domenica 30 dicembre 2018

[2018] Top 10: Le serie TV


10. Kidding
Quand'è che lo spettacolo deve continuare? Se lo chiede un Carrey in forma smagliante, rinnovando su Showtime il sodalizio con Gondry. Ci mettono l'intensità del cinema indie, un po' di stop-motion, la malinconia degli ultimi sognatori.

9. Killing Eve
Produzione BBC affatto ingessata, ti corteggia con l'ironia e gli sguardi giusti prendendosi nel mentre poco sul serio. Cosa c'è in ballo, con una seconda stagione già annunciata? Se in un thriller scoppiettante in cui le donne fan da padrone, potremmo confidare nei trucchi che nascondono in borsetta – oggetti contundenti compresi.

8. American Vandal
Un giallo con le problematiche dei nostri ragazzi e gli incastri della Christie. Un esperimento sociale che schiera in campo l'intelligenza degli autori, l'originalità dei mezzi, per vandalizzare un genere ormai abusatissimo e dagli scarabocchi osceni, dai virus intestinali, far nascere i germi della rivoluzione.

7. The Marvelous Mrs. Maisel – Stagione II
Riecco Midge, già pronta per il tour. Ha un nuovo flirt, nuovi cappelli per gli abiti da cocktail e quache difficoltà a gestire la sua doppia vita. Se si sente la mancanza dei suoi numeri di cabaret, messi da parte per lasciare spazio a personaggi con meno appeal, compensano le battute al solito fulminanti, gli invidiabili colori pastello e un'eroina contro i tabù.

6. The Affair – Stagione IV
Ci sono meno rancori, meno bugie, ma tanti segreti. Scarseggia il sesso, nella stagione più matura delle quattro, e ci si dà a confessioni struggenti e a qualche rara caduta di stile. Ci si prova a rimpiazzare come si può, nell'impossibilità di dimenticarsi. Lo stesso può dirsi anche di una serie tornata agli alti livelli di un tempo, che invece, sfiduciato, davo già per persa.

5. BoJack Horseman – Stagione V
Sempre un gioiello di scrittura, l'inossidabile serie animata si cimenta con altri impeccabili esercizi di stile, spesso al limite dello sperimentale, che trovano facilmente terreno fertile da queste parti – viva i soliloqui teatrali, viva gli incastri audaci. Accendete: c'è l'esistenza in onda. Magari in binge watching?

4. Daredevil – Stagione III
La serie Marvel che non ha i superpoteri ma è comunque super. Una granitica crime story che lascia da parte la lentezza della stagione introduttiva, gli affollamenti della seconda, e trova con successo una dimensione noir atipica per il genere.

3. Homecoming
Le geometrie di Kubrick, gli split screen di De Palma, l'aspect ratio di Dolan. Esmail è andato a scuola dai migliori. E nobilita, così, un thriller psicologico che più classico non si può: rigoroso ma non senza ironia, algido ma non senza sentimento; rétro eppure modernissimo.

2. L'amica geniale
Le abbiamo lette, le abbiamo supportate, le abbiamo immaginate. E le abbiamo riconosciute a colpo d'occhio nella serie che doveva farcele conoscere in carne e ossa e che, per fortuna, ha compiuto il miracolo.

1. The Hauting of Hill House
Si confondono realtà e immaginazione. Si viene a patti, in una terapeutica seduta di ipnosi, con la delusione di cinque bambini impreparati al mondo esterno. Prigionieri prima di quelle stanze buie, poi del ricordo, i Crane spergiurano, falliscono, commuovono e perdonano su una via per l'elaborazione che porta dove tutto ha avuto inizio. Ci viene richiesta un'identica assenza di logica per prestare fede all'amore, per credere all'orrore. Il resto, direbbe Nell, sono coriandoli.


I PREMI COLLATERALI

Miglior attore protagonista: Jim Carrey (Kidding), Jonah Hill (Maniac), Charlie Cox (Daredevil);
Miglior attrice protagonista: Julia Roberts (Homecoming), Rachel Brosnahan (The Marvelous Mrs. Maisel), Jodie Comer (Killing Eve);
Miglior attore non protagonista: Vincent D'Onofrio (Daredevil), Joshua Jackson (The Affair), Alan Arkin (Il metodo Kominsky);
Miglior attrice non protagonista: Yvonne Strahovski (The Handmaid's Tale), Mandy Moore (This is us), Sissy Spacek (Castle Rock).



