mercoledì 16 settembre 2015

Blogtour - Recensione: Amedeo je t'aime, di Francesca Diotallevi

Terza tappa del blogtour dedicato al nuovo romanzo di Francesca Diotallevi – da ieri in libreria – con la risposta alla domanda più frequente. Com'è? Scopriamolo insieme, ringraziando ancora una volta Francesca, per la sempre ottima compagnia e la disponibilità, e i responsabili di questa nuova collana Mondadori. In fondo al post trovate un riassunto con le tappe precedenti e future – pronti per l'ultima, dopodomani, in cui potrete provare a vincere una copia del libro? - e per qualsiasi cosa, ad esempio quelle che per la fretta di stamattina magari mancano, controllate sui blog in cui Amedeo, je t'aime è già approdato nei giorni scorsi.
Non sono così coraggiosa. Non lo sono mai stata, nemmeno quando danzavo sull'abisso tentando di sfiorare le stelle.

Titolo: Amedeo, je t'aime
Autrice: Francesca Diotallevi
Editore: Mondadori “ElectaStorie”
Numero di pagine: 247
Prezzo: € 18,90
Sinossi: Parigi, 1917. Jeanne Hébuterne ha solo diciannove anni quando, a una festa di Carnevale, incontra il pittore Amedeo Modigliani. SoprannominatoMaudit, maledetto, Modigliani è conosciuto nel quartiere di Montparnasse per lo stile di vita dissoluto e il carattere impetuoso, oltre che per i malinconici ritratti dagli occhi privi di pupille che nessuno vuole comprare. Lei, timida aspirante pittrice con le ali tarpate da una rigida famiglia cattolica, non può fare a meno di sentirsi finalmente attratta da quest'uomo bello e povero, che sembra vivere di sogni apparentemente irrealizzabili e affoga dolori e frustrazioni nell'alcol e nella droga. Per lui lascia ogni cosa, mettendo da parte le proprie aspirazioni, e si trasforma in una compagna fedele e devota, pronta a seguirlo ovunque, come un'ombra, anche oltre la soglia del nulla. Struggente e tormentata, la loro storia scardinerà ogni convenzione, indifferente a regole e tabù, lasciandosi guidare dall'unica legge a cui non ci si può sottrarre: quella del cuore. Amore e morte si mescolano, in questo romanzo, alla passione che anima il cuore di un artista, al desiderio di riuscire ad afferrare una scintilla di infinito.
                                                     La recensione
Sai, non è per forza un male. C'era un artista che non li disegnava affatto, pensa te. Nel momento di dipingerli, con i colori ad olio tratteggiava due mandorle vagamente oblique, così, e le riempiva con un solo tocco del pennello. Sono lo specchio dell'anima, qualcosa di troppo privato, di troppo nascosto, per essere catturata su una tela sessanta per novanta. Ci starebbere stretta, no?, l'anima in un foglio”, e così dicendo mi faceva un occhiolino, come se quella storia la conoscessimo solo noi, e se ne tornava al suo giornale spiegazzato, al di là della cattedra. Le parole che un professore di Arte delle scuole medie rivolgeva a un ragazzino bravo e insicuro che – quando si spiegava, a lezione, come realizzare un ritratto – disegnava volti di donna, soprattutto, e li strappava in due, in cento parti. Avevano sempre un frangia lunga, una ciocca strategica per mascherare lo strabismo di venere, un'ombra per nascondere parte di uno sguardo fuori dall'asse. Occhi disuguali che mi tormentavano: uno grande e l'altro piccolo, uno socchiuso e l'altro spalancato e, quando erano finalmente a posto, erano le pupille a tradirli. Litigiose e ribelli, impercettibilmente diverse. Gli occhi erano un dettaglio arduo da mettere a punto – anche se chi disegna più e meglio di me sa bene che in realtà non c'è cosa più difficile, da fare, di un paio di mani; ma quel giorno ci davamo ai primi piani, quindi meglio non crucciarsi d'altro – e, ogni volta, mi sfuggivano. Perché erano di persone immaginarie, che non conoscevo, e di cui dunque non sapevo come fosse fatto il profondo. Quella, almeno, la scusa, nel momento in cui seppi dell'esistenza del pittore – toscano di natali, ma emigrato a Parigi nella stagione delle Avanguardie – che riempiva le pupille delle sue muse di nero densissimo. Erano gli anni in cui guardavo e riguardavo Ethan Hawke ritrarre una Paltrow senza veli in Paradiso Perduto, il mio Dickens postmoderno preferito, quelli in cui – per la prima volta – mi avvicinai, affascinato, ai colli da cigno e agli occhi vuoti di un uomo chiamato Amedeo Modigliani. Per gli amici e i nemici, Modì: è così, infatti, che si legge l'aggettivo francese maudit, maledetto. Per Jeanne Hébuterne, la giovane artista che visse e morì in nome suo, sarà invece l'amore di una vita. Amedeo, je t'aime – titolo caloroso, dichiarazione spassionata – parla di arte, una Parigi negli anni della guerra e della pace, un rapporto di teste, sessi e viscere che ancora sconvolge tanto che è estremo. Francesca Diotallevi, l'autrice che a tutti ho consigliato almeno in un'occasione, dopo un esordio che veramente non si scorda, ritorna – attesissima – con una storia nuova.
