venerdì 13 luglio 2012

Recensioni a basso costo: Vampire Moon, di J.R Rain

Ciao a tutti! Oggi, una recensione per chiudere in bellezza la settimana. Dopo Moon Dance (la mia recensione qui), il gentile ufficio stampa Giunti – che ringrazio ancora una volta – mi ha data modo di leggere il secondo capitolo dell'imperdibile serie di J.R Rain, ancora più divertente e intenso del precedente volume. Visto anche l'ottimo prezzo e l'ammiccante e simpaticissima copertina, al vostro posto, non me lo lascerei davvero sfuggire! Buon weekend a tutti ;) Un abbraccio, M.   

 Titolo: Vampire Moon
Autore: J.R Rain
Editore: Giunti “A”
Numero di pagine: 270
Prezzo: € 9, 90
Data di pubblicazione: 27 Giugno 2012
Sinossi: C'è sempre troppa luce per Samantha Moon, la detective con gli occhiali scuri che, da quando è stata trasformata in una creatura della notte, ha dovuto dire addio al suo ruolo di moglie e madre. Ora vive in una desolata stanza d'albergo con le veneziane rigorosamente abbassate e, mentre lotta con tutti i mezzi per incastrare l'insopportabile ex marito e riavere i figli con sé, dà la caccia a un pericoloso criminale e protegge una donna indifesa. Ma la posta in gioco si fa sempre più alta, il lavoro si mescola alle vicende private e Sam rischia di mettere in pericolo anche la tenera (si fa per dire) storia d'amore con Kingsley, il suo misterioso - e spaventoso! - cavaliere. E, inoltre, chi si nasconde dietro al fedele amico elettronico che conosce i suoi segreti più inconfessabili? E perché all'improvviso lui insiste tanto per vederla?
                                                                              La recensione
A gennaio, la collana Giunti “A” aveva lasciato i suoi affezionati lettori con le mani occupate da uno dei romanzi più freschi e deliziosi dell'anno e con un'allettante promessa. Un arrivederci a giugno con un raffinato e divertente appuntamento in compagnia di un flûte di sangue fresco, di una tavola ricca d'umorismo e mistero, e, soprattutto, della mamma/vampiro più figa di sempre.
Non sapete a chi mi riferisca? Alla mitica Samantha Moon, ovvio! Ancora buio totale, mi dite? GROSSO, GROSSO errore, amici miei.
Vi si prospetta, tuttavia, ancora una lunga estate davanti, quindi avete quasi due mesi per trovare assoluzione da questa imperdonabile colpa!
Avvertenze prima dell'uso: i vostri vicini d'ombrellone potrebbero denunciarvi per schiamazzi molesti davanti alle vostre incontenibili risa, ai vostri ampi sorrisi maliziosi e al vostro momentaneo trauma una volta giunti all'ultima pagina del libro. Potreste cominciare a saltellare in lungo e in largo in un'estiva seduta vodoo per velocizzare l'uscita di American Vampire o, peggio ancora, a ululare – preda di una stramba frenesia che ha i sintomi di una sbronza colossale – all'immensità lattiginosa della luna.
C'è un film che, sin da bambino, adoro con tutto me stesso e che, probabilmente, anche voi conoscerete a memoria come una allegra filastrocca infantile. Mrs. Doubtfire, la storia di un “mammo per sempre”, interpretata da un intenso e indimenticabile Robin Williams e diretta da Chris Columbus, il papà cinematografico di Harry Potter.
La protagonista di questa serie di romanzi è proprio così. Notevolmente più magra, certo, e senza tette di gomma piuma e protuberanze davvero poco femminili nascoste tra le balze di una gonna un po' demodè, ma con le stessa ironia, la stessa dolcezza e la stessa voglia di essere genitore che spingeva quel “drug queen per caso” a strizzarsi in panciere e reggiseni da nonnina pur di vedere i suoi figli crescere accanto a lui come avveniva un tempo.
Samantha, certo, ha qualche marcia in più. Una schiera di denti affilati, artigli letali laccati di smalto rosso, una forza sovrumana che le fa distruggere vetri blindati come fossero pasta frolla, un corpo pallido e sinuoso, due occhi di rubino nascosti dalla tesa di un ampio cappello e una nemesi ingombrante e spaventosa che, come l'alter ego dei supereroi, la aiuta nei momenti più difficili e nei casi più complessi. Un enorme pipistrello alto due metri che, nero come le ombre della notte e leggero come l'aria, quando serve, dà una piccola spintarella (o meglio... un poderoso calcio nel sedere!) alla giustizia e alle contraddizioni delle leggi odierne, diventando terrificante paladino in gonnella dei più afflitti.
Ma, in questo secondo volume, meno fumetto e più donna, Samantha è inquadrata in un mondo di umane fragilità, amarezze e cuori ulcerati, ammantato di fitti misteri che ricordano il telefilm Revenge, di massicce dosi di paranormale e di una lucida spietatezza di fondo, piacevolmente politically uncorrect. E' la vampira che prende in giro sé stessa e le sue strane voglie, la creatura che vola oltre i grattacieli di Orange County con l'ausilio della notte, la detective privata che difende letteralmente con le unghie e con i denti i suoi clienti, l'algida trentenne che cerca la felicità in Kinglsey Fulcrum dopo un matrimonio fallito, la mamma – privata del suo ruolo – che, piegata dal dolore, piange disperatamente nella sua auto dai finestrini oscurati per i bambini che, un paio di volte a settimana, può sentire soltanto per telefono, separata da loro da metri di filo, cornette e dalla repulsione del suo odioso ex. Più affascinante e adorabile di sempre, ha lo charme immortale delle dive del passato, la bellezza bruna della detective Jane Rizzoli, la sfacciataggine e il sex appeal di Stephanie Plum e la voce di una cara, vecchia amica che spicca perfino nel vociare più concitato.
Grandioso J.R Rain. Una personalità sfuggente e duttile, che apparentemente sembra annullarsi, eclissandosi come il sole al tramonto, nell'energia irradiata dalla spiccata personalità della sua mitica protagonista, ma che dà un'immancabile impronta maschile a un romanzo frizzante come uno chick-lit, vagamente onirico e misterioso come un thriller.
Incredibilmente dark, pur sotto il sole cocente della California. Incredibilmente emozionante e realistico, nonostante le apparenze promettano un fantasy leggero e poco impegnativo.
La Alice Allevi dell'italianissima Alessia Gazzola ha trovato finalmente la sua gemella a stelle e strisce. Fanno lavori diversi, parlano lingue diverse, hanno conformazioni dentali diverse, ma, in poche pagine, tra sorrisi e piccoli dolori, regalano al cuore gli stessi sorrisi e gli stessi battiti impazziti.
Consigliato vivamente. Una boccata d'aria fresca a 9.90 €. Puro e semplice intrattenimento in riva all'azzurro mare di luglio.
Il mio voto: ★★★★ 
Il mio consiglio musicale: Nancy Sinatra - These boots are made for walking 

2 commenti:

  1. Completamente concorde con te! Una boccata d'aria fresca proprio grazie alla sua originalità. E ahimé, dovrò attendere impaziente il seguito che spero non tardi troppo.
    Complimenti ancora per la recensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Stefania! Incrociamo le dita ;)

      Elimina