venerdì 12 aprile 2013

Recensione: Le cose che non ho, di Grégoire Delacourt

Vedete, si mente sempre a sé stessi. Perché l'amore non resisterebbe alla verità.

Titolo: Le cose che non ho
Autore: Grégoire Delacourt
Editore: Salani
Numero di pagine: 142
Prezzo: € 12,90 
Data di pubblicazione: 4 Aprile 2013 
Sinossi: Dice un vecchio adagio che le lacrime più amare sono quelle versate per le preghiere esaudite. 
Sì, a volte succede che la gioia per una svolta inattesa del destino svanisca in fretta di fronte alla possibilità concreta di realizzare un sogno, lasciandoci smarriti e confusi. È quello che accade a Jo, la protagonista di questo romanzo: "un cuore semplice", una donna intelligente e positiva con un'esistenza quieta, nutrita di sogni, che per un colpo di fortuna all'improvviso è in grado di realizzarli tutti. Forse la felicità non è così matematica. 
Forse non si tratta solo di sommare un sogno dopo l'altro, ma di ritrovare se stessi in ciò che si fa. Forse a Jo semplicemente non serve avere tutto ciò che ha sempre desiderato; perché il suo matrimonio, il lavoro, i figli ormai grandi e l'amore non sono beni acquisiti ma cose vive che sfuggono al suo controllo, e con cui si può solo entrare in sintonia senza farsene travolgere, come quando si nuota tra le onde di un mare agitato.
                                                La recensione
A me le parole piacciono. Amo le frasi lunghe, i sospiri che non finiscono più. Mi piace quando, a volte, le parole nascondono quello che vogliono dire; o lo dicono in un modo diverso.”  
Dicono che siano le nostre stesse mani ad annodare e a sciogliere i fili della sorte, che l'essere felici e l'essere tristi siano scelte che intraprendiamo più o meno consapevolmente, che i soldi non cambino la vita. Eppure, questa storia mostra esattamente il contrario.
Bastano una serie di numeri fortunati – scelti a caso tra date da ricordare, numeri di telefono affiorati d'un tratto e cifre scarabocchiate su una banconota consumata – a mettere in moto i meccanismi più imprevedibili del destino. A renderci i fortunati vincitori di un premio da sogno, che più che in un cassetto sarebbe da custodire in un blindatissimo cavò!  
Jo tiene la sua felicità in una vecchia scarpa nascosta sul fondo dell'armadio: un assegno da 18.547.301 euro e 28 centesimi che, senza dirlo a nessuno, è passata a ritirare con la massima segretezza. Durante l'estrazione del Lotto, hanno letto i numeri sui quali aveva puntato. E' lei ad aver vinto quella somma da capogiro. Adesso è la donna più ricca del paesino in cui vive: presto tutti la vorranno, presto sarà su tutti i giornali. Ma a lei tutti quei soldi spaventano. Dovrebbero farla sentire al settimo cielo, entusiasta, invasata da una voglia matta di darsi allo shopping più inutile e costoso, ma ha imparato che se qualcosa fa paura quella cosa non può essere la felicità. Così, anziché gridare ai quattro venti la sua fortuna, la nasconde accuratamente nell'armadio - lontana dagli occhi, lontana dal cuore – e vive la vita con leggerezza, come se niente fosse. Fa liste infinite delle cose che non ha ma che vorrebbe avere, si nutre dei sogni che ha sempre sognato e che, anche se ha i mezzi per farlo, non vuole realizzare. Il denaro non può comprare tutto, i soldi non fanno la felicità: lei, in realtà, ha già tutto quello che le serve.
Sembrerebbe il ritratto tipico della cinquantenne insoddisfatta, eppure è stranamente felice. Non chiede di più di quel che ha. Vediamo un po'... Un papà anziano che ogni sei minuti perde la memoria; una mamma morta troppo presto ma che, da quando ha diciassette anni, abita i suoi ricordi; due figli grandi e lontani; un blog e una merceria che hanno il potere di rendere felici la gente, con la parola giusta nel momento giusto, nastri e merletti; un marito rozzo e schietto, che la porta raramente in vacanza, che non le ricorda mai quanto è bella, ma che tuttavia c'è. Sulla vetta e nell'abisso, nell'allegria e nel lutto condiviso insieme, lui è rimasto. Senza di lui non vivrebbe. Non è il principe azzurro o la popstar di cui sognava da ragazzina, affidando le sue speranze a un diario color confetto, ma è l'uomo della sua vita. Adora i suoi mille grattacapi, ama regalare sorrisi alle sue lettrici, venera la semplicità e la noia del suo quotidiano. Si tiene tutto per sé: le ansie e i dilemmi, e quel peso a tantissime cifre che vegeta tra scarpe, giubbotti e palline di naftalina. Finché, un giorno, è qualcuno di insospettabile a scoprire il suo prezioso ed esorbitante segreto. Le cose che non ho, il più grande successo editoriale francese dai tempi dell'Eleganza del Riccio, è un romanzo piccino, ma su cui si è abbattuta una fortuna immensa, proprio com'è accaduto alla donna che lo anima con i suoi desideri e con le sue angosce. Dotato di un'eleganza tutta parigina, è una commedia per tutti, sfavillante di armonia, grazie e joie de vivre. I capitoli sono veloci e pieni di piccole perle, il tono è rilassante e colloquiale, lo stile scelto dall'autore rende la storia di Jo un godibilissimo flusso di coscienza: più che un monologo, una confessione a sé stessa. 
Una colorata e fine presa di coscienza, tipica di ogni crisi di mezza età che si rispetti. E, ritornando all'affermazione fatta appena qualche rigo fa, sì, dell'autore: Grégoire Delacourt, classe 1960, è uno dei pubblicitari più affermati e noti di Francia. E' un uomo. Che dà voce ai pensieri più intimi e privati di una donna. Il risultato è straordinario, pur nella sua ordinarietà. Il romanzo appare immediato, realistico, un po' naif, troppo vero per essere mera finzione. Per essere un'esplorazione del più impervio, mutevole e misterioso dei luoghi: il cuore femminile. Delicato, morbido, senza prezzo. Jo è la moglie e la mamma media, è una trapezista che si è librata sulla depressione più spietata (la morte di un neonato), è la ballerina più paffutella e simpatica di una parata tutta in rosa. L'elefantino più aggraziato che c'è!Ebbi l'impressione di trovarmi nel bel mezzo di uno di quei film sdolcinata di Frank Capra e posso dirvi che, certe volte, le sdolcinature fanno bene.”  
Ma anche a lei, alla fine, la vita gioca un brutto scherzo. Una botta di fortuna, o una pioggia di verdoni che diventano una calamita di guai? Conoscere la risposta a questa domanda ha giocata un brutto scherzo a me e a lei, e l'epilogo di una storia così vitale e ottimista mi ha reso triste all'improvviso. Perché questo romanzo è fatto di vite vere, in fin dei conti. E di cieli che conoscono giornate di sole e nuvoloni nerissimi. Mi aspettavo di leggere la versione cartacea di un allegro film d'oltralpe, invece mi sono ritrovato gocce amarognole sul cuore. I fiori in copertina sono bellissimi, colorati, leggeri come l'aria: ma, senza radici, appassiranno. Li sostituiremo con altri, scegliendo dal nostro fioraio di fiducia una qualità più profumata e bella. Anche se non saranno più gli stessi, e non lo sarà il vaso in cui li poseremo, e non lo sarà l'acqua in cui si bagneranno, e non lo saremo noi. Ci sono un lato positivo e uno negativo in ogni aspetto della nostra vita. Le cose che non ho ce li mostra entrambi, contemporaneamente, quasi a capitoli alterni, con un spensieratezza che non sa rinunciare nemmeno agli occhi lucidi, al sale sulle guance e al “cancro del male che gli uomini fanno al cuore delle donne”.
Il mio voto: ★★★
Il mio consiglio musicale: Dionne Warwick And Friends - That's What Friends Are For

