sabato 10 gennaio 2015

I ♥ Telefilm: Selfie, Remember me, The Fall II

Selfie
Stagione I
Regola numero uno dello spettatore compulsivo. Non affezionarsi mai alle novità del palinsesto. Potrebbero avere vita brevissima. Finora, non è mai stato un peso. Non è stato un peso, soprattutto, nell'autunno 2014 che, tra sit-com e supereroi fantomatici, non aveva occupato i miei pomeriggi con troppe robe non dico notevoli, ma almeno carine. Però Selfie era carinissimo, anche se per nulla originale. Nato all'apparenza sulla scia della moda più imitata e odiata minimo minimo dell'ultimo secolo, in realtà è una limpida, rilassata e divertente riscrittura di My Fair Lady, ma senza canzoni o questioni di etichetta. Il titolo Selfie indica la mania inguaribile della protagonista, Eliza, di aggiornare continuamente i Social con foto sue – ed è una bellezza, davvero: lasciamole fare questi scatti per la pace nel mondo! – e soprattutto la sua fortissima propensione all'egoismo. Eliza Dooley, avvenente ma con un passato da nerd, lavora nel patinato e competitivo mondo della pubblicità e, amanti saltuari a parte, non ha contatti con gli altri. Non ha neanche un amico che non sia puramente virtuale. Esiste una Eliza vera, e non quella oca e festaiola di Facebook e Instangram? Com'è quella senza i trucchi di Photoshop? C'è qualcuno che ha avuto il privilegio di conoscerla, senza inviarle prima la richiesta d'amicizia? Ci prova il suo capo, Henry: lienamenti orientali, papillon a non finire, l'avversione per la tecnologia e i modi da damerino. L'opposto. Sono diversissimi, ma c'è alchimia. Perché ci fanno sorridere sempre e perché, sotto sotto, sanno di amarsi. Possibile superare gli abissi della sbandierata friendzone, appianare le divergenze, dichiararsi prima dell'episodio tredici? Chissà. Tredici episodi, purtroppo, e ha avuto fine lo sfortunato Selfie. Che non mi pesava, che mi metteva puntualmente di buon umore, che era una delle novità meno nuove, ma più piacevoli. Perché anche qualcosa che non è niente di che, una volta a settimana, a vita, sa fare la differenza. Selfie è stato un po' così, per il sottoscritto. Situazioni riuscite, una popolosa e colorata galleria di comprimari, due protagonisti centratissimi. John Cho che, dopo American Pie, anche con un ruolo tanto igessato, sa come farci divertire a modo suo; e soprattutto la mia rivelazione: Karen Gillan. Non l'avevo mai vista l'attrice di Doctor Who, buona protagonista tra l'altro anche del recente Oculus e comparsa blu e calva nei Guardiani della galassia, ma l'ho vista adesso ed è stato amore. Dopo la Deschanel, ora c'è lei: un metro e ottanta, gambe chilometriche, vestitini mini e una voce squillante, che si presta a fresche gag e a una cosa bella come la cover “da brilla” della Chandelier di Sia (qui). Una novella Isla Fisher che, ogni weekend, ci dava, fissa, appuntamento. Imdb dice che ha un'agenda piena zeppa: vorrà dire che, se non qui, sigh!, la rivedrò altrove. (6,5)

Remember Me
miniserie tv (3 episodi)
In una mattina di nuvole nere, il misterioso Tom Parfitt – che forse ha ottant'anni, forse centodieci – simula un malore e si fa trovare accasciato ai piedi di una scalinata, nella sua casetta di mattoni, incastonata tra altre casette di mattoni. Decide, così, di abbandonare ogni cosa e, con una valigia vuota, di raggiungere l'incubo di ogni anziano: una casa di riposo. Vuole lasciarsi qualcosa alle spalle, qualcuno. Guai a portare con sé uno spillo, un oggetto, una fotografia. Gli oggetti appartenuti a lui, alla sua lontana gioventù, sono come maledetti. E perché? Inizia a domandarselo una giovane infermiera, che lavora con le persone anziane per pagarsi l'università e per stare lontano da casa – da una madre incostante, da un fratello minore che ha bisogno di attenzioni continue -, quando una sua collega vola inspiegabilmente giù da una finestra blindata e, impregnate d'acqua salmastra e circondate da conchiglie, vengono trovate nuove vittime legate, in un modo o nell'altro, a quel vecchio senza identità e al suo bruttissimo segreto. Remember me è il realizzarsi di una specie di mio sogno nel cassetto, scherzando scherzando. Lo sceneggiato tipo per chi non resiste alle ghosh story, ai vecchietti burberi, all'innata eleganza britannica. Composto da tre sole puntate, proposto dalla BBC con l'anno che finiva, è un prodotto curato ed estremamente interessante ma, penalizzato forse dai pochi episodi, non è esente da difetti più o meno perdonabili. Ci sono punti che rimangono nebulosi, passaggi frettolosi intervallati da passaggi lenti, personaggi un po' abbozzati che prendono subito a cuore i bisogni dell'altro, una storia di spettri e ossessione che uno Stephen King a caso avrà già raccontato meglio, prima, altrove. Il primo episodio è praticamente perfetto; il secondo ha un inizio lento e una chiusa che promette tanto; il terzo – destinato a uno di quegli epiloghi emozionanti che, da The Orphanage a La Madre, il mondo dell'horror non ci nega – dice e non dice. Ho trovato che al servizio di una storia non degna di nota, però, ci fossero cose fantastiche a dir poco. Dettagli che fanno la differenza in un intreccio non sempre all'altezza delle aspettative. Come la fotografia, sontuosa: scenari cupi, acque limpide, cieli pulsanti di corvi e venti. A brillare, insieme ad essa, l'ottima regia e lo straordinario protagonista: il Michael Palin dei Monty Phyton, che emoziona nel senso più ampio del termine, trasmettendo inquietudine, sofferenza, leggerezza. Arzillo e ancora affascinante, ruba ogni attenzione e si contende la scena con il detective interpretato dal simpatico e corpulento Mark Addy (Full Monty) e con la dolce infermiera Jodie Comer, che gli appassionati conosceranno per My Mad Fat Diary. Un mistery di grande atmosfera, non particolarmente brillante nella scrittura ma sublime nella resa, che qualche raro sussulto lo regala, insieme a un orrore che è in rima con incanto. (7)

