giovedì 29 gennaio 2015

I ♥ Telefilm: AHS. Freak Show, Galavant, A to Z, Manhattan Love Story

American Horror Story
Stagione IV
AHS è sì una serie antologica, ma anche una matassa inestricabile. Impossibile parlarne in generale, come si fa quando i finali di stagione ci lasciano con un serial in meno da seguire, in settimana, e un commento da mettere a punto. Perché è lungo, disordinatissimo, strabordante: o lo ami, o lo odi. Senza mezze misure. Lo conosci da quattro inverni, lo critichi e lo santifichi, lo insulti quando spesso ti delude e lo incensi quando ti ricorda la sua eccezionale presunzione. Quest'anno, non mi sono chiesto se mi stesse piacendo oppure no, fino all'episodio tredici. Quando il sipario si è calato e, con il pacchetto completo in mano, mi sono accorto che con Freak Show è tutto un prendere o un lasciare. Mai come quest'anno Murphy si sarà meritato fischi, con una trama ingarbugliata ed eccentrica; con un pagliaccio assassino che durava poco e non faceva mica paura come It; con la scelta di trattare a pesci in faccia un'attrice premio Oscar, Kathy Bates. Al solito, parte con vigore e maestria. Un pilot surreale, colorato, assurdo, in cui ci viene presentata una famiglia di mostri erranti, dove si organizzano prazi, orge e massacri. Lì, nella prima ora, la scena cult. La colonna sonora post-moderna permette alla regina del circo di cantare David Bowie, la volta successiva Lana Del Rey. Ma ci si fa il callo e la stranezza finisce per diventare normalità: quei mostri non sono poi così folli, né così rivoltani; anzi, ti appassioni – come fosse una soap – alla storia della stella tramontata che sogna il cinema, del ragazzo con le mani d'aragosta che non può toccare la sua sensitiva imbrogliona, delle gemelle siamesi che desiderano l'indipendenza, del perfetto damerino che ha una casa di bambole e la sete di sangue. Troppe trame, troppi personaggi, troppo. Molti restano estranei, perciò; liquidati solo come Murphy è tanto pessimo e brutale nel fare. La sceneggiatura ha un occhio di riguardo per il fedele Evan Peters, anche intonato alle prese con i Nirvana; per Sarah Paulson, sdoppiata ma non per questo doppiamente più brava; per la new entry Finn Wittrock, ragazzo belloccio e versatile, con mamma svampita e occhi blu da fotomodello assassino. Infine, c'è Jessica Lange. Impeccabile, magnetica, credibile, è la dea indiscussa di uno show che, senza di lei, il prossimo anno, non sarà lo stesso. Sarà meglio? Sarà peggio? Si mette in gioco con il canto e i primi piani. Non si arrende al tempo e, sessantacinquenne dal fascino d'acciaio, ricopre un ruolo pensato per una donna più giovane, e lo fa a testa alta. La sua Elsa Mars – madre dello show, senso del tutto – la si identifica con lei, nonostante il curatissimo accento tedesco, qualche parolina in italiano, un passato di sevizie. Il difetto di questo nuovo orrore è che, nonostante la violenza palesata, non impressiona. La cosa più agghiacciante rimane la sigla. Ci accontentiamo, se ci va, di qualche personaggio memorabile e di qualcuno piacevole ma che abbiamo già scordato; di una sfarzosa messa in scena; di una storyline ricchissima che poteva fare disastri e invece, grossomodo, no; di una regia incisiva ma lontana dai manierismi del passato. L'episodio più bello: il decimo. La fragile Pepper commuove e il richiamo ad Asylum esalta. Il cameo più brutto: Wes Bentley. Quello più significativo: Neil Patrick Harris, raramente così talentuoso e, dopo Gone Girl, mostrandosi in un'irripetibile scena di sesso a tre, fan ufficiale del “famolo strano”. E che vi devo dì? A me Freak Show, pur con tutte le sue sottotrame superflue, i grandi attori trattati malissimo, gli eccessi e il kitsch, le insensatezze da telenovela argentina, è piaciuto lo stesso abbastanza. Distante dal per me splendido Asylum, ma anche dal pessimo Coven: un'onesta via di mezzo. Con troppe sbavature, molto Bowie e tanta Jessica Lange. (7)

