mercoledì 29 gennaio 2014

Mr Ciak #27: Her, I segreti di Osage County


Lui scrive lettere per lavoro. E nessuno scrive più lettere.
Lui e lei parlano. E nessuna coppia sa parlare più.
Vivono di parole, loro, e attraverso le parole. Quelle la cui importanza è andata perduta, quelle che il vento ha portato via, quelle che il web ha tratto in salvo tra le maglie strette della sua rete. Theodore, il protagonista, passeggia all'ombra di uno skyline che non riconosciamo. Gioca con videogame che sono avanzatissimi e intelligenti ologrammi interattivi. S'innamora follemente del processore del suo portatile. Vive in un mondo di fantasia e quella di Jonze è una piccola cartolina dal futuro, arrivata con largo anticipo da poste, magari, in cui non sarà più necessario fare la fila. Eppure questa è una storia all'antica, costruita secondo un alfabeto che non passa mai di moda e attraverso l'elementare sintassi del cuore umano. Spike Jonze è bravo con le immagini, ma è ancora di più con le parole. Her è infatti un geniale, toccante e delicatissimo paradosso: in un futuro ipertecnologico, preferisce le lettere agli sms, alle email, ai tweet. Quelle romantiche, appassionate, autentiche, che nessuno è solito scrivere più. Her è una lunga lettera aperta, una dichiarazione d'amore a una donna mai nata e a una relazione mai esistita. Un duetto di grandi voci passate alla radio. Anche visivamente, questo, è un film che colpisce. Per quei realistici e sorprendenti effettivi visivi: così inusuali per una commedia malinconica su un malinconico individuo e una malinconica città. Ma avrebbe potuto essere anche un film... cieco. Proprio così, cieco: nuova etichetta, inventata dal sottoscritto tutta per Jonze. The Artist era il ritorno al muto: si parlava con i volti, con l'espressività del primo piano. Her, più che vederlo, lo senti. Perché il protagonista non può vedere la donna che ama, ma la sente, sì. L'ha cercata quando era solo e depresso. E lei l'ha fatto ridere, emozionare, sospirare; l'ha cullato e, con la stessa voce, gli ha offerto una strana notte d'amore. Theodore è circondato da donne, nella sua vita ci sono troppe “lei”. Ha un animo sensibile, da ragazza. Sarà per questo che non riesce a farsi amare con facilità? Una lei l'ha lasciato. Un'altra gli ha chiesto quello che non poteva darle. Un'altra gli ha fatto compagnia, ma solo come amica. Scarlett Johansson è l'ultima lei, quella del titolo. Una voce e basta. Sembra sempre che si sia appena svegliata da un lungo sonno, o che abbia pianto. Quando smette di parlare ti spezza il cuore. Ti senti solo come un cane. Più solo di prima. Grande protagonista, un Joaquin Phoenix spontaneo e convincente, con gli occhialetti da intellettuale, i capelli spettinati, la barbetta sfatta. Lo immaginavo come un impiegato insoddisfatto pieno di nevrosi, solo e disperato. Vagamente patetico. Invece va oltre. Fa del suo personaggio un Romeo a metà. Lui fa vedere il mondo a Samatha, lei insegna a vedere il mondo a lui. Tra loro, una storia d'amore bellissima come in fondo lo sono tutte le storie d'amore impossibili. Una barriera insormontabile a dividerli – la realtà stessa –, ma i momenti familiari di una coppia normale, che ha un suo inizio, un suo svolgimento e una sua fine, con tanto di sesso, gite, gelosie e amicizie in comune. Her , sapete, è un film che mi preoccupava un po'. Non ero sicuro che facesse al caso mio. Temevo qualcosa di sperimentale, cervellotico, intellettuale: una pellicola alla Gondry. Di Gondry, forse, ha i colori accesi, la fotografia impeccabile, ma non la leziosità. Jonze firma un piccolo capolavoro, pieno di saggezza e di grazia. Poetico e geniale, indipendente senza essere chiuso a riccio. Un film assoluto, da vivere in prima persona. Un film raro sul Red Carpet di questo 2014, dove tutti fanno troppo chiasso. DiCaprio e Scorsese urlano, la Blanchett e Allen piangono e ridono come pazzi, la Streep e Wells si danno a rumorosi virtuosismi. Poi arriva dal nulla una commedia che dice tutto, ma sottovoce, e tu piangi e dici wow.

