martedì 27 maggio 2014

I ♥ Telefilm: From Dusk Till Dawn, Hannibal, Rosemary's Baby, About a Boy

Come direbbe la mia amica Lisa, del blog In Central Perk (qui), “Quando i film si fanno ad episodi”. E' il caso di dirlo, questa mattina. I love telefilm ritorna per parlarvi di qualche recente finale di stagione. Tutte le serie che seguo stanno finendo, ahimé, e non ho più scuse per rimandare lo studio. I palinsesti americani saranno in combutta con prof e genitori di tutto il mondo? Le quattro serie di cui vi parlo oggi non sono serie qualsiasi: avrete notato. Conoscete tutti i titoli. Sono vecchi film passati al lato oscuro: la televisione. E ad alcuni è andata addirittura meglio, altro che lato oscuro e lato oscuro. Dal tramonto all'alba, da raccontino stringato, diventa un lungo romanzo pulp; Hannibal – slegato dalla prosa insipida di Harris – diventa arte moderna; About a boy fa piacevolmente compagnia, più di quanto potesse fare il film, con i suoi novanta minuti. Ultimo, un titolo che ho inserito imbrogliando un po': Rosemary's baby. Ha solo due episodi, ma bastano, grazie. I commenti non dovrebbero contenere spoiler: altrimenti, sentitevi liberi di insultarmi. Allora, quale tra queste serie avete seguito? Quale seguirete? In Italia sono praticamente tutte inedite. Ditemi. Un saluto, M.

From Dusk Till Dawn
Stagione I
Un'operazione cameratesca, godereccia, celebrativa. Funzionale, e in parte riuscita. Trash. Pulp. Iconico. Latino. Assetato. Verboso, splatter, pienissimo. Il film di Rodriguez era un racconto dell'orrore. Questo è un romanzo. I dieci episodi complessivi spiegano quello che il film non spiegava e intrattengono con una mitologia d'ascendenza Maya esotica e fascinosa. Il telefilm riprende dalla pellicola originale l'inizio, la parte centrale, ma imbocca una strada nuova, puntando al finale di stagione. Un finale tutt'altro che conclusivo, ma noiosetto. Fortunatamente, non rovina i diversi pregi del resto. Peccato che deluda lì dove vorrebbe sorprendere. La prima parte è un'avventura on the road. I punti da spuntare, su una lunga lista di vittime e mete, sono i classici: superare la dogana; oltrepassare la frontiera; sopportare gli impeccabili sproloqui di due fratelli rapinatori un po' matti che uccidono, prendono ostaggi, rubano e seminano mine vaganti. La seconda parte, la più attesa, è l'arrivo in Messico. Il deserto, i cactus spinosi, i teschi, le insegne luminose del Titty Twister. La costruzione del setting è perfetta. Tutto è uguale a com'era diciotto anni fa. Ma Salma Hayek, la regina dei serpenti, ve la ricordate? Come dimenticarla. Il suo spogliarello con il pitone avvinghiato al collo è storia. Piccola, giovanissima, con un corpo che era tutto una curva. Quentin Tarantino che le baciava il piede, che beveva l'alcol che gocciolava lungo il pendio della sua gamba. Ricordate?! C'è tutto. Lo striptease – e la successiva mattanza - rivive in uno degli episodi più stimolanti, nostalgici e riusciti di questa stagione. Eliza Gonzelez non è la Hayek, ma che vuol dire? Formosa, alta e sottile, ipnotica, mai volgare. Una regina delle tenebre nuova, sensuale, con un'antica storia di immortalità alle spalle. Buono il cast, che recita in una storia semplice, ma assai rischiosa: sono i paragoni a essere rischiosi. Lì c'era George Clooney, qui D.J Cotrona: aspetto simile, stessi dondolii con la testa, faccia da schiaffi. E poi è meno antipatico di Clooney! Lì c'era un folle, malato e perfetto Tarantino, qui c'è il giovanissimo Zane Holt. Ha per le mani il ruolo più delicato e risulta un po' troppo belloccio per il Richie che conosciamo, ma non è male. I nuovi fratelli Gecko sono in parte, affiatati, simpatici e odiosi, prolissi e spericolati. Stanno bene in abito scuro e con l'artiglieria pesante tra le mani. Il ruolo dell'esordiente Juliette Lewis è di Madison Davenport, candida e maliziosa; il pastore che fu il magistrale Harvey Keitel è Robert Patrick: fisico da duro, voce da fumatore incallito, colletto da abito talare a nascondere i tatuaggi e i muscoli di gioventù. Il film, del lontano 1996 – sigh! - , era un concentrato di divertimento. Ampliandolo e dilatando i tempi, si è corso il rischio – più e più volte – di perdere un po' l'allegria cazzona da festa cannibale, in cui imbucarsi il sabato sera. Eccola, la grossa pecca. (7)

Hannibal
Stagione II
Un capolavoro del piccolo schermo. Trovatemi una serie targata NBC diretta con altrettanto gusto, scritta con altrettanta perizia, recitata con altrettanta passione. C'è l'omicidio come forma d'arte. La morte come forma di poesia eternatrice. I cadaveri sono sculture di carne. Totem. Hannibal e Will diventano Achille e Patroclo. Maestro e allievo. Compagni. Amanti mancati. Dialogano da un lato e l'altro del tavolo. Si sfidano. Si superano. Sembrano corteggiarsi. I loro discorsi vibrano di cose: filosofia, politica, medicina, scienza e fede, paternità. Il serial è una nuova strada, tra il disgusto puro e la pura bellezza. L'estetica del sublime che si fa concreta. Un'opera impressionante, che schizza le tele di Pollock di sangue, ricerca lo splendore, coltiva e semina piacere. Alta cucina, alta classe. Un Mads Mikkelsen monolitico, superbo, calmissimo. Il volto tirato, le espressioni ridotte all'osso, le mani sempre in movimento, la pochette abbinata puntualmente al cravattino. Un predatore silenzioso e letale. Grande oratore, re di sirene dai denti a sciabola e dalle pinne come scaglie di lamiere. Ti guarda e ti attacca. Ti guarda e sei tu ad attaccare te stesso. Ti mangia. O sei tu a mangiarti? Hugh Dancy, invece, recita con tutta la faccia. Viso pulito, occhi limpidi, pieghe del volto che si fanno più rare, fino a scomparire. I suoi pensieri parlano con la voce di Hannibal e il suo volto, allo specchio, diventa simile a quello di Hannibal: impassibile, congelato, indecifrabile. Sintomo di un cuore nero. E c'è Gillian Anderson: più bella con gli anni che passano. Le gambe accavallate, i vestiti su misura, i capelli biondi che stanno immobili come fossero di cemento armato, la voce bassa e sensuale. Una vedova nera, una femme fatale anni '30. Sconvolgente Michael Pitt: il Mason Verger incestuoso, sadico, che beve lacrime, alleva maiali e si mutila la faccia senza batter ciglio. Pezzo dopo pezzo. La seconda stagione di Hannibal è migliore della prima. Di parecchio. Guardate l'incipit del primo episodio: è sensazionale. Ha la fattezza dei noir europei. Languidi, lenti, da esplorare, da scoprire. Da sopportare, all'inizio; da supportare, per tutto il tempo rimanente. Si scopre più snello, Hannibal, ma non si svende. Pastoso, barocco, eccedente, ricercato, ma con un finale di stagione senza grazia. Un bagno di sangue, anche se Hannibal – ehi! - è la yakuzi dei bagni di sangue. Un sacrificio mortale. Come quando i samurai, senza proferire parola, si gettano per onore e orgoglio sulla loro spada sguainata. Non mi arrabbiavo così da tempo, direi. Voglio la terza serie adesso. Ora. Subito. Purché faccia sfoggio del medesimo taglio cinematografico; purché ottimi registi come Vincenzo Natali (The Tube, Splice) e David Slade (Hard Candy, 30 Giorni di buio) scendano in campo – con la macchina da presa alla mano – ad incantarci con un uso superbo di rallenty, split screen, volteggi da coreografi di danza classica. E di Black Swan. (8,5)

Rosemary's Baby (miniserie TV)
Non ho letto il romanzo di Ira Levin. Non ho visto il film di Roman Polanski. Parlo della miniserie Rosemary's Baby senza pregiudizi e senza far paragoni. Con estrema e assoluta sincerità. Doveva essere una specie di evento. Doveva esserlo: per forza. Non è mica una cosa che si fa tutti i giorni, riproporre un film che ha quarantasei anni di storia, che è considerato capolavoro, che è chiacchierato in ogni libro di Storia del Cinema. Invece, pur guardabile e godibile, il piccolo remake dalla polacca Agnieszka Holland – candidata svariate volte agli Oscar, in veste di sceneggiatrice – non ha nulla che lo faccia davvero brillare. Impersonale: è un compitino portato a termine di malavoglia, mirato per raggiungere una stentata sufficienza. Il formato, televisivissimo, non aiuta di certo a creare una grande atmosfera, però un minimo fascino ce l'ha. Anche senza i brividi e i colpi di scena. Le numerose scene gore sono ben fatte (degno di nota un raro caso di autopsia cosciente), stessa cosa per la famosa sequenza del concepimento. Il cast non è dei più indegni, ma non c'è un solo attore che spicchi. Il ruolo che fu della Farrow è di Zoe Saldana – che per una volta non è blu (vedi Avatar) o verde (vedi Guardians of The Galaxy). Piange tanto e bene, piange a comando, ma dà al personaggio della protagonista un'aria trasognata che irrita. Rosemary nel paese delle meraviglie. Jason Isaacs è il solito cattivone infame, la francese Carole Bouquet ha un innegabile charme. Stupendo il bambino, che sarà anche figlio di Satana, ma ha degli occhi blu impressionanti. Lo adotto, dai: anche se, a diciott'anni, gli spuntano le corna sulla fronte! Questa fiction mi ha ricordato troppo 666 Park Avenue. Identico, giusto un tantino più dark. E il network che produce quella perna nera di Hannibal poteva avvicinarsi ad altro. Puntare più in alto. Sull'ambientazione: il Nastro rosso a New York si trasferisce dai nostri cuginetti d'oltralpe. Parigi e i soliti luoghi comuni. Famme fatale senza età con tendenze lesbo, europei che baciano completi sconosciuti sulle guance, francesi che non danno indicazioni, lezioni di cucina, gatti neri, arte. Recitazione standard, storia risaputa. Sicuramente, in quarant'anni e oltre di vita, c'è la certezza che Rosemary's Baby abbia dato da mangiare a tanti registi di horror(etti) sparsi – c'è L'avvocato del diavolo, il tema del recentissimo Devil's Due, le ossessioni materne di The Calling. La storia della protagonista e della sua macabra gravidanza è stata proposta sotto altri nomi, in altre vesti: in remake non autorizzati. Non serviva riproporla ancora. Perché diretta in maniera così monocorde, una vicenda così usata e abusata non rende mica. (5)

About a Boy
Stagione I 
Nick Hornby è un signore di cui non ho ancora letto niente. Ma lo conosco bene. E voi, lo conoscete? Ma sì. Avrà ispirato qualcosa come una dozzina di film sparsi. Il più recente, Non buttiamoci giù: non ve ne ho parlato, ma spendo due parole adesso. E' carinissimo. Esattamente come te lo immagini, ma pieno di umorismo british: fa bene al cuore, alla fine. Parallelamente, il nome del caro Nick rimbalzava tra i cinema internazionali e palinsesti USA. About a boy – l'impeccabile commedia sullo sciupafemmine che si improvvisava mentore e papà – si è fatto sit-com, questa primavera. Io alle sit-com non riesco ad affezzionarmici proprio. Mi stanco, le vedo a tempo perso, le mollo. About a boy, nonostante coi suoi venti minuti scarsi si faccia vedere sempre a tempo perso, fa compagnia. E' un bell'intrattenimento per famiglie. E, nel cast, ha una bella famigliola improvvisata: il volubile Will, la trasandata Fiona, il piccolo Marcus. Vicini di casa, separati da una siepe e da pareti di cartone. I due adulti non si piacciono: lui mangia costolette unte come se non ci fosse un domani, lei è vegana. Lui strimpella strumenti con la sua band di gioventù, lei medita in silenzio. Lui è americano, lei è inglese. Ad unirli, un bimbetto che ama i berretti di lana, sua madre, le imbarazzanti canzoni degli One Direction. Il film era un gioiellino di garbo e comicità, con un cast formidabile: tra i protagonisti, Hugh Grant, il Nicholas Hoult di Skins, una esilarante e tragica Toni Collette. Nella versione televisiva tutti sono più teneri e coccolosi, tutti si impegnano di meno, ma – tutto sommato – risulta abbastanza. David Walton è simpatico, Minnie Driver è adorabile e conserva un accento magnifico, Benjamin Stockham – coi suoi tredici anni – è un mattatore del piccolo schermo ancora imberbe. Ha faccia tosta, un sorriso vispo, allegria. Mi sono affezionato anche a loro, mi sa. (6)

15 commenti:

  1. hannibal non ce la faccio a guardarlo.
    è la noia fatta serie, e lo dice un cannibale :)

    from dusk till dawn non male, ma non mi ha preso del tutto. per ora l'ho accantonato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marco, ti ricordo quello che hai detto su Orphan Black.
      Guardalo e basta: questa seconda stagione è fantastica u.u

      Elimina
  2. Di questi non ne seguo neanche uno, ma ammetto che su Rosemary's Baby ci avevo fatto un pensierino... ma non si fa vedere il bimbo alla fine! (frase di una che il libro non l'ha letto, ma il film l'ha visto e nonostante i buoni propositi fa paragoni anche nelle intenzioni :P )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho presente anch'io la scena finale del film e so anch'io che lì il bimbo non si vede. Mah. Fosse solo quello il problema di questo remake per il piccolo schermo :P E' tanto caruccio il bimbo. Poi è di colore come la Saldana e con gli occhi azzurissimi. Saranno effetti speciali? :D

      Elimina
  3. Ciao Mik!:) Panico! Le serie che segui stanno finendo, mentre le mie ricominceranno a breve...@.@ From Dusk l'ho abbandonato per noia alla seconda puntata. Non mi ispirava. Hannibal credo sia superba come serie, ma devo recuperare le ultime puntate.^^ Rosemary's baby manco l'ho iniziata, ho visto solo il film. Però sono solo due puntate, quindi mi sbrigo. Anche se dopo quello che hai detto, non ho tutta questa fretta!:D About a boy lo salto, tanto ormai ho la reputazione da vecchia spietata!:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, About a boy è tanto caruccio ^^

      Elimina
  4. Anche se è il periodo dei finali di stagione, da bravo telefilm-dipendente ho tenuto da parte un po' di dosi... quindi continuerò ad avere scuse per starmene sul divano :D
    Le sit-com mi piacciono, mi rilassano, sono scacciapensieri... quindi credo che darò un'occhiata ad About a Boy :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo perfettamente con te, però mi prendono poco. Mentre il telefilm vero e proprio lo aspetto con ansia, è appuntamento fisso, le sit-com, almeno per me, lo sono di meno. :))

      Elimina
  5. Hm.. Ho appena notato che io non seguo nessun telefilm.. Non fanno per me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhhhh, allora esistono persone non drogate di telefilm. Pensavo fossero leggende metropolitane. E come vivono, senza? Scherzi a parte, rimedia, dai. :-D
      Ce ne sono di stupenti, e per tutti i gusti di questo mondo.

      Elimina
    2. Il punto è che non sopporto i film, quindi prova a immaginare se sopporto i telefilm ahahah

      Elimina
    3. Allora sei giustificata, dai!

      Elimina
  6. Come ti dicevo su Facebbok, a Rosemary's Baby penso che non mi avvicinerò mai.. il mio cuore di mamma non reggerebbe, ne sono certa :P
    About a Boy invece lo voglio vedere assolutamente, adoro Nick Hornby!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaah, comprendo, anche se non è per nulla impressionante :)
      About a Boy sì, è molto carino!

      Elimina
    2. Eh ma io sono fifona, mi bastano i Piccoli Brividi e non dormo per tre giorni xD
      P.S noto ora il mio fantastico "Facebbok" qui sopra.. meraviglioso, no? :P

      Elimina