mercoledì 14 febbraio 2018

Mr. Ciak - And the Oscar goes to: Lady Bird | The Greatest Showman

Christine, non particolarmente fortunata, non particolarmente brillante, non particolarmente graziosa, vive dalla parte sbagliata delle rotaie nella sonnacchiosa Sacramento dei primi anni Duemila. Ha diciassette anni, quasi diciotto, e tutto sembra essere possibile. La fine del liceo – un'intransigente scuola cattolica con divise inamidate, il crocifisso in aula e una rigida divisione fra maschi e femmine – significa allontanarsi da casa, scegliersi da sé il destino e l'università. Invia così domande disperate a college fuori mano e fuori dalle sue modeste possibilità. Si barcamena fra l'allestimento di un musical scolastico in cui no, non ha il ruolo principale, e la scelta del vestito per il ballo di primavera. Si divide fra l'amore per Lucas Hedges, represso rampollo di buona famiglia, e quello per il chitarrista Timothée Chalamet, le cui pose da ribelle romantico sono un'illusione. Aspetta la perdita della verginità, l'ultima campanella, le risposte a tutti i suoi perché. Da un lato: l'amara realtà dei fatti. Dall'altro: il desiderio di allontanarsi a ogni costo da una provincia che le sta stretta. Come fare, senza però avere un talento particolare o il viso giusto? Irritante, difficile da voler bene, Christine si sente dappertutto fuori posto: come me. Ha un rapporto conflittuale con l'apprensiva Laurie Metfcalf, madre a digiuno di scene madri: come me. Fa di tutto per piacere agli altri, perfino fingere, per poi tornare a scegliere la vecchia migliore amica e la fidata compagnia della solitudine: come me. La protagonista, che si firma “ragazza uccello” per quel suo naturale desiderio di spiccare il volo, sfortunatamente somiglia alla gemella che non ho soltanto su carta. Manca per tutto il tempo l'empatia e, ogni tanto, ho rischiato di trovare questa Saoirse Ronan col rimmel sbavato – più leggera di quanto siamo abituati a vederla, non necessaria più brava – antipatica e basta. Succede il tutto e il niente di un certo cinema indie e l'acclamato Lady Bird, spesso, sembra girare a vuoto. Abbozzando situazioni e personaggi per poi troncarli malamente nel finale. Dirige e scrive Greta Gerwig, qui al suo esordio dietro la macchina da presa, ma la musa dell'indigesto Noah Baumbach non cancella in novanta minuti le arie hipster che si porta dietro; gli strascichi del mio fondato pregiudizio. Una nomination per la miglior regia che sa tanto, troppo di politicamente corretto. Una miglior sceneggiatura originale che brillerà forse per onestà e freschezza, ma che originale proprio non sembra. Perché Lady Bird sì, mi domando infatti, e il sottovalutato The Edge of Seventeen, con una Steinfeld altrettanto intensa e scostante, no? Perché se lo avessi scoperto sottotitolato e misconosciuto su un sito streaming, senza grandi speranze, probabilmente lo avrei consigliato anch'io sottovoce? Commedia generazionale con una vetrina d'eccezione – quella del cinema d'autore – che non penso le spetti, la piccola Lady Bird vorrebbe puntare troppo in alto. Ho seguito il suo volo per un po', ma l'ho persa di vista. Mi sono perso io, forse. Non lasciando che, in cerca di un'altra casa, dell'ennesimo plauso scontato, facesse nido nel mio cuore scettico. (6)

Che belle, ho pensato con un briciolo d'invidia, quelle vite che sanno trasformarsi in musical. Quante possono? Quelle che devi inventare a tavolino, altrimenti sarebbero troppo simili alle nostre: senz'arte né senza colore. Quelle di chi visse un'avventura, una favola, che non poteva che diventare spettacolo spettacolare. P.T. Barnum, professione amabile canaglia, affabulava, ingannava e incantava. Imprenditore nella disincantata New York del tardo Ottocento, cacciatore instancabile di sogni nel cassetto, investì il denaro che neppure aveva prima in un museo delle cere, poi in un circo all'avanguardia, infine per salvaguardare il talento della cantante svedese Jenny Lind. Hugh Jackman – bello nella sua divisa da domatore, sorridente e nel suo – canta e balla sui tetti, e fra le lenzuola appese ad asciugare e le stelle vede un destino alternativo per due bambine che non dovrebbero crescere a digiuno di speranza; per una Michelle Williams non troppo convinta, non troppo convincente, strappata a una famiglia facoltosa e condannata a un'esistenza approssimativa in nome dell'amore. Sempre cantando, sempre ballando, si convince quel Zac Efron di cui, dopo High School Musical, è proprio un piacere risentire la voce a fare a metà. Si cerca fra i reietti, i diseredati, i diversi, e si dà loro la libertà di esprimersi. Di farsi deridere, ma da un pubblico pagante: mostri con un cuore e un talento tutto da svelare. Se romantici ma osteggiati, ed è il caso di un Efron vittima del fascino esotico di Zendaya, ci si innamora di una trapezista di colore anche a costo di riscrivere le stelle – il loro coreografico duetto a mezz'aria è forse il momento musicale più emozionante e riuscito assieme a This is me, commovente inno di una donna barbuta che diventa un po' anche il nostro. Se accecati dai riflettori, e invece è il caso di un Jackman non senza macchie, si pretende di più: perdendo di vista gli obiettivi iniziali e la magia che tutto muove. Vagamente disneyano, The Greatest Showman non convince proprio allora. Quando scopre una punta di disincanto, i matrimoni messi in crisi da una Ferguson capricciosa (e doppiata), la vita vera che a un musical conciliante proprio perché leggerissimo poco si addice. Fluido nei volteggi della macchina da presa e dei corpi, nel montaggio, orecchiabilissimo e sfarzoso ma tutt'altro che memorabile, il film dell'esordiente Gracey non è un ritorno al Moulin Rouge né sa bissare il miracolo del novello La La Land. Però poco importa: che scenografie, che luci, che facce, che voci. Quanta gentilezza, quanto incanto, in questo freak show. Posso farne parte anch'io?, domandi. Trovandolo grande comunque, anche se non all'altezza del superlativo del titolo: una bugia bianca, con stile, come quelle di mastro Barnum. (6,5)

