domenica 17 novembre 2013

Recensione: Shadows, di Jennifer L. Armentrout

Buona domenica, amici miei! Questi ultimi giorni sono stati piuttosto produttivi. Dopo aver letto e recensito l'ultimo capolavoro della Rowling, in treno ho iniziato Shadows, il breve prequel della saga Lux. Romanzo che è piaciuto a tutti, ma a me nemmeno un po', purtroppo. Sarà per il prossimo appuntamento con la Armentrout, o almeno spero: ma sì, sono fiducioso. Ringraziando la Giunti per avermi dato modo di leggerlo, vi auguro una splendida giornata. Un abbraccio.
Siamo diversi solo in superficie. Ma nell'essenza siamo uguali. Ridiamo delle stesse cose, non abbiamo la più pallida idea di cosa faremo in futuro, non ci piace guardare la tv. E ci piacciono un sacco di dolci. E i nomignoli stupidi. E i nostri cuori battono all'unisono.

Titolo: Shadows
Autrice: Jennifer L. Armentrout
Editore: Giunti Y
Numero di pagine: 176
Prezzo: € 12,00
Sinossi: L'ultima cosa che Dawson Black si sarebbe aspettato era Bethany Williams. Come forma di vita aliena sulla Terra, Dawson e il suo gemello Daemon trovano che le ragazze umane siano... un passatempo divertente. Ma innamorarsi di una di loro sarebbe folle. Pericoloso. Allettante. Irrinunciabile. Bethany viene dal Nevada, e l'ultima cosa che cerca nel West Virginia è l'amore. Ma ogni volta che i suoi occhi incontrano quelli di Dawson si scatena un'attrazione innegabile. E anche se i ragazzi sono una complicazione di cui farebbe volentieri a meno, non riesce davvero a stare lontana da lui. Attratta. Desiderata. Amata. Dawson però nasconde un segreto inconfessabile che non solo può cambiare l'esistenza di Bethany, ma rischia di mettere in pericolo la sua vita. Si può rischiare tutto per una ragazza umana? Si può sfidare un destino inesorabile come l'amore?
                                                    La recensione
Di Obsidian non ho ricordi fortissimi, vividi, ma ricordi positivi. Ricordi felici, tutto sommato. Mi piace pensare a Jennifer L. Armentrout, infatti, come all'autrice che diede realmente il via alla mia estate 2013. Era il pomeriggio del primo luglio. Sfinito e felice, ero tornato a casa dopo gli orali della maturità e, prima di salire a casa, avevo trovato questo pacchetto nella mia buca delle lettere. Un libro sottile, leggero, spensierato. Come me da quel momento in poi. L'avevo letto nel mio primo pomeriggio in spiaggia da studente e uomo libero. Il sole batteva, il mare era una fresca tavola da surf e il resto era venuto da sé, così, semplicemente. In un baleno l'avevo finito: un urban fantasy su creature che viaggiavano alla velocità della luce, letto alla velocità della luce, per rimanere sempre in tema. E con un disteso sorriso a mille watt, alimentato dalla leggerezza senza peso di un cervello senza più pensieri e dall'ironica guerra tra sessi combattuta – ad armi impari – da un lui e una lei che facevano scintille. Uno stile freschissimo e una passionale e simpatica love story avevano reso quel particolare romanzo non indimenticabile, ma piacevole e spontaneo: cosa non da poco, in un vortice di storie troppo simili in cui, spesso e volentieri, Obsidian aveva corso il rischio di essere risucchiato. Il successo editoriale era garantito. Prezzo accessibile, protagonisti popolari e belli e tutto decisamente in linea con le mode e le tendenze odierne – tra incursioni su Facebook, Twitter e, soprattutto, Blogger. Il secondo e il terzo capitolo, di cui la Giunti Y si è velocemente accaparrata i diritti negli scorsi mesi, sono già chiacchierati e non tarderanno ad arrivare e, nell'attesa, arriva in libreria questo Shadows, un prequel della storia originale, incentrato su due personaggi minori di cui, indirettamente, i lettori avevano già sentito parlare: Dawson Black e la sua ragazza, Bethany. Daemon e Kathy, la passionale coppia che li aveva preceduti, avevano una spiccata personalità e un'alchimia scoppiettante che li rendeva convincenti protagonisti di un intreccio forse troppo, troppo semplice. Loro erano il cuore, il perché della saga: l'unico, credo. Sprovvisto dell'irriverente, pazza e adorabile narratrice di sempre, Shadows perde tantissimo e, a fine lettura, ho avuto l'impressione fastidiosa che Dawson e la sua lei non meritassero un romanzo – o una novella, perché 170 pagine sono un po' poche – tutta per loro. Sono perfettini, buonisti e scialbi, nel senso culinario del termine, proprio: senza sale, senza pepe, senza un gusto deciso. Sono pesanti, melodrammatici e seriosi, se confrontati con i divertenti, autoironici e sexy protagonisti di Obsidian