Galavant
Stagione I
Brillante. Aggettivo che calza a pennello. Non posso definire in altro modo una delle novità più gustose e divertenti che, per iniziare al meglio il nuovo anno, l'ingessata ABC ci ha proposto, apparentemente sulla riga di quell'Once Upon a Time che avrà sì tanto successo, ma che per me, dalla seconda stagione in poi, è cosa inguardabile. Insomma: coloro che me lo paragonavano a quel telefilm di inciuci e fiabe non attiravano propriamente la mia attenzione, anzi. Mi facevano paura. La storia, inoltre, un incrocio curioso tra Reign e Glee, mi sembrava troppo stupida per essere vera. Ma l'ho trovato sorprendentemente piacevole, sapete? Perciò dico che è brillante. Il mandare in onda due episodi per volta di venti minuti ciascuno, in modo da soddisfare più di una normale sit-com e di occupare meno spazio di una produzione lunga un'ora. Il sapersi fermare dopo otto episodi appena, il fare durare la serie meno di un mese, il capire dov'è il troppo – troppo cantato, troppo infantile, troppo assurdo – e fermarsi prima del limite. Forse voi non ve lo ricordate un film che si chiamava Ella Enchanted, con una giovanissima e sconosciuta Anne Hathaway che si muoveva in una fiaba piena di ironia, tra fate, giganti e canzoni dei Queen. Oppure Il destino di un cavaliere, più serio e sicuramente più degno di nota, che aveva un biondo Heath Ledger nel fiore degli anni e sempre i Queen, da cantare e suonare mentre i villici seduti sugli spalti, con applausi e pugni, seguivano duelli tra cavalieri e scandivano il ritmo irresistibile della We will rock you che ti fa sempre battere i piedi a tempo. Sicuramente vi ricordate Shrek, il romantico e sporco orco delle paludi. O Rapunzel, la fiaba in musica che, prima dell'avvento di Frozen, aveva divertito anche i nemici giurati del film d'animazione. Bene: prendete lì l'ironia, qui l'orecchiabilità, lì gli eroi improbabili e qui i regni da salvare, e otterrete un simpatico equilibrio che va sotto il nome di Galavant. Una serie musical di cappa e spada che, lampo di genio, penso piacerà un po' a tutti. A chi i siparietti musicali li adora, a chi i siparietti musicali li detesta. Si canta al posto di parlare, ogni tanto, e perfino le battute sono in rima: pronunciate in falsetto e con un'intonazione perfetta. L'umorismo è quello di un Mel Brooks, alla lontana; le vicende, con i servi svegli, le principesse traditrici, i re fanfaroni, sembrano puntare l'occhio verso l'antica tradizione della commedia latina che era un po' l'antecedente del musical moderno, no? O forse questa è una mia impressione, perché sto studiando troppo e ormai vedo Plauto e Terenzio anche in tivù. L'eroe eponimo è interpretato dal londinese doc Joshua Sasse: un "baldo giovine", carismatico e sicuro di piacere a tutte le dame che vorranno dargli un'occhiata o due, ma non troppo spavaldo da non riuscire a ridere sinceramente di se stesso. Lo accompagnano quell'arpia di Mallory Jansen, fanciulla un tempo casta e pura che ha voltato le spalle al nostro eroe per via del potere dei soldi; l'esotica Katen David, dalla bellezza tipicamente indiana e dai segreti sporchi; un mitico Timothy Omundson, nelle vesti di un villain frufrù, cattivo ma non troppo, che ha il cuore di burro e la lacrima facile; un imponente Vinnie Jones che, per la prima volta, presta i suoi muscoli e la sua stazza da sportivo al demenziale. Le coreografie sono semplici; le canzoni – con coretti di sottofondo – assicurano risate. Non dico che acquisterò un cd o qualcosa di simile, ma qualche esibizione potrei rivederla su Youtube. Ecco! Si ride con poco, come da bambini, parlando di flatulenze e gente che russa, di codardia e capitomboli, e non si vuole essere originali, ma neppure volgari. Galavant è un intrattenimento da bollino verde, che ha gli assi nella manica per rendere decisamente allegri anche i bimbi più cresciuti. Mio padre, cinquant'anni ad agosto, ma non ricordateglielo, è già un fan. (7)

