giovedì 13 settembre 2018

Recensione: Bad Man, di Dathan Auerbach

| Bad Man, di Dathan Auerbach. Sperling & Kupfer, € 18,90, pp. 394|

Un'immagine come tante se ne vedono, in fila alle casse del supermercato. Un bambino che fa i capricci perché deve usare il bagno d'urgenza, un fratello maggiore che lo asseconda pur perdendo le staffe, gli altri acquirenti che di sottecchi guardano e giudicano gli schiamazzi del primo e la mancata pazienza del secondo. Eppure, quando il piccolo Eric scompare come in un gioco di prestigio, mai uscito dalla toilette, tutti sembrano guardare altrove. La norma, nei paesi di provincia che hanno tutto da nascondere. La norma nei romanzi di genere, soprattutto se prendono in prestito da Stephen King – metro di paragone per antonomasia – le comunità omertose, i luoghi quotidiani trasformati in scenari da incubo, gli adolescenti insicuri e solitari chiamati a scoprire strada facendo verità, amicizia, coscienza di sé. Come in It, perciò, ci sono facce di bambini scomparsi che tappezzano i pali della luce e sopravvissuti che cercano affannosamente, senza darsi pace. Se lì una tragedia indicibile colpiva tra capo e collo Bill, il più popolare e integrato tra quegli indimenticabili Perdenti, qui il protagonista è invece Ben: quasi omonimo, eppure agli antipodi per via dei chili di troppo – centodieci – e di una gamba che lo sorregge a fatica. Ha abbandonato la scuola quando costretto a ripetere nuovamente l'anno, rappresenta una spina nel fianco per le forze dell'ordine a causa di un desiderio di giustizia a confine con l'ossessione, divide una casa che non possono più permettersi con un padre e una matrigna che lo accusano tacitamente dell'accaduto. Gli ci vorrebbe una via di fuga, gli ci vorrebbe un lavoro – con lo stipendio, i colleghi ciarlieri, l'indipendenza che comporta. L'amaro paradosso? Trovarlo, dopo tanto cercare, proprio nel supermercato in cui la fine della sua famiglia ha avuto inizio. Come magazziniere, di notte. Tra le nebbie della cella frigorifera, i sospiri profondi del condizionatore guasto e una pressa mortale già protagonista di diversi incidenti sul lavoro, le corsie desolate ospitano un direttore che spia tutto; rinoceronti di peluche e simboli enigmatici scorti d'un tratto ovunque; scatole impilate con attenzione certosina lì dove avevamo lasciato invece il nostro disordine. Eric, o quel che ne resta, ha mai varcato le porte automatiche? Sempre dubbioso e in allerta, Ben e i suoi nuovi amici – Marty e Frank, spalle comiche a cui subito si vuol bene – si improvvisano investigatori e collezionano sospetti. Qualcuno, tuttavia, vorrebbe sabotarli: forze paranormali, o un'ombra senza volto che magari di giorno è un insospettabile cliente del supermercato?

Ed è questo che è la speranza in realtà. Un anestetico […] Non risolve nulla: si limita ad anestetizzare e rassicurare, finché non riesce a sacrificare i disperati sull'altare della sua fiamma brillante. E, mentre la speranza ci conforta, diventa sempre più facile dimenticare che anch'essa era contenuta nel vaso di Pandora. È l'unico orrore che non sia stato liberato nel mondo quando il vaso è stato scoperchiamo. E l'unico orrore che vive dentro di noi.

