venerdì 4 luglio 2014

Mr Ciak #38: 12 film random (di bel cinema nostrano, horrori, principesse col botox e oggetti non meglio identificati)

Ciao a tutti, amici! Come state? Io bene. Questa settimana, spinto dalla noia, mi sono dato ai cambiamenti. Un piccolo tatuaggio sul polso, di cui non mi pento; una rasata totale dei capelli, di cui invece mi pento. Il post di oggi, incasinatissimo, è di un incasinato ordine, non trovate? Mr Ciak si annoia e, con gli esami da preparare lentamente, vede tanti film. Alcuni brutti, altri belli. I belli arrivano dall'Italia – il fortunato Song 'e Napule, l'esordio di un regista giovanissimo con Smetto quando voglio, il ritono di un Ozpetek vecchio stile che, francamente, a me piace sempre. Se non sbaglio, sono reperibili tutti in dvd, in questi giorni. Affrettatevi, e senza pregiudizi. Gli altri... Un musical dinamico e divertente che arriva dalla bella Scozia, le immancabili commediole estive, l'immangabile horrorino estivo, un horrorino australiano - invece – poco “ino” e a dir poco notevole, i vulcani esplosivi dei francesi, bellissime adolescenti pazzoidi, principesse tristi non più bellissime, ma solo tristi. E' vero che questa carrellata non fa poi così pena? Mi autoconvinco, vi convinco. Penso che in questi mesi di caldo farò spesso così! Abbraccio. M.

Song 'e Napule: Fantastica sorpresa tutta italiana, che ha fatto timidamente capolino al botteghino, ma che continua a conquistare premi su premi. Non nascondo di amare i mitici registi, i Manetti Bros, dai tempi di Coliandro e qui sono al loro top. Sensibili, spontanei, svegli, ricchi di dignità, in una Napoli a mano armata e... armata di microfono. Tocchi di hard boiled, comicità da bollino verde, un Gomorra in versione neomelodica. Il ritmo è serratissimo, l'immagine che viene data della città più chiacchierata d'Italia è coerente e bella. I napoletani sono come la loro musica. Sguaiati, eccessivi: irresistibili. Di cuore. Istrionico Buccirosso, leggero Alessandro Roja, indimenticabile Giampaolo Morelli. Il suo Lollo Love, che chiama le sue fan “cuoricini”, ha la porta di casa sempre aperta, gli orecchini a entrambe le orecchie, chi se lo scorda. E Morelli, anche scrittore, canta pure molto bene. Sua la voce che intona la canzone del titolo. ★★★ ½

Smetto quando voglio: Noi italiani, questa volta, siamo i più bravi del giro. Chi l'avrebbe mai detto? Altra bella commedia dai giovani registi di casa nostra. L'esordio di Sydney Sibilla è di un'intelligenza rara. Si ride e si pensa in quantità uguali. Il suo Smetto quando voglio – pur con le solite facce dei soliti Edoardo Leo e Valeria Solarino, che ancora una volta sono in parte – è nuovo e vecchio. Il tema non passa mai di moda, purtroppo; l'idea di questi fuorilegge per caso è brillante e classica. Meglio ricercati che ricercatori. Meglio spacciatori che disoccupati? Forse, di simile, avevo preferito Generazione mille euro, ma questo è un altro piccolo prodotto di cui seriamente vantarsi. Ottimo il cast. Spietato il messaggio, ma dosato con tanto tanto brio. ★★★ 