The Fall - Caccia al serial killer 
Stagione II
Essere troppo fighi – e io lo so bene, certo – non è cosa facile. Essere un serial killer troppo figo – e questo, invece, no che non lo so – è proprio difficilissimo. Può dircelo Paul Spector, l'assassino di donne più corteggiato, minacciato e ricercato del piccolo schermo. Lo vogliono gli agenti della polizia, per metterlo dietro le sbarre; i mariti gelosi, per riempirlo di botte; le sexy baby sitter minorenni, per passare la prima notte d'amore con lui; la moglie, al contrario un po' cozza, che comincia a non credere più alle sue continue bugie. Cosa fa l'insospettabile Paul Spector, assistente sociale e psicologo, quanto è l'ora di dormire? Nella prima stagione di The Fall ci avevano mostrato il modus operandi e le reti di inganni del sociopatico irlandese. Alla fine, un intoppo e Stella Gibson che gli stava con il fiato sul collo. Dopo un anno, anche se io avevo già a disposizione tutte e due le serie, fortuntatamente, si ritorna nella tetra Belfast e nella testa di un'omicida che ha già mietuto tre vittime. Ambientata in tempo reale, la seconda serie conta sei episodi – con un season finale che, con uno strappo alla regola, dura un'ora e mezza – e si svolge in un paio di giorni. Non ci sono altri massacri e, a un certo punto, molto prima di giungere all'epilogo, la polizia riesce a dare un nome e un volto al male. Gli episodi, accantonando la noiosa indagine secondaria della serie precedente, hanno occhi solo per Stella e Paul. Testimoni della caduta. Ma chi è che cadrà? Il cattivo, messo al tappeto dalla giustizia; o colei che rappresenta il bene, tuffata a capofitto in un abisso passato di abusi, case famiglia e pedofilia? Partito del tutto in sordina, The Fall si è rivelato ancora una volta un ottimo intrattenimento: un poliziesco dei più classici, ma estraneo alle americante a cui siamo assuefatti. Il ritmo è lento, ma giusto, e i protagonisti non sono macchine perfette: sbagliano, si fanno prendere la mano. Piacciono per quello – per i passi falsi, le piste sbagliate, la pigrizia della burocrazia. Rispetto alla prima stagione, questa è più focalizzata sulla loro psiche e solo apparentemente è meno densa di fatti; scorre, in realtà, meglio. Lo spettatore ha capito come funziona il gioco e i creatori si sono fatti furbi. Si capisce da un dinamismo aggiuntivo e dal fatto che, con una certa concupiscenza, questa volta indugino un paio di volte in più sul fisico scolpito e il fascino innegabile di un Jamie Dornan sì post Cinquanta Sfumature, ma sempre ineccepibile. Più malizioso, fa della precoce e provocante tata Katie un personaggio chiave e lascia intuire, con un bacio saffico veloce, che scottano le lenzuola dell'algida Stella, una Gillian Anderson ufficialmente rinata. Si parla delle donne che occupano ruoli di potere, della violenza che il genere femminile ancora oggi subisce – a lavoro, a casa, in prigionie forzate – e si aggiunge al cast, in un ruolo da poco, Colin Morgan. Ma l'ex Merlin, se non fosse per le orecchie enormi, non spicca. L'ultimo episodio, serratissimo grazie al montaggio degno di nota, ci mostra un lungo e bellissimo interrogatorio – la macchina da presa che gira intorno a loro, i campi e i contro campi, le accuse e le manipolazioni – e ci saluta con un epilogo brusco, che non è né abbastanza aperto, né abbastanza chiuso. Sarebbe un peccato, comunque, chiuderla qui. Il rischio di un altro Hannibal e di un ennesimo The Following potrebbe esserci, ma The Fall è più realistico, diretto e pragmatico degli altri. Ho fiducia che, potendo, non commetterà questo errore. (7,5)