La famiglia è un disastro che costruiamo con le nostre stesse mani. E' una sostanza chimica pronta a infrangere la sua ampolla di vetro e ad esploderci in faccia, se non leggiamo attentamente le istruzioni prima dell'uso. Chi non ha mai assistito a scenate isteriche, con tanto di  piatti in frantumi? La famiglia del Mulino Bianco è da lasciare alle pubblicità. La verità è brutta da guardare, vergognosa da ammettere, noiosa da mostrare. Per fortuna c'è chi ha fegato e, nel giorno più sacro e ipocrita dell'anno, non si accontenta di mostrare cartoline riciclate in cui tutti sorridono: a pochi giorni dal Natale, in America, è uscito I segreti di Osage County. Wells, sempre con un piede in una pozza di follia e l'altro in un mare di cinismo, porta sul grande schermo la pièce di Tracy Letts, e lo fa potendo contare su un cast stellare e su uno script ai limiti della perfezione: senza intoppi, senza pause, senza pudore. La sua, infatti, è una commedia familiare al vetriolo. Si ride, ci si dispera, si urla come pazzi, si piange per l'imprevedibile onda d'urto di brutte parole non misurate. Siamo in presenza di una commedia borghese, realizzata negli interni di una casa troppo grande e troppo vuota. La famiglia Weston si è riunita a forza, per il funerale di un patriarca che ha tirato la cuoia. A capotavola Violet, che ha il cancro alla bocca, fuma come un turco, spara proiettili di malignità e, come scusa, tira in ballo le pillole da cui dipende. Passa dalle lacrime alle risate, da un'isterica gioia alla disperazione più nera e lo fa con un'incredibile maestria ormai assodata: le dà il volto Meryl Streep e, ancora una volta, è da Oscar. Il set è un tavolo senza spigoli e i punti di vista si moltiplicano ogni volta. Non c'è una sola scena madre. Tutti sono protagonisti. Nello stesso film, la resurrezione del “mito” Julia Roberts: finalmente in un film degno d'attenzione, giustamente nominata agli Oscar. Potranno risultare antipatiche e troppo sicure, loro due, ma mostrano cosa sia recitare. Cosa significhi versare sangue, sudore e lacrime su un copione pieno di battute memorabili. Il grande cinema è per i migliori. Il soggiorno a Osage County è divertentissimo, struggente, emozionante. Tra il migliore (o il peggiore?) Polanski, il melò vecchio stile, il Tornatore di Stanno tutti bene. Imperdibile. Un incantevole calvario.


Il capitale umano (2/5): un film che ha fatto parlare tanto e bene di sé. Secondo me, troppo. L'ultimo film di Virzì – regista di cui ho adorato La prima cosa bella e Tutta la vita davanti – è strutturato meravigliosamente, ma il risultato finale è arrangiaticcio e scialbo. Lo stampo è televisivo, i personaggi sono semplici caricature. Si parla della nostra Italia, con finta ferocia e toni vaghissimi: è ambientato da noi, ma poteva svolgersi anche a Londra, per quel che valeva. Tanto, stiamo tutti sulla stessa barca che va alla deriva. Irritante Bentivoglio.
Last Vegas (2,5/5): dopo Il grande match, arriva questa versione di Una notte da leoni per pensionati. E che pensionati: quattro grandi attori che, anche se in un film semplice e divertente, si mostrano perfettamente all'altezza delle aspettative. Sono autoironici, si prendono in giro, prendono parte a un film che scorre piacevole, ma si dimentica. Tra anni e anni – spero per loro che siano secoli – quando queste quattro stelle non ci saranno più, magari, riguarderemo questo Last Vegas e ci emozioneremo un po'.
Bad Grandpa (3/5): in lizza agli Oscar per il miglior trucco, Bad Grandpa è una commedia originale e esilarante, in cui il limite tra genialità e idiozia non c'è. Il viaggio per l'America di un nipotino sveglio e di un nonno oscenamente brontolone, in realtà, è realizzato attraverso una serie di bizzarre candid camera legate tra loro, fino a formare un racconto, capace di far ridere tanto e riflettere sui lati di un'America che difficilmente viene mostrata. Il protagonista – il mitico Johnny Knoxville della squadra di Jackass – è irriconoscibile, ma idiota e simpatico come sempre. Ovvio!

