mercoledì 25 novembre 2015

Mr. Ciak: Hunger Games. Il canto della rivolta - Parte 2

"Di solito il pensiero collettivo ha vita breve. Siamo creature stupide e incostanti, con la memoria corta e un grandissimo talento per l'autodistruzione."


                                 La recensione del film 
L'anno scorso, di questi tempi, di ritorno a casa con un'amica – spettatrice, insieme a me, del terzo capitolo di una saga young adult dai toni universali e dal significato profondo – borbottavo qualcosa sul danno fatto, dividendo in due il capitolo conclusivo di Hunger Games. Il mio preferito, ma il più povero di eventi. Però, da una parte, ci si poteva mettere il cuore in pace: trecentosessantacinque giorni dopo, percorrendo la stessa strada, sarei stato forse a pezzi. Per gli addii e, soprattutto, per i tanti morti da piangere. E invece... Torna l'inverno e, con l'inverno, l'attesissima Katniss Everdeen. Un anno ad attenderla e una fila assurda, di sabato, per non rimandare troppo; il biglietto pagato a prezzo pieno, sicuro fossero soldi ben spesi. Si parte in medias res, dove eravamo rimasti. E dove eravamo rimasti, se del film precedente – poco incisivo, ma ben fatto – ricordiamo appena il ritornello di The Hanging Tree e la scena di un Peeta furente, che si avventava contro la beniamina di Panem? I distretti si sono sollevati contro Capitol City e Alma Coin, adesso, si contrappone al Presidente Snow. Si punta al cuore del potere, un giardino di rose bianche e tranelli, e si cammina sulla terra - tra ceneri, rovine fumanti, cadaveri di innocenti - e sotto, per raggiungerlo. Pochi isolati diventano una lunga crociata, se quella guerra intestina è stata il pretesto per dare vita a una nuova edizione, questa volta incensurata, dei giochi: trappole, meccanismi diabolici, mostri. Katniss non combatte in prima linea: simbolo da proteggere, sfila nelle retrovie, con una troupe che immortala e denuncia e due ragazzi che si contendono i suoi sentimenti. Il canto della rivolta – Parte 2 è il resoconto in tempo reale di un colpo di stato; una scalata al potere che esalta poco, con due ore abbondanti che spesso si patiscono, una regia statica e un cast provato. Perfino la Lawrence, per me sopravvalutata, ma di una potenza clamorosa nei passati capitoli, ha addosso i segni della stanchezza. La sua Katniss è poco ispirata, poco ispiratrice, anche prima che fatti tragici – i quali, comunque, non emozionano quanto sperato – ne intacchino la famosa energia. Gli spumeggianti comprimari – la frivola Banks, il brillo Harrelson – non sono abbastanza presenti per alleggerire i toni, in generale grevi, e accanto a un'impeccabile Julianne Moore, solo Josh Hutcherson – interprete di uno dei personaggi maschili più teneri di cui abbia letto – brilla, con la ragione che lo inganna e un amore che, neanche sotto tortura, si dimentica. La saga di Hunger Games ha un solo difetto: un film di troppo. Alla resa dei conti, questo: dispiace ammetterlo, il più deludente dei quattro. Non che sia spiacevole, ma quanto avrebbe giovato un montaggio migliore al risultato totale? A colpi di forbici immaginarie, troncare una prima ora superflua – la protagonista, a lungo, non si batte, e quando il pericolo salta fuori ha tutta l'aria dei vampiri di Io sono leggenda; immancabili perciò il sacrificio eroico e le esplosioni a catena – e aggiustare un po' il resto. Una mezz'ora conclusiva, ad esempio, bella, ma non abbastanza. Poteva essere bellissima, tristissima, ma non c'è tempo per piangere, quando invece di tempo, all'inizio, se ne è perso in quantità ingenerose. Il canto della rivolta non è né abbastanza concitato – manca di fluidità, di ritmo – né abbastanza emotivo – i fazzoletti, inutilizzati, sono ancora nella tasta della mia giacca. Il romanzo, invece, nonostante le pecche di una prosa così così, mi aveva scosso: moriva la speranza, si sceglieva la ragione e non l'amore. La morale resta invariata, ma giunge attutita: quell'umanità sofferente non tocca e la risoluzione del triangolo appare quantomai ovvia. Per fortuna ci sono Peeta e Ranuncolo, il gatto randagio che probabilmente li seppellirà tutti quanti, a regalare qualche emozione in un mondo di comprimari robotici; quasi presi da altro. In giorni oscuri come i nostri, di terrore e terroristi, Hunger Games ci ricorda, per l'ultima volta, i nostri sbagli e le nostre debolezze: le continue guerre, quando avevamo augurato ai nostri figli la pace, e l'abbandonarsi alle decisioni dei demagoghi; i fallimenti della democrazia e la sterilità delle vendette. Ci vorrebbe una Katniss, con i messaggi forti di cui è portavoce, a guidarci; possibilmente, non questa: irriconoscibile. Le strategie promozionali e la sete di guadagni raddoppiati, infatti, fanno male a una saga – la più significativa, per le nuove generazioni – che ci ha dato molte soddisfazioni, nel tempo, ma poi si è rimangiata la promessa. Così, se qualcuno, come accade al buon Peeta, mi facesse una domanda precisa – Hunger Games lo consigli, vero o falso? -, gli risponderei vero, nonostante giochi sordidi – non del Presidente Snow, questa volta, ma delle grandi major – abbiano fatto di tutto e di più per indurmi a dire il contrario. 
Colpa degli scontati, inevitabili inconvenienti del brodo allungato. (6,5)