12 commenti:

  1. Lady Bird ancora mi manca, ma rimedierò in questi giorni.
    Sai che invece lo Showman a me ha fatto proprio cagare!? Ruffiano e patinatissimo, decisamente troppo. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lady Bird, cannibalata doc, con la solita Gerwig presente anche quando assente, penso che non ti esalterà.

      The Greatest Showman, visto al cinema più di un mesetto fa, invece a me ha piacevolmente sorpreso. Certo, è molto natalizio, e io il Natale lo odio. Però il musical mi frega con poco. E chiamalo poco, questo grande sfarzo. :)

      Elimina
  2. Mai avrei pensato di poter essere in disaccordo con te su Lady Bird, film che sulla carta era già perfetto per noi. Per me lo è anche a visione ultimata, con gli occhi lucidi e il cuore grato. Ne parlerò più avanti, ma sentendomi molto vicina alla protagonista, amando quel colorato mondo di Sacramento, Greta ha fatto colpo.

    The greatest showman no, non è uno Spectaculra Spetcoular, nemmeno un po'. Troppo patinato, troppo veloce la storia e canzoni fin troppo pop per avere il giusto mordente. Ma sì, scivola via, anche se presto lo si dimentica...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Onestamente, con Lady Bird me lo aspettavo. Lo avevo già anticipato a Marco, fra l'antipatia per la Gerwig e lo scetticismo a vederle lì in mezzo, commedie troppo leggere, troppo giovanili, per poter competere a dovere. Sarò vecchio io, in questo caso?

      Qualche canzone di The Greatest Showman, a fine visione, in cuffia è passata. Il resto, fortunatamente, non mi ha fatto rimpiangere neanche un po' il prezzo del biglietto.

      Elimina
  3. Alla fine "Lady Bird" mi è piaciuto più che a te, forse perché ho dato più importanza ai pregi che ai difetti. Però davvero, il finale è troppo affrettato e manda quasi all'aria il buono che poteva esserci prima, che se non altro aveva una sua onestà non indifferente.
    Nomination alla regia sprecatissima.

    RispondiElimina
  4. stavolta nessuno dei due mi ha colpito..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è di meglio, non solo fra i titoli da Oscar.

      Elimina
  5. Mi hai smontato Lady Bird! D: devo ancora vedere entrambi, vedremo se mi lasciano le tue stesse perplessità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, sai che pensavo di essere il solo a non aver apprezzato la Gerwig? Per fortuna, ho trovato qualche adepto su Facebook. Oggettivamente: il film non parla di granché, come dicono anche le recensioni positive. Dipende da te, da quando tu ti riveda nella Ronan.
      L'altro, invece, godibilissimo. Non chiedevo altro.

      Mi dirai.

      Elimina
  6. Io avevo pensato un po' le stesse cose di The Edge of Seventeen, che non era malaccio, ma mi aveva abbastanza deluso.
    In Lady Bird per me c'è tutt'altra qualità di scrittura e capacità di caratterizzare i personaggi anche solo con piccoli dettagli, e c'è un crescendo nella parte finale che a me ha emozionato parecchio.

    Hugh Jackman che canta e fa lo showman mi era già bastato nell'insopportabile Les Misérables, spero che con questo le cose vadano meglio...

    RispondiElimina
  7. alla fine questa lady|bird ti ha suscitato una reazione tiepidina :) e ci sta tutta, è un film imperfetto, o ti cade bene addosso, oppure no. su di me, comodissimo come già sai. mi sono visto, sentito, raccontato in cose già viste, sentite, raccontate, è vero. ma la Gerwig, secondo me, le inquadra in modo molto fresco, reale, sintetico ma preciso.

    ho scovato The Edge of Seventeen ma devo ancora vederlo :)

    RispondiElimina