Allacciate le cinture: Ozpetek è un regista che piace. A me da poco. E se fosse per questo che Allacciate le cinture mi è proprio piaciuto? Con i suoi fantasiosi salti indietro e in avanti. Con la sua colonna sonora eccedente, superflua, comunicativa. I suggestivi piani sequenza e gli intimi campi e controcampi negli intimi dialoghi tra protagonisti. I primi piani sulle loro espressioni. Il film è una breve saga familiare che balla al centro di un binomio classico: amore e morte. Lo fa con naturalezza e con toni mai patetici. Ai personaggi fissi della commedia italiana danno vita attori fissi della commedia italiana. La scommessa era Francesco Arca. E' stato lui a farmi capire che il regista sa dirigere i suoi attori come Dio comanda. Arca mi confonde. L'ho visto di sfuggita nel Commissario Rex e non avevo capito bene chi, tra lui e il pastore tedesco, fosse il cane della situazione. E invece qui convince: un personaggio ombroso, taciturno, con uno sguardo timido e i modi rozzi. Lui e una trattenuta Kasia Smutniak si spingono e si respingono: una dissolvenza incrociata inserita ad arte li dimostra a distanza di anni, più freddi e adulti. Passati da una spiaggia segreta in cui amarsi a una malattia che non avverte. Una malattia che colpisce la femminilità e che, grazie a un curioso sintagma parallelo, è svelata mentre Etta James canta At Last e una procace Luisa Ranieri scuote il generoso seno per strada. I corpi si fanno fragili, i capelli cadono, i cuori s'ammalano d'anemia pura. Il cancro è mostrato senza patetismo, con un filo d'umorismo nero che non guasta. Eppure, la scena d'amore consumata in un letto d'ospedale – mentre il corpo torno a sentirsi corpo e i seni a essere coperti di baci – è toccante, molto. Un melò semplice, scritto da una mano così lieve da sembrare femminile. ★★★ 

Grace di Monaco: Per una con il viso di cera, la Kidman - la stessa Kidman che in "The Others", "The Hours" e "Moulin Rouge" aveva regalato la perfezione - male non se la cava. Il botox non cancella la classe che c'è stata. Questo però è un film che non funziona. Perché all'autentica Grace non ci pensi neanche per un momento e la finzione stenta a reggersi. La macchina da presa ama la Kidman, ma sa valorizzarla soltanto nei rari momenti d'intimità presenti nel biopic. I primissimi piani illudono, ricreano una somiglianza che non c'è. Al centro di sale sfarzose, come indossatrice di abiti d'alta sartoria, l'attrice si mostra attrice. Con gli zigomi di granito, la fronte liscissima, il collo da cigno rugoso. Interpreta il ruolo con quindici anni di ritardo, e la chirurgia imbroglia ma male. Macchiette involontarie i comprimari e retorici i dialoghi, fino alla nausea: sembravano sottratti al genio delle Miss Italia. Il ritratto appare insincero, i toni da fiaba rosa incontrano con ridicoli effetti il giallo. Un My Fair Lady con lezioni di dizione e portamento e sottotrama spionistica. Una regia retrò che qualcosina di buono fa. ½ 

Sunshine on Leith: Questa sconosciuta commedia musicale arriva dalla Scozia e parla attraverso i brani di una band, almeno per me, sconosciuta: i The Proclaimers. Il film potrebbe arrivare anche a chi il genere non lo digerisce. I protagonisti si mettono, divertiti e ironici, al centro di graziosi siparietti musicali e, per qualche minuto, parlano attraverso una canzone: del fatto che sono felici, perché sono sopravvissuti a una guerra; del fatto che sono giovani e vogliono sposarsi; del fatto che, dopo venticinque anni di vita vissuta insieme, si amano ancora, o forse no. Una commedia corale con generazioni a confronto, in una magica Edimburgo ravvivata da cori, armonie, balli che diventano flash mob in piazze colme di turisti curiosi. Tanta bella musica, tanta bella gente, una Scozia ospitale e coloratissima. Recuperatelo. Tanto fa bene al cuore. Vi sembrerà giorno anche di sera. Vi sembrerà estate anche in pieno inverno. ★★★ 

