sabato 7 aprile 2012

Novità e Anteprime: La Stirpe di Agortos, di Elisabeth Gravestone + Il precario equilibrio della vita, di Giorgio Marconi

L'anteprima di questa mattina è dedicata a due interessanti romanzi del panorama italiano. Due romanzi profondamente diversi tra loro, pubblicati da due editori indipendenti, ma dalle cui sinossi emerge la profonda passione per la scrittura che accomuna i due autori. Il primo, La stirpe di Agortos, sembra avvolgere il lettore in un manto di avventura e magia. Soffermandomi sulla trama, ho respirato il fascino arcano e fiabesco proprio delle grandi leggende del passato e dei celebri romanzi di George R. Martin. L'autrice, la simpatica Alessandra Paoloni, è alla sua quarta pubblicazione e, se siete curiosi di leggere qualcosa di suo, vi consiglio di visitare il suo blog e di leggere l'incipit che ha scritto per il contest di Io sono Heathcliff, iniziativa a cui io stesso ho partecipato.
Il secondo, Il precario equilibrio della vita, è il romanzo d'esordio di Giorgio Marconi, la cui trama mi ha immediatamente colpito per sentimento e delicatezza. Il romanzo, nel 2011, è stato finalista ai premi “Le Fenici ” e “Nicola Calabria Editore ”. Vi lascio con le rispettive schede e le biografie degli autori. Spero di avere destato la vostra attenzione su questi due, originali titoli.

 Titolo: La Stirpe di Agortos (Prima generazione)
Autrice: Elisabeth Gravestone (pseudonimo di Alessandra Paoloni)
Editore: Edizioni REI
Genere: Fantasy
Data d'uscita: aprile 2012
Prezzo: € 16,00 (cartaceo) – € 5,00 (e-book)
Trama:
Nell'incontaminata terra dell'Egucron, Agortos, uomo di acuto ingegno e spiccata sensibilità, stringe un patto con la Dea Natura giurando che, sia lui che i suoi discendenti, si impegneranno ad approfondire la conoscenza della parte mistica e magica di quel mondo inesplorato che li circonda.
Saranno Anika e Airen, le sue figlie, le prime a dover far fronte a quella promessa. Separate da bambine, cresceranno in ambienti totalmente diversi: Airen come serva di Siderin, dispotico e spietato signore dei monti Atrùgeti, Anika nella sua casa natale a contatto con una natura misteriosa e incontaminata. Entrambe però sentiranno ben presto il richiamo di quel giuramento mantenutosi nel tempo, e nonostante le difficoltà e gli ostacoli che troveranno sul loro cammino, adempiranno al volere di Agortos preoccupandosi che le generazioni future mantengano vivo quel voto.
 
Biografia dell'autrice:
Elisabeth Gravestone (pseudonimo di Alessandra Paoloni) coltiva fin da bambina una passione quasi viscerale per la scrittura e la lettura, pubblicando fin da giovanissima poesie e racconti su riviste e giornali locali. Esordisce come scrittrice con la raccolta poetica “Brevi monologhi in una sala da ballo di fine Ottocento” con la casa editrice Il Filo, cui seguono “Un solo destino” e “Heliaca la pietra di luce” entrambi editi con la 0111 Edizioni. Attualmente collabora come scrittrice per una nota rivista femminile e per alcuni periodici indipendenti. Si ripresenta al pubblico con il nuovo romanzo “La Stirpe di Agortos”, in cui inizia un ciclo di fantasy imperniati sul rapporto mistico tra l’uomo e la natura.

Estratto dal libro:
.. strinsi un patto con la Natura pregando gli Dei che venisse accettato. Così tutta la mia vita, e quella di coloro nelle cui vene scorrerà il mio sangue, verrà consacrata alla scoperta e alla vigilanza del Potere naturale di cui il mondo è colmo