Ma se qualcuno vi dicesse di volere riscrivere Romeo e Giulietta, o di volervi raccontare da capo i quattro atti de La Bohème? Tanto, infatti, a me era familiare la tragedia di un pittore e della sua musa fedele. Ho sentito parlare di loro al corso di Storia dell'Arte Contemporanea – di loro, al plurale, perché se parli di lui non possono non spiegarti chi sia lei, che è ovunque – e avevo potuto dargli un volto in I colori dell'anima, biopic ben confezionato, ma incentrato soprattutto sulla rivalita con Picasso, in cui Modigliani era stato un eccellente Andy Garcia. Il melodramma di Jeanne e Amedeo per me era il più toccante in assoluto, essendo l'unico che – quasi cent'anni fa – si consumò davvero. All'inizio, rimuginando tra me, mi chiedevo cosa potesse darmi una lettura di cui purtroppo conoscevo inizio e fine. Soprattutto, come essere all'altezza di un esordio perfetto – passato in sordina, rispetto a un secondo romanzo che già adesso è maggiormente pubblicizzato, con la fiducia di un nuovo editore e il sostegno di chi ci credeva ancora prima di leggerlo – che solo io e Francesca, che l'ha scritto, sappiamo quanto ho amato? E invece. Le stanze buie e Amedeo, je t'aime – il primo un lungo racconto gotico narrato da un lui; il secondo breve rievocazione di un amore da parte della custode di un gigante fragile – sono storie diverse, imparagonabili, anche se sono umano – e pazzo di Vittorio Fubini e Lucilla Flores – e i pensieri, come i confronti, corrono e fanno il loro giro. In realtà diverse non sono, non troppo, se a raccontartele è una giovane penna che hai lasciato bravissima e hai orgogliosamente ritrovato bravissima. Con Francesca, due anni fa, è nata un'amicizia a distanza, che mai ha minacciato di offuscare la lucidità del mio giudizio: semplicemente, impossibile che si smentissime; che facesse marcia indietro. 
E sapeste quanto mi fa strano sapere che la stessa persona con cui, in chat, ti è capitato di parlare del più e del meno, come va?, come stai?, sia quella che prende due leggende della pittura e, con credibilità naturale, dà loro voce. Raccontando a modo suo una storia che già pensavi di sapere. Ho pensato di saperla al primo, al quinto, al decimo capitolo, ma non davanti a un epilogo annunciato che, nonostante arrivi previsto in precedenza, come coi cicloni colti a mezz'aria dalle immagini satellitari, sa misteriosamente commuovere. Novantacinque anni dopo di loro. E svariate lezioni universitarie, un lungometraggio e la mia tipica curiosità dopo. Con Francesca Diotallevi ci scambiate due parole sui social, magari la incrociate mentre lascia un commento qui sul blog; ecco quello che rapisce nella capacità che ha una ragazza di appena trent'anni di inviarti una faccina sorridente, mentre nel frattempo, su un foglio di Word aperto sul suo portatile, veste – senza che le stiano larghi o stretti, senza che su di lei appaiano polverosi – abiti d'altre epoche. L'autrice non è come l'artista che ci descrive. Con gli scenari volutamente piatti e, in primo piano, volti dai tratti deformati – i colli lunghi, i nasi appuntiti, i vestiti poco dettagliati. Francesca dipinge, ma con le parole, e stende sfondi vivissimi, tridimensionali; aggiunge dettagli su dettagli a personaggi modulati, complessi e amabili quando - gelosi, testardi, incerti - furono, al contrario, esseri umani difficili. Nelle loro mansarde spoglie: luoghi frequentati da topi e bohèmien, non adatti ad allevare una figlia. Nei nodi e nelle pieghe. Nelle rare giornate in cui il bene reciproco, poi, sciolse i grovigli. La mia memoria fotografica mi permetterà di portare con me un'immagine, scattata con un battito di ciglia. Il dettaglio di un bottiglia di brandy vuota. Sul fondo, una sigaretta schiacciata tra pollice e indice, lasciata lì ad affogare. Nell'imboccatura, a dondolare, un pennello ancora sporco. In secondo piano, invece, fuori fuoco, una porta che si apre e si chiude. Una porta che sbatte sulla scia di un mito. Da qualche parte, c'è una donna che muta guarda, paziente sopporta e fedele aspetta. Modì, indossando la sua sciarpa rossa e il suo cappello di feltro, il mare dentro, ha lasciato dietro di sé odore di tempere, arance amare e cocci di cuori. Lui va. E chi resta resta. In Jeanne, un po' la sindrome della moglie del soldato. Gli artisti delle Avanguardie, infatti, prendevano in prestito il nome dal reparto armato che precedeva, in campo nemico, il resto dell'esercito: erano soldati in esplorazione, loro, e ci sono soldati che non tornano, a volte, e compagne pietrificata davanti a una finestra. I dipinti di Amedeo e il romanzo di Francesca hanno gli stessi identici occhi. Occhi stretti e umidi. Senza segreti, quando si parla di Jeanne. 
L'unica creatura dallo sguardo azzurro mare, in un mondo imperscrutabile di orbite insonni.
Il mio voto: ★★★★
Il mio consiglio musicale: Sia – My Love


