mercoledì 31 dicembre 2014

2014 Mr Ciak Awards - La Top 20

Quest'anno, ho parlato tanto di film quanto di libri. Nasco come blogger letterario, ma sono un po' un tuttologo. Mi piace parlare, in realtà, di quello che mi è piaciuto. Come a tutti, credo. Alla lista dei film del 2014 ci tenevo particolarmente: è il primo anno che la faccio e mi piace moltissimo l'idea, tra un paio di mesi o qualche anno, di venire a sbirciare cosa mi aveva colpito e perché. Un rapidissimo viaggio, dunque, dalla ventesima posizione alla prima e un tuffo tra i migliori attori, i personaggi fighi, le scene “incriminate”. Occhio: nell'ultima parte del post potrebbero esserci spoiler su situazioni e simili. Il mio, di occhio, sempre puntato verso i miei amati libri e, sul podio, più di qualche trasposizione cinematografica. E i grandi assenti? Non li ho proprio visti. Di Grand Budapest Hotel mi disgustano i colori zuccherosi da torta avariata; Nynphomaniac avrei voluto vederlo al cinema, per evitarre imbarazzanti situazioni in casa, ma avevo paura che il mio vicino di posto, nel buio della sala, potesse – che ne so – masturbarsi, e con la mia mano; The Wolf of Wall Street, per tutti il vero film dell'anno, mi era risultato un titolo indigesto a causa di tutti i fan(atici) di Di Caprio che, alla vittoria del bravissimo McConaughey, gridavano alla cospirazione e così non l'ho recuperato. Non ho beccato al cinema neanche Interstellar. Vi saluto, mentre sulla mia città scende una neve freddissima. Torno al mio latino, vi auguro buon anno, vi ringrazio per avermi fatto compagnia. Buona fine e buon inizio, M.
 
20. Il giovane favoloso: Operazione razionale e poco vivace, con un Elio Germano assurdamente in parte che ti instilla il pianto, la malinconia, il dubbio, le idee.
19. American Hustle: Una commedia funambolica e bugiarda, in cui tutti imbrogliano tutti, ma lo spettatore è trattato con i guanti bianchi.
18. The JudgeUn'americanata di raro valore, con due mostri di carisma al comando. 
17. Nebraska: La carica vitale degli anziani. Il loro candore, la loro schiettezza, la loro ruvidezza, la loro mesta allegria in una perla che ruba consensi e parole superflue.
16. Song'e Napule: Tocchi di hard boiled, comicità da bollino verde. Un Gomorra in versione neomelodica. Il personaggio di Morelli chi se lo scorda? A casa mia ne parlano ancora.
15. 12 anni schiavo: Ci si aspettava di più. Da un “miglior film” e da McQueen. Nonostante le frustate, non lascia cicatrici.
14. Dallas Buyers ClubStoria vera, senza peli sulla lingua e senza cornici, con due attori per descrivere i quali ci vorrebbero nuovi aggettivi.
13. The Babadook: Un horror di fantasmi di padri e involucri di madri, che parla del modo in cui devi nutrire i tuoi demoni. Altrimenti poi mangiano te. Il tuo cuore, quello che ti rende buono e giusto.
12. Tutto può cambiare: Un'orecchiabile fiaba acustica, che conosce il traffico, il rumore, le seconde opportunità, artisti che si mettono comodi e ti dedicano una canzone.
11. I segreti di Osage County: Uno scontro tra tre generazioni, una pellicola che odora di grande teatro e brilla di grandi dive: il nuovo Carnage. Un delizioso calvario.