Insieme per forza: Adam Sandler a me sta simpatico. Almeno, mi stava simpatico. Un tempo. Quando, da bambino, guardavo Big Daddy, Mr Deeds e ridevo, con la famiglia in completo, su un divano logoro che abbiamo cambiato lo scorso Natale. Dopo il volgare Indovina perché ti odio e le sue grassissime risate, e gli idioti Un weekend da bamboccioni 1 e 2, torna con una nuova commedia per famiglie. Ancora, accanto alla collega Drew Barrymore – già con lui in The Wedding Singer (bellino, con una colonna sonora pazzesca!) e in 50 volte il primo bacio (non lo ricordo granchè). Squadra vincente non si cambia. Questa volta, anche insieme, i due non vincono. Sandler si autoplagia! Il film è la versione aggiornata di Mia moglie per finta. Un remake non dichiarato della pellicola del 2011. Qui non siamo alle Hawaii, ma in Africa. Gli adulti della storia non si piacciono, hanno figli bizzarri e originali a carico e, guardate un po', tra scenari mozzafiato vari, scopriranno di amarsi. Mentre il film precedente offriva belle cosette – la colonna sonora pazzesca dei Police, cameo illustri, battute brillanti – questo è minestra riscaldata. Carina la Barrymore, stanco e annoiato Sandler. E ci credo: fa sempre le stesse cose. Magari, il film, con un protagonista diverso da lui, pur nella sua banalità, sarebbe risultato un pelino più interessante. Invece scorre veloce, propone i soliti capitomboli, si chiude col finale buonista che tutti noi immaginiamo. Preferivo il Sandler “scaricatore di porto”, a questo punto. Note positive: i vispi bimbi del cast e un mitologico Terry Crews. ★★
 
Tutte contro lui: Il mio ragazzo è un bastardo con la crisi di mezz'età. Scontato, superfluo, ovvio. Tre donne per un solo uomo. Tre donne tradite, prima nemiche e poi amiche. Divertente, ma solo in quelle poche occasioni in cui risulta anche volgare. Kate Upton è bella ma non balla. A me, tipo, non piace. Okay che le arrivo alle tette. Sarà sul metro e ottanta... Cameron Diaz dovrebbe denunciare chi le ha ritoccato gli zigomi, perché sembra uno di quei cricetti grassocci quando ingoiano il cotone. Leslie Mann, nonostante le crisi isteriche varie e i pianti da psicolabile, è adorabile. E pure bella. Una delle poche cose decenti di questo filmettino inutile e tipicamente estivo. Bruttino e imperfetto anche il doppiaggio italiano. Ma, con un film simile, ci credo che non si sono impegnati più di tanto. Dirige svogliatamente il buon Cassavetes di The Notebook. Ah, sì. Ci sono anche la Minaj e il suo gigantesco lato B. Paolo Limiti dice che gli americani hanno copiato un suo libro. Paolo Limiti scrive libri?! ½

Anna – Mindscape: Thriller psicologico con un cast internazionale, ma diretto da uno spagnolo. Una storia fascinosa e accattivante, con un'ottima partenza ma che, nella parte finale, si scopre meno spietata del previsto. Un giallo introspettivo e ben fatto, sui ricordi, i giochi della mente, il legame profondo tra medico e paziente. A volte, i ruoli si invertono. Regole del transfert, regole di una protagonista candida e seducente con torbidi segreti di sangue nel passato. Lei è la Taissa Farmiga di AHS, padrona del gioco, consapevole, bella. La accompagna Mark Strong, nel ruolo di un detective alle prese coi propri demoni. Piuttosto originale, veloce, divertente, razionale. Non imperdibile, ma piacevolissimo. Anche se Jaume Collet Serra, dopo il riuscito Orphan, mi aveva lasciato sperare in qualcosa di più. Il suo nome, sulla copertina e tra quello dei produttori esecutivi. ★★½ 

Wolf Creek 2: Gli horror belli - ben scritti, ben recitati – esistono. Sono pochi, ma esistono. Eccone un esempio, dalla lontana Australia. Indubbiamente, nel suo genere, è il film più degno di nota in questo fiacco 2014. Il primo non lo ricordavo affatto. Voi l'avete visto? In caso, non fa nulla. Partite da questo. Una trama semplicissima, on the road, su turisti stranieri che incontrano un... cattivo Cicerone. Il cappello da cowboy, il look alla Crocodile Dundee. Mick Taylor è un cattivo come pochi. Iconico, simpaticissimo, spietato, con i giochi e gli indovinelli di Saw e i sorrisi maligni di Krueger. E' sfida senza limiti quella tra il volpone John Jaratt e il giovane Ryan Corr: bravissimi, veramente. Gli scenari mozzano il fiato, le uccisioni sono barbare e originali, il finale ti fa desiderare che horror così siano prodotti più spesso. Consigliatissimo. E non metterò mai piede in Australia. ★★★ 