11/9 TAPPA #1 ‹‹ Reading is believing ›› Presentazione romanzo
14/9 TAPPA #2 ‹‹ Un libro per amico ›› Incipit + estratto
16/9 TAPPA #3 ‹‹ Diario di una dipendenza ›› Recensione
18/9 TAPPA #4 ‹‹ Il libro che pulsa ›› Intervista + giveaway

45 commenti:

  1. Inutile dire che lo voglio leggere vero? Innamorata de "Le stanze buie", sempre più curiosa di avere questo libro tra le mani. Dopo aver letto la tua recensione, lo sono ancora di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per te, che hai già visitato le Stanze, è immancabile. ;)

      Elimina
  2. Bellissime parole per un libro che non vedo l'ora di leggere e per un'autrice davvero brava, sono super felice per Francesca!!

    RispondiElimina
  3. Tappa dopo tappa sono sempre più curiosa di leggere questo libro e di "incontrare" la sua autrice!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E spero la incontrerai prestissimo, Eliza. ;)

      Elimina
  4. Io nell'attesa di questo nuovo romanzo quasi quasi mi rileggo "Le stanze buie" :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Saggia scelta. Ma ormai l'attesa è finita.
      Prendilo subito. :-D

      Elimina
  5. Basta! devo leggere la Diotallevi. E' indecente che non lo abbia ancora fatto. (E mado' Michele, quanto sono belle le tue recensioni...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, B! Ma come, io ero convintissimo l'avessi già letta.
      Il tempo di farlo c'è e, soprattutto, ci sono ben due romanzi. :)

      Elimina
  6. Sempre più curiosa di leggere questo libro... e voglio procurarmi assolutamente anche Le stanze buie!

    RispondiElimina
  7. Questa volta ti sei superato. Questa recensione è una poesia. Se non avessi già ordinato il libro (attendevo anch'io con ansia il ritorno di Francesca), lo avrei fatto ora, dopo aver letto le tue parole. Sono commossa, ti pare giusto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie di cuore, Alice. Buona lettura.
      Anche Francesca si è detta commossa: non volendo, che stia facendo l'effetto delle cipolle (o dei Nicholas Sparks a fantasia)? :P

      Elimina
  8. Bellissima recensione come sempre, bravo Michele!
    Io sono molto più impreparata sull'argomento e anche se so comunque come finisce, spero tanto di emozionarmi :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Curioso di sapere come lo troverai. :)

      Elimina
  9. Bella recensione!! ** mi hai conquistato, mi aspetto un libro appassionante quanto il titolo!! non vedo l'ora di leggerlo!! Fubini e Lucilla mi avevano rubato il cuore, mi aspetto che questo libro me lo distrugga visto il prologo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Leda. Sono certo che manterrà la promessa di "distruzione". ;)

      Elimina
  10. Devo assolutamente recuperare i romanzi di questa autrice! è evidente che ti hanno molto colpito! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui, putroppo, c'era il limite della storia in sé, che già conoscevo.
      Ma aspetto già un nuovo romanzo, e questa volta tutto da scoprire come nel caso delle Stanze Buie. :)

      Elimina
  11. Ciao Michele, per ora non leggo la recensione perché non vorrei farmi influenzare. Ho letto in una sola notte "Amedeo, Je t'aime" e lo sento vibrare ancora nelle vene...vorrei doverlo ancora leggere...quanto l'ho adorato...dopo che avrò scritto la mia recensione ripasso a leggere la tua, che sarà poesia come sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, Cuore. Vorrà dire che ci leggeremo insieme nei prossimi giorni. (:

      Elimina
    2. Ho rivissuto tutto ancora...e ancora...la tua penna è una certezza, poesia e leggerti è puro piacere. Bellissima e toccante la tua recensione.