A to Z
Stagione I 
Sembrava promettente. E non dico sulla carta, ma limitandoci giusto al pilot. Una voce narrante che mi aveva fatto venire in mente Pushing Daisies. Una coppia coi giorni contati, come in 500 giorni insieme, di cui la sigla già annunciava la rottura. Il rapporto tra Andrew e Zelda sarebbe stato spiegato nel dettaglio. Cosa sarebbe stato di loro alla fine dell'alfabeto? Si è arrivati alla lettera “m”, a tredici episodi e stop. Cancellato. Ma vi dirò, sembrava promettente giusto in principio. Nemmeno uno come me, che alle cose dopo poco si affeziona di già, piangerà la sua cancellazione. Tanto, tranquilli, finisce bene: non arriva dove pattutito, ma ha un epilogo che soddisferà coloro che l'hanno seguito. Tanto, era inutile. I protagonisti, amalgamati ma male assortiti, si innamorano senza che tu ti innamori di loro. Né a prima vista, né dopo episodi ed episodi. Cristin Milioti, vista in The Wolf of Wall Street e in Alla fine arriva mamma, ha un personaggio irritante e quel sorriso alquanto creepy che rovina lineamenti di un volto discreto; meglio Ben Feldman, che ha una lunga relazione aperta col piccolo schermo, da Drop Dead Diva a Mad Men, un non so che fa simpatia, ma un ruolo da mammoletta e non da romanticone. Il che è diverso! Come in ogni sit-com che si rispetti, anche gli amici di lui e gli amici di lei, gli ex e le ex, i parenti imbarazzanti: furbastro il tentativo di fare del cicciottello Henry Zebrowksi un nuovo Zach Galifianakis – anche se hanno in comune un cognome arduo da scrivere. Ogni tanto piacevole, ogni tanto noiosetto, ma sempre superfluo; sempre senza vita propria. L'ho seguito perché non mi rubava tempo e perché, dopo la pausa natalizia, una parziale ripresa c'è stata. Abbastanza da non farmi pentire di averlo salvato dal cestino del mio computer, ma non abbastanza da risultare così indispensabile da recuperarlo. Altra stupida commedia americana, con sorrisi rarissimi e un ritmo buono, divisa in scomode rate mensili. (5)

Manhattan Love Story
Stagione I 
Detto tra me e voi, pensavo di averci messo una croce sopra. Con il quarto episodio, annunciato come ultimo, pensavo di avere già detto addio a Manhattan Love Story e me ne ero fatto una ragione, nostante – per quel poco che avevo visto – era davvero uno spunto brillante per una rom com solita e insolita allo stesso tempo. Squilli di trombe, rullo di tamburi. Da un giorno all'altro, mi ritrovo davanti il quinto episodio, poi il sesto, poi il settimo... fino all'undicesimo. Rinnegato dalla ABC, era andato in onda online, in modo che avesse un finale tutto suo. E non come quel Selfie che mi divertiva, ma mi ha fatto pure incazzare, perché, su, quale commedia romantica non sai già come finisce?! Ecco, Selfie. Troncato bruscamente, finito in sospeso. Per chi lo segue o vorrà seguirlo, quindi, una rassicurazione: Manhattan Love Story dura poco, comunque meno del previsto, ma finisce nel migliore dei modi. Come mi diceva la mia amica Sonia in chat, c'è ancora qualche sceneggiatore televisivo che, messo alle strette, senza farsi troppo l'originale, mette a dovere un bel punto fermo alla fine di una bella storia. Vi dico che i protagonisti, belli e biondissimi come fossero la progenie segreta di Hitler, sono simpatici e in gamba. Lui, forse unica cosa degna accanto a un Cooper spento nell'ultimo film di Eastwood, è una sorpresa. Lei, piena di potenziale, non vedo l'ora di vederla accanto a Miles Teller in una commedia romantica che in America è giù uscita, ma che da noi beccheremo giusto coi sottotitoli. Per il resto? Mi copio-incollo. E dico quello che avevo detto, confermando una sufficienza piena: “ambientato nella città più bella del mondo, ha venti minuti che volano e le voci incensurate di due innamorati alle prese con le prime fasi del loro rapporto. Nella sua semplicità, funziona. La leggerezza concentrata in streaming”. (6,5)

