venerdì 16 agosto 2013

Recensione a basso costo: La meccanica del cuore, di Mathias Malzieu

Ciao a tutti, amici. Come state, e come avete passato il vostro Ferragosto? Spero vi siate divertiti: io ho trascorso in spiaggia mattina e sera, aspettando – verso mezzanotte – i fuochi d'artificio che non hanno sparato. A causa del vento e delle nuvole, li hanno rimandati ad oggi. Personalmente, mi sono appena svegliato e subito ho pensato a postare la recensione dell'ultimo romanzo che ho letto: La meccanica del cuore. Fatemi sapere cosa ne pensate e ditemi se l'avete letto anche voi. Buona lettura e un abbraccio, M.
Uno, non toccare le lancette. Due, domina la rabbia. Tre, non innamorarti, mai e poi mai...
 
Titolo: La meccanica del cuore
Autore: Mathias Malzieu
Editore: Universale Economica Feltrinelli
Numero di pagine: 145
Prezzo: € 8,00
Sinossi: Nella notte più fredda del mondo possono verificarsi strani fenomeni. È il 1874 e in una vecchia casa in cima alla collina più alta di Edimburgo il piccolo Jack nasce con il cuore completamente ghiacciato. La bizzarra levatrice Madeleine, dai più considerata una strega, salverà il neonato applicando al suo cuore difettoso un orologio a cucù. La protesi è tanto ingegnosa quanto fragile e i sentimenti estremi potrebbero risultare fatali. Ma non si può vivere al riparo dalle emozioni e, il giorno del decimo compleanno di Jack, la voce ammaliante di una piccola cantante andalusa fa vibrare il suo cuore come non mai. L'impavido eroe, ormai innamorato, è disposto a tutto per lei. Non lo spaventa la fuga né la violenza, nemmeno un viaggio attraverso mezza Europa fino a Granada alla ricerca dell'incantevole creatura, in compagnia dell'estroso illusionista Georges Méliès. E finalmente, due figure delicate, fuori degli schemi, si incontrano di nuovo e si amano. L'amore è dolce scoperta, ma anche tormento e dolore, e Jack lo sperimenterà ben presto.
                                                    La recensione
"Da quando l'ho sentita cantare, avevo un sogno: ritrovarla. Ho attraversato mezza Europa per riuscirci. Mi hanno spaccato uova sulla testa e ho rischiato di farmi squartare da un esperto dell'amore con le defunte. Certo, sono una specie di handicappato del grande amore, e non è detto che il mio cuore di fortura possa resistere al terremoto emotivo che prova quando la vedo, ma di fatto batte per lei."
Era il 4 Aprile dell'anno scorso quando La meccanica del cuore arrivò in libreria, con la sua dolce storia, con la sua poesia, con una copertina semplicemente da mettere in cornice, per contemplare mattina e sera, notte e giorno, l'ultima meraviglia firmata da un geniale artista dal nome nobile e affascinante: Benjamin Lacombe. Un cielo bianco neve, i tetti grigi di casupole sbilenche che sporcano la perfezione lattea di nuvole impercettibili, un paio di ingranaggi di metallo a far muovere, come i romantici ballerini di un antico carillon, le sagome di due innamorati, apparentemente stretti in un abbraccio appena sciolto, ma, ad un'occhiata attenta, già lontanissimi. Lei ha i capelli del colore della notte più buia e fredda del mondo, la pelle di porcellana e la bocca rossa come una piccola, esotica Biancaneve. Piroetta nel vento, su una canzone spagnola che le sgorga da dentro, e il suo vestito corallo si schiude come un fiore d'inverno, mentre l'aria si diverte a giocare con la sua stoffa d'incanto. Alle sue spalle, un ragazzo triste, pallido, pazzo. Pazzo di lei. Ha un vestito troppo elegante e troppo largo e, negli occhi, l'amarezza di chi osserva un'amante andare via e una fiamma spegnersi. Una mano tesa verso la sua lei, l'altra portata al petto: sul cuore che non ha. Sono Jack e la sua ballerina andalusa un po' sbadata. E quella racconta da Mathias Malzieu, forse, è la loro storia. Forse... 
Lessi di loro per la prima volta sul risvolto di copertina di un volumetto targato Feltrinelli e decisamente troppo costoso per le mie scarse finanze. Dopo un lungo viaggio, insieme, erano arrivati in libreria proprio quel giorno. Era il mio diciottesimo compleanno, ma, dopo tutti gli euro spesi per una festa con gli amici di sempre e tutti i propositi di non comprare cose squisitamente al di fuori della mia portata, la mia scelta era ricaduta su altri libri; libri che, ora come ora, nemmeno ricordo. Allo stesso prezzo del romanzo di Malzieu, ne avevo comprati ben due. Una scelta saggia, da adulti: ciò che sarei stato io da quel giorno in poi, immaginavo. Alla fine, La meccanica del cuore era solo un romanzo per bambini troppo caro. Continuammo a corteggiargi in silenzio in libreria: lo prendevo tra le mani, lo soppesavo, fantasticavo sui malinconici ballerini in copertina, aspettavo nemmeno Dio sa cosa. All'inizio di agosto, poi, sono tornato a pensarci. Avevo visto il trailer del film di animazione sui cui tanto di era divagato, ed ero cotto a puntino. Il destino, per una volta, era dalla mia parte: il libro era in già in libreria ad aspettarmi, era appena uscito anche in edizione economica, era in sconto. Bingo! Il tempo di dare quei sei euro a un commesso tutto gentile e sorridente e già ero caduto tra le pagine. Ero per strada, camminando senza guardare dove mettevo i piedi, ma nel frattempo cadevo senza peso in quel racconto senza contorni netti. Bucavo quelle nuvole grevi presenti in Inghilterra in qualsiasi periodo dell'anno, planavo sui comignoli non lontani dalla mia amata Londra vittoriana, franavo sulla strana casa della strana