giovedì 29 dicembre 2016

[2016] Top 10: Le mie letture

La via del male: Tanto in ballo: l'incolumità, il lavoro, gli amori platonici. La "via" è lastricata di personaggi buoni e cattive intenzioni.
Palazzokimbo: Parlo di radici e penso alla Ferrante. Dico che qui c'è molta più Napoli. E c'è che per l'autrice, che di cognome fa Ventre, la scrittura è questione di pancia.
Chi manda le onde: A me le onde le ha mandate Fabio Genovesi, e ci ho camminato incontro e in mezzo senza temerle. L'impressione di affogare, superata al cavallone successivo. Le alghe impigliate nei capelli e i sorrisi tra i denti. 
La figlia sbagliata: Quattro personaggi fragili e sgradevoli che, come ospiti spettrali, infestano un salotto e i capitoli di un romanzo bellissimo, che si legge la sera, con il fresco, in cambio di un letto scomodo e una notte piena di pensieri.
Sei come sei: Come se la cavano due uomini con la monogamia, i pannolini sporchi e il pregiudizio? Come cresce una bambina con due padri? In un romanzo di formazione toccante, spigliato e con un cuore grosso così, stupisce la meravigliosa normalità della risposta.
Fangirl: Ci sono i libri belli, quelli brutti e, ancora, quelli adorabili. Questo, con un'universitaria che preferisce i romanzi alle persone, la teoria alla pratica, la lettura alla vita sociale, fa parte dell'ultima, ristretta categoria. Sarà che l'autrice, leggerissima, di nome fa arcobaleno?
La tristezza ha il sonno leggero: La tristezza avrà pure il sonno leggero, ma la mano di Lorenzo è più leggera ancora. E la felicità, ospite che mancava all'appello, ti tenta ancora nelle pieghe di una giornata, e di una vita, no.
3. La confessione di Roman Markin: Avete presente quella sensazione di imbrogliare il tempo al suo stesso gioco, allungare le giornate a dismisura e, nei pochi grammi di un romanzo, rintracciare i ventuno dell'anima umana e i quintali di sessant'anni di vita vissuta? Il gioiello di Marra è un mare senza fondo.
2. Benedizione - Canto della pianura: Haruf rimette i debiti e, nelle intime confessioni che sono i suoi discorsi indiretti liberi, assolve i suoi personaggi dal peccato dell'egoismo. C'è una bontà d'animo che non sembra eccessiva. E tu, che eppure non credi nel prossimo tuo e in Dio chi lo sa, non la condanni – reputandola magari troppa – ma gliela invidi profondamente. 
1. Indignazione: L'ultima lettura dell'anno: a sorpresa la più memorabile. Philip Roth, disincantato e mordace, affida alla pagina – e sono pagine rade ed esaltanti, le sue, zeppe di scontri e struggenti soliloqui – la formazione di un diciottenne genuino ed esasperante, che vede sempre il bicchiere mezzo vuoto e non sa godersi la quiete dei giorni pari. Uguale a me, nella sua storia di ordinaria ribellione. Presto, la recensione.

Premi di (s)consolazione
Thriller/Horror: I custodi di Slade House – Sorella - E' così che si uccide
Fantasy/Distopico: Wolf
Young adult: Brucio – Quello che non sai di me
Romanzo storico: Dentro soffia il vento

La migliore storia d'amore: Chiamami col tuo nome – Noi due e gli altri
I fazzoletti non basteranno: La luce sugli oceani – Io non sarò come voi
On the road: Lo strano viaggio di un oggetto smarrito 
L'occhio vuole la sua parte: La casa per bambini speciali di Miss Peregrine

Guilty Pleasure: Maestra – Unrivaled
Sta' senza pensier: Qualcosa di vero
Guarda un po' chi si rivede – i sequel più belli: Scrivere è un mestiere pericoloso
Be', dai, ci siamo visti – i sequel (o i ritorni) meno belli: Non aspettare la notte 
Tanto rumore per nulla – la sòla suprema: Adesso

34 commenti:

  1. Capperi, la mia wishlist è sempre più affollata! :D
    Philip Roth, dal comodino, da un po' di tempo cerca la mia attenzione: sarà la volta buona?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io mi sono deciso solo il venticinque dicembre con Roth, oh, ma non è mai troppo tardi. ;)

      Elimina
  2. Come constatavi ieri, abbiamo qualche titolo in comune; Altri - Marra, Ventre, Mazzucco e Romagnolo - sono in WL o sul Kindle, in attesa.
    Curiosa di conoscere il tuo parere su Roth, incontrato spesso tra gli scaffali con "Pastorale Americana", pure in lista, ultimamente.
    Con gli auguri abbiamo già dato, quindi a presto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roth mi ha travolto.
      E, a dirti la verità, pensavo di trovarlo troppo impegnativo, troppo complesso, per questi giorni di festa. Sarà che ho scelto il romanzo - o racconto? - giusto. Sarà che il protagonista mi somiglia tanto. Pastorale americana, per via della lunghezza, lo temo di più. A presto!

      Elimina
  3. Quest'anno non abbiamo molte libri in comune :/ però mi farò ispirare dalla tua top10 per le prossime letture ;)
    Sto adorando fangirl. Cath è una me più complessata XD Levi è adorabile <3
    Vado a scrivere la mia ;) Buone letture!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passo a leggerla non appena la posti!
      Cath, tra famiglie scoppiate e insicurezze, è anche molto me. Levi conquista: poco da fare.

      Elimina
  4. Passo di qui armata di agenda ancora immacolata e prendo nota: Roth e un altro paio di titoli saranno miei. Tanti auguri di buon anno se non ci incrociamo di nuovo! :* Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Auguri a te, Stefania! <3
      A presto e buone letture.

      Elimina
  5. Ho tutto da recuperare e ho già capito che non avrò mai tempo per leggere tutto, o anche solo una piccola parte.
    Se smettessi di guardare serie tv e film, forse potrei farcela...

    Tra i libri citati, quelli che mi ispirano di più sono Fangirl e il numero 1 Indignazione (di cui hanno appena fatto la pellicola).
    Comincio a segnarmeli e cercherò di recuperarli. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fangirl ricorda tanto Dawson's Creek, come mi faceva notare un'amica lettrice: apprezzeresti. Indignazione sprizza passione e incazzature. Del film, in giro, parlano bene: raro, con Roth. Riuscirò a vederlo entro l'anno? :)

      Elimina
  6. Mi piace la tua top10 abbiamo un paio di titoli in comune e come ti dicevo poc'anzi su Facebook ho molte aspettative su fangirl.
    Ti auguro un felice anno nuovo Mik. Ci rileggiamo presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, Chicca. Buon anno a te!
      Fangirl è elementare, diciamo così, ma sei sei con l'umore a terra fa miracoli. :)

      Elimina
  7. Come sempre, ho letto pochissimo delle tue liste.
    Lo strano viaggio, come sai, a me non è piaciuto, troppo simile ad altri viaggi ma capisco "il fattore umano".
    Indignazione, ultimo Roth letto prima di una lunghissima pausa che ancora prosegue, è davvero un gran bel leggere, anche se i suoi protagonisti con il tempo mi si confondono...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto Indignazione in ebook, ma bramavo il cartaceo.
      Così ho comprato un unico volume in cui ci sono anche Nemesi, Everyman e qualcos'altro che mi sfugge. Nel 2017 vedrò di approfondire la conoscenza, dopo avere rotto il ghiaccio.
      Concordo su Basile, ma un contentino non gliel'ho potuto negare, anche se a giusta ragione è rimasto fuori dai dieci. :)

      Elimina
  8. Ne abbiamo un paio in comune! (Ma la mia classifica la svelo domani) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, intuisco quali sono, forse.
      A domani! ;)

      Elimina
  9. Eccomi pronta a segnare un po' di titoli, in realtà molti dei tuoi consigli libreschi li ho già "assaggiati" (Romagnolo e Mazzucco), altri sono pronti sul Kobo. Mi fai venire voglia di provare Roth, anzi ri-provare, purtroppo Pastorale americana a me non è proprio piaciuto!
    Buon Anno Mik, tanta serenità e tanti libri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Auguro lo stesso a te, cara Tessa! :)
      Pastorale Americana, come dicevo sopra, lo temo parecchio. Troppo mattone. Questo, dalla sua, ha le pagine: poco più di cento.

