mercoledì 28 agosto 2013

Mr Ciak #17: Come ti spaccio la famiglia, Una canzone per Marion, Rubinrot

E poi vedi questo film e hai la sensazione di piangere, soffocare, smettere di respirare del tutto. La causa, una sola: le troppe risate. Dai produttori del sopravvalutatissimo Come ammazzare il capo e vivere felici, arriva Come ti spaccio la famiglia, bruttissimo titolo italiano – ma come li scelgono? - dell'inglese We're The Millers. Una commedia scorrettissima, divertentissima, ganzissima, sballatissima... insomma, un sacco issima. Un film on the road su un'improbabile famiglia felice che, nel suo allegro e spazioso camper, trasporta l'equivalente di una dozzina di piantagioni di cannabis provenienti dall'afoso e pericoloso Messico. Sono certe gite fuori porto a rendere le famiglie più unite, giusto? E che famiglia è quella dei Millers: la mamma è una spogliarellista a tempo pieno, il padre è un piccolo pusher, il figlio è un verginello ingenuo ed innocente, la figlia è una mina vagante con la passione per i pearcing, i tatuaggi e i cattivi ragazzi. Sono una famiglia, ma solo per un giorno: per finta. Ma quando un poliziotto messicano “che ama la compagnia di altri uomini” ti chiede un po' di compagnia per lasciarti passare, quando una tarantola ti inietta il suo veleno nelle parti basse, quando due coniugi di mezza età ti propongono un pepato e promiscuo scambio di coppia, quando la ragazza dei tuoi sogni ti vede baciare per esperimento la tua finta madre e la tua finta sorella e quando ti inseguono un paio di energumeni armatissimi... be', allora è il delirio più totale. Un delirio all'ultimo attacco di risa. Come ti spaccio la famiglia è un intrattenimento assurdamente esilarante: una commedia ottima che, pur non proponendo nulla di originale, tra gag e volgarità sempre efficaci, rischia di far crollare un cinema scosso da risate di massa forti come onde sismiche. Non c'è un solo attimo di tregua tra una disavventura e l'altra, fatta eccezione per la brevissima parentesi romantica finale. La chiave sta nella brillante e semplice sceneggiatura e, soprattutto, nel cast. Teneri, simpatici, affiatati, grandi: idoli! Il Jason Sudeikis di Libera uscita e Candidato a sorpresa, quella sagoma di Will Poulter, la fresca e frizzante Emma Roberts e la regina della commedia americana, Jennifer Aniston. Quarant'anni e oltre e non sentirli: i suoi film appartengono un po' tutti allo stesso genere, vero, ma come fa ridere lei con la sua mimica e le sue movenze riescono in pochi. E' diverte, è sexy mentre si esibisce in uno spogliarello che farà incetta di visualizzazioni sul web ed è incredibilmente autoironica mentre – nelle scene tagliate – ridacchia ascoltando la sigla del suo Friends. Una commedia diversa, su una famiglia diversa. Ottima per una serata al cinema, in compagnia di amici scemi e grasse risate.

