabetismo. Squallida e respingente, tanto lontana dal glamour del Festival ospitato lì in questi giorni, la laguna – poco più che una brodaglia nera, di pantegane e infezione – culla il lettore in una fiaba sacrilega fino all’annegamento. Lo stile di Avati, anche scrittore sorprendente, è elegante e visivo: aperto a digressioni e approfondimenti psicologici, indugia nell’ambiguità dei conflitti – politica e religione, raziocinio e superstizione, scienza e fede – e svela le agghiaccianti crudeltà dell’universo contadino, legato a doppio nodo a pettegolezzi di malaugurio e credenze ancestrali. Il clima è uggioso, come in ogni ghost story che si rispetti. La luce elettrica, che proprio in quel periodo prendeva lentamente piede, si nega lasciando le case al buio. Peccato che la ricerca pericolosa e disperata di un protagonista difficile da amare, convincente soprattutto nelle fragilità, sia destinata a un epilogo frettoloso e inappagante: unica concessione all’horror a buon mercato; unica vera sbavatura imperdonabile. 
In attesa di scoprire il film – anche in questo caso la trasposizione cinematografica è destinata a rimanere inferiore? –, scesi a patti con il finale, Il signor Diavolo suggestiona e spaventa. Romanzo gotico di quelli che difficilmente trovano spazio sugli scaffali, rigoroso e vecchio stile: mica un incubo da “ridere”.
Il mio voto: ★★★½
Il mio consiglio musicale: Cherry Glazer – Tip Toe Through The Tulips

14 commenti:

  1. Ti dirò che mi è piaciuto più il libro, divorato in un giorno, che il film. Sarà che leggere e immaginare mi ha dato i brividi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà anche Avati, in quanto a composizione filmica, diciamo così, non troppo eccelle...

      Elimina
  2. Il film non l ho visto ancora ma anche questo libro di pupi, come già Il ragazzo in soffitta, mi è piaciuto! Riesce a catturarmi, a creare sfondi e storie affascinanti, per quanto mi riguarda :)

    RispondiElimina
  3. Ho letto il libro ma non ho ancora visto il film. Pregusto l'incubo delle immagini dopo aver provato i brividi della lettura :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ricordo la tua recensione, corro a leggerla.

      Elimina
  4. Vorrei leggerlo, anche perché sono sicuro che mi piacerà, sembra proprio scritto per me.

    RispondiElimina
  5. Ciao amici, mi chiamo Levis Mendez Bounchy, vengo da Roma, sono qui per diffondere la buona notizia ai bisognosi. Ero depresso quando mia moglie mi ha lasciato per un altro uomo perché mi è stato chiesto di smettere di lavorare perché avevo il cancro e mi sono rotto. Ha portato via la mia unica figlia, quindi la mia unica opzione era quella di morire, ho provato a chiamarla ma mi ha ignorato, ho inviato i suoi messaggi di testo e all'improvviso ha risposto e mi ha detto di non chiamarla o mandare più messaggi così un giorno mi metto in contatto con un mio amico su Facebook e gli ho spiegato tutto e mi ha anche detto che aveva gli stessi problemi prima e mi ha fatto conoscere un incantatore chiamato Doctor osagiede, mi ha inviato la sua e-mail personale, l'ho contattato tramite doctorosagiede75@gmail.com e lui mi ha risposto rapidamente gli ho spiegato i miei problemi e mi ha detto di non preoccuparmi di averlo fatto per così tante persone che sono un uomo che non ha mai creduto nell'incantesimo ma ho deciso di provarlo mi ha assicurato 24 ore per lanciare il incantesimo e cura anche me del cancro e procurami un lavoro migliore e improvvisamente mi ha inviato i farmaci per la mia malattia l'ho preso per soli 2 giorni ed ero libero non ho mai creduto ai miei occhi il giorno dopo, qualcuno ha bussato alla mia porta e io non si aspettava nessuno quel giorno all'improvviso era mia moglie lei bu prima in lacrime e non potevo sopportarlo, mi ha supplicato e mi ha chiesto perdono immediatamente ho ricevuto una telefonata dalla mia compagnia dove ho lavorato per anni sono stato promosso come direttore della società paragon negli Stati Uniti per favore aiutatemi grazie al dottor osagiede per ripristinando tutto ciò che ho perso prima, per favore, consiglierò chiunque abbia bisogno di aiuto per contattare il dottor osagiede tramite la sua e-mail personale a doctorosagiede75@gmail.com o whatsapp al numero +2349014523836 grazie a Dio benedica coloro che impiegano del tempo a leggere questa testimonianza buona fortuna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Commento spam troppo fantasioso per cancellarlo.
      È un romanzo.
      Altro che le 200 pagine di Avati.

      Elimina
  6. Risposte
    1. Fammi sapere.
      A proposito di horror italiani in sala, ispirava più The Nest.

      Elimina
  7. il film mi terrorizza e non nel senso vero del termine ma di flop.. i libro invece direi che è in lista!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eppure se ne scrive bene. Mymovies ha dato quattro stelle...

      Elimina