lunedì 29 marzo 2021

Recensione: Blu, di Giorgia Tribuiani

 
| Blu, di Giorgia Tribuiani. Fazi, € 16, pp. 250 |

Dopo Guasti, opera prima in cui i cadaveri diventavano opere d'arte – il tema, macabro ma affascinante, era quello della plastinazione –, Giorgia Tribuiani torna in libreria alzando l'asticella dello sperimentalismo, della provocazione, dell'inquietudine. Frammentario, singhiozzante, disordinato, il nuovo romanzo è un'immersione letteraria senza capitoli e senza pause, senza respiro. Probabilmente avrei apprezzato un simile flusso di coscienza a piccole dosi, sul breve tratto. Blu intriga nella prima parte, invece, e finisce poi per trascinarsi nella seconda. Fedele a sé stesso, non cambia registro neanche quando la protagonista sembra man mano riappropriarsi della propria identità. E, affaticato da uno stile poco scorrevole e dalle atmosfere asfissianti, sono arrivato al punto da sperare che finisse il prima possibile: non perché sia una lettura sconsigliabile, ma perché – cercate gli effetti collaterali sul bugiardino – potrebbe suscitare spesso frustrazione e claustrofobia. La mente a soqquadro della protagonista, d'altronde, non è un posto piacevole in cui soggiornare. Come biasimare chi non vede l'ora di essere sputato fuori dal suo piccolo mondo matto?

Vorrei che non piangessi, dici, davvero, ma sai che la solitudine ti infetta il sangue, e che hai bisogno di (feritoie) ferite per entrare nel cuore degli altri come una malattia.

Geniale ed emarginata, smarginata, Ginevra – detta da sempre Blu – frequenta il liceo artistico ed è una cattiva ragazza. O tale si percepisce. Un po' vittima, un po' carnefice, avverte il peso del mondo sulle spalle e si crogiola in antiche ingiustizie. Sporca, ma in realtà piena di candore, è attratta dal dolore degli altri: vorrebbe farsi amare portando loro conforto. Figlia di genitori divorziati, cresciuta in una normalissima cameretta affollata di peluche e medaglie di nuoto, Blu ha un fidanzato che non la soddisfa sessualmente e una sorellastra diffidente. Cronicamente insicura, tiene conto maniacalmente dei respiri, dei battiti di ciglia, dei getti dell'erogatore del sapone. Ma la sua ultima ossessione, all'improvviso, è Dora Leoni: un'artista dalla vita sentimentale scandalosa, che sulla scia di Marina Abramovic si rende protagonista di performance spiazzanti. È possibile imparare da lei? È possibile carpirne i segreti, mentre si lava in pubblico in una vasca da bagno dai piedi leonini? È possibile avvicinarla abbastanza da farsi notare? Filtrata interamente dall'io caotico di Blu, la trama appare poco più di un abbozzo evanescente da inseguire fino all'epilogo aguzzando la vista. Il punto di forza della lettura, ma per me anche il suo difetto, è un approccio immersivo che o si ama o si odia.

Tutto ciò che di brutto hai vissuto non è stato che una prova per arrivare fin qui: l'esclusione, la solitudine, il dolore, nient'altro che ostacoli da affrontare per godere appieno di questo momento, una preparazione necessaria per essere scelti da Dora, ora lo sai, e ti levi in piedi e torni a girare tutte le stampe coi volti e i corpi dei performer, guardatemi, io sono Blu e sono una di voi.

Delirante, ipnotico, confusionario, il romanzo raggiunge spaventosi picchi di erotismo – la masturbazione con una penna, in scene a confine con l'autolesionismo – e sfocia poi in una storia di attrazione fatale, con tanto di stalking. Da un lato originalissimo, dall'altro faticoso, mi è parso un mirabile esercizio di scrittura forse più godibile nel formato del racconto. La compagnia di Blu è stata spiacevole, soprattutto in questi giorni di cambiamenti lavorativi, ma al sollievo per il sopraggiungere dei ringraziamenti finali si è affiancata anche una vaga tristezza: noi due non siamo andati d'accordo, no, ma non avrei voluto lasciarla sola. Anche nelle stramberie, anche negli eccessi, la protagonista è un'adolescente come tante. Che fa pensieri strani, cupi, scomodi. Chi non ne ha mai fatti? Chi non ne fa tutt'ora? Giorgia Tribuiani invita all'apertura, alla condivisione. E ci dice che quando smetteremo di essere isole disegnate a casaccio sulla tela grigiastra della nostra solitudine, perfino il dolore tornerà utile come ci prometteva un bellissimo romanzo di Peter Cameron. Il nostro brutto passato si farà performance e, allora, finalmente, arriveranno gli applausi.

Il mio voto: ★★★
Il mio consiglio musicale: Madame – Mami Papi

8 commenti:

  1. Buon giorno e buona settimana, un grande ciao! Cambiamenti lavorativi hai detto?!?

    Direi che il libro lo lascio dov'è, se non siete andati d'accordo voi due ....

    Sempre letture allegre eh ?

    👋👋👋😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Lory!
      Sì, nuova supplenza, e fino a giugno. Probabilmente dovrò anche portare una quinta alla maturità, quindi l'ansia è tanta.
      Il contro? Ho un contratto di sole sei ore settimanali. Pochissimo. Spero si continui in DAD per un po', perché in presenza spenderei troppo facendo il pendolare. Oltretutto per insegnare cinquanta minuti al giorno. 😢

      Elimina
    2. Accipicchia, coraggio tieni botta, magari smuovi qualcosa.... può servirti per un futuro, spero...
      Bella soddisfazione portare una quinta! 😉

      Elimina
    3. Mi scoraggia sapere che potrò dichiarare le nuove esperienze, se tutto va bene, minimo minimo nel 2022. Per ora in DAD nessun problema, ma un domani... Due ore di mezzi pubblici per un'ora di lezione, e per 500 euro al mese. Speriamo almeno di fare il vaccino, mi sono prenotato in quanto docente!

      Elimina
    4. Sono fuori da questo mondo e non saprei consigliarti, cerca di avere informazioni in merito e senz'altro lo avrai fatto, non sei uno sprovveduto.
      In vista di questo fantomatico passaporto vaccinale, almeno cerca di farlo al più presto, giusto per avere più possibilità di movimento.....
      Speriamo che il nuovo Governo sistemi anche la situazione Scuola.
      Tienici informati. Ciao Michele!

      Elimina
    5. Certo, buona giornata!

      Elimina
  2. Blu è davvero un viaggio claustrofobico, poco scorrevole e spesso duro e feroce. Tuttavia proprio questi elementi mi hanno coinvolto in una lettura attiva e paziente che mi è ha conquistata. Ora vorrei leggere Guasti e mi conforta il sapere che questo romanzo ha incontrato il tuo parere favorevole :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giorgia merita tanto successo, quindi sono felice che Blu venga così tanto letto in questo momento. Ma per me Guasti, essenziale, nudo e crudo, senza fronzoli, è decisamente superiore. :)

      Elimina