26 commenti:

  1. Mi sono letteralmente innamorata di Her, visto per caso perché l'ho trovato in lingua originale. Invece aspettavo da un po' di vedere August: Osage County perché nel cast c'era Cumberbatch, ma come film non mi ha delusa per niente. Per quanto entrambi siano diversi, preferisco di gran lunga Her!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Tatihyana - difficile scrivere il tuo nick :) - sono felicissimo di leggere questo tuo commento. Allora, anch'io ho preferito Her, ma, a primo impatto, Osage County mi ha distrutto. Sembra una parodia, sembra grottesco, a tratti, ma, per esperienza personale, posso dire che, spessissimo, nelle famiglie, le cose vanno davvero così. Cumberbatch - altro cognome difficilissimo, oh! - ha una piccola parte, alla fine, ma, come gli altri del cast, riesce ad emergere. Bravi tutti :3

      Elimina
  2. Beh aspetto con ansia Her, anche se il doppiaggio italiano con la Ramazzotti nelle veci di Scarlett Johansson fa già discutere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Discuterò dopo aver visto/sentito: odio queste critiche a priori, francamente!

      Elimina
  3. I segreti di Osage County devo vederlo, avendo apprezzato tantissimo Carnage già la locandina mi manda in visibilio xD
    Aggiungo anche Her in lista... il cast è da paura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah, io la copertina la adoro: non a caso, ho messo quella della versione americana. Un branco di pazzi! Bellissimo Her :))

      Elimina
  4. Mi hai incuriosito x entrambi i film. Ma xkè Phoenix mi dà di Fraddy Mercury nella locandina? Bo, all'inizio non l'avevo proprio riconosciuto. Carnage mi è piacito tanto, sarà che c'era il mio amato Woltz, qndi potrebbe piacermi anche qsto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti piaceranno. Infatti è vero: una certa somiglianza con Mercury c'è!

      Elimina
  5. Her sembra così bello....e originale *.* Le lettere mantengono sempre il loro fascino....sarebbe interessante vedere i blog in formato cartaceo, come delle specie di diari :P a parte gli scherzi....la carta -sia nellle lettere sia nei libri- è sempre meglio *.*

    RispondiElimina
  6. Ovviamente in lista entrambi!
    Osage County ispira poco, ma visto che c'è Ewan e qualche nominations in gioco me lo vedo martedì!
    Her assolutamente in v.o. appena possibile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. McGregor è bravo come sempre, ma ha giusto una particina. Gran cosa Her *-*

      Elimina
  7. Non ho idea di chi sia la Ramazotti (quanto sono io ignorante io, in materia di cinema e attori e attrici italiani contemporanei, è veramente imbarazzante! XD) ma so che sarà dura per lei reggere il confronto con Scarlet, a prescindere. Se potrò, guarderò il film in lingua originale anche io, come è giusto che sia! ;) "Osage County" mi ispira tantissimo, fosse solo pure per la presenza della Streep, che, come giustamente osservavi anche tu, è semplicemente Dio XD, Oscar o non Oscar... anzi, io ormai al premio dell'Academy gli cambierei direttamente il nome: si potrebbe benissimo ri-battezzare "il Meryl", già che ci siamo hi hi hi! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un nuovo nome perfettamente calzante, direi! Meryl è un'istituzione e qui è del tutto fuori controllo: in senso buono! La Ramazzotti la conosco principalmente per la sua partecipazione a due film di Virzì, che credo sia anche il marito/compagno. La prima cosa bella - che è notevolissimo davvero: una commedia all'italiana toccante e realistica - e Tutta la vita davanti - anche bello. :)