Madeleine. Dal calore dell'estate ero passato al 16 Aprile del 1874, il giorno più freddo del mondo: i fiumi gelavano, gli uccelli cadevano al suolo come ghiaccioli, le fontane immobili sembravano lampadari in cristallo e, in una casa fuori mano, il piccolo Jack nasceva senza una mamma e senza un cuore. Il calore della misteriosa Madeleine aveva sopperito alla mancanza della prima; le sue mani miracolose avevano regalato non battiti, ma ticchetti, al secondo. Nel suo laboratorio, in un losco quartiere abitato da prostitute dall'animo gentile e da senzatetto con amori perduti in bottiglie vuote come le loro tasche logore, aveva cucito un orologio a cucù sul cuore gelato del bambino. Un meccanismo provvisorio, fragile, destinato a perdere i suoi vitali bulloni in caso di forti emozioni. In caso una donnina dal naso piccolo e dagli occhi grandi ed espressivi come quelli di un manga l'avesse fatto scoppiare di passione. 
Innamorarsi: vietato. Eppure nessun orologiaio, nessuna custode, avrebbe potuto manometterne i magici meccanismi ed evitarlo. L'amore è un rischio che tutti, in cerca di un dolce assenzio più caro dell'adrenalina, non vedono l'ora di correre. L'amore è cieco, ed altre frasi fatte simili... In realtà l'amore di Jack ci vede benissimo e, appena bambino, si innamora senza sapere nemmeno cosa significhi farlo. E' la piccola meraviglia che ha visto ballare e cantare in piazza a non vederci tanto bene: ha deciso che non le regalerà fiori, ma un mazzo di occhiali tutti storti. Ha deciso che la seguirà in capo al mondo, e oltre. A bordo di un monopattino supersonico, inseguito da un bullo che vuole tutto ciò che gli appartiene e aiutato da un inventore pazzo con la passione per una cosa sconosciuta chiamata cinema, passando per una Francia ancora senza Tour Eiffel e chiedendo consigli amorosi a un losco figuro inglese che si fa chiamare Jack Lo Squartatore, Jack scoprirà com'è pronunciare ad alta voce i loro nomi, insieme, e studierà le resistenze di quel suo cuore matto a forma di orologio che l'amore amaro potrebbe annientare, con un bacio negato o un addio. Strana cosa sono i sentimenti umani, strana cosa è questo La meccanica del cuore. Dopo un inizio fiabesco, un pianeta a parte da quello in cui mi aspettavo di atterrare. Inaspettato, ecco. L'ho visto come si fa con un cartone di Tim Burton – un cartone pieno di incursioni in un mondo di favole gotiche e nell'ignoto mondo dello steampunk – ma quello che ho provato a fine lettura non era la rilassatezza o il sospiro seguito a un bel lieto fine. 
L'amarezza mi aveva impastato le labbra, non sorridevo affatto. Malzieu ha scritto, infatti, una fiaba per adulti coriacei, con i nervi ben saldi e la matura consapevolezza che, ogni tanto, la bacchetta magica si può inceppare, il principe può fare cose stupidissime, la principessa può andare via con il pretendente sbagliato e che l'amore è una cosa idiota per persone intelligenti. E' vagamente triste, ma bello proprio per quel motivo. Molto francese, in questo, come L'eleganza del riccio e Le cose che non ho; come La vie en rose. In quelle 150 pagine, però, scorre anche sangue spagnolo: è sospettoso, possessivo, appassionato, dolcemente eccitante, caliente. Come la Miss Acacia di Jack, tutta flamenco e tacchi alti, maracas e nacchere, lunghe ciglia brune e seni pesanti. Simile a una musa di Modigliani: il collo allungato, i fianchi larghi, i capezzoli come ciliegie, gli occhi a mandorla, lo sguardo languido e senza colore. Era un grande pittore, Modigliani, e aveva capito tutto. Era lui ad avere detto: Non disegnerò i tuoi occhi, fino a quando non conoscerò la tua anima. Più sveglio e lucido di Jack, già sapeva che non l'avrebbe conosciuta mai, secondo me. Il funzionamento dei cuori delle donne è un mistero: non vanno neppure a benzina, anche se i prezzi del petrolio sono saliti alle stelle. Strane creature gli esseri umani. Cercano pericoli al di fuori di sé, quando il pericolo mortale più grande ce l'hanno proprio nel petto. Che batte, ticchetta, strepita. I protagonisti di questa storia fanno discorsi da grandi con ancora la voce dei bambini e – impacciati, infantili, su una giostra tutta curve di prime volte – filosofeggiano, a parole loro, della più grande delle serrature da scardinare. Si rispondono intonati come a Broadway, sono bizzarri e pittoreschi, piccoli, ma hanno il cipiglio stanco dei protagonisti del tragico Blue Valentine. Bambini con le rughe d'espressione. La penna dell'autore dà loro vita come fece il Creatore con Adamo ed Eva nel giardino dell'Eden. Dipinge per loro cieli di tempera e colori ad olio, li incastona in una meravigliosa e delicata poesia, li studia come pesci comunissi, ma dalle sfumature variopinte, finiti in una bolla di vetro. Un romanzo surreale, intimo, curioso. Se in positivo o in negativo, tocca al lettore deciderlo. Io non ho nemmeno lontanamente dubbi, anche se avrei preferito non sapere cosa la venuta dell'E vissero per sempre felice e contenti avrebbe riservato. Quando una bella favola finisce, e la realtà ha inizio. "Il mio cuore fugge dal suo involucro-prigione. Vola attraverso le arterie, si sistema dentro il cranio per diventare cervello. In ogni muscolo e fino alla punta delle dita, il cuore! E un sole feroce, dappertutto. Una malattia dai riflessi rossi. Non posso più fare a meno di lei."
Il mio voto: ★★★★
Il mio consiglio musicale: Matteo Becucci feat. Elisa Rossi – The Power of Love (Frankie Goes to Hollywood)