Le origini del male: Su Facebook, qualche settimana fa, scrivevo questo. “Se non mi addormento prima della fine, vi dico com'è. Per ora la parola chiave è questa: piattume. Piatta la trama, piatto l'encefalogramma dei personaggi. Il prof porcellone, la ragazza anni '70 che copia Brigitte Bardot, un Sam Claflin ottimo... sempre che il suo intento fosse quello di risultare antipatico, insulso, banale. Dite che non era quello? Tra Haunting e The Experiment, l'inutile fiera del già visto. Salvo solo la Cooke, che mi ricorda la Christina Ricci degli esordi.” Non mi sono addormentato, ma il film era brutto assai. Senza redenzione. Ovviamente i nostri distributori non se lo sono lasciati sfuggire. Furbacchioni! Lo trovate al cinema dal 2 Luglio. Ma anche no. Insensato il titolo nostrano, figa la copertina del dvd, che potete vedere sulla sinistra. Sono una persona materiale. (Se il film è tratto da una storia vera, io sono Gesù)  

Tutta colpa del vulcano: I francesi, per sentito dire, saranno pure persone irritanti, ma le loro commedie romantiche sono carinissime, sempre. Anche quando sono come "Tutta colpa del vulcano": semplici, già viste, ovvie. Questa paradossale versione on the road di La guerra dei Roses, con tocchi di Mamma mia! e di We're the Millers, mi ha fatto fare non poche risate. Forte e contagioso l'affiatamento tra i protagonisti. Un sorriso malizioso e cattivello quello di lei, buono e simpatico Boon. Con lui, di recente, ho visto anche Supercondriaco - Ridere fa bene alla salute. Da evitare: lungo, pesante, noioso.



C'era una volta a New York - The Immigrant: Un melò coi fiocchi. Davvero. Una storia d'altri tempi, un intreccio da romanzo. Una città color seppia, suggestiva, inospitale, ricca di spunti, in cui perdizione e speranza s'incontrano. Joaquin Phoenix, come sempre, è garanzia di bravura senza fine. Una candidatura, non dico una vittoria, sarebbe quantomeno doverosa. Dopo il malinconico protagonista di Her, qui è un uomo arcigno, opportunista, severo, ma che in uno struggente monologo finale svela la sua anima vorticosa allo spettatore e a lei, l'immigrata del titolo originale. Parla poco, la barriera linguistica è insuperabile. Il suo desiderio: essere felice. Glielo rubano, lo svendono, lo mettono all'asta. Marion Cotillard... Cos'è Marion Cotillard? Riempie un film. Anche dei suoi tanti silenzi. Sta lì, zitta, in un panorama da film di Giuseppe Tornatore, come la Fantine dei Miserabili. Ecco perché la adoro. Comunicativa, assolutamente, anche a bocca chiusa. 

39 commenti:

  1. Oddio non ne ho visto nemmeno uno D:
    Però i film italiani non mi piacciono molto a me .-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E invece sono i migliori del post ;)

      Elimina
  2. Che bella carrellata! :)
    Io solitamente tendo a snobbare i film made in Italy,ma credo proprio che darò un opportunità ad alcuni di quelli che hai menzionato...
    Non vedrò mai Wolf Creek perché voglio mettere piede in Australia prima o poi e magari rimanerci! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, recupera i film italiani. I primi due sono molto divertenti, mentre il terzo è un bel melò :) Ahahahha, allora tieni in mente "Australia" con Jackman e la Kidman, che è meglio!

