venerdì 10 luglio 2015

Mr. Ciak: 5 to 7, Ted II, While We're Young, Burying The Ex, Woman in Gold, Duri si diventa

Brian vive in un monolocale e, alle pareti, tiene appese le prove dei suoi fallimenti. Ma ha ventiquattro anni appena e, fuori dalla finestra, la città più stimolante del mondo: New York. E succede così che, durante una delle sue lunghe passeggiate, dall'altra parte della strada vede Arielle, all'angolo fumatori di un ristorante di lusso: si innamora a prima vista. Lei – francese, felicemente sposata, di dieci anni più grande – per qualche motivo ricambia; tuttavia, nel suo matrimonio aperto, c'è posto per un giovane amore adulterino una volta a settimana, per due ore. Ma se lui, ragazzo di sani principi, non capisse cos'è questa storia che i francesi, civili e libertini, sono disposti a condividere l'anima gemella con un terzo incomodo? E se a quell'adulta che si chiama come un sirena – e delle sirene ha il potere di sedurre poveri marinai e confusi scribacchini – a un certo punto non sapesse più rinunciare? 5 to 7, ai più sconosciuto, è una delizia di commedia romantica che, in tutta sincerità, mi aveva incantato sin dalla copertina. Ho potuto giurargli un po' d'amore nell'ora e mezza in cui, spensierato, mi sono goduto coi protagonisti lo spettacolo raro del cielo in una stanza. Bizzarri amici di letto, il romanziere e la sua esotica Mrs. Robinson passano il tempo che hanno a disposizione a braccetto, nelle suite degli hotel, passeggiando a Central Park, andando a pranzo con il marito di lei e a cena con i genitori di lui. Intraprendono conversazioni lunghissime e, prima e dopo il sesso, si confrontano sugli americani moralisti e sugli europei spregiudicati, progettando nuovi sogni e scrivendo nuovi racconti. Creando inconsapevolmente, insieme, un gioiellino di parole e fatti, un po' newyorkese e un po' parigino, ma comunque tanto malinconico. I sentimenti secondo Victor Levin flirtano con Allen e Truffaut, e coinvolgono con uno di quegli amori sospesi e un epilogo limone e vaniglia che incrina il cuore. Arguto, loquace, colto. Classe sconfinata che fischia appresso ai taxi gialli, degusta vini rinomati e fa ridere chi, smaliziato, sa che “baiser” non significa quel che tutti pensano. Avvenenti e naturali, i proprietari di queste due anime trasognate – e di questi visi che fanno centro - danzano su melodie da gourmet. Anton Yelchin, mite e dalla voce bellissima, che fa gli stessi film che farei io se fossi un attore avvenente e naturale, mite e dalla voce bellissima, ovviamente; e – nel suo letto, al suo braccio – la soprannaturale Bérénice Marlohe. Una che quando sorride ferma il traffico. (7,5)

Il caro Ted è tornato. Dopo averci parlato di come la magia del Natale avesse regalato un migliore amico a un bambino solitario, adesso l'orso sporcaccione di MacFarlane è pronto a diventare papà. Come dimostrare di essere umano? Mentre perde lavoro e moglie, un'avvocatessa rampante e l'inseparabile amico John lo aiuteranno nella lunga battaglia per i diritti (in)civili. Il primo film, divertentissimo, aveva messo d'accordo tutti. L'estate scorsa, poi, il regista – lì anche attore in carne e ossa – ci aveva riprovato con Un milione di modi per morire nel west, e anche in quell'occasione – tra crossover, momenti da musical e cameo folli – aveva centrato il besaglio. Il successo cerca successo e un sequel non poteva mancare. Da parte mia, l'accoglienza era delle più favorevoli. Però, come nel caso di Pitch Perfect e 21 Jump Street, ecco un altro seguito sì atteso, ma poco necessario. Una delle famose volte in cui si ride più con il trailer che con il lungometraggio in sé. Fatto di quella comicità nonsense poco familiare agli italiani, strappa risate nelle poche scene non contemplate negli spot tivù – ad esempio, riferimenti scorretti a personaggi noti e a tragedie mondiali cinicamente scomodate. Sensibile forse senza volerlo, funziona paradossalmente più nei momenti da film per famiglie – riposte via droghe e birre – mentre la sua comicità bostoniana lascia freddini. Per il resto, tralasciando una capatina al Comic Con, sono poche le soddisfazioni legate al vecchio cast – nuovo ingresso, giusto la solare Amanda Seyfried – ma c'è il tema, in compenso, a fare pensare. Ted 2, infatti, a modo suo, mi è sembrato anticipasse il giorno in cui Facebook si è colorato d'arcobaleno e gli hashtag, su Twitter, hanno celebrato un altro passo avanti della civiltà. (5,5)

