venerdì 16 ottobre 2015

Recensione: Il favoloso libro di Perle, di Timothée de Fombelle

Le storie ci fanno cambiare. E certi incontri ci rovesciano sul dorso, come succede alle tartarughe. Ci costringono a lasciarci sopraffare.

Titolo: Il favoloso libro di Perle
Autore: Timothée de Fombelle
Editore: Mondadori
Numero di pagine: 308
Prezzo: € 16,00
Sinossi: Olia è una fata che ha rinunciato ai suoi poteri per amore di un principe cadetto. Ma quando finalmente si ricongiunge a lui, scopre che è stato assassinato. Oppure no? Infrangendo il confine tra i mondi, il giovane llian è scivolato in un'altra realtà. Non meno pericolosa perché il ragazzo smarrito viene accolto nella famiglia Perle proprio mentre sul futuro degli ebrei francesi si addensano nere nubi temporalesche. Intanto la fata è condannata a stargli accanto e insieme lontana, per anni e anni, per tutta una vita umana. Questa è la storia che il narratore piano piano ricostruisce, a partire dal muro di valigie che un bizzarro collezionista cela nella sua casa tra le paludi, là dove il fiume scompare nelle pieghe delle mappe. Dentro ci sono segreti, risposte, prove. Di cosa? Basta una vita intera per trovare la strada del ritorno?
                           La recensione
La felicità è quella danza in cui ci si avvicina e ci si allontana, senza perdersi.
In libreria, tappa fondamentale al centro commerciale, anche con il portafoglio vuoto e il tempo che scarseggia, faccio giri veloci tra le corsie, sbircio quel libro e quell'altro, soppeso - tra le mani - la consistenza di romanzi che, dal vivo sono più leggeri o più pesanti, più sottili o più doppi di quanto pensassi guardandoli al computer. Faccio in fretta, di solito, per perdermi in un punto in particolare del negozio. Io e le buste della spesa, la sezione dei libri per l'infanzia. Lontani dai best seller, racchiusi in una bolla per pochi, sono immensamente avventurosi e delicati nelle loro copertine splendide e in trame che non conoscono la volgarità o il contingente. Per questo, magici come tutto ciò che, per sua stessa natura, è incorruttibile. Mi distrae, ogni tanto, un cellulare che vibra, una certa ora che si avvicina, il pensiero che – con me che indugio, con il naso all'insù – i surgelati si scongelino e le uova si schiudano. Ma quanto sono belle quelle illustrazioni; quanto? Quanto potenti le promesse di quelle storie romantiche e fantasiose che – quando avevi l'età – ti eri negato e, per recuperare il tempo perduto, leggi adesso, con occhi incantati e animo placido? Tanta indecisione – quale comprare e a quale grande bellezza rinunciare - e il ricordo di un consiglio fidato. Eccolo lì, l'ultimo Timothée de Fombelle, sull'ultimo ripiano: quarantenne francese, creatore di storie universali i cui titoli, in quei momenti fatidici, mi sfuggivano, ma facevano senz'altro rima con l'imperativo categorico: “leggilo, leggilo”. Il favoloso libro di Perle – dopo le serie Tobia e Vango – è una fiaba contemporanea e autoconclusiva, un magnifico racconto tripartito che nel titolo, dal passaggio all'italiano, trova un meritato aggettivo à la Jeunet e la copertina più bella apparsa quest'anno su un qualsiasi scaffale al mondo. L'illustrazione di Mariachiara Di Giorgio coglie, a colpo d'occhio, tutto quello che c'è da cogliere e, davanti a una simile cura, le parole a che servono? 
Il favoloso libro di Perle è la meravigliosa favola che la sua veste grafica promette: parigina e notturna, misteriosa e emozionante. Giocare alle ombre cinesi e, alle porte del crepuscolo e del sogno, mimare alberi antichi e erbe alte, muri di valigie e siepi, castelli e bistrot. Tre sagome – per tre grandi personaggi – che si sfiorano senza toccarsi. Quella di Olia e Ilian, una fata e un principe separati dal male e uniti dalla speranza, e di un narratore anonimo, forse lo stesso de Fombelle a caccia di lucciole e ispirazione, che ricostruisce lentamente i tasselli del loro breve amore e i cocci del loro addio. Esiliati “nell'unico tempo e nell'unica terra dove non si crede né alle favole né alle fate”, condannati come Orfeo ed Euridice a essere vicini ma a non guardarsi, riusciranno a provare l'esistenza di un regno impossibile prima che sia troppo tardi? De Fombelle incanta all'istante, complice una prosa che è un'autentica carezza, e cattura pian piano, mentre la trama si infittisce ma tutto si fa chiaro. All'inizio, ci sono vicende che non si incastrano a pennello: costruite con tessere di un puzzle diverso – una ambientata in mondi paralleli, l'altra nella Francia sotto assedio – incuriosiscono e intrigano, perché è forte il desiderio di sapere cosa abbiano i comune quei Romeo e Giulietta di fantasia, il figlio adottivo dei coniugi Perle – ragazzo dalla doppia esistenza e dal doppio nome - e un adolescente innamorato che fotografa ruderi e rane. 
E c'è una tale simmetria, una tale precisione che, facendo due calcoli, potrei quasi giurarvi che a ognuna di quelle storie sia dedicato lo stesso spazio. Anni e attimi, capitoli e frasi, in cui si parla dei viaggi per mare di un collezionista instancabile – eroe di guerra, orfano, pasticciere – che cerca le prove del mondo da cui proviene per spezzare un antico incantesimo. In bagagli di cuoio e cartone, assurde pareti di una capanna non segnata sulle carte geografiche, i frammenti di una Atlantide condannata all'oblio – una biglia, la squama di una sirena, un pezzo di culla, i ricordi di un amore minacciato da un sovrano crudele – e le infinite mete di un protagonista che, come il mitico Forrest Gump, passeggia nella storia dell'occidente e nei mulinelli turbinosi dei giri di vite. Il favoloso libro di Perle parla di un bacio maledetto dalle stelle – e i passi degli innamorati che sono costretti a dirsi addio sono i più belli, perché sembrano una danza – e del dovere morale di affidare la propria storia a qualcuno, per morire senza sparire. Quello sono gli scrittori d'ogni dove: medium, ambasciatori, intermediari con altri mondi. Con Timothée de Fombelle, così bravo da non crederci, non è scrivere un romanzo, la questione, ma raccontare una storia nella maniera più nobile. Non è riempire una pagina vuota, ma recuperare l'arte persa degli aedi – e i castelli usurpati dai traditori – che non scrivevano, ma cucivano insieme scampoli di storie. Con filo e inchiostro. Per un lapsus, prima, ho scritto cucinavano e Word mi ha prontamente corretto. Ma, se di cucina si parlasse, l'imprevedibile storia di Olia e Ilian sarebbe una delizia da cuocere a fuoco dolce. Un magico elisir in cui la tecnica acquisita e la tanta pazienza fanno la differenza; l'eredità di una nonna un po' maga. E finché ci si crede, nelle leggende popolari e in cibi che stravolgono il tuo umore da così a così, certe tradizioni, e certe fate, poi non muiono. 
E chi non muore – però si ama – alla fine si rivede.
Il mio voto: ★★★★
Il mio consiglio musicale: Christina Perri – A Thousand Years

19 commenti:

  1. Lo avevo visto anche io in libreria. La grafica è molto accattivante e la storia mi sembrava molto originale. Prima o poi ci faccio un pensierino. Mi fa piacere di non essere stata l'unica a rimanerne stregata.
    Lo sai che anche io da piccina non ho mai letto libri per l'infazia? Ho iniziato a leggere a 10 anni, quindi sono passata direttamente ai libri per ragazzi ed ora sto rimediando. Mi sento meno sola, ora. XD I libri come questo li avrei proprio snobbati, sicuramente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse non è un male, sai?, l'averli snobbati.
      Sono storie che, per me, si capiscono meglio adesso.
      E, visto il tuo nick, non puoi lasciartelo sfuggire questo. ;)

      Elimina
    2. Allora appena avrò l'occasione lo comprerò. :P

      Elimina
    3. Ottimo investimento. :)

      Elimina
  2. Sarà la mia prossima lettura, già mi ispirava molto e grazie alla tua recensione sono ancora più convinta! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai, sarà una lettura ricchissima. ;)

      Elimina
  3. Sembra adorabilissimo. Mi piace la letteratura per l'infranzia, e mi sa tanto che prima o poi me lo prendo ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In lista, ovviamente, sono finiti tutti quelli di de Fombelle, nel mio caso!

      Elimina
  4. Per un'eterna viaggiatrice ( con la mente ) e sognatrice (con l'anima) come me, questo libro potrebbe rappresentare una dolce evasione, terminata la lettura molto sentita di L'amore e le foreste :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono certo non ti deluderà, Cuore. :)

      Elimina
  5. Bella recensione...come sempre!
    Credo proprio che ci farò un pensierino:)

    RispondiElimina
  6. Mi son persa a sognare leggendo la tua recensione... Lo sto leggendo e lo sto amando molto!

    RispondiElimina
  7. Libro che non conoscevo, però la tua recensione mi ha incuriosito :)
    Me lo segno ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Impossibile non apprezzarlo, te lo assicuro. ;)

      Elimina
  8. Lo volevo chiedere, ma la trama non mi convinceva del tutto. Invece mi devo ricredere, sembra proprio carino.

    RispondiElimina
  9. E solo stringendo il libro tra le mani e leggendo le tue parole mi ci sento già un po' dentro a questa storia. Grazie, una recensione bellissima..

    RispondiElimina