10. Saving Mr Banks: Avete presente quando l'unica cosa che volete è sentire qualcosa? Per me, è stato questo. Tornare a respirare, tornare a sentirmi. Immancabile, totalmente, per chi vive di storie.
9. Due giorni, una notte: Ti fa disperare per le chiamate rifiutate, le porte sbattute in faccia, i “no” nudi e crudi... e per quegli impensati gesti di gentilezza che ti accarezzano l'anima.
8. The Normal Heart: Bomer si trasforma, Ruffalo ti urla addosso. Cast straordinario, script perfetto, per un grande film del piccolo schermo con un cuore non normale, ma grosso così. Vivere d'amore, morire di Aids.
7. Locke: Tom Hardy regna. Ride, si arrabbia, si commuove senza mai togliere il piede dall'acceleratore. La corta odissea di un uomo, il viaggio della vita.
6. Lo sciacallo: Un immorale e bruttissimo Jake Gyllenhall in preda a un inquietante, divertentissimo, perfetto delirio di onnipotenza.
5. Colpa delle stelle: Ho capito che era meglio del libro quando mi sono ritrovato con il viso bagnato di lacrime, per due volte, e quando perfino gli utenti di Cineblog01 scrissero commenti sensati, in italiano, e sinceri. Quella volta risparmiai sulla bolletta dell'acqua: l'anonimato mi permette di dire che ho pianto il mare?
4. Gone Girl: Un teatro dei burattini che smantella tutto ciò che è perfezione apparente, anche se alla perfezione è vicino. E da una leggenda come David Fincher chi osava aspettarsi qualcosa di meno? 
3. Alabama Monroe: La vera, inarrivabile Grande Bellezza proveniva dal Belgio. Una ballad che fa ballare i piedi e sanguinare i cuori, che ci parla della naturalezza con cui anche chi ha un animo gitano può costruirsi una famiglia. E un amore con cui marchiarsi la carne per l'eternità.
2. Boyhood: Il più generoso e originale regalo che qualcuno potesse fare alla mia generazione. Siamo ragazzi fortunati. Chi altro potrà dire di aver visto la propria infanzia in tre ore? Una storia epica nella sua semplicità, non recitata ma vissuta a fondo. Splendido e infinito.
1. HerJonze firma un capolavoro pieno di saggezza e grazia. Una lunga lettera aperta a una donna mai nata e a una relazione mai esistita. Un duetto di grandi voci passate alla radio .The Artist era il ritorno al muto. Her, più che vederlo, lo senti. Cieco, come l'amore impossibile tra Theodore e Samantha.  

Migliore attore protagonista:
- Lo sciacallo - Jake Gyllenhall
- Dallas Buyers Club - Matthew McConaughey
- Locke - Tom Hardy
Miglior attore non protagonista:
- Dallas Buyers Club - Jared Leto
- 12 Anni Schiavo/Frank - Michael Fassbender
- The Judge - Robert Duvall 
Migliore attrice protagonista:
- Gone Girl - Rosamund Pike
- I segreti di Osage County - Meryl Streep
- Due giorni, una notte - Marion Cotillard
Miglior attrice non protagonista:
- I segreti di Osage County - Julia Roberts
- Her - Scarlett Johannson
- Boyhood - Patricia Arquette

[ATTENZIONESPOILER]
Sono una muchacha troppo sexy:
- Sin City 2 – Eva Green
- White Bird in a Blizzard – Shailene Woodley
- American Hustle – Amy Adams
Bello impossibile:
- Posh – Booth, Claflin, Irons
- Cattivi Vicini – Zac Efron
- Dracula Untold – Luke Evans
Nice to meet you, where you been?:
- Ansel Elgort (Colpa delle stelle, Divergent)
- Ellar Coltrane (Boyhood)
- Lupita Nyong' (12 anni schiavo)
Will you recognize me?:
- The Normal Heart – Matt Bomer
- Gimme Shelter – Vanssa Hudgens
- Sarah Snook – Predestination
Sing:
- Lost Stars – Tutto può cambiare
- The Moon Song – Her
- The Hanging Tree – Hunger Games III
Psycho Killer:
- Gone Girl – Rosamund Pike
- Wolf Creek 2 – John Jarratt
- Sin City 2 – Eva Green
I love the way you d(l)ie:
- Emma Stone – The Amazing Spiderman 2
- Neil Patrick Harris – Gone Girl
- Juno Temple – Horns
Cry me a river:
- Colpa delle stelle – Il prefunerale, la lettera
- Alabama Monroe – La scena conclusiva
- The Normal Heart – L'addio
Hot Stuff:
- White Bird in a Blizzard – Shailene Woodley e Shiloh Fernandez
- Nurse 3D – Paz De La Huerta
- American Hustle – Amy Adams e Jennifer Lawrence 

28 commenti:

  1. Alcuni non li ho visti, altri probabilmente li ho visti nel momento sbagliato, anche io ho mancato Interstellar e comunque , dai Her ci può stare come primo e vedo con piacere anche Song E Napule che a me è piaciuto moltissimo...
    Quello che hai detto su Nymphomaniac e sul tuo vicino di poltrona mi ha fatto letteralmente collassare!!! Buon anno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha, io sono sensibile a queste cose :)
      Buon anno a te!