28 commenti:

  1. Mi sono abbastanza piaciuti i libri. I film un po' meno. Dopo la delusione dei primi due non ho avuto ancora modo di recuperare la parte iniziale de "Il canto della rivolta" e non ho sinceramente, nemmeno troppa fretta di farlo. Aspetterò il passaggio di entrambi su Sky.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, invece, ho letto senza troppo interesse i primi libri, ma ho da subito apprezzato le trasposizioni cinematografiche. Davvero sopra la media. La Collins, purtroppo, proprio non mi piace. Ma qui, devo dire, non è cola sua.

      Elimina
  2. Anche io risponderei vero nonostante ci siano state cose che mi hanno fatto uscire fuori dalla sala confusa. Solo che vince il cuore, sempre, e nonostante tutto ho trovato quelle piccole cose che mi facessero apprezzare. Ne ho parlato giusto ieri sul blog :) Come sempre impeccabile, Mik! Grande :D

    RispondiElimina
  3. La serie, per quanto non il mio genere, è andata in crescendo, dal pessimo primo al quasi guardabile terzo.
    Speriamo che questo non mi faccia troppo schifo. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siccome, invece, io penso che sia andata decrescendo, magari questa conclusione ti starà bene. ;)

      Elimina
  4. a me è piaciuto solo il primo capitolo e via via ho notato una "bollitura" cinematografica a fuoco lento.. ( quest'ultimo film della saga nello specifico ancora mi manca ), eppure ne parlano tutti bene di quest'ultimo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, invece, ho trovato il secondo una macchina perfetta. Calzante e assolutamente coinvolgente: non mancava niente. Questo, che è vero, tanto piace, l'ho trovato il solo tasto dolente. Perfino nell'ultimo c'era qualcosa di rimarchevole, in qualche modo.

      Elimina
  5. Ancora non l'ho visto, ma credo che andrò questa settimana. Mi dispiace non ti sia piaciuto :/ a tratti nemmeno a me aveva convinto la prima parte, perciò sono un po' preoccupata c.c sarebbe un peccato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, neanche a me la parte uno aveva entusiasmato. L'operazione, purtroppo, puzzava sin dall'inizio!

      Elimina
  6. Ancora devo vederlo, ma un po' di paura che possa sembrare un brodo allungato ce l'ho...
    Comunque #TeamKatniss forever! :)

    RispondiElimina
  7. Anche a me non è piaciuto. Katniss è troppo spenta, anche nel libro è così ma rende diversamente, inoltre non ho provato nessuna commozione per tutti i personaggi che sono morti.
    Il fatto è che nel terzo libro non si ottiene una vera vittoria, si, sconfiggono Snow ma a che prezzo? Katniss voleva solo salvare la sorella non scatenare una rivoluzione e alla fine, in questo, fallisce. Nel libro tutta questa amarezza e sconfitta si percepisce, nel film sembra che vogliano far vivere tutti felici e contenti.
    E poi, secondo me, è mancata anche una colonna sonora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hai rubato le parole di bocca, Laura.

