giovedì 16 febbraio 2017

Recensione: Il prodigio, di Emma Donoghue

Aiutala. Lib si scoprì a pregare un Dio in cui non credeva. 
Aiutami. Aiutaci tutti. Silenzio.

Titolo: Il prodigio
Autrice: Emma Donoghue
Editore: Neri Pozza
Numero di pagine: 301
Prezzo: € 17,00
Sinossi: Irlanda, seconda metà dell’Ottocento. L’infermiera Lib Wright, una veterana della guerra in Crimea formatasi all’illustre scuola di Florence Nightingale, è appena giunta nelle Irish Midlands dall’Inghilterra. A convocarla è stato un comitato capeggiato dal dottor McBrearty, il medico della Contea. Il caso sottopostole è quanto mai insolito: Anna O’Donnell, una bambina in perfetta salute, afferma di non toccare cibo dal giorno del suo undicesimo compleanno, quattro mesi prima. Un vero e proprio «prodigio vivente», che non manca di attirare stuoli di fedeli da tutto il mondo, impazienti di vedere con i propri occhi la bambina che sostiene di nutrirsi soltanto di manna dal cielo.

                          La recensione
Nell'inverno di due anni fa, nel prologo del peggio che sarebbe venuto, leggevo Stanza, letto, armadio, specchio. Cosa rara, ho pianto dall'inizio alla fine. E, se fai il pendolare e pilucchi pagine e capitoli sui mezzi pubblici, saprete che non è il massimo. Che gli occhiali scuri non bastano. La storia di Jack e della sua mamma, prigionieri di un incubo e salvati dalla forza della tenerezza, mi aveva commosso anche sul grande schermo. Quanto ho potuto volerle bene? Emma Donoghue – autrice del miglior romanzo del mio 2015 e sceneggiatrice del mio miglior film dell'anno successivo – ho preferito non rileggerla nell'immediato. Quando conosci uno scrittore, quando ti piace tanto, fa strano immaginarselo alle prese con qualcos'altro. In questo caso, con un narratore che non avesse cinque anni e la meraviglia negli occhi. Torno a parlare di un romanzo della Donoghue, così, qualche tempo dopo. Complice l'uscita del Prodigio, l'infallibile Neri Pozza e una fascetta promozionale in cui il sommo Stephen King mi dava la sua parola – mi aveva già messo sulla retta via, però, un'amica scrittrice che si è presa cura dell'edizione italiana. 
Ambientata nell'Irlanda del tardo '800, la storia segue l'arrivo di un'infermiera inglese in un villaggio intriso di superstizione. Lib ha appena trent'anni ma una profonda conoscenza della sofferenza: ha prestato servizio in Crimea, porta il lutto sugli abiti. Da persona pragmatica e riservata, non dovrà mai prendersi a cuore il suo caso: Anna O'Donnell, l'undicenne che da quattro mesi pare non tocchi cibo. Miracolo o truffa? I suoi compaesani, gretti e creduloni, credono che la bambina sia in odore di santità. Lì si leggono le Scritture prima di andare a dormire, si parla con i santi e le madonne. Si pensa che i boschi siano popolati di fate e folletti. Ci si guadagna il paradiso a suon di rinunce. Terra superstiziosa e umida, flagellata dalla pioggia battente e dalle carestie, l'Irlanda ha foto dei morti in soggiorno, messi in posa come fossero ancora di famiglia. Tutti si conoscono. E, pensa la protagonista, per questo si proteggono a vicenda. L'agnostica Lib, facendo a turno con una suora di opposte vedute, si dà a un'osservazione scrupolosa e reiterata dei sintomi, delle ricadute e dei rari progressi della digiunante. Anna: un nome palindromo e una religiosità medievale. Un Dio che è paura, non amore. Un corpo che è considerato impedimento troppo pesante per salire in cielo. Inquietante e affascinantissimo, Il prodigio è un romanzo che fa pensare. Il mistero di Anna, tuttavia, dura brevemente. 
La sua ambiguità è svelata in fretta, anche se per i suoi moventi (si dovrà fare i conti, a tal proposito, con lo shock del finale) vengono rivelati soltanto a poche pagine dalla conclusione, in un vaneggiamento che si fa confessione. Questa Emma Donoghue sembra un'altra scrittrice. Chi sa dare voce a un bimbo innocente senza dare la triste impressione di scimmiottarlo, di fargli il verso, è infatti in grado di celare le difficolta di un'esemplare ricostruzione storica dietro una prosa fiume. L'autrice sceglie di giocare a carte scoperte e, al pari della sua eroina introversa, tende a fornirti qualche dettaglio (nozioni mediche, descrizioni paesaggistiche) negandotene altri. La lettura, colpa mia e di un esame da preparare in due settimane, si è trascinata più lenta del previsto. Ne ho sciupato l'intensità - questione di momenti sbagliati -, e qui e lì ne ho risentito. Troppi giorni per giungere all'epilogo. Troppo tempo per pensare che era bello, ma non quanto il precedente. Il paragone non dovrebbe nascere: sono storie diversissime. Ma, capirete, sorge da sé. La terza persona suggerisce una narrazione più ad ampio respiro, ma la prima ti parla nella testa e con la tua stessa voce. Tornano le infanzie abusate, la tragedia di un'altra piccola anima incarcerata, però la via crucis di Anna – dolente come la protagonista del tedesco Le stazioni della fede e trattenuta come la sua rigida educazione prevede – non mi ha scavato dentro. Il prodigio e i suoi protagonisti, a tratti, mi sono parsi sconosciuti. Mi sono piaciuti in ritardo. Dopo un'ampia prima parte che non si distacca molto dalla quarta di copertina. Quando Anna si abbandona a se stessa e la fame, la rabbia verso la miopia dei grandi, prendono il sopravvento. Allora affiora l'emotività. Insieme all'istinto materno di chi ha l'occhio dell'entomologa, ma è prima d'ogni altra cosa  una donna. Dunque, naturalmente tagliata per la vita.
Il mio voto: ★★★½
Il mio consiglio musicale: Birdy – Not About Angels