39 commenti:

  1. Ho visto solo AHS e mai come quest'anno ho adorato tutto della serie, anche le (tante) imperfezioni. O si ama o si odia, dici bene, e io lo amo. E ti dirò che Bentley mi ha affascinata tantissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ho ben capito il personaggio di Bentley. Ti confido che ho la memoria cortissima e che è spuntato nei primi episodi, sì, ma non ricordo la sua storia. Poi l'ho visto nell'ultima puntata e ho detto: "Ma adesso 'sto tizio chi è?". :-D
      Comunque felice che tu sia d'accordo. Pensavo di essere il solo ad avere apprezzato.

      Elimina
    2. Beh lui era Edward Mordrake, nato con la faccia nascosta "malvagia", una seconda personalità demoniaca che lo ha spinto al suicidio. Da fantasma il suo compito era trovare un anima altrettanto oscura per sedare il demone...

      Elimina
    3. Sei preparatissima, oh ;)

      Elimina
    4. Se sapessi quanto ho riso, pianto e mi sono inca**ata in questa stagione capiresti la preparazione :P
      E' stato davvero un Freakshow!

      Elimina
    5. E' una bella cosa quando prendono così tanto. A me non capita da un po', ma almeno lo Show non mi ha annoiato. Non mi farei rimborsare il biglietto, ecco. :)

      Elimina
  2. galavant l'ho amato e lo davo già tristemente per spacciato perché in genere la gente quando sente la parola musical si strappa i capelli. Invece sono contenta di averne letto un sacco di recensioni positive. yeeeeeee

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da queste parti il musical è sempre il benvenuto (cioè, il musical tranne Into the woods), ma Galavant piacerà facile. Poi fanno sembrare tutto quello che fanno estremamente semplice e, tra talento e stupidità, contagiano!

      Elimina
  3. Sai che anch'io penso che, a partire dalla seconda stagione, "Once upon a time" sia diventato abbastanza bruttino? :(
    Adesso mi incuriosisce proprio, questo "Galavant"! *___*
    La Lange, dici che per davvero non ci sarà nella quinta di American Horror? Solo il ritorno della Rabe potrebbe (parzialmente) consolarmi! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Boh, ho il sospetto che possa essere anche una trovata di Murphy, ma sai cosa? Forse rinnovarsi un po', svecchiarsi, non farebbe male alla serie. Galavant è breve e divertentissimo, con poco. OUAT, purtroppo, non ce l'ho fatta più a guardarlo: una nooooia.

      Elimina
  4. Galavant è l'unico che ho seguito, e concordo: è adorabile, divertente e non è durato troppo. Però spero davvero che lo rinnovino e che ci siano altri otto, deliranti episodi ^-^

    RispondiElimina
  5. Galavant, devo assolutamente vederlo, appena finisco di recuperare Broadchurch (che ti consiglio!). Avevo iniziato a vedere Once upon a time ma mi sono fermata alla seconda stagione all'inizio per mancanza di tempo, poi non l'ho più ripreso...
    Manhattan Love Story... T_T Sono una masochista, ne è la prova il fatto che l'ho iniziato dopo aver saputo dello stop, ed io sono una che si affeziona facilmente!
    Di A to Z ho visto solo il pilot e mi è bastato: come hai detto tu, lei è un po' irritante.

    P.s.: seriamente, ti consiglio Broadchurch, se non l'hai ancora visto! In questi giorni, invece di finire di ripetere le Bucoliche, ho iniziato questa serie e l'ho subito adorata! E la sto consigliando ad ogni persona che incontro xD

    In bocca al lupo per gli esami!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mio padre sta seguendo la seconda serie di Broadchurch, quindi quegli episodi già ce li avrei, almeno. Guarderò, guarderò! Uh, Le Bucoliche. Una vecchia (e nuova) conoscenza. Ho fatto Virgilio in questi giorni, quindi qualcosina la devo sapere. In bocca al lupo anche a te!