      Elimina
  2. Bellissimo post! Me ne mancano parecchi da questa lista perchè quest'anno mi sono dedicata a recuperare classiconi del passato o anche solo di qualche anno fa; Her pienamente condiviso, miglior attrice non protagonista non condivido (forse perchè il film non mi è andato molto giù).
    Devi recuperare assolutamente Interstellar, una chicca di Nolan sicuramente non all'altezza di film come Memento e Il Cavaliere Oscuro, ma che sicuramente si lascia guardare. Nynphomaniac non l'ho gran che sopportato, sebbene abbia visto entrambi e preferito il primo: Lars Von Trier mi sembra un bambino disagiato che per colpire la critica si mette a rompere ogni regola e morale, egocentrico ed eccentrico.
    The Wolf of Wall Street: come te, all'inizio non ce la potevo fare - ogni volta che qualcosa viene montato ed esaltato scatta il rigetto. Tuttavia è l'ennesima pellicola firmata Scorsese, con Di Caprio e con un grande ritorno di temi che aveva da un pò abbandonato.
    Per Gran Budapest Hotel... puah, idem con patate. Dovrà aspettare ancora un pò, e dovrà beccarmi in un momento abbastanza "hipster" ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me Von Trier sta sulle scatole in una maniera assurda - lo manderei a zappare - ma i suoi film hanno una fotografia splendida, e non penso che quella sia merito suo. Ma sai che a me Nolan pure è un po' indigesto? Mi annoia parecchio la saga di Batman, ma cose come Prestige e Memento le ho adorate.
      Sono certo che Scorsese merita, e quando non merita?, ma almeno non mi ha scombussolato il podio, già fissato da anni. Che gioia: un'altra persona che ritiene disgustosi i colori di vomito d'unicorno di Anderson :)

      Elimina
    2. Guarda, qualcuno parlò di Anderson lungo la seguente linea: "Un regista dal puro esercizio estetico, una fotografia studiata alla perfezione, uno dei migliori cineasti del nuovo decennio... peccato non abbia nulla da dire". Penso che costui ci becchi in pieno: Anderson non ha NULLA da dire, se non farci vedere come il cinema può essere bello tanto quanto un quadro impressionista.
      Su Nolan mi trovi in disaccordo (eheh): sotto Natale mi sono voluta vedere tutta la filmografia, per capire bene la sua poetica e la sua tecnica ed ero un pò restia davanti alla trilogia, tanto che l'ho lasciata per ultima. MA COSA NON E' Il Cavaliere Oscuro!! Mi è piaciuto da MORIRE, mi sono ricreduta. Ha davvero riscattato il genere a parer mio. Non è solo un film su un supereroe, ecco.

      Ora mi sto facendo Fincher, voglio arrivare a Gone Girl super preparata :P

      Elimina
    3. Ah, quell'appunto sul lavoro di Anderson è tutto :)
      La trilogia di Nolan è una cosa grossa, però non so. Non la rivedrei a cuor leggero: l'ho trovata troppo pesante, piena di implicazione che a lungo andare stantano. Che nessuno mi proponga una maratona! Di Fincher mi manca giusto qualcosina - tipo Zodiac - però devo rimediare ;)

      Elimina
  3. tralasciando la scandalosa assenza di the wolf of wall street e nymphomaniac eheh, tutti film che ho apprezzato parecchio, a parte i due italiani che non ho ancora visto.
    pensavo che avresti dato il primo posto a boyhood, invece mi hai sorpreso con l'ancor più bello her!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Her lo rivedrei anche adesso, a differenza di Boyhood.
      E Alabama mi farebbe stare troppo male.
      Jonze è il giusto :)

      Elimina
  4. Davvero un piacere leggerti per i tanti consigli utili che dai; aggiungo che mi ha fatto particolarmente piacere leggere quei commenti di poche righe allegati ai film perché non è da tutti dire tanto in poche parole, non è da tutti emozionare in poche righe.
    Buon anno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Annamaria!
      Ovviamente, gli interessati possono tranquillamente cercarsi la recensione completa. Non ci ho pensato a linkarla. Buon anno ;)