      Elimina
  3. Nemmeno io ne ho visto nessuno,.. Come al solito ahahahahha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io sono uno spettatore bionico, si sa :P

      Elimina
  4. Non ne ho visto neanche uno :D, ultimamente tra mondiali, serie tv e libri sto dedicando poco spazio ai film, solo l'autunno può salvarmi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai tempo. Da quando l'Italia è fuori, i mondiali non so neanche cosa sono!
      Li seguivo solo per sentirmi... patriottico? :P

      Elimina
  5. "Grace di Monaco" è davvero così scadente? Avevo letto della contrarietà della Casa reale monegasca, ma consideravo la Kidman una garanzia. Lo guarderò ugualmente, le biografie dei reali, anche se a volte sono romanzate fino allo stucchevole come quella che raccontava di William e Kate, non mi pesano troppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, purtroppo è davvero brutto. Lo script fa ridere.

      Elimina
  6. mi scusi lei, ma come fa a guardare tutti questi film e prendere sempre 30 agli esami? ahaha
    Comunque, domanda per te: studi cinema? Dove ti sei fatto tutta questa cultura? :O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho fatto un solo esame di cinema :-D
      Ora devo preparare qualcosa di simile e mi sto dando ad Hitchcock. Ma questi film li ho visti in tanto tempo, eh: sono solo accumulati!

      Elimina
    2. Cavolo ne sai comunque a tronchi in generale :) anche io ne ho dato uno, storia del cinema, ma non sarei minimamente in grado di fare un analisi o dare un parere come i tuoi ahaha (y)

      Elimina
    3. Capirai, sono commentini :-D

      Elimina
  7. Oh, di tutta questa carrellata si salva poca roba vedo.
    Vedrò Ozpetek di sicuro, Grace per curiosità (ma che ci fa la Kidman nei panni di Grace Kelly? O_o), ed eviterò di sicuro Tutte Contro di Lui e Insieme per Forza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ozpetek a me piace da poco, ma piace parecchio. Non è ai livelli dei film più noti, ma lui è bravo. Se riesce a far recitare Arca...

      Elimina
  8. Caspiterina quanti begli spunti!!!! Sono sempre alla ricerca di nuovi film da gustare, grazie!
    Ciao Ely

    RispondiElimina
  9. Mi hai fatto ricordare del film della Kidman mi ero scordata di vederlo XD
    E non mancherò di vedere Song 'e Napule, viva NAPOLIIIIII XD non si nota che sono napoletana eh? :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noooo :D Sono napoletani anche i miei genitori, quindi non ho potuto non vederlo!

      Elimina
  10. Cavoli, che scorpacciata ti sei fatto!
    Dunque, Smetto quando voglio è stata davvero una sorpresa,divertente e intelligente e decisamente ben girato! Ozpetek mi puzza ancora, tra il cast e la storia la voglia di vederlo non c'è, mentre i Manetti e The Immigrant prima o poi arriveranno :)
    Segno anche Sunshine on Leith, che non conoscevo, il resto, salto senza sensi di colpa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salta, salta ;)
      Per Ozpetek: è il solito Ozpetek. Se non piace, di sicuro non convincerà con questo. Per chi, invece, lo apprezza, sicuramente "Allacciate le cinture" brutto non sembrerà. Si vede che è suo, indubbiamente. Ricorrono gli stessi nomi, le stesse facce. Sarebbe interessante domandargli il perché di certe cose. "Mine Vaganti" rimane il mio preferito. E il penultimo, con Germano, proprio non mi era piaciuto.

      Elimina
  11. Perchè quando vedo queste interminabili carrellate di film che non ho visto, mi viene il panico?:D Song e' Napule me lo guardo perchè i miei sono della Campania e adoro il genere. Grace lo salto perchè hai detto che è una fetecchia, peccato perchè la Kidman mi piace...:( Gli altri me li guardo a parte Le origini del male...sempre che non lo votino nel blog!@.@

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace. Secondo me, Le origini del male ti tocca T.T
      "Song e' Napule" è troppo carino, veramente.