27 commenti:

  1. Ciao, ormai non ti faccio nemmeno più i complimenti per come scrivi, si sa :)
    Io ho letto questo libro qualche tempo fa: settembre dello scorso anno mi dice goodreads, non pensavo che fosse passato quasi un anno. Comunque ho vaghi ricordi ma ricordo che non mi è piaciuto per niente tant'è che su goodreads gli ho dato solo una stellina. Mi ha annoiata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, cara Claudia. Mi fa piacere leggere i tuoi commenti sempre più spesso :) Effettivamente questo di Malzieu è un libro che non è piaciuto a tutti. E' molto particolare e, evidentemente, o lo si ama o lo si odia. Prima di acquistarlo, ho letto molte recensioni su Anobii o Goodreads e in molti, come te, avevano dato una o due stelline. Fortunatamente, per me, non è stato così: sei euro ben spesi!

      Elimina
  2. I protagonisti di questa storia fanno discorsi da grandi con ancora la voce dei bambini e – impacciati, infantili, su una giostra tutta curve di prime volte – filosofeggiano, a parole loro, della più grande delle serrature da scardinare.

    Queste tre righe riassumono l'intera recensione ... Anche io l'ho trovato decisamente surreale e tutt'ora continuo a ripetere che non so se mi è realmente piaciuto. La nota positiva è che mentre lo leggevo mi ricordava vagamente le atmosfere surreali dei film di Tim Burton e questo me l'ha fatto concludere ... scrollandomi almeno un po' quel senso di amarezza che avevo addosso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca :) Vero, le atmosfere sono le stesse di Burton e i contorni da favola stemperano un po' l'amarezza genereale. Hai visto che bello il trailer del cartoon?

      Elimina
    2. Intendi il booktrailer vero? Si, l'ho visto ... di sfuggita :)

      Ho sentito vociferare che, di questo libro, ne faranno un film ... non so se andrò al cinema a guardarlo. Tra l'altro al salone del libro a Torino ho visto il nuovo romanzo di Mathias Malzieu, ma non credo mi darò altre possibilità con lui :)

      Insomma, non fa per me :)

      Elimina
    3. No, no, proprio il trailer del film "animato" che uscirà in Francia a febbraio: http://www.badtaste.it/articoli/la-meccanica-del-cuore-ecco-il-trailer-del-cartoon-steampunk-prodotto-da-luc-besson Lo adoro!