Non sono capaci di dissimulare e mettono a nudo una struttura di base fragilissima, effimera, che – senza l'arma a doppio taglio di un umorismo brioso e sornione – è praticamente attaccabile, inerme, sprovvista delle difese necessarie per tenere a bada il cattivo e brutto recensore di turno. Le somiglianze con il più noto Twilight sono insostenibili, troppe, ostentate nemmeno tanto intelligentemente da un'autrice che, insieme ad altre colleghe arricchitesi d'un tratto, sembra non ricordare il significato di una parolina che fa più o meno rima con miraggio, coraggio... formaggio?! Dio mio, non ho idea da dove mi sia uscita, che squallore... Chiedo perdono: mi riferivo a plagio, ovvio. Lei cade, rischia di scivolare sul ghiaccio e lui la salva: ok, cose che capitano. Ma lei ha anche gli occhi nocciola, i capelli castani e lui è – ovviamente – bellissimo, tenebrosissimo e dalla segreta natura luccicante: vi ricorda qualcosa, questo? Si conoscono tra una lezione e l'altra, si dilettano con il trekking (ma perché non ci sono più gli hobby di una volta? E le mezze stagioni?), incontrano le loro reciproche famigliole allargate e, dopo un paio d'appuntamenti, è già vero amore. Un amore proibito: specificarlo è superfluo. Proibito innamorarsi, secondo i fratelli di lui; proibito sbaciucchiarsi, secondo la mamma di lei – un'ex Teen Mom rimasta incinta di Bethany prima del provvidenziale avvento di MTV. Il gemello ribelle, Daemon, compare spesso e, qui, non appare antipatico ma con stile. Appare antipatico e basta. Per fortuna c'è Dee, colei che – tra i tre fratelli Black – ha impiegato più tempo ad uscire dal ventre accogliente e presumibilmente viscido di mamma alieno: la cocca di casa. 
Spontanea, pimpante e acuta come sempre, soprattutto quando – insieme a me – rimane scioccata dalla descrizioen di come l'umana Bethany abbia scoperto il loro segreto di famiglia. A metà del racconto, i preliminari tra Dawson e Bethany vanno a finire maluccio, infatti: non vi intrattengo con quella cameratesca storia delle “basi” che non comprendo e che non ho mai compreso, ma sappiate questo: la cosa più imbarazzante che possa capitare a un sedicenne alieno non è l'eiaculazione precoce. Dawson Black, in quei delicati momenti, si accende... Boom. Come un lampione... Bang. Come un faro-umano-abusivo costruito in camera da letto. Edward, in una foresta nebbiosa, aveva rivelato a Bella, dopo un lungo e vagamente inquietante sproloquio su leoni e pecore, di essere un vampiro: leggendolo prima di aver visto Pattinson in azione, avevo pensato all'affascinante Lestat e all'eterno Dracula. Quando Dawson rivela a Bethany, con lo stesso tono sussurrato e cospiratorio, di essere un alieno, io ho pensato a Stitch. Uno Stitch con il ciuffo biondo, i pantaloni color cachi e le camicie a quadrettoni del James Van Der Beek di Dawson's Creek. Che immagine! Sarà il subconscio che gioca brutti scherzi (ogni tanto) o sarà una mini-trama che, scricchiolando rumorosamente (sempre), lascia disperdere nell'aria qualsiasi eventuale magia. Il primo, ammiccante, conosceva le regole della risata facile. Il prequel, invece, fa ridere quando e dove non dovrebbe – stanco, frettoloso, scritto tanto per... - e non rischia di venire a noia soltanto per l'esiguo numero di capitoli complessivi e per uno stile che, anche se scarno e impersonale rispetto ai fuochi d'artificio dell'altro volume, scorre; almeno quello. Sembra scritto da un'altra persona. Da una fan tutta occhi dolci, cuori, sospiri e zoom ossessivi sugli occhi belli dell'aspirante modello D&G di turno. Il lato positivo del romanzo, dal mio punto di vista, è senz'altro il finale: triste il giusto, vagamente inaspettato, sbrigativo come il resto. Un finale che, grazie ad alcuni dialoghi tra Kathy e Daemon in Obsidian, avrei già dovuto conoscere bene, ma che – per fortuna o per sfortuna, dipende dai punti di vista – non ricordavo. Voi lo sapete: le cose tragiche mi fanno un certo effetto e, quasi quasi, avrei dimenticato gli errori che costellavano tutto il resto. Ma proprio quasi, quasi, quasi. Shadows, ahimè, ha la pecca di essere eccessivamente elementare. Carino, e chi lo nega?, ma di dubbia utilità. La Meyer – onnipresente nel romanzo, onnipresente nei miei riferimenti di oggi – aveva il suo superfluo La breve seconda vita di Bree Tanner. La Armentrout ha avuto questo trascurabile Shadows, alias Il primo breve amore di Dawson Black. A ognuno il suo. La curiosità di leggere Onyx, per fortuna, non è evaporata del tutto. Ma se avessi cominciato con questo prequel, temo che il rapporto tra me e l'autrice sarebbe finito qui: inconcludente, rapido ed indolore.
Il mio voto: ★★ 

