mercoledì 6 maggio 2015

I ♥ Telefilm: Daredevil, The Last Man On Earth, Mom

Daredevil
Stagione I
Sono intollerante al cinecomic. La mia presa di posizione non è dettata da un particolare snobismo – perché guardo la peggiore immondizia, e me la faccio anche piacere – ma dal fatto che due ore e venti in compagnia di robot, inseguimenti di macchine volanti, eroi che giocano a farsi i simpatici a tutti i costi io non le passo. Il nuovo The Avengers, tipo, non l'ho visto e non lo voglio vedere. Ma ci ho provato. Ho provato invano a guardare le serie CW – con Arrow che posta più foto a petto nudo di Mariano Di Vaio, professione fashion blogger – e anche Gotham, che avevo atteso eppure avevo mollato dopo poco, per colpa di attori cani e svolte senza mordente. O il supereroe si copre di ridicolo, recitando – anzi, volando – sopra tutte le righe del pentagramma, o si veste di serietà annoiandomi, se possibile, anche di più. Perché la trilogia di Nolan ha fatto storia, ma io l'ho vista in comode rade mensili e non la rivedrei a cuor leggero. Non è colpa mia, sono i fumetti al cinema a non riuscire a trovare una via di mezzo, un compromesso. Come ogni bambino felice, infatti, anch'io ho avuto i costumi di carnevale di Batman e Spiderman ai miei tempi e, quando in videoteca era arrivato il dimenticabilissimo Daredevil, tanto avevo fatto, tanto avevo detto, ero riuscito a farmi regalare il cartonato dell'eroe dalla proprietaria. A nove anni, nonostante capissi che non era un granché, il film di Johnson mi piaciucchiava; da allora non oso riguardarlo, ma il cartonato in cima al letto a castello guai a chi lo dà via! Ampia premessa per dirvi che la storia Marvel più coinvolgente arriva dalla tv, targata Netflix, e a sorpresa si candida a essere una delle rivelazioni dell'anno. La vita di Matt Murdock – cieco, avvocato, uomo dai mille segreti – diventa un tostissimo crime in tredici puntate, in cui non mancano le implicazioni politiche e le guerriglie urbane del Cavaliere Oscuro, né leggeri tocchi di comicità. Impegnato in tribunale e gentile nei modi, Murdock crede in Dio e nella Giustizia: non uccide, difende solo gli innocenti. Ma ha il nome di un diavolo e, quando è notte, scende in strada a rimediare agli sbagli dei giudici, nella Hell's Kitchen che l'ha visto crescere – quando lui, invece, non vedeva che il nero – e che ospita, incurante delle vittime, una cruenta faida tra russi e giapponesi, mentre nell'ombra qualcuno trama. Il convincente Charlie Cox – attore britannico visto in Stardust e nella Teoria del tutto – ha la faccia da bravo ragazzo, il sorriso gentile e trasmette fiducia ineguagliabile: lotta come un boxeur (e quante ne prende?) e, quando non sfida la malavita, probabilmente salva gatti sugli alberi e aiuta le nonnine con la spesa. Come a Peter Parker, gli si vuole subito bene. Al suo fianco, il fedele Elden Henson – un Foggy che strappa qualche risata senza diventare macchietta –; una Deborah Ann Woll bella in modo assurdo, nelle vesti della spregiudicata segretaria che, contro i luoghi comuni e le canzonette di Venditti, non si innamora degli avvocati; una Rosario Dawson, nome di grido e ruolo piccolo, en passant. E' però il Kingpin del solidissimo Vincent D'Onofrio, caratterista impareggiabile, a stupire, in un serial atipico perché gli eroi sanguinano, i comprimari smuovono acque torbide e i cattivi s'innamorano: dicono sia il villain meglio scritto nelle trasposizioni della Marvel, e non stento a crederci. E non dovrei stupirmi di come la televisione, ancora una volta, metta al tappeto il cinema. Daredevil è un film lungo tredici ore: alta qualità, dialoghi corposi, momenti spettacolari che non vivono di soli effetti speciali. Quella New York criminale è spaventosa e il superpotere vero lo detiene chi è alla macchina da presa, insieme agli sceneggiatori: tra le scene memorabili, il magistrale piano sequenza del secondo episodio, cinque minuti in puro stile Old Boy; una delle ultime sequenze, coi rallenty d'effetto e Nessun Dorma. I produttori dei premiati House of Cards e Orange is the new black mi sbattono in faccia flashback appaganti, sottotrame realistiche, attori davvero capaci e non per forza allergici alle loro T-Shirt, ritmi intensi e copioni intelligenti che danno serietà a un genere su cui, di solito, sparo a zero. Daredevil ha però un'armatura resistente, l'agilità per schivare proiettili di sarcasmo, la possibilità di difendersi – e di convincere – soprattutto a suon di parole. Anche se i calci rotanti, okay, hanno sempre la loro importanza. (8)