19 commenti:

  1. Appena vista la sinossi di questo libro mi sono detta che dovevo leggerlo. E lo leggerò. Anch'io ho amato la storia di Jack e sono curiosa di affrontare la nuova storia che la Donoghue ci racconta; dopo questa recensione, proverò ad affrontarla con la mente libera dalle emozioni che mi ha dato Jack.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Donoghue, Stefania, la percepisco molto "british": trattenuta, padrona di sé. E' un'ottima scrittrice, ma secondo me non tornerà all'emozione di Room. Magari mi sbaglio... :)

      Elimina
  2. Che altro aggiungere? Non hai dato il massimo nella valutazione ma questa recensione convince più delle stelline in fondo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, Sara! Se non mi sono spinto oltre è perché il paragone (insensato ma inevitabile) mi frena. Qui ho sentito poca emozione, personalmente. Ma è una sensazione, soggettivissima. :)

      Elimina
  3. ecco bene! aspettavo una recensione su questo libro. mi spaventa semrpe affrontare i secondo libri di autori il cui primo libro ha fatto cosi' tanta notizia! e certo Room e' un libro a se' stante, non penso sia ripetibile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irripetibile, Mati, è il termine giusto. Sì. :)

      Elimina
  4. Room non è certo il primo libro, per capire la poetica di Donoghue basterebbe leggere gli splendidi romanzi storici degli inizi, con il loro linguaggio leggero, ironico, tagliente, colorato. Penso a Stir Fry, Hood, Slammerkin, o i racconti di Kissing the Witch e The woman who gave birth to rabbits...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti non l'ho definito il suo primo romanzo, Oneirmancer, ma è il primo che me l'ha fatta conoscere e apprezzare. Inevitabilmente, per me è metro di paragone. Leggendo questo, ho intuito che di solito è molto diversa dall'autrice di Room. E, forse per questo, non fa molto per me. Che di romanzi storici, tra l'altro, per una nota allergia, ne leggo con il contagocce.

      Elimina
  5. Io l'ho sentita un po' british anche in Room e per me aver fatto parlare Jack è stata una mossa vincente. Cmq mi ispirava tanto, quindi una possibilità gliela darò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu apprezzi i romanzi storici più di me.
      Ti piacerà. ;)

      Elimina
  6. L'ho adocchiato prima dell'uscita e sbirciato in libreria. Il tema e l'autrice ispirano ma sono complessi entrambi; a differenza di te, però, il mio non è il primo impatto con la Donoghue scrittrice di romanzi storici e l'ho già trovata un po' più sofisticata rispetto a Room che, a quanto pare, è un'eccezione. Aspetterò un po' prima di leggerla di nuovo in queste vesti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora sei già più preparata di me.
      Purtroppo, il troppo sofisticato, a volte, mi fa antipatia. Non è questo il caso ma, dato il tema, mi aspettavo una morsa allo stomaco che c'è stata solo in extremis. :)

      Elimina
  7. Leggere libri commoventi sui mezzi pubblici?
    Meglio evitare. ;)

    Di Emma Donoghue, anziché questo, mi sa che è meglio se mi recupero Stanza, letto, armadio, specchio alias Room.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, a saperlo... Io con i romanzi sono molto trattenuto, con i film (soprattutto se li vedo in solitudine) molto meno. :)

      Vai di Room, che ho l'impressione possa essere un isolato colpo di fortuna (e di genio, a mio dire) per un'autrice altrimenti bravissima ma molto convenzionale.

      Elimina
  8. Devo ancora leggere "Room", quindi, non conosco lo stile della Donoghue, ma voglio leggere anche questo, quanto prima. Quest'autrice mi ispira tantissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse, dopo Room, potevo dire di non conoscerlo neanch'io lo stile dell'autrice. ;) Sicuramente recupererò anche gli altri.

      Elimina
  9. Fuori dal coro, ti dico che a me Room non ha convinto.
    Prima parte perfetta,resa assoluta,sofferenza costante.
    Dalla fuga in poi,troppo rocambolesca per sembrare possibile,mi è scemato l'entusiasmo.Il linguaggio del bambino mi è sembrato troppo adulto e la mancata attenzione nei confronti del reinserimento della madre in un contesto di vita normale una grave lacuna.
    Essendo quindi libera da questo fantasma,ti ringrazio della segnalazione perché il romanzo mi attrae
    E non è la prima volta che abbiamo visioni diverse.
    Ahimè,deve essere colpa dell'età.
    Tu hai una sensibilità giovane e maschile,io....lasciamo stare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco che Room possa non piacere, però indubbiamente mi dirai anche tu che l'originalità del punto di vista non lo rende il solito thriller, il solito reportage. Qui quel quid, quel guizzo, non l'ho trovato, anche se la Donoghue è brava e lo sa. Poi fammi sapere. :)

      Elimina
  10. Ho adorato Room e quindi ho quasi paura a pensare di leggere anche questo romanzo! Da un lato vorrei vedere come se la cava la Donoghue alle prese con una narrazione diversa... dall'altro temo di rimanere delusa v.v forse mi conviene non avere aspettative troppo alte!
    La trama comunque mi sembra molto interessante e basata su spunti da cui può uscire qualcosa di buono :3 lo metto in wish!

    RispondiElimina