      Elimina
  8. porca vacca devo recuperare il terzo...
    ho visto il primo ed il secondo, ambedue belli, anche se il secondo aveva più corpo

    non ne sto leggendo bene per nulla, anzi la delusione è diffusa, ma io non penso non meriti di essere visto, anche solo per chiudere un cerchio che va chiuso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, quello senz'altro. La furberia della divisione in due parti, ahimè, lo penalizza. ;)

      Elimina
  9. Ne sono uscita meno provata e meno delusa rispetto a te, le parti migliori erano quelle dell'azione come sempre, come nei vari giochi. Il resto é purtroppo troppo lungo e quelle due ore e mezza sembrano eterne e col senno di poi mal gestite. Resta comunque la malinconia della fine, e la voglia, fra qualche anno, di ritrovarsi a Panem.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo era il libro che preferivo, dei tre, e non gli hanno reso molta giustizia.

      Elimina
  10. L'ho visto ieri sera e sono stato leggermente più buono di te sul voto, considerando però tutta la saga (la recensione esce martedì...). Mi è piaciuto moderatamente, brodo allungato sì, ma sicuramente piacevole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, ma nel mio caso pesa (ragionevolmente) il paragone con il libro.

      Elimina
    2. AL contrario, ho visto una videorecensione su youtube di uno che sostiene che il film sia fedelissimo al libro e che pensa che i problemi che ha questo ultimo capitolo siano più o meno gli stessi del romanzo.

      Poi riporto per sentito dire ovviamente, non avendo letto nessuno dei romanzi...

      Elimina
    3. Il romanzo ha i suoi problemi, verissimo, ma durano trecento pagine. Qui, divisi in due film, quattro ore e passa.

      Elimina
  11. Come sai, mi è piaciuto moltissimo! :D
    Al contrario del libro, che purtroppo mi aveva un po' annoiato!
    PS: non c'entra niente ma sai che ieri poi, finalmente, ho visto "Sils Maria"? Oddio... non ci ho capito quasi niente, la cosa che mi è rimasta più impressa è la Stewart che, alla fine del film, semplicemente volta le spalle alla telecamera dicendo una parolaccia e si allontana.. era la stessa cosa che volevo fare pure io, per una volta ci siamo trovate perfettamente d'accordo ahaha! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo, io l'ho trovato splendido. Vagamente, conto di riprenderlo anche nella mia (futura, molto) tesi. La Stewart, tra l'altro, bravissima. ;)

      Elimina
  12. Ho visto il tuo commento sotto la recensione di Denise e, trovandomi d'accordo con il tuo pensiero, sono corsa a vedere se ne avessi scritto una recensione... pura e semplice curiosità di una persona che solitamente al cinema lascia litri di lacrime e tonnellate di emozioni.
    Quando è terminata la pellicola di questo quarto film non sono riuscita a trattenere il mio disappunto, ero davvero arrabbiata; ho come avuto la sensazione che tutto ciò che per cui hanno lottato, tutte le perdite, tutti i dolori, siano stati minimizzati da un finale così: vuoto.
    Più che deludermi, mi ha proprio fatto rimaner male. :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, felice mi abbia scovato, Jen.
      Già, purtroppo mi trovi d'accordissimo ;)

      Elimina
  13. Non ho letto i libri ed ho visto solo il primo film, dopo di che ho decido che non avrei mai guardato i vari seguiti... Non mi è piaciuto per nulla, ci ho anche provato a guardare il secondo in una giornata di noia, ma nulla non ce l'ho fatta :(

    RispondiElimina
  14. Non ho letto i libri ed ho visto solo il primo film, dopo di che ho decido che non avrei mai guardato i vari seguiti... Non mi è piaciuto per nulla, ci ho anche provato a guardare il secondo in una giornata di noia, ma nulla non ce l'ho fatta :(

    RispondiElimina