      Elimina
  10. Come ti dicevo nella recensione, La via del male l'ho preso e non vedo l'ora di leggerlo :) Probabilmente sarà una delle mie letture di gennaio! Fangirl, Wolf e Dentro soffia il vento sono i libri della tua classifica che più bramo. Spero di recuperarli presto **

    RispondiElimina
  11. Seguo il blog da un bel po', ma credo di non aver mai commentato. Approfitto di questa Top 10 perché ho trovato alcuni titoli che anche io ho apprezzato come La via del male e La casa per bambini speciali, mentre ho annotato Slade House, Fangirl, il libro di Marone e di Haruf: insomma quasi tutti. Grazie dei consigli e Buone feste!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Beth, e ufficialmente benvenuta! Buone feste. :)

      Elimina
  12. Non ne ho letto manco uno di questi libri Miché! Meglio che ripassi quando farai la classifica su cinema, serie tv e e musica. :)

    RispondiElimina
  13. Stuzzicante la tua top ten! Sto ancora rincorrendo Brucio e ho sul comodino da troppo tempo la Rowell, ma piano piano arrivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante è che il proposito ci sia. :)

      Elimina
  14. Per il nuovo anno ti consiglio "La sostanza del male" di Luca D'Andrea.
    Auguri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Segno, Claudio!
      Mi aveva tratto in inganno la brutta copertina.
      Auguri a te!

      Elimina
  15. Indignazione va dritto nella mia wishlist! Aggiungo anche palazzo kimbo che avevo già adocchiato ;)

    RispondiElimina
  16. Roth... Roth... Roth... in libreria da una vita!!!

    RispondiElimina
  17. Sto preparando il mio listone come lo chiami simpaticamente tu, lo so che tutti lo fanno prima della fine dell'anno ma io sogno sempre di distinguermi e nelle piccole cose lo faccio, quindi il mio primo post dell'anno sarà dedicato ai memorabili del 2016 e come puoi immaginare...Roth Roth e ancora Roth il numero uno! :-)

    RispondiElimina
  18. Mi si è allungata notevolmente la wishlist leggendo questo post! ;) Anche nella mia Top10 è presente La figlia sbagliata della Romagnolo, l'ho sinceramente apprezzato moltissimo. Se non l'hai letto ti consiglio anche Lacci di Domenico Starnone, in linea con per dinamiche familiari dolorose. Di Philip Roth ho letto L'animale morente e Everyman, Indignazione mi manca ma spero sarà una delle mie prossime letture! (L'idea è, ovviamente, quella di leggere TUTTI i Roth. A tal proposito ho anche inventata l'hashtag #lascalatadeiRoth ma, ahimè, prosegue molto lentamente!)
    Buon inizio 2017! Che sia pieno di meraviglia.

    Federica

    RispondiElimina
  19. Ammetto di aver letto pochi libri tra quelli citati:
    La via del male, l'ho adorato <3
    La Rowell e Marone li ho in attesa che arrivi il momento giusto per leggerli. Idem per la Basso e Maestra, che però delle recensioni mi hanno un po' smontato :(
    Mrs Peregrine, boh, devo arrivare al termine della trilogia per farmi un'idea più chiara.

    La Romagnolo l'ho letta con un altro libro che non mi ha proprio entusiasmato, magari vale la pena darle una seconda possibilità.
    Dentro soffia il vento mi è piaciuto molto, libro da concorso, ma pur sempre bellissimo, altro discorso per Non aspettare la notte, dove ho trovato solo a tratti la penna graffiante della D'Urbano della Fortezza

    RispondiElimina