      Elimina
  12. Tra questi che hai recensito credo che vedrò solo Wolf Creek 2 :3
    anch'io tendo a snobbare i film italiani! Non so..le trame mi sembrano sempre le stesse e soprattutto banali D: vedremo, forse darò una possibilità a Smetto quando voglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me, Giusy, banali non sono mai - ovviamente, dipende da film a film.
      La nostra situazione, purtroppo, banale non lo è nemmeno un po' e molti film sanno rispecchiarla in pieno. Non si può dire lo stesso degli Americani, che copiano-incollano i loro stessi film a tempi alterni.

      Elimina
  13. troppo basso il voto a smetto quando voglio, uno dei film italiani più esaltanti di sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me sono piaciuti più i Manetti. Riconosco che è un bel film, ma la trama già si sapeva. Di Sibilla, per me, sentiremo parlare!

      Elimina
  14. Ciao Mik, recensioni sempre fantastiche, non ho ancora visto nessuno di questi film ma quello che più mi ispira è: c'era una volta N.Y. Perdonami ma lo guarderei anche solo per Renner. Da quando l'ho visto in Hurt Locker e The town nn l'ho più lasciato. Cmq voglio vedere il tuo tatoo, io gli adoro e vorrei farmene uno dietro la nuca ma verrei cacciata di casa. Magari un giorno vincerò qst battaglia. Buona giornata e non studiare troppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Renner ha una particina, ma sì, se ben diretto, è un ottimo attore. :)
      Il tatuaggio vedi se puoi vederlo qui: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=745798145458911&set=a.356229477749115.80903.309325842439479&type=1
      Buona giornata :D

      Elimina
    2. Ho appena visto il tatoo. Direi che è azzeccatissimo.

      Elimina
  15. Dai primi due mi aspettavo molto di più (e non baso i miei giudizi sulla solita solfa del "meglio almeno degli altri film italiani") Song E'Napule mah sinceramente i registi mi avevano abituata a tutt'altro standard concedo che la trovata pubblicitaria del cantante neo-melodico LolloLove è divertente. Smetto quando voglio invece me l'avevano spammato dappertutto come grandissimo film che riflette sulla situazione dei giovani ma sinceramente è partito bene poi si è perso chissà dove. Un grandissimo mah sincero XD
    per quanto riguarda gli altri film molti titoli non sono interessata a vederli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me invece i Manetti sono sempre piaciuti in tv, poco al cinema. Hanno fatto delle belle cagate! Poi, da mezzo napoletano, ho apprezzato l'immagine della città: un film onesto, secondo me. Smetto quando voglio nemmeno io l'ho trovato tutta questa rivelazione. Fatto bene, ben recitato, ma tema solito: Paulette - una bella commedia francese, con lo stesso snodo, sono in versione anziana - era mille volte meglio.

      Elimina
    2. Facessero un altra serie del commissario Coliandro potrei anche perdonarli :P

      Elimina
  16. Segnati! Non rimarrò mai senza film da vedere grazie a te... :D

    RispondiElimina
  17. Ciao :) Ho visto Wolf Creek 2 dopo aver letto questa interessante rubrica. Sicuramente un horror "piacevole", con una buona dose di tensione. Purtroppo essendo patita del genere (o lo ero comunque un paio di anni fa) il film mi ha ricordato parecchi film, sopratutto due. Il meraviglioso Hitcher del 1986 con un favoloso e inquietante Rutger Hauer e Frontiers-ai confini dell'inferno. Questo secondo film sicuramente per il motivo dell'odio razziale, che di certo non alletta i non australiani a farsi una scampagnata in quel bellissimo paese. Hai visto i due film di cui parlo? Nel caso, ti consiglio di recuperarli. Terrò sotto controllo questo blog, queste rubriche cinematografiche sembrano molto interessanti.

    -AudreyVsEva

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Sì sì, visti entrambi. Piaciuti molto. Anch'io sono un patito del genere e secondo me, soprattutto The Hitcher, viene omaggiato apertamente in Wolf Creek 2. Io ho trovato geniale il fatto che si partisse con dei personaggi, convinti che fossero i protagonisti, per vederli morire nella prima mezz'ora. Inusuale la cosa.

      Elimina