Muchacha sexy: Debby Ryan (Insatiable), Elizabeth Lail (You), Kiernan Shipka (Le terrificanti avventure di Sabrina);
Bello e impossibile: Daniel Sharman (I Medici), Christopher Gorham (Insatiable), Bill Skarsgard (Castle Rock);
La coppia più bella del mondo: Barden-Lawther (The End of the F***ing World), Oh-Comer (Killing Eve), Barrymore-Olyphant (Santa Clarita Diet);
Nice to meet you: Elisa del Genio e Ludovica Nasti (L'amica geniale), Eliza Scanlen (Sharp Objects), Stephan James (Homecoming).




Sing it back: I Feel You (Sense8), Shall We Dance? (The Marvelous Mrs. Maisel), Renaissance (I Medici);
Psycho Killer: Jodie Comer (Killing Eve), Darren Criss (The Assassination of Gianni Versace), Wilson Bethel (Daredevil);
Cry me a river: La morte di Jack (This is us), Il monologo di Nell (The Haunting of Hill House), L'alzheimer di Sissy Spacek (Castle Rock);
Let's talk about sex: Il ménage à trois (Élite), L'orgia di addio (Sense8), Amy Adams e Chris Messina (Sharp Objects);
Ops, I dit it again – Guilty Pleasure: You, Élite, The Generi

16 commenti:

  1. Devo dire la verità: "Homecoming" all'inizio non mi ispirava più di tanto, ma dopo aver letto i vostri pareri, credo proprio che farò bene a recuperarlo il prima possibile (anche perché potrebbe essere un ottimo "pretesto" per iniziare a usare finalmente Amazon Prime Video! XD).
    Prendo subito nota anche di "Kidding" e "American Vandal"! :)
    "Hill House", ragazzi, quest'anno è stato veramente il top! *_*

    RispondiElimina
  2. Daredevil a parte -che no, non continuerò, non fa per me- abbiamo praticamente tutto in comune! Mancherebbe uno Sharp Objects, mannaggia a te ;)

    RispondiElimina
  3. Tra le 10 che hai citato, ho in lista Hill House, di cui tutti mi stanno parlando benissimo, e The Marvelous Mrs. Maisel.
    Tra le altre, concordo su The Handmaid's Tale, Daniel Sharman che adoro, e la straziante morte di Jack!
    You invece, lo voglio iniziare in questi giorni :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona visione. Si inizia e finisce in un lampo!

      Elimina
  4. Comincerò settimana prossima Kidding, spero sia come dicono ;)
    Comunque in classifica The Affair – Stagione IV è forse troppo...vabbè

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passerò a leggerti. 😉
      Per me i picchi della scrittura, la bravura straordinaria della Wilson, rendono The Affair il solito gioiello.

      Elimina
  5. Sugli attori non ci siamo tanto, ma compensa Debby Ryan come muchacha sexy! :)

    You è a cavallo tra serie trash e serie seria... mmm no, più serie trash, mi sa. XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, però quel finale shock ha davvero poco di (guilty) pleasure...

      Elimina
  6. Condividiamo il primo posto, ma poche altre serie, che io quest'anno sono stato proprio poco sul pezzo, mannaggia a me. Si prospetta un 2019 di recuperi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti rifarai. L'importante è il podio, in questi casi!

      Elimina
  7. Hill House lo immaginavo, mi devo segnare qualche titolo dato che anche con le serie sono un pò indietro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Segna, segna. È stata un'ottima annata. 😁

      Elimina
  8. la metà sono viste o in visione e concordiamo su Hill House!

    RispondiElimina
  9. Ho iniziato Hill House sono solo alla quarta puntata ma per il momento mi sta piacendo molto...
    Mi hai incuriosita con Homecoming devo assolutamente vederlo amo Julia Robertson poi!

    RispondiElimina