Colpevole. Una canzone per Marion è stato il secondo film dopo The Impossible, in questo 2013, ad avermi fatto piangere per davvero. Perciò, lo dichiaro colpevole. E' il genere di film con cui i critici non vanno troppo d'accordo, ma, dall'inizio alla fine, mi sono sciolto come un ghiacciolo alla fragola al sole. E no, non era la tristezza a farmi questo effetto, ma la tenerezza che i protagonisti del film diffondevano intorno a loro: ad ogni respiro, ad ogni bacio, ad ogni piccolissima nota. La commedia drammatica diretta da Paul Andrew Williams – regista del dissacrante horror The Cottage – spicca per una leggerezza e una delicatezza totalmente inaspettate, disarmanti nella loro autentica sincerità. E' adorabilmente e spiccatamente british in tutto, dalle meravigliose ambientazioni al cast, ma non sa trattenersi davanti all'amore straziante dei due protagonisti, Marion e Arthur. Non un amore proibito, non un amore lampo, ma un sentimento che – tra alti e bassi – è maturato in cinquant'anni e oltre di matrimonio. Un amore coniugale, pieno di rughe e acciacchi; un amore della terza età. Lei, Marion, vive per la musica; lui, Arthur, vive per Marion. E' un vecchietto brontolone e coriaceo, con le pareti del cuore spesse come rocce e un figlio con cui parla pochissimo, ma per Marion farebbe di tutto e di più. Sua moglie, ormai, è fragile e anziana, non le resta molto da vivere, e, ogni notte, la culla come se quella fosse l'ultima notte da condividere con la sua anima gemella. Alla luce del sole, però, davanti a tutti, è cinico e sarcastico e sembra divertirsi un mondo nel prendere in giro gli anziani come lui che, insieme alla sua Marion, si sono uniti per divertimento al coro diretto dalla giovane Elizabeth. Stonati, ma felici, cantano il sesso che non fanno ormai più, l'amore che continuano a sognare, il vigore del rock 'n roll, il loro saldo attaccamento alla vita. Uno strano spettacolo, questo, che emoziona come pochi. Li guardavo e pensavo a loro come a tanti bambini felici: ingenui, puri, candidi. Poi, una mattina, Marion non si sveglia più. E' spirata nel corso della notte. Con molta calma, Arthur chiama suo figlio e prepara il funerale, poi si chiude in una stanza e emette un urlo che mi ha gelato il sangue. Il grido di un animale morente e di un uomo che piange. I membri di questa adorabile coppia di ottantenni sono il rigido Terence Stamp e quell'angelo meraviglioso di Vanessa Redgrave, sempre bellissima e dolce. A dare scintille alle loro vite e a far sì che Arthur, ormai vedovo, esca fuori dall'abisso della depressione, è la direttrice di quel coro di anziani, una solare e simpatica Gemma Arterton, meno appariscente del solito, ma sempre in parte, anche se due giganti come Stamp e la Redgrave le rubano facilmente la scena. Tra le scene più commoventi, quella in cui Marion dedica a suo marito il suo ultimo assolo: canta True Colors (qui) con un'intensità e un'emotività da far venire letteralmente le lacrime agli occhi. Non è intonatissima, ma ha l'amore nella voce e, nemmeno per un attimo, stacca i suoi occhi da quelli del marito. Non mi commuovevo per una canzone dalla I dream a dream cantata da Anne Hathaway in quel capolavoro che è Les Miserables: tutto è stato possibile grazie a una Vanessa Redgrave dai capelli cortissimi e dagli occhi limpidi come il cielo. In quel momento, avrei oltrepassato lo schermo e l'avrei stretta in un abbraccio da orso. Come è commovente la risposta di suo marito, che arriva tardi, quando lei non c'è ormai più e lui ha preso il suo posto in quel coro che odiava tanto: Good night my angel. Per chi ha amato The Quartet, ecco un film semplice e straordinariamente ordinario. Non lascerà traccia di sé, è prevedibile come tante pellicole del genere, ma i produttori di Kleenex e i sentimentaloni amanti della bella musica apprezzeranno. Anche solo per le prove straordinarie di due attori che, quando andranno via, lasceranno un buco incolmabile nel cinema e nel mondo intero. Una canzone per Marion è una cura per il cancro della tristezza. Come l'amore, come la musica.