The Last Man On Earth
Stagione I
Il mondo è finito, completamente annientato da un misterioso virus che ha reso le strade deserte, le fonti di sostentamento scarse e Phil Miller, solitario nullafacente a tempo pieno, l'ultimo uomo sulla terra. Come ammazzare il tempo, se non si hanno contatti con un'altra persona e intorno non c'è che il deserto? Si vive passo dopo passo, e di piccole cose. Saccheggiare le case dei personaggi famosi, cambiare villa una volta a settimana, prendere ricchi regali presso musei blindati: ecco spiegati gli Oscar sul comodino, gli indirizzi instabili, i Van Gogh in salotto e i Monet nel bagno di servizio. Bella vita, la vita del superstite. Dopo quarant'anni da eterno subordinato, essere re del proprio mondo. Ma le refurtive non ti scaldano, di notte, e i palloni bucati, checché ne dica il Wilson di Cast Away, hanno la fissa delle conversazioni a senso unico. Il pensiero vaga. E se Adamo trovasse la sua Eva, per ripopolare il cosmo? E se Eva fosse più un incubo che un sogno erotico? The Last Man On Earth, tra le serie comedy più attese, arriva puntuale e non delude. Venti minuti originali, divertentissimi, leggeri, ma legati – episodio dopo episodio – dal filo doppio che alle altre sitcom manca. Bisogna procedere nell'ordine corretto, non bisogna saltare nessun appuntamento e, soprattutto, è consigliabile non perdersi il finale che, dopo qualche piccolo momento no, ti congeda con un gran bell'arrivederci e un'immagine significativa. Parte col botto, patisce un po' il fattore monotonia, ma occhio che trova la sua straa. Pensato e interpretato dall'ottimo Will Forte di Nebraska, è la parodia per eccellenza del genere survival, con colpi di scena annessi e un cast in fase di ampliamento. Da one man show, come da premessa, The Last Man On Earth si fa poi surreale e popoloso, in una Tucson caput mundi e in un mondo, piccolo come dicono i proverbi, in cui gira e rigira si rivedono vecchie facce. Tutte le strade portano a Phil Miller. E la convivenza sognata, in mezzo ai miraggi della solitudine, diventa un mezzo inferno. Troppo tardi, allora, per rimangiarsi il desiderio espresso durante l'apocalisse e fare scomparire in uno schiocco di dita compagni di avventura inopportuni, triangoli amorosi, rivalità e gelosie da reality show? Si stava meglio quando si stava peggio... Ce lo chiediamo anche noi, insieme a quello sfortunato antieroe passato velocemente da leggenda ad appestato, in tredici puntate che hanno l'umorismo giusto, personaggi dinamici e un'insolita marcia in più. (7)

Mom
Stagione II
Difficili i rapporti madre-figlia. Dove sta scritto che sia necessario per forza volersi bene? Duro, soprattutto, essere membro della strampalata famiglia di Christy: cameriera di mezz'età che avevamo conosciuto – l'anno scorso – mentre condivideva un piccolo appartamento con la figlia, adolescente in dolce (ma mica tanto) attesa; il figlio, bambino invadente e geniale; soprattutto, la mamma Bonnie. Mela marcia che saltella da una clinica di recupero a un'altra e, tra un saltello e l'altro, arriva alla porta di casa tua e risulta impossibile schiodarla dal sofà. In mezzo a sitcom simpatiche e disimpegnate, che erano durate giusto Natale e Santo Stefano, Mom aveva avuto la meglio. Nell'arco dei soliti ventidue episodi – molti, che però spezzettati e mandati in onda una volta sì e cento no, a causa di pause continue, rendono poco – la piccola serie della CBS si conferma un onesto intrattenimento: divertente, nonostante le tragiche risate registrate in sottondo, e quotidiano. Perché si ride, ma ci sono note aspre che in una produzione così rilassata fanno entrare, a periodi alterni, la riflessione. Vite che non sono rose e fiori, una crisi dell'economia e dei sentimenti assai familiare, l'instabilità di due donne di generazioni diverse che non sempre riescono in quello che fanno, ma almeno ci provano. Alle loro spalle, una famiglia che è piaga e benedizione insieme. Cambia poco – i toni sono quelli che già conosciamo – ma cambia, allo stesso tempo, tutto. La ricerca di un nuovo posto in cui vivere, una promozione per la figlia e una professione onesta per una mamma disonesta, qualche personaggio che muore e qualcuno che guarisce, dipendenze in cui ricadere con umana imperfezione, su uno sfondo che cambia insieme a un cast che si allarga. Nuovo ingresso Jaimie Pressly, ricca e svampita ereditiera da spremere come un limore, e un Gesù “da allucinazioni” che non alza la tavoletta quando va in bagno. Grandissime padrone di casa Anna Faris e Allison Janney: la prima, vincente superstite dallo scatafascio dell'un tempo mitico Scary Movie; l'altra, caratterista che – a cinquantacinque anni – si reinventa da zero e finalmente si fa ricordare, con la sua fisicità prorompente e tempi comici strepitosi. (6+)

21 commenti:

  1. Siamo d'accordo addirittura anche sui voti sia su Daredevil sia su The LastMan on Earth. Mom non lo guardo.

    Daredevil bellissima, han saputo costruire il personaggio in maniera splendida, dando anche moltissimo spazio alla sua spalla Foggy, ma soprattutto a Wilson FIsk, cattivo pazzesco!