14 commenti:

  1. bella recensione che sul finale, come credo il libro, mi ha lasciato un pò di amarezza. deve essere simpatico, tutti noi vorremmo vincere la lotteria ma non ci soffermiamo mai a pensare veramente come cambierebbe la nostra vita se lo facessimo! bella canzone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Lara! Questa canzone l'hanno scelta i miei, ben ventitrè anni fa, per il loro filmino di matrimonio :)

      Elimina
  2. stranamente mi piace..vorrei leggerlo.. il vero gusto della vita stia nelle piccole cose, che ci fanno felici ogni giorno,e non ne soldi (anche se male non fanno) temo un po' il finale triste ma se lo trovo lo prendo, magari quando ho smaltito qualche lettura. Bella recensione, ma cosa te lo dico a fare??questo lo sai:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Vale :) Sì, se ti capita di trovarlo in libreria dagli una chance...
      Poi, se lo trovi anche scontato del 15%, il prezzo è conveniente! E' breve, ma l'edizione è carinissima!

      Elimina
  3. Uff.. per colpa delle tue recensioni la mia WL è sempre più lunga! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha, le WL sono peggio dei rotoloni Regina: non finiscono mai :P

      Elimina
  4. bellissima recensione, lo terrò in considerazione :)

    RispondiElimina
  5. Descritto da te, sembra molto carino... Ma lo segnero' con un punto di domanda perché non ho un bel rapporto con gli scrittori francesi: non so se sono stata sfortunata o se hanno uno stile tutto loro, ma il 90% di quei pochi che ho letto, mi hanno annoiata fino al sonno o_O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io adoro il cinema francese, di libri ne ho letti un po' pochini, ed erano quasi tutti thriller: quelli te li consiglio!
      La Trilogia del Male di Maxime Chattam è strepitosa :D

      Elimina
  6. Io l'ho letto in 2 giorni, ma non mi ha preso più di tanto, però come lettura distensiva e scorrevole lo consiglio!

    RispondiElimina
  7. Invogliata dalla copertina e convinta dalla libraia e da un'altra cliente ho acquistato questo libro. Pentita non sono ancora arrivata a metà...lo trovo noioso, banale, troppi nomi commerciali gratuiti...a volte anche un po' volgare...non credo una donna si esprimerebbe in certi termini. Mi accorgo, nel corso della lettura, di non gustare le parole ma di saltare le righe, di "rotolare" lungo le frasi come si fa con una rampa di scale quando si ha fretta di arrivare alla fine. Non credo poi che la visione del mondo che ha un uomo, per quanto sensibile e gentile sia, possa essere simile a quella di una donna...(e questo vale anche per il contrario). No....non lo consiglierei.

    RispondiElimina
  8. UN"amica ha trovato il suo libro senza L'ultima pagina... ci puoi aiutare a recuperarla?

    RispondiElimina
  9. jacqueline Mosca13 gennaio 2015 14:09

    letto...molto scorrevole...lo si legge in fretta....Mi è piaciuto! lo consiglio..

    RispondiElimina