Dici creepypasta – quello il background di un esordiente tutt'altro che alle prime armi, ma nato e cresciuto in rete –, dici omaggio a Stephen King – quello l'imprinting letterario –, e questo Bad Man rischieresti purtroppo di sottovalutarlo, subodorando un'amatorialità che non c'è. Bastano infatti poche pagine per dirsi conquistati dal dramma di un personaggio ai margini, da un'ambientazione anni Ottanta accennata appena col buon gusto di chi non ha intenzione di cavalcare l'onda di una retromania venuta presto a nausea, da una vividezza espressiva che durante la lettura restituisce lo spasso del cameratismo e il disgusto delle macabre scoperte. I difetti arrivano soltanto poi, e non si può dire che nella seconda metà non rovinino un romanzo partito sotto i migliori auspici. Quattrocento pagine sono troppe per un esordio ai confini della realtà. La suspance e la curiosità scemano per forza di cose e, accumulando indizi e colpi di scena alla rinfusa, sembra inevitabile un finale non all'altezza del mistero di partenza. Il cadavere rinvenuto nel prologo, perfino l'uomo cattivo del titolo: chi sono, alla fine dei conti? Perché abbandonare il supermercato, scenario originalissimo, per dedicarsi a boschi alla luce della luna, scuole in stato di abbandono e altri luoghi comuni? Alcuni, allora, sembrano buchi narrativi veri e propri, altri spunti su cui arrovellarsi il cervello sfogliando Bad Man all'incontrario, altre porte da lasciare socchiuse per il seguito che qualcuno ipotizza. Dathan Auerbach ha preso lezioni dal migliore, e dal Re ha tratto brividi grandi e piccoli, tutto il calore della solidarietà maschile, il male in incognito. A malincuore, però, anche la verbosità di cui sono vittima le ultime cento pagine; ne risentono i ritmi sempre più dilatati, così, e la curiosità di lettori sempre più disattenti, se guidati da un esordiente tanto capace di dipingere scene orrorifiche quanto impacciato a gestire meccanismi male oleati. Gioco bello ma che dura troppo, e che forse da qualche parte è ancora in corso. Partita a nascondino con sorpresa – forse ancora aperta –, in cui chi conta si confonde con chi cerca, o viceversa.
Il mio voto: ★★★
Il mio consiglio musicale: The Clash – Lost in the Supermarket 

16 commenti:

  1. Ciao :-) Grazie per essere passata a trovarmi, è bello tornare nel mondo dei bookblogger!
    Ahimè non ho mai letto niente del maestro dell'horror, ho solo sempre visto le trasposizioni cinematografiche, ma prima o poi mi cimenterò, anzi, da quale mi consigli di partire, da "It"?
    In questo caso invece anche la Sperling forse avrebbe potuto lavorare un po' di più sul romanzo dell'esordiente. 400 pagine non sono poche, ma da quello che racconti forse bisognerebbe dargli un'altra possibilità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Chiaretta! Ti consiglierei di partire da qualcosa per abituarti, ad esempio Misery, un classicone. 😊

      Elimina
  2. Ciao Mik! grazie e ben ritrovato! una storia interessante quella che racconti qui, me lo segno mi hai incuriosito un po'..;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fa decisamente per te, anzi, per noi!

      Elimina
  3. Bellissima recensione, e il libro finisce subito tra quello di cui aspettare l’edizione economica :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Kate! La Pickwick, di solito, non si fa attendere molto. 😉

      Elimina
  4. L'ambientazione al supermercato è di certo interessantissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non compreremo mai più tonno in scatola e pasta allo stesso modo. 😅

      Elimina
  5. La morte non risparmia niente e nessuno! L'orrore al supermercato mi attira. Nessun luogo è un rifugio sicuro. Prendo nota :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esorcismi contro le cassiere scortesi, presto, presto!

      Elimina
  6. Ni. Tre stelline sono poche per rischiare, anche se fino a metà recensione ero tentata. Potrei leggere mezzo libro!
    Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe perfetto, e allora sì che non avrebbe macchie!

      Elimina
  7. Considerando che in genere preferisco gli imitatori di Stephen King al vero King, mi sa tanto che potrei apprezzarlo più di te...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (Sei blasfemo ma) lo penso anch'io!

      Elimina
  8. Anch’io, come la mia socia, fino a metà recensione ero convinta di volerlo leggere, ma l’ultima metà mi perplime. Che faccio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Onestamente? Aspettate notizie, anche dall'America, se di ritrovare Dathan in libreria prestissimo magari non se ne parla. Voglio capire cos'altro ha in cantiere, se riprenderà in mano questo Uomo nero. Così, nonostante i pro, mi è mancato il disegno complessivo, e ne sono uscito frustrato.

      Elimina