38 commenti:

  1. Ahaha adesso quando leggerò Shadows e arriverò nel punto della camera da letto penserò a te che pensavi a Stitch! (?)
    Uffa io sono così entusiasta! :( Mi sono "smontata" un pochino con questa recensione, però sono curiosissima di leggerlo visto che ho amato tantissimo Obsidian!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è tenerissimo Stitch *-* Io lo adoro. Ma sì, ho adorato decisamente di meno questo libro qui!

      Elimina
  2. Avevo sentito parlare in parecchi blog di questa trilogia e sinceramente non mi aveva ispirato per niente! Questa tua recensione non fa che convincermi ancora di più e devo dire non è l'unica negativa su questi libri. :) Complimenti per l'ironia con cui hai trattato il tutto senza divenire "volgare" o "esagerato" nell'esprimere la tua opinione, non è da tutti.

    RispondiElimina
  3. Non ho ancora letto questo prequel, anche se aspetta da più o meno un anno sul mio kindle, e continua a non ispirarmi più di tanto!Ho letto invece Onyx e rispetto ad Obsidian mi è piaciuto molto di più, ora sono curiosa di leggere Opal :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetto, Juliette! Sono fiduciosissimo :)

      Elimina
  4. Ahahaha!! bella recensione!!Credo che per ora lascerò perdere questo libro(?)
    Obsidian l'avevo letto, carino, ma non lascia il segno. Se non fosse stato per i due personaggi che sono una forza della natura, avrei dimenticato tutto, o forse mi sarei ricordato solo delle varie somiglianze con Twilight.
    Spero che i prossimi siano più avvincenti, ma se sono come il prequel, allora lascerò perdere questa trilogia!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Mary! Lo spero anch'io e Juliette dice di sì, fortunatamente: mi fido ciecamente :)

      Elimina
  5. A me non era piaciuto nemmeno Obsidian, quindi avevo aspettative bassissime per questo libro. Ora ne ho anche meno xD

    RispondiElimina
  6. Devo ancora scrivere la recensione ma sono d'accordo con te in tutto, anche io ho pensato a Twilight (eccessivamente smielato) e del tutto inutile come libro a se, mi toglie qualche curiosità sulla storia tra Bethany e Dawson ma sono delusissima dall'autrice. Leggerò Onyx lo stesso perchè Obsidian mi era piaciuto, ma se ci saranno altre "novelle" ne farò volentieri a meno XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io odio queste novelle in generale, sono proprio inutili. Speravo che questa facesse eccezione, e invece no :P

      Elimina
    2. io penso che di novelle ho letto solo la prima di Delirium, Il veleno sulle labbra, ma lì parliamo della Oliver, tutto un altro pianeta XD

      Elimina
    3. Ecco, Vale, quella devo leggerla *-*

      Elimina
    4. Quella te la consiglio, non puoi non leggerla, e non vedo l'ora che escano anche le altre *-*