Bho. Avrò fatto male io. Tutti mi consigliavano la trilogia fantasy firmata da Kerstin Gier, tutti la elogiavano, tutti ne parlavano con grande passionalità e trasporto, quindi, quando ne ho avuto modo, subito mi sono fiondato su Rubinrot, la trasposizione cinematografica del primo romanzo, edito da noi con il titolo di Red. Credetemi, scegliere di vederlo è stato un tormento: io, come la maggior parte dei lettori “provetti”, sono uno di quelli che prima di vedere un film, deve leggere necessariamente e obbligatoriamente il libro. Ma ho tanto da leggere, i soldi scarseggiano e, quindi, ho colto l'occasione al balzo. L'ho visto e, come la maggior parte di quei tanti titoli che da noi non giungeranno mai e poi mai, nella versione coi sottotitoli. Il film, ambientato a Londra, è girato interamente in tedesco, con attori, sceneggiatori e regista – dunque – provenienti da uno Paese lontanissimo dagli sfarzi hollywoodiani o dalla savoir fare britannico. Io non ho alcun pregiudizio verso il cinema europeo – che, anzi, spesso mi ha regalato vere sorprese e piccole perle di film – ma, brutalmente, senza giri di parole, vi dirò che ho trovato questo Rubinrot alquanto bruttino. E, senza conoscere lo sviluppo del romanzo nei dettagli, non ho trovato in 120 minuti di pellicola ciò che mi sarei aspettato: il perché del successo contagioso e straordinario di questa serie. 120 minuti sono tanti per un film del genere, ma, anche se con un ritmo non sempre sostenuto, il tutto scorre piacevolmente, senza grossi intoppi. I giovani protagonisti scelti per interpretare gli amatissimi Gideon e Gwendolyn sono entrambi molto, molto belli e trasmettono freschezza ad ogni scena, con le loro facce nuove e i loro romantici battibecchi, ma il difetto peggiore del film è il suo essere sciatto, senza personalità, arrangiaticcio. Gli effetti speciali sono accettabili, discreti, e le prove di tutto il cast sono decisamente nella media, ma è proprio a livello registico che non c'è gusto, non c'è eleganza o stile. Il tipo alla macchina da presa riprende, ma esattamente come avrei fatto io - senza alcuna esperienza – e non riesce a valorizzare il poco che aveva. Nè la storia, che poteva essere originale (anche se non tanto originale da riempirci tre libri), né il tema dei viaggi nel tempo, non supportato da costumi o scenografie degne di nota. E l'ultima scena, tra l'altro, ricorda preoccupantemente la chiusa del primo Twilight. E' un film atipico, un po' rozzo, che più attirare fan nel mondo, casomai, li respinge. Opinabile la scelta di girarlo in tedesco: viva il patriottismo, ok, ma vedere i personaggi parlare non propriamente la più dolce e musicale delle lingue sullo sfondo del Big Ben, fa uno strano effetto (da vera tamarrata.... o da cortometraggio amatoriale!) e, probabilmente, anche a questo è imputabile la scarsa distribuzione della pellicola, che già di per sé non ha le carte in tavola per essere un successone al botteghino. Magari, con il supporto della bandiera a stelle e strisce, l'idea centrale avrebbe potuto rendere di più; o magari no. Rubinrot rimane un film guardabilissimo, con due bei protagonisti affiatati che saranno la gioia per gli occhi di tanti teenagers, ma del tutto privo di picchi interessanti. Poco incisivo e realizzato in maniera discutibile. Sembra uno di quei film che, nei pomeriggi di noia, del tutto inosservati, passano su Italia Uno o Rai 4. Che sia questo il suo destino? Per me, da noi, non lo vedremo molto presto. E, francamente, non se ne sente nemmeno il bisogno. Fortunatamente, lettori che hanno avuto modo di vedere il film mi rassicurano: la trilogia, a quanto pare, è un'altra cosa.

38 commenti:

  1. Allora per la trilogia delle gemme ti consiglio di leggere red blue e green lascia perdere il film non c'è nemmeno xemerius! (Eresia! come si fa a togliere un grandissimo personaggio come lui? inconcepile! appena mi hanno detto che non c'era il film ha perso ogni attrativa!) io spero che gli americani decidano di girare la trilogia allora forse avremo una trasposizione decente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di leggere presto i suoi romanzi, anche se il film ha fatto nascere in me la cosa opposta della curiosità, michts. Xemerius è tipo un draghetto, o una cosa simile, vero? Dio mio, immagino cosa ne sarebbe venuto fuori a realizzarlo con i pochi effetti speciali che questi tedeschi avevano a disposizione D':

      Elimina
    2. non proprio un draghetto e non compare in red ma negli altri due libri. Ecco perchè i fantsy devono farli gli americano qui in europa non abbiamo i mezzi per fare questi film... ma tutta la storia e bella facci un pensiero

      Elimina
    3. ma Xemerius non c'è nel primo libro... ufficialmente arriva in Blue, no?