Quando ci si accorge di essere diventati adulti? La vecchiaia, per Cornelia e Josh, è un'invenzione borghese: loro – ben oltre i quarant'anni – si sentono reattivi, innamorati, così diversi dalle coppie di amici che, vuoi i figli, vuoi la famiglia tradizionale, sono cresciute in un giorno solo. Ma si sentono fuori luogo accanto ai loro coetanei, dotati di una voglia di diventare genitori che loro non sentono particolarmente, proprio come non si sentono di stare al passo con Jamie e Darby, venticinque anni e tutto il tempo per rivoluzionare il mondo del documentario. Più deprimente chiudersi in casa, rassegnati, o tentare la via, tra pattini e lezioni di danza, di una seconda e impossibile gioventù? While we're young – da noi, Giovani si diventa – parla della vana ricerca del tempo perduto e, con un colpo di scena che colpo di scena non è, della spietatezza del rinnovo generazionale: quella coppia hypster tanto affabile sta dando loro un'altra possibilità, in nome di una strana amicizia, o sta cercando di strappare via dai due – soprattutto da lui, competitivo e geloso - la soddisfazione delle ultime volte, con relazioni “usa e getta” e bugie su bugie? La commedia scritta e diretta da Noah Baumach – di cui mi tocca recuperare quel Frances Ha acclamato come capolavoro – è profonda, intelligente, bene interpretata. Prevedibilmente riuscita, nel bene e nel male. Nel bene, perché fa sempre piacere vedere uno Stiller più serio del solito, una Watts che si scatena, gli occhi da bambola della Seyfried e il viso indefinibile del promettente Adam Driver; nel male, perché Giovani si diventa è profondo, intelligente, bene interpretato proprio come immaginavi fosse prima di vederlo. Cosa va ad aggiungere ai Peter Pan del primo Muccino – ma qui senza strepiti, fortunatamente -, che inevitabilmente sentivamo anche più vicini a noi? Niente, o così mi è parso. Ma è un niente, il mio, che non sottintende disprezzo. Fa molto più che compagnia e, in definitiva, molto meno che rumore. (6,5)

Lo scorso anno, a un Festival di Venezia più serioso che mai, veniva proiettato Burying the Ex. Ventata d'aria fresca e ritorno alla regia di Joe Dante – regista di commedie horror come Gremlins; anche per me, che all'epoca non ero neanche nella mente dei miei genitori, must. Dopo averci provato con gli spauracchi per ragazzi e il 3D, eccolo con una storia divertente e sanguinosa. Max ama Olivia a cui è legato da una forte attrazione fisica e dal comune amore per i film di serie B; non molto tempo fa, però, nella sua vita c'era Evelyn. Vegana convinta, dispotica: come lasciarla senza spezzarle il cuore? A quello che dovrebbe essere l'ultimo appuntamento, Evelyn attraversa di fretta e l'urto con un autobus le spezza il collo. Il cuore, in compenso, è sano e salvo. L'accanita non morta sbuca dalla tomba e getta le basi per un'infernale convivenza. Il risultato è una commedia più che discreta, sulla persistenza dei ricordi e lo stalking da parte di splendide ex. E beato il sempre in parte Anton Yelchin, da me odiatissimo: cioè, in Like Crazy aveva Felicity Jones e qui, in meno di novanta minuti, sia Ashley Greene – e con lei, prima vampira e adesso zombie, neanche la necrofilia pare così strana – che quello schianto di Alexandra Daddario? La mano di quello che un tempo è stato un regista culto si nota palesemente nei dettagli: i poster italiani appesi ai muri, il cinema all'aperto e le proiezioni di Romero, le citazioni sparse; ma a metà tra Warm Bodies e La sposa fantasma c'è un territorio piuttosto arido in quanto a fantasia. Poteva essere più spassoso, folle, originale: arriva in ritardo. Ma gli si perdona tutto, in fondo, per il glamour del trio e perché Joe, sessantottenne, sa ancora il fatto suo. George Miller – di due anni più anziano – però ha diretto una cosetta come Fury Road: tanto per dire. (6+)