22 commenti:

  1. Per Selfie siamo d'accordo fin dal primo momento, sono ancora in lutto e un poco pure arrabbiata (che poi vedo serie del cavolo che continuano come se non ci fosse un domani e queste piccole chicche che vengono stroncate sul nascere. Grrr).
    Per Remember me devo sgridarti: non me ne hai mai parlato! però devo anche ammettere che anche se l'avessi fatto, forse non avrei accettato il consiglio :P Mi sa che proprio non mi attira, non l'ho notato prima di questo tuo post e magari continuerò a non farlo...
    Per The Fall già mi avevi convinta, anche se non l'ho ancora provato. Ma lo farò, per forza.
    Cià :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quant'è vero. E poi queste comedy vogliono farsi le originali e, anche davanti alla cancellazione, finiscono come teoricamente non ti aspetti. Mica vale, così!
      Stessa cosa succederà con Manhattan Love Story, che pure mi piace parecchio? Di A to Z non mi importa una ceppa, però nelle ultime puntate si sta riprendendo, quasi quasi.
      Ma non ti ho detto niente, ché sapevo Remember Me non era proprio il tuo genere. Mi sa che a Federica piacerebbe. :)

      Elimina
    2. Ecco, bravo, la tecnica di fare una cernita su quel che puoi o meno consigliarmi è perfetta. Potresti fare carriera come Personal Tv-series-adviser
      Sai che AtoZ l'ho abbandonato ai primissimi episodi? Non me li vorrai far recuperare dicendo che si sta riprendendo? Rimangiati le parole, su.

      Elimina
    3. Non si sta riprendendo così tanto da meritare di essere recuperato ;)

      Elimina
  2. hai ragione su Remember me : una storia che magari sarà stata raccontata altrove e meglio ma che qui è differente per via dei dettagli che la impreziosiscono e la fanno emergere dalla media...sulla seconda stagione di The Fall che ho già in rampa di lancio, mi hai fatto aumentare l'acquolina in bocca...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che The Fall, allora, ti convinca di nuovo.
      Io confermo il voto della prima stagione, anche se questa non ha quelle cosette che ricordo avevano annoiato anche te!

      Elimina
  3. Selfie e la sua protagonista sono davvero odiosi. Mi spiace per te, ma cancellazione giustissima! ;)

    La prima stagione di The Fall era valida, però non mi aveva conquistato del tutto. Sul finale l'avevano tirata troppo per le lunghe. Questa seconda non ho ancora avuto voglia di iniziarla, ma prima o poi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma zitto, che avrai visto a stento il pilot. E poi davvero parlo con uno che, sotto sotto, è un grande fan delle Pretty Little Liars? ahahha :)

      Elimina
  4. Nonostante il mio amore per Karen Gillen, nato e cresciuto in Doctor Who, Selfie non mi ha mai attirato. E vista la fine prematura della serie, non lo recupererò per evitare possibili sofferenze.
    Remeber Me mi era sfuggito, e quello invece credo proprio che lo andrò a cercare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per Karen, pure la sofferenza si sopporta :P

      Elimina
  5. The Fall.
    Prima stagione fantastica, la seconda devo vederla ma credo che non mi deluderà!

    RispondiElimina
  6. "Ma l'ex Merlin, se non fosse per le orecchie enormi, non spicca. " ahahahahha
    Comunque a me è piaciuta parecchio anche la seconda stagione. Remember Me la devo recuperare, Selfie passo! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio così, almeno la Gillan me la tengo tutta per me.
      Un buuuh a voi :P

      Elimina
  7. The fall lo recupererò in settimana proprio grazie a te, mentre vista la presenza della mia adorata companion (la preferita, tra l'altro, per me)potrei anche concedermi a Selfie, sperando di non soffrire troppo vista la sua cancellazione.

    Remember me, invece, mi convince poco, chissà, magari in futuro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, non si soffre troppo, però era molto carino, dai :)

      Elimina
  8. Non puoi pubblicare questi post mentre è in corso la sessione d'esami!!! ç_ç io muoioooo e il mio libretto piangerà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, il mio piange insieme al tuo, dai :')

      Elimina
  9. Ho amato Remember me!
    Davvero un peccato che siano solo tre puntate...mi sarebbe piaciuto un approfondimento maggiore della storia e dei personaggi...
    Comunque però ho apprezzato moltissimo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io, ma qualcosa non l'ho affettata....
      Sarà stata colpa mia ;)

      Elimina
  10. Anche a me è piaciuta tanto Selfie! Di certo non era un capolavoro di serie, ma era molto carina e poi Karen Gillan e John Cho li ho sempre adorati. Vederli insieme è stato il massimo u.u peccato per il pessimo finale che ci è toccato :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti sì! Ormai il lieto fine non va più di moda...
      Ma è una commedia romantica, inutile farsi gli originali a forza!

      Elimina