    The Last Man On Earth è da divertimento assicurato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma noi siamo sempre abbastanza d'accordo, devo dire.
      The Last Man divertentissimo, ma funzionava meglio quando la squadra di attori era più... ridotta. Pochi ma buoni!

      Elimina
  2. Anche a me sta piacendo molto Daredevil,sono all'episodio 8 e conto di finirla a breve! :)
    La serie è fatta davvero bene,le atmosfere,gli attori,tutto bello...
    Finalmente hanno dato giustizia ad un supereroe un po' bistrattato,che Charlie Cox rende molto umano,molto di più rispetto agli altri supereroi.
    Le altre due serie non le conosco,ne guardo talmente tante che trovare un buco per inserirne una nuova è praticamente impossibile! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comprendo, anch'io ne guardo troppe. Infatti, visti tutti i vicini finale di stagione, questi post sui telefilm - a breve - saranno frequentissimi ;)

      Elimina
  3. Di The Last Man On Earth ho visto solo la prima, per ora l'ho trovata divertente, continuerò a vedere le altre. E' prevista una seconda stagione?

    RispondiElimina
  4. The last man on earth lo trovi commentato anche dalla mie parti, del finale di stagione parlerò domani, in ogni caso sono molto d'accordo con te. Su Daredevil mi sto trattenendo, per esplodere tutto insieme una volta sola ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passo a leggerti. Mannaggia, non "ricevo" i tuoi aggiornamenti!

      Elimina
  5. The Last Man on Earth è piaciuto parecchio anche a me, i due protagonisti sono davvero fortissimi. Quel cliffhanger nell'ultima puntata mi ha lasciato una voglia assurda di vedere la seconda stagione.
    Daredevil sarà senz'altro tra le prossime visioni! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono certo apprezzerai il buon Daredevil.
      Sì, The Last man con la svolta finale mi ha convintissimo ;)

      Elimina
  6. Insomma, questo Daredevil deve passare per forza dalle mie parti!
    Dammi il tempo di superare il trauma per la fine di Mad Men, quello godurioso per Revenge, e quelle altre due-tre serie arrivate agli ultimi episodi, e prometto che un posto per questo supereroe ci sarà!

    L'ultimo uomo sulla Terra mi ha divertito tanto, ma man mano che Tucson si popolava perdeva un po' del suo smalto. Sono fiduciosa comunque per il prossimo anno, una comicità simile è da amare lo stesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daredevil, allora, sarà una bella compagnia. Così fai contento anche il famoso giovine :)

      Elimina
    2. In realtà il giovine ha deciso di rinunciare, tra Scandal, GOT e Orphan Black è accontentato, non regge i miei ritmi seriali :)

      Elimina
    3. Che guaio! Però magari coi supereroi... :)

      Elimina
  7. Ho amato Daredevil (che ho già iniziato a guardare per la seconda volta XD), così tanto che mi è salito l'hype per la nuova serie Marvel che andrà in onda per Netflix (Aka Jessica Jones) *^*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono a conoscenza della nuova serie, ma Jessica Jones non so chi sia. Speriamo in una bella sorpresa!

      Elimina
  8. Daredevil lo sto guardando anche io, sono alla sesta puntata e lo adoro. Bravissimi tutti gli attori, ben delineati i personaggi (e io non sono mai stata fan del Diavolo Marvel, eh!!) e finalmente un eroe che sanguina e prende leBBotte come si deve!! Per ora, promossissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E vedrai che gli ultimi sono ancora meglio!

      Elimina
  9. Sn davvero curiosa x Daredevil, da fan della Marvel e Dc nn posso davvero perdermelo. Cmq se ti piacciono i supereroi nerd alla peter parker ti consiglio flash. è davvero bello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di The Flash avevo guardato il pilot, carino e tutto ma non mi aveva convintissimo.
      Solita serie della The CW in cui sono tutti bellissimi e alla moda. Anche i nerd. Non ci sono più gli sfigatelli di una volta :)

      Elimina
  10. Ottima lettura, grazie! Hai visto che sta per partire la nuova stagione di Temptation Island? https://www.facebook.com/temptationisladita

    RispondiElimina