La storia vera dietro un capolavoro e quella della donna che per riaverlo – dopo le razzie naziste – chiamò in giudizio l'intera Austria. Giusto privare Vienna della sua splendida Monnalisa e lasciare che trionfi una giustizia senza prezzo? L'apparenza suggerisce un prolisso polpettone, no? Invece la durata contenuta, la compresenza del dramma delle persecuzioni – visto, qui, da una prospettiva nuova – e della parentesi giudiziare, fanno sì che il lungometraggio scorra, tocchi e, soprattutto, intrattenga grazie all'ennesima prova maiuscola di Helen Mirren. Maria Altman era pungente, severa e volitiva e aveva ingaggiato, sapendo di perdere in partenza, il figlio di amici di famiglia – qui, un bravo Ryan Reynolds – per tentare, rimasta sola al mondo, la carta disperata della giustizia. Quando il passato prende vita e si passa dalla Los Angeles degli anni novanta alla Vienna assediata, la Mirren ringiovanisce e diventa la nostra Tatiana Maslany – talento puro, alle prese con un'altra sfida: l'accento tedesco – e, accanto a lei, si ritagliano ruoli minori il giovane marito Max Irons e Daniel Bruhl, uno dei pochi austriaci disposti a non dimenticare i crimini dei padri. Ma Woman in Gold, oltre a parlare di arte e di donne, è anche la storia di un giovane uomo –  americano, ma con il cognome di uno dei più grandi musicisti del secolo scorso – che, commosso, fa pace con le sue origini. Inedito come Philomena e sotto sotto fiaba come Saving Mr. Banks, il dramma di Simon Curtis si dipana tra passato e presente, con la sua struttura tradizionalissima, un solido rigore, un po' di retorica e, a sprazzi, tocchi d'umorismo che contribuiscono a renderlo una visione non imprescindibile, ma degna. Anche se qualcosa andava evitata – un flashback alla Titanic di troppo -, qualcosa approfondita – il rapporto tra la piccola Maria e zia Adele, la musa di Klimt – e non è tutto oro quel che luccica. (6,5)

Chi ha tutto ha tutto da perdere. Così James, imprenditore, finisce nei guai: andrà in un carcere di quelli infernali. Come proteggere, in quel covo di criminali, la sua virtù? Ha trenta giorni per imparare le regole del vivere selvaggio, così si affida all'afroamericano Darnell – quieto padre di famiglia che, in cambio di una somma da capogiro, insegnerà al protagonista a essere una belva. Duri si diventa ha la tipica comicità che, in estate, il cinema ha da offrire: o ti accontenti di horror che non spaventano o, come è già successo con Affare fatto, di linguaggio coloritissimo e facce simpatiche. Nel dubbio, meglio farsi due risate con questi due tipi qui, quando la giornata è lunga, lo stress uccide e sorridere – per parolacce e chiappe (o peggio) al vento – alleggerisce il male di vivere. Si sa inizio, svolgimento e fine, ma questa Poltrona per due al contrario – e senza Landis e repliche a Natale – non le manda molto a dire e, fisico e invadente, con sparatorie, sessioni di sollevamento peso e disgustosi tentativi di imparare l'arte del sesso orale – perché se non puoi batterli, almeno fatteli amanti, i carcerati – è fresco e funzionale. Soprattutto grazie a un istrionico Will Ferrell – lo stesso che spesso e volentieri trovo irritante – che qui gigioneggia alla grandissima e regge ogni singolo sketch, tra una battuta razzista e un pianto da ragazzina. (6)

22 commenti:

  1. alcuni non li conosco ma mi hai invogliato a vederli, su Burying the Ex io sono stato molto meno tiepido di te e devo dire che Duri si diventa mi ha anche abbastanza divertito...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Duri si diventa veramente simpatico. Senz'altro più di Ted, che è sboccato senza un perché. Ti consiglio 5 to 7, il più bello di questo giro. E non solo. ;)

      Elimina
  2. Burying the Ex è nei recuperi, spero di vederlo presto perché a Joe Dante voglio molto bene!
    Quanto a Ted 2 carino, non memorabile ma perlomeno questa volta la trama aveva un senso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E chi non vuole bene a Joe Dante? :-)

      Elimina
  3. Burying the ex lo ho segnato e lo devo vedere.

    Giovani si diventa, quel titolo orribile che tu hai fatto benissimo a mettere in originale, mi è piaciuto abbastanza, molto meno dello scorso Baumbach, ma comunque sempre abbastanza raffinato.