      Elimina
  3. Ma quanto è meraviglioso ciò che scrivi? Ho amato Malzieu e la sua Meccanica, e allo stesso modo ho amato le tue parole.

    RispondiElimina
  4. Beh che dire è breve e da come ne parli sembra proprio delizioso! Adoro sempre di più il tuo modo di raccontare le cose e mi hai anche convinta *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Denise :) Sono curioso di sapere come ti sembrerà, nel caso tu lo legga. E' sicuramente strano, come libro, sì!

      Elimina
  5. Ciao Mik :) Mi hai proprio colpito con questa recensione! Devo ammettere che non conoscevo il libro ma ora mi hai incuriosita davvero molto. Trovo la cover davvero fantastica e ho adorato il tuo modo di raccontare *w* giusto per dover di cronaca, mi hai incuriosita a tal punto di andar a cercare il trailer che mi ero persa ^^ Ho trovato anche deliziose le immagini che hanno accompagnato questa tua recensione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Gio! Sono tutte di Benjamin Lacombe: non è eccezionale?! :)

      Elimina
  6. capisco perfettamente quello che dici, anche per me questo libro rappresenta un corteggiamento molto lungo che ancora non è arrivato a conclusione!!! sonnecchia nel mio kobo ma il desiderio di averlo tra le mani è forte, mi frena però proprio la sensazione che comunque questo sembra un libro molto particolare e la paura che non mi possa piacere forse l'inverno mi porterà a più miti consigli!
    il mio ferragosto in montagna per una scampagnata e poi oggi mare, domani mare, dopodomani mare, e mare ancora fino a settembre! il bello di vivere in una cittadina di mare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già, Lara! Avere il mare a pochi metri da casa è una bella fortuna, anche se, dopo poco, stanca. Cambiare, qualche volta, è un bene ;)

      Elimina
    2. per questo io adoro la montagna!!!! più di tre ore non resisto in spiaggia, figurarsi tutta la giornata, raramente succede!!!

      Elimina
  7. Tanto è affascinante questo libro... tanto è affascinante la tua recensione! Complimenti :-)

    RispondiElimina
  8. Wow, bella recensione!!!
    Mi spaventano le 145 pagine perchè di solito non riesce a emozionarmi!!
    Però mi hai convinto!!Proverò a leggerlo, magari mi ricredo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà se ti piacerà, Mary. Sono curioso! Da che parte ti schiererai? :)

      Elimina
    2. Poi ti faccio sapere!! :)

      Elimina
  9. un libro che ho da parte da un po'...mi attira e mi frena...la tua recensione l'ha avvicinato un p' di più

    RispondiElimina
  10. Ciao Mik! Bellissima recensione, come sempre! :)
    Ho letto questo libro l'anno scorso ma non mi è piaciuto molto. Era partito bene ma verso la metà ho cominciato a perdere interesse, non è riuscito a conquistarmi anche se devo ammettere che l'idea di fondo è bella ed interessante. Forse non sono entrata in sintonia con lo stile dell'autore... Comunque hai ragione, la copertina è bellissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Frannie! E' bello leggere pareri così diversi su un unico romanzo, poi breve come questo ^^

      Elimina
  11. Che bello che sembra!! *__* A esseri sinceri, è un libro che non conoscevo... scommetto di sapere anche il perché: il titolo, "La meccanica del cuore", di sicuro mi avrà fatto alzare gli occhi al cielo in libreria almeno un milione di volte, senza nemmeno che mi prendessi la briga di leggerne la trama... la mia solita superficialità, sigh! XD (C'è da dire che come titolo è brutto proprio, meno male che la stupenda copertina lo ripaga ampiamente! :P) Mi ispira, comunque: una favola triste... perché no? Le fiabe più belle lo sono, almeno un po', di solito! ;D PS: ehi, Mik... non che c'entri qualcosa, ma... hai notato, in questi giorni, i primissimi teaser di "American Horror Story - The Coven"? *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Soph! Felice di averti fatto scoprire un nuovo titolo :)
      Sì, li ho vistiii *-* Non vedo l'ora che arrivi Ottobre!

      Elimina
  12. Ho comprato questo libro lo scorso luglio, mi ha attirato semisepolto da cataste di grandi nomi. E' stato amore a prima vista. Per ora ho solo scorso la tua recensione perché non ho ancora avuto modo di leggerlo, ma credo di averne colto il senso :) e sono contenta di aver comprato questo libro!

    RispondiElimina