      Elimina
  8. Ehm...di questi ho visto solo I segreti di Osage County e l'ho trovato grandioso come grandiosa è e sarà sempre la Streep!^^ Mi incuriosisce Bad Grandpa, penso lo vedrò nel week - end, quando cerco disperatamente di recuperare, fallendo miseramente...:D Ottime recensioni come sempre!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio anche Her. Non puoi perdertelo! Ieri ho provato a vedere il rebook su Frankenstein, ma niente D:

      Elimina
    2. Io l'ho visto, lo recensisco domani per il blog...@.@ Guarda non ti perdi niente, a me non è piaciuto: l'ho trovato confusionario, la trama non è ben definita, con molte cose lasciate in sospeso. Poteva essere fatto meglio, l'idea in fondo non era male. Comunque non si è mai visto un mostro così palestrato e affascinante!:D

      Elimina
    3. Faceva più paura Pettyfer in Beastly, infatti. Proverò a finirlo, ma non so se ci riuscirò: in caso, lo farò solo per la coprotagonista, che adoro per via di Chuck :D Mi sembrava il brutto pilot di una brutta serie TV.

      Elimina
  9. Io voglio assolutamente vedere August: Osage County, non mi perdo mai un film della Streep e non mi lascio sfuggire questo. Tra l'altro, proprio oggi, ho visto in tv il trailer e mi ha intrigato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti piacerà, Mary. La Streep è al top.

      Elimina
  10. I segreti di osage county lo vedo questo fine settimana, mi aspetto una gara di bravura. Mi hai definitivamente intrigato riguardo a Her. Secondo me Joaquin Phoenix è una attore di sensibilità non comune. l'ho adorato in Walk the Line e in The village. Qui è magnetico già dalla locandina. E poi se questo è 'il tuo oscar ' devo proprio vederlo ;)

    RispondiElimina
  11. Stavo aspettando a leggere il post perché I segreti di Osage County l'ho visto ieri e proprio quando è finito mi sono girata verso mia mamma e le ho detto che questo film è il Carnage di quest'anno. Quando ho visto che l'avevi scritto anche tu mi è venuto da ridere, boh. Mi è piaciuto molto, Meryl è sempre fantastica ma non scherza nemmeno il resto del cast questa volta. La brutalità della famiglia in certi punti mi ha sconvolta e un po' mi spiace per il finale anche se me lo aspettavo proprio così. Mi spiace per la sorella più piccola, Ivy, poverina, non mi aspettavo quella svolta ma dimostra soltanto quanto le famiglie siano brave a buttare lo sporco sotto al tappeto.
    Ho visto anche The Consuelor ma proprio no, non è film che fa per me. Con questo genere mi annoio da morire e già sapevo non mi sarebbe piaciuto ancora prima di vederlo, possono buttarci dentro tutti gli attori da oscar che vogliono e non cambia nulla. Volevo spegnere dopo dieci minuti, Penelope Cruz e marito non aiutano di certo ad annoiarmi di meno :P
    Ieri la mia migliore amica voleva portarmi a vedere The Wolf of Wall Street ma DiCaprio non mi piace per niente, in pratica lo odio, quindi ho rifiutato senza pensarci. Tu l'hai visto? Se ne vale la pena magari passo sopra a DiCaprio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dio, Osage County mi ha lasciato coi brividi. L'ultima scena della Streep è di una crudeltà atroce. Un gran film. sì. The Wolf of Wall Street ho provato a vederlo, mi manca la seconda parte: guarda, è un film che si regge solo per Di Caprio. Se non ti piace lui, non ti piacerà il film. Il film con la Cruz e la Diaz lo vedrei solo per loro, ma mi farebbe troppo schifo, lo so :P

      Elimina
  12. Ho visto Her e mi ha lasciato un magone enorme T.T Meravigliosa Scarlett, davvero davvero superba!

    RispondiElimina
  13. Il capitale umano è carino, godibile, non gridi al capolavoro ma insomma, quando lo vidi,lo apprezzai, per quanto alcuni personaggi mi urtassero il sistema nervoso :-D
    HER... bello davvero, poi io amo Joaquin, che qui mi è piaciuto tantissimo!!

    RispondiElimina