      Elimina
  6. Poca roba, sono altre le serie che suscitano interesse. Forse questa stagione di AHS è l'unica che si salva tra queste serie, ma devo ancora guardarla. Speriamo bene. Altre serie appena uscite si stanno rivelando interessanti, una su tutte 12 Monkeys. Speriamo che si mantenga bene anche Helix (seconda stagione). Interessante anche la nuova The Man in the high castle, di cui per ora c'è solo il pilot.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelle che nomini tu, evidentemente, non avranno suscitato il mio, di interesse.
      Poi posso pure guardare quello che pare a me, no?
      ;)

      Elimina
  7. Ho visto solo Galavant e MLS. Devo dire che la prima mi ha deluso :( non so esattamente perchè xD le darei un 6 pieno, mentre la seconda l'ho davvero adorata. Sul serio. Credo si becchi un bel 10 con stelline! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, addirittura? Io dieci non l'ho dato neppure a True Detective. :P

      Elimina
  8. Come già sai io sono tra quelli che questo AHS non è proprio riuscito a promuoverlo, e non è odio, è profonda delusione per un'ambientazione e uno spunto così promettente.
    Le altre serie mi spaventano un po', sia per la variante musical ché per le troncature. Magari solo a Manhattan darò una chance quando avrò bisogno di un po' di zuccheri :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Galavant così, a tempo perso, è molto carino. Questi telefilm da vedere "slegati" ci vogliono sempre, come scorta, e questo ha quella particolarità solo sua che lo fa indubbiamente spiccare. Sì, so come la pensi per AHS. Io, dopo Coven, ero preparato al peggio, nonostante il tema suggestivo del circo, ma mi è andata bene. C'è sicuramente sempre di meglio :)

      Elimina
  9. Non ho amato questa stagione di AHS, anzi, a tratti l'ho persino detestata. Troppe inutili guest star che hanno rubato spazio ai veri protagonisti, certo Jessica è sempre eccelsa, ma i bravi attori non possono salvare una pessima sceneggiatura. Mentre dal punto di vista tecnico l'ho trovata ben fatta, come sempre. Galavant davvero simpatico, mi ha fatto parecchio sorridere e mi è piaciuta l'idea della ABC di ironizzare su se stessa e sui prodotti Disney in generale. Le altre due, avendone carpito in anticipo il triste destino, le ho accuratamente evitate. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei un profeta, hai fatto bene :)
      Io ci casco sempre, mi affeziono e mi fregano puntualmente!

      Elimina
  10. sai che di AHS non ho mai visto neanche una puntata di nessuna stagione? un po' come The Walking Dead..le altre non sembrano il mio genere anche se da come descrivi Galavant dovrebbe essere una cosa simpatica...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Galavant simpatico, in quanto alle altre non ti perdi niente!
      Da amante dell'horror, questa ti deluderebbe senz'altro, ma le prime due, per me, non puoi perdertele ;) The Walking Dead... Io, anni fa, ho visto il pilot - una sopiazzatura di film sul tema, da 28 Giorni dopo a L'alba dei morti viventi, che mi ha irritato, quindi gli ho detto velocemente addio!

      Elimina
  11. 7 al freak show?
    generosità allo stato puro! :)
    io non gli darei più di 4. persino ryan murphy a un certo punto credo abbia abbandonato il carrozzone preso dalla noia.
    una stagione confusa e organizzata proprio male. basta prendere le canzoni: si è partiti alla grandissima con david bowie e lana del rey e poi più in là sono sparite del tutto, insieme a personaggi comparsi e scomparsi senza alcun senso...
    sparita del tutto pure l'ironia che almeno in coven era presente.
    per me, un freak show davvero terrificante :)

    galavant invece è spettacolare! divertente e scoppiettante, tutto l'opposto di AHS.
    peccato che gli appena 8 episodi siano già finiti.
    le due romcom all'inizio non mi sembravano malaccio, però erano un po' anonime e le ho abbandonate quasi subito...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu avevi datto sette e qualcosa a quella schifezzuola di Coven, se ricordo bene! Meglio che non vado a controllare... :P