      Elimina
  5. I film posso recuperarli pi facilmente, e mi mamcan da vedere tutte le prime posizioni!
    Ti ho già perdonato per non aver amato "Grand Budapest Hotel", ma ancora non capisco....
    Comunque grazie per il recap, li considero tutti consigli di visione i non ancora visti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non lo capisco neanch'io, solo che mi turba proprio. E' una questione di sensibilità di stomaco, ahah :)

      Elimina
  6. Alla fine hai premiato i sentimenti :P Bohyood ancora lo devo assorbire una bella idea, un progetto affascinante ma non mi ha conquistato del tutto, anch'io avrei preferito The Wolf che qui è assente.. Sciacallo e Gone Girl d'accordo, Her anche, Song e Napule pure :)
    Alabama monroe l'ho rimandato più volta, ormai devo guardarlo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I sentimenti vincono sempre, eh eh!
      Alabama Monroe fa più danni e vittime dei tuoi thriller ;)

      Elimina
  7. Ottime ottime scelte.. a parte American Hustle e Mr Banks che come sai a me han deluso/irritato parecchio.
    E capisco come Boyhood non sia riuscito a scavalcare Her, per me è stata una questione di pochi decimi di emozioni in più.
    White bird me lo dovrò proprio vedere, e anche song'e napule a cui non avevo dato retta ma che ho ritrovato nella tua e in altre classifiche.

    E ora, basta classifiche, godiamoci questo fine anno :)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, è stato un duro lavoro, ma ce l'abbiamo fatta.
      Da (mezzo) napoletano, ho trovato Song'e Napule troppo carino :)

      Elimina
  8. Aspettavo questo post!
    Direi che posso segnarmi tutti i film che non ho ancora visto, così da poter dedicarmici il prossimo anno :P
    Su Her e Boyhood lo sai che sono perfettamente d'accordo con te: li ho apprezzati moltissimo, sono felicissimo di averli visti e difatti sto cercando di obbligare tutti a guardarli :')
    Sto ancora aspettando di vedere Gone Girl perché prima vorrei leggere il libro: spero di farlo al più presto.
    Per quanto riguarda Colpa delle stelle, sinceramente non saprei dire se il film è migliore del libro o meno. Mi ricordo che lo avevo amato così come anche il film: forse, per me, semplicemente si equivalgono, anche perché comunque non penso che l'adattamento cinematografico sia inferiore al romanzo. Assolutamente no.
    Ultimo, ma non ultimo, "Il giovane favoloso". Mi è piaciuto, forse in alcuni momenti è un po' lento, ma non male, se si tralasciano alcune parti che proprio non ho mandato giù :/
    Il resto dei movies me li segno, così da guardarmeli, spero, presto.
    Non dico altro, che se no il commento diventa chilometrico!
    Un saluto e ti auguro un buon anno nuovo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il tuo commento, Fra.
      Concordo sul Giovane Favoloso: troppo teatrale, ma quant'è bravo Germano? Devono invidiarcelo anche gli americani ;)
      Buon anno!

      Elimina
  9. Bellissima Classifica!
    Devo recuperare Boyhood, Alabama Monroe e Locke! Interstellar e The Wolf of wall street te li consiglio :)
    Fantastici Gone Girl e Her! Tra i miei propositi dell'anno nuovo c'è quello che devo recuperare un sacco di cose!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Charlie! Sai che sei il primo commento dell'anno? :)

      Elimina
    2. Oh wow! Non ci avevo fatto caso :) che emozione!

      Elimina
  10. eheh quasi tutti sono film che ho particolarmente apprezzato anche io, la mia numero uno è nella tua top 10! :D E per quanto riaguarda la categoria attori siamo ancora più simili!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua numero uno: o Gone Girl, o Alabama Monroe!

      Elimina
  11. Classificone di tutto rispetto. Credo che, se un giorno dovessi riuscire a fare il mio, saremmo più o meno lì, anche se io ci infilerei anche un Nolan ed un Anderson qua e là. Se invece non dovessi fare in tempo a farlo, mi sa che copio il tuo pari pari. :-)
    Buon anno!

    RispondiElimina
  12. Bella classifica ma...il caro vecchio Miyazaki dov'è finito? xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'ho visto!
      Lo conosco poco e, prima di vedere l'ultimo, vorrei recuperare gli altri, altrimenti non avrebbe tanto senso, immagino ;)

      Elimina