      Elimina
  12. Mi mancano poche decine di pagine per finirlo, ma penso di poter dire comunque che diamine, sono d'accordo. Ho adorato Le stanze buie - che è stato il libro che mi ha fatto decidere di tornare a dare una possibilità ai libri proposti dagli autori. per dire. - e anche Amedeo, je t'aime mi sta piacendo moltissimo. Anche se parlo da ignorante, alla mia professoressa di storia dell'arte Modigliani non piaceva, quindi l'abbiamo appena sfiorato xD Ricordavo vagamente che sarebbe morto giovane, per il resto per me era tutto nuovo. A parte lo stile pittorico, ecco.
    Pure io ho pensato a Romeo e Giulietta. Più che altro perché tempo fa ho sentito parlare della storia d'amore con toni meno romantici ma più terra terra. Cioè, fino a che punto sarebbe durata se fossero rimasti in vita? Cosa sarebbe successo alla reciproca ossessione? Cose così. Che poi, nel caso di Amedeo e Jeanne, è bello che Francesca non dia una risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo pienamente con il tuo commento, e passerò a leggere le tue impressioni finali, non appena le butti giù. Felice che ti stia piacendo. Pensa che - e Francesca lo sa bene - lì per lì pensavo avrei patito la lunghezza delle Stanze Buie. E invece... :)

      Elimina
    2. Io invece preferisco i mattoni xD
      Pensa che Le stanze buie mi stava piacendo così tanto che le ho pure scritto per dirglielo che ero ancora ai primi capitoli. Madonna. Spero di incontrarla alla premiazione del Neri Pozza, che accompagno un'amica *__*

      Elimina
    3. Ovviamente, alla premiazione, farò il tifo per lei a distanza!
      Anch'io gliel'ho scritto immediatamente, giuro, però prima di iniziarlo ho aspettato mesi. Okay che, con il trasferimento e il primo anno di università, ormai due anni fa, ero davvero fuori di me :-D

      Elimina
    4. Voi siete adorabili *__* E io, dal vivo, sono molto peggio che sulla carta, temoXD

      Elimina
  13. Che bella recensione! Anch'io conosco la storia di Modigliani, ma riviverla attraverso le parole di Francesca sarà sicuramente bellissimo, e poi mi voglio rivedere I Colori dell'Anima, il film con Andy Garcia. Mi era proprio piaciuto, ma saranno passati 10 anni °___°

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è uscito un po' di tempo fa, ormai. Lo rivedrò anch'io.
      Tutti sintonizzati su Dear Old Mr. Ciak, insomma. :-D

      Elimina
  14. Ciao Mr Ink! Splendida recensione, il libro finisce dritto dritto in TBR list.
    Non ho mai letto nulla di questa autrice ma visti i commenti positivi che sto trovando in rete, credo sia giunta ora di darle una chance! ^__*

    RispondiElimina
  15. Ciao, interessante! cerco di vincerlo questo libro!

    RispondiElimina
  16. Lo leggerò e lo recensiró anche io! Per ora mi limito alla trama che già di per sè e' intrigante!

    RispondiElimina
  17. Ho letto le prime pagine e mi è parso subito molto coinvolgente. Mi piace molto come scrive Francesca. Ha la capacità di emozionare e di far entrare il lettore dentro l'anima della storia.

    RispondiElimina
  18. Ciao! Ho scoperto il tuo blog grazie a questo bellissimo blog tour! Devo farti tanti complimenti perchè le tue recensioni sono pazzesche! Sono precisissime, approfondite e molto curate in ogni dettaglio! Bravissimo! Continuerò a seguirti con molto piacere! Per quanto riguarda il libro della Diotallevi, non lo conoscevo ma dopo aver letto questa recensione, desidero leggerlo ancora di più! Spero tanto di vincerlo, e se non avessi fortuna, andrò ad acquistarlo immediatamente!

    RispondiElimina
  19. Maremma. Fino a ieri non sapevo nemmeno di questa pubblicazione Mondadori e oggi ne ho scoperto il blogtour. L'alieno della sessione estiva mi aveva rapita :D Nel frattempo lo inserisco in wl sperando di beccarlo all'usato perchè il prezzo non è dei più economici. Bella recensione come sempre :)

    RispondiElimina
  20. Sicuramente leggerò questo libro, sembra davvero interessante :)

    RispondiElimina
  21. Data anche la recensione positiva, credo che in questo caso non potrò farmi scappare la Diotallevi (dato che le stanze buie non l'ho letto)

    RispondiElimina