    Ted 2 invece mi è piaciuto proprio, anzi a dirla tutta tra tutte quelle citazioni cinematografiche sbattute in faccia mi ha fatto ridere forse anche di più del primo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, mi fa piacere per Ted 2! Poi, se l'hai visto al cinema come leggevo, è tutta un'altra storia. La risata lì è contagiosa.
      Giovani si diventa ha un titolo brutto sì, e poi l'ho messo in originale anche perché c'è già Duri si diventa, traduzione abbastanza fedele dall'inglese Get Hard, dài.

      Elimina
    2. No no, contagiosa un cavolo. Ero in un cinema multisala poco frequentato in un centro commerciale piuttosto sfigato (il cinema temo chiuderà a breve). Eravamo io e un mio amico in ultima fila e una coppia padre-figlia due file avanti a noi...

      Elimina
    3. Allora ti è piaciuto piaciuto. Senza scuse, oh! ;)

      Elimina
  4. Ovviamente ho visto solo il peggiore di questo blocco, sperando di divertirmi almeno un po'. Invece ho riso solo per la faccenda di Google e per Gollum. Appena avrò modo e tempo, recupererò la ex da seppellire. Mi sembra di capire che non sia imperdibile, però lo vedo nelle mie corde.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non imperdibile, ma Dante può permetterselo, dài.
      Lo si guarda con occhi di riguardo indubbiamente per lui - e per gli occhi (adesso si chiamano occhi?) della Daddario. ;)

      Elimina
  5. Concordo, il nuovo Joe Dante è una cosina, a tratti mi ha più infastidito che diveritio davvero... Cheers! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, bene. Io avevo aggiunto anche un più per rispetto, ma altrimenti per lui solo una sufficienza svogliata :)

      Elimina
  6. Mi attira solo Ted 2 nonostante il 5,5. Il primo mi piacque molto, anche perché sono un superfan dei Griffin e della comicità di MacFarlane...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I Griffin guardati poco, ma di solito anche a MacFarlane piace.
      Peccato che qui il trailer mostrasse tutto tutto tutto ;)

      Elimina
  7. Le commedie sono state tutte una gioia: 5 to 7 romanticheria come piace tanto a noi, Giovani si diventa divertente, ben recitato ma mi è scaduto un po' nel finale, purtroppo, e Burying the Ex una vera ventata di allegria e leggerezza, assieme al meraviglioso She's funny that way (da noi "Tutto può accadere a Broadway", in uscita ultra posticipata a novembre) ha dato una svolta alla seriosità veneziana.

    Ted 2 me lo salto, non avendo voglia di vedere nemmeno il primo capitolo, mentre il dramma alla Klimt mi pare un po' troppo pesantuccio per il mio mood estivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mannaggia, posticipato She's funny that way? Meglio confidare nei sottotitoli, va.
      In quanto al dramma di Curtis: c'è un certo impegno, ma purtroppo non è troppo, anzi. Potrebbe starci bene pure in estate ;)

      Elimina
  8. Troppo cattivo con Burying the Ex, uno dei pochi film genuinamente divertenti visti quest'anno, e troppo generoso con Duri si diventa, che ho trovato tra i peggiori lavori di Will Ferrell, attore che invece di solito trovo irresistibile, qui alle prese con un lavoro troppo politically correct e hollywoodiano per i suoi standard.

    Gli altri li recupererò prossimamente, a parte Woman in Gold che, nonostante la nostra Tatiana Maslany, mi puzza di buonista e di vecchio lontano un miglio... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un tempo ero davvero in fissa con Ferrell - rivedrei cento volte il poco noto A Night at Roxbury o Vero come la finzione, in cui lui ha un ruolo più serio del solito e un'inedita profondità - ma quello degli ultimi tempi non mi piace troppo. Anzi. Quindi Duri si diventa ci ha un po' riconciliati. E l'impressione legata a Woman in Gold un po' giusta lo è, però racconta una storia che non conoscevo. Su quadri rubati e austriaci stronzissimi. :-D

      Elimina
  9. Lo dicevo io che il sequel di Ted non era necessario.
    Mi ispirano Burying the Ex e 5 to 7.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, ma lo immaginavo. Però, sai, per farsi due risate...
      Per fortuna, ci ha pensato la volgarità del bravo Ferrell.
      Una bellissima sorpresa 5 to 7: una di quelle commedie romantiche come piacciono a me (e, a quanto pare, a Lisa). ;)

      Elimina
  10. mi piacerebbe vedere buryng the ex...come film sembra interessante, anche ted2 sembra spassoso, vediamo ^_^

    RispondiElimina