      Elimina
  12. Io ho ADORATO Freak Show! Mi sono piaciuti moltissimo i personaggi (eccezione per la Lange: ok, è bravissima, ma il suo personaggio è davvero sempre lo stesso e inizio ad esserne un po' stanca. Non mi incuriosisce più, non mi incanta come faceva all'inizio!) e le sottotrame le seguite tutte con molto interesse.
    Una nota negativa però per me sono stati gli ultimi due episodi, che ho trovato un po' sottotono rispetto agli altri.
    Ah, mi sono ufficialmente innamorata di Finn Wittrock! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, felice che ci sia un'altra fan ;)
      Qui tutti mi insultano, vedi?, perché mi è piaciuto!

      Elimina
  13. A me AHS è piaciuto nonostante i suoi difetti strutturali che sono poi quelli di tutte le stagioni della serie, in alcune meno evidente in altre più... di sicuro l'ho trovato molto più interessante del Coven dello scorso anno... e la Lange sempre suprema, farà sentire la sua mancanza il prossimo anno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, un'altra a cui è piaciuto!
      Dai, non siamo soli ed incompresi, meno male :-)
      Sì, ha sempre gli stessi difetti, quindi mi sembra inutile adirarsi con Murphy, quando fa pasticci.

      Elimina
  14. guarderò sicuramente la nuova season di "American Horror Story", ma me la sto già facendo sotto dalla paura, perché io sono ossessionata negativamente dai clown... e sebbene io voglia guardarla, ne avrò un folle intrinseco terrore disumano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, in effetti il trucco di questo pagliaccio qui è impressionante. Bellissimo, ma anche bruttissimo: a seconda di che fascino esercitino su di noi i clown, insomma!

      Elimina
  15. Io sono innamorata di "Galavant" e incrocio tutte le dita perché lo rinnovino per una seconda stagione :)
    "A to Z" l'ho apprezzato più di quanto non sia piaciuto a te, perché di romanticherie me ne concedo poche ma, quando capita, mi ci appassiono. E a me la Milioti e Feldman, insieme, sono piaciuti molto! De gustibus, come si suol dire :)

    P.S. io "Once upon a time" continuo a seguirlo, ma più per alcuni personaggi che per altro. Ha perso tantissimo dalla terza in poi, e quando dà segni di ripresa riesce a sprecare anche i nuovi spunti interessanti... Il che mi spiace, perché l'idea di base è fantastica, e mi chiedo come si faccia a buttare via un potenziale così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, speriamo lo rinnovino, dai :-)
      A me A to Z ha deluso continuamente, da un certo punto in poi, e lì ho iniziato ad odiare pure loro. Io adoravo OUAT, ma è stato più forte di me: dalla terza in poi, addio!

      Elimina
  16. Sn curiosa per AHS. Anch'io ho amato le prime 2 stagioni e sn rimasta delusa dalla terza. Coven è stato davvero raccapricciante, a 1 certo punto sembrava essersi trasformato in 1 mix tra beautiful e 1 brutta copia di TVD. Non credo qst stagione possa essere peggiore di quella. Certo la prox senza la nostra Jessica avrà un forte calo a mio parere. Lei è la regina dello show.

    RispondiElimina
  17. Ciao :)
    Bel post,vedo che anche tu,come me tendi a parlare di un po' tutte le tue passioni nel tuo blog!
    Sono una grandissima fan di AHS,ma devo dire che The Freak Show mi ha molto deluso,mancava totalmente delle sfumature horror caratteristiche della serie,personalmente non mi ha spaventato per niente,anzi a tratti mi ha fatto pure schifo,(troppo splatter).Che dire,spero che Murphy faccia meglio nella quinta stagione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo ha deluso in tanti, quindi speriamo faccia meglio, sì :)

      Elimina
  18. Io devo ancora finire di vedere AHS Coven :( ma nonostante questo dettaglio ho voluto iniziare Freakshow ed ora mi sono arenata. Non so, le prime due stagioni di AHS mi avevano letteralmente stregata mentre le altre (soprattutto Coven) non mi prendono allo stesso modo. Di tutte le stagioni ho però apprezzato tantissimo l'atmosfera di fondo :)

    RispondiElimina