      Elimina
  7. Io l'ho appena iniziato e quando ho letto capello o occhi (cioccolatosi) volevo piangere.... ahahahahah noooo mi hai smontato, però almeno so a cosa sto andando incontro ^_^ Però lo continuerò perchè Obsidian mi è piaciuto e infondo sono curiosa di sapere come sono andare le cose tra Dawson e Bethany (che poi ahahahaha ogni volta che leggo questo nome mi viene in mente la direttrice della serie l'Accademia dei vampiri che si chiama Bethany ed è inquietante la faccenda) XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere, Debora! :) L'accademia dei vampiri, ecco, è una di quelle saghe che voglio iniziare. Mi piacerà? :)

      Elimina
    2. Scusate l'intrusione ma L'accademia la devi leggere, forse il primo libro non ti resterà nel cuore, ma dal secondo in poi è una saga che non ti mollerà più...cmq a me Obsidian mi è piaciuto molto, proprio per i 2 protagonisti divertenti, sono indecisa su Shadows.

      Elimina
    3. Anche a me era piaciuto per quel motivo, Dean. Per L'accademia dei vampiri, aspetto che escano anche gli ultimi due volumi :)

      Elimina
    4. Leggila è fantastica anche se quelle copertine sono a dir poco brutte e fuorvianti!!! ^_^

      Elimina
  8. Mik posso capirti!
    Però, come hai detto giustamente alla fine, non farti condizionare troppo da questo libro perché Onyx è davvero formidabile, decisamente meglio di Obsidian e credo riesca anche a distaccarsi dalla Meyer, quindi merita di essere letto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Frannie! Fortunatamente, non mi farò condizionare: so che - con il ritorno della vecchia e simpatica narratrice - l'autrice ritroverà il suo vecchio smalto.

      Elimina
  9. Oddio XD ce la possiamo fare io e questa saga ad andare d'accordo...
    Non sembra promettente questo prequel da come ne parli XD va beh... almeno è breve v.v mi sa che la sostanza per quanto dicono dovrebbe arrivare nei prossimi volumi... si spera XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non arriva, non ti perdi niente, Deni: il primo era carinissimo, questo molto meno, purtroppo :/

      Elimina
  10. Il paragone con Stich è stupendo!XDD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lui sì che meriterebbe un libro tutto suo. Io lo leggerei xD

      Elimina
  11. Io mi ero sgonfiata dopo la tua recensione di Obsidian, adesso proprio... cioè Stich? xD Addio occhi a cuoricino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma Stitch è da occhi a curioricino, il libro no :P
      "Stitch no cattivo: Stitch carino e coccoloso" (cit.)

      Elimina
  12. hauahau la recensione è stupenda:D Per fortuna che ho evitato questa tragedia di lettura O.o

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fermati al primo, se è, anche se tutti dicono che le cose migliorino!

      Elimina
  13. Io lo sto ancora aspettando ma questa recensione non mi fa sperare niente di buono =( Già Obsidian non mi aveva fatto impazzire, ma come te ho apprezzato l'ironia e i battibecchi tra i protagonisti. A questo punto spero nel seguito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io, Alaisse! Grazie per la visita!

      Elimina
  14. Già mi interessa poco perché è un prequel... poi è così corto e costa una cifra, manco se mi pagano u-u
    James Van Der Beek versione Stich col ciuffo ahahah, poi io leggo sempre Breek

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti il prezzo è eccessivo. E' lo stesso del primo, solo che Obsidian era molto più lungo, in confronto u.u

      Elimina
  15. Quesro titolo mi ispirava poco già prima... Figuriamoci adesso. Io non sono praticamente mai attirata da prequel e spinoff vari che mi sanno sempre di "ha funzionato la storia principale, vediamo se riesco a guadagnarci qualcosa in più" e mi sembra do capire che il valore di Shadowhunter sia questo. Obsidian invece devo ancora leggerlo e prima o poi ci riuscirò ^^

    RispondiElimina
  16. "La cosa più imbarazzante che possa capitare a un sedicenne alieno non è l'eiaculazione precoce. Dawson Black, in quei delicati momenti, si accende... Boom. Come un lampione... Bang. Come un faro-umano-abusivo costruito in camera da letto." Buahahahahahaha! Seriously???!!!! Ahahahahah! Mi hai fatto morire dal ridere.....però a me Shadows è piaciuto. Più lento e meno movimentato di Shadows ma mi è piaciuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, Rosy! Sono felice di averti fatta divertire lo stesso! :)

      Elimina