      Elimina
  2. "Come ti spaccio la famiglia" voglio assolutamente vederlo... (davvero non ti è piaciuto "Come ammazzare il capo..."? Io l'ho trovato carino e l'ho anche recensito tempo fa sul mio blog: cinesofi.blogspot.com) ed è vero che i titoli italiani talvolta sono orribili!
    Anche "Una Canzone per Marion" mi ispira!
    Invece, Rubinrot non ti è piaciuto molto, ma la Trilogia delle Gemme merita davvero... ti consiglio di leggerla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sofi :D No, mi era piaciuto "Come ammazzare il capo...", ma avevo letto talmente tanti commenti positivi che mi aspettavo un filmone. Errore mio, trattandosi di una commedia! Una di queste sere, lo rivedo e ne riparliamo ;) "Una canzone per Marion" ti piacerà. Lo sto consigliando a tutti. E ho capito che devo leggere i romanzi della Gier, sì!

      Elimina
    2. e si michele devi leggerli! XD

      Elimina
    3. Come ammazzare il capo e vivere felici è il mio manuale di vita!

      Elimina
  3. Come ti spaccio la famiglia lo voglio vedere assolutamente anche io *__*
    Per quanto riguarda Rubinrot non sapevo neanche della sua esistenza O.O a parte che la trilogia la ho ma ancora non la apro e penso che aspetterò di vedere il film, non è che mi ispiri granchè il tedesco ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rubinrot puoi pure risparmiartelo! Ma una fan di Sparks come te assolutamente non si può perdere il secondo film, mi raccomando ;)

      Elimina
    2. Il secondo neanche lo avevo preso in considerazione.... oddio lo devo vedere assolutamente se mi dici così *___* speriamo che il cinema qui a me riapra presto!!! :S

      Elimina
  4. Interessante. Adoro le tue recensioni!
    www.lafenicebook.com

    RispondiElimina
  5. Neanche a me Rubinrot ha colpito più di tanto, è un film carino ma non ha niente a che vedere con i libri, hanno completamente stravolto la storia e non ho la minima idea di come faranno a girare anche il seguito!
    La trilogia però merita assolutamente di essere letta ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Juliette! Immagino che i seguiti non li gireranno mai, o almeno credo. Su Imdb, almeno, non risulta. E meno male!

      Elimina
  6. Devo vedere assolutamente "Come ti spaccio la famiglia" già dal trailer stavo morendo dalle risate!! Ho bisogno di vedere un film che mi faccia ridere, mi sa che questo fa al caso mio!!! Poi adoro Jennifer Aniston!!! :)
    Noooo che delusione per Rubinrot!

    RispondiElimina
  7. Il bello del libro non è nemmeno tanto la storia, ma com'è scritta, e quand'è così c'è poco da fare, lo stile della Gier non può trasferirsi sulla pellicola...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con molti autori, "purtroppo", è così :/

      Elimina
  8. Dopo aver letto le tue recensioni Mr Ink ho proprio voglia di guardare "Come ti spaccio la famiglia" :) per farmi sane e grosse risate, immagino la classica americanata divertente!!! Peccato per Rubinrot...premetto che avevo già dei pregiudizi sul film perchè tedesco, speravo però non fosse proprio banale! Red è stata una lettura piacevole e divertente, una trilogia che ho amato molto...peccato davvero :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Iris! Allora adorerai Come ti spaccio la famiglia ;)
      Buone risate :)

      Elimina
  9. Ho visto Rubinrot un po' di tempo fa e devo dire che mi aspettavo peggio! Forse perché avevo bassissime aspettative, ma la prima parte mi ha piacevolmente stupito. Non dico niente sulla seconda perché hanno inventato una storia tutta loro che non c'entra niente con i libri (che, tra l'altro, ti consiglio anche io di leggere!) e che lascia un po' a desiderare. Come te, comunque, ho la sensazione che in Italia questo film non ci arriverà proprio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Clary! Io non sapevo cosa aspettarmi: l'ho visto non avendo di meglio da fare. All'inizio pensavo di mollarlo, ma la seconda parte (che tutti mi dicono sia diversa dal libro) era piuttosto carina e non ho gettato la spugna :)

      Elimina
  10. una canzone per marion ha commosso anche me. ebbene sì.

    come ti spaccio la famiglia mi incuriosisce...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha, Marco, giuro che non l'avrei mai e poi mai detto. Già, questi vecchietti fanno un certo effetto e Stamp e la Redgrave sono sempre dei grandi.

      Elimina
  11. Come ti spaccio la famiglia è sulla mia lista di future visioni, amo i film che fanno ridere!^^Rubinrot lo devo vedere per il rispetto che porto alla trilogia delle gemme che ti consiglio di leggere, è davvero bella! Da quanto ho capito il film non è il massimo...Resto sempre male quando che l'ennesimo regista è riuscito a rovinare un bel libro!:(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passerò a leggere come ti sembreranno :)

      Elimina
  12. Anch'io come te devo ancora cominciare Red, nonostante ho l'intera trilogia delle gemme in economica già da mesi ormai, ma ho troppe letture e sempre troppo poco tempo...In ogni caso odio quando stravolgono i libri, come nella Sedicesima luna, quindi eviterò Rubinrot...Come ti spaccio la famiglia invece non posso perdermelo, ho adorato Come ammazzare il capo e vivere felici...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Sedicesima luna era tutto diverso alla fine, ma, sinceramente, mi era piaciuto. Sarà che adoro troppo i personaggi :)) Ora sto leggendo La diciassettesima luna (... ma che brutti questi titoli tutti uguali!)

      Elimina
    2. Effettivamente io mi confondo pure con questi cavoli di titoli tutti uguali...cmq a me il film non è piaciuto proprio per l'aver stravolto completamente il libro, che trasposizione è se poi cambi la storia? Per non parlare dei personaggi che si sono mangiati...mentre il libro, bè, dire che l'ho amato è un eufemismo...chissà quando riuscirò a leggere il secondo...

      Elimina
  13. Mi hai decisamente fatto passare la voglia di vedere Rubinrot ahah
    Gli altri due film invece voglio assolutamente vederli, specialmente Come ti spaccio la famiglia. Adoro la Aniston dai tempi di Friends e concordo pienamente con te quando dici che - nonostante i suoi film siano poi sempre quelli - è sempre spassosa!

    RispondiElimina
  14. Tutto quello che hai scritto sul film tratto da "Red" della Gier, o quasi, io l'ho pensato e lo penso a proposito del primo romanzo della trilogia delle gemme! XD Sono la solita pecora nera, che ci possiamo fare, hi hi hi! :P Io invece sono andata a vedere "Shadowhunters", senza prima leggere il romanzo: e forse ho fatto bene... ho sentito dire che le differenze con il libro della Clare sono abbastanza enormi e hanno indispettito parecchi fan! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono passato a leggere la tua recensione e ho lasciato un commento, su CoB. Se non ti è piaciuto il romanzo, non oso pensare cosa dirai del film :P

      Elimina
  15. Mik, non ho capito: hai letto o no red prima di vedere il libro?
    BTW il film è stato comprato dai distributori americani, quindi prima o poi lo potremo vedere in inglese, risolleverà sicuramente il film :)
    Io l'ho trovata una buona trasposizione, abbastanza fedele al libro, costumi carini, attori abbastanza bravi, e non vedo l'ora di vedere Blue :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, Susi, non l'ho letto :/ Mi fa piacere che gli americani abbiano preso la trilogia sotto la loro "protezione". A me il film ha un po' annoiato e ho trovato alcune cose un po' arrangiaticce, anche se, ripeto, i film europei di solito mi sorprendono :)

      Elimina
  16. Mi sono procurata "we're the millers": la tua recensione mi ha messo in testa ke lo DOVEVO guardare ;)

    uh allora non mi spreco neanche a cercarlo Rubinrot se dite ke non è bello... tra l'altro l'ho scaricato tempo fa ma l'audio era in russo (non l'ho guardato, ovviamente XD)

    RispondiElimina
  17. Su "Come ti spaccio la famiglia" concordo, spassoso.
    "Una canzone per Marion" lo vedrò di sicuro e già mi aspetto fiumi di lacrime (cercherò di essere sola).
    La trilogia delle gemme, ascolta me, non leggerla. E' uno spreco di tempo e sono sicura che troverai mooooolte letture migliori che non ti faranno rimpiangere quella trilogia. Ci metterei la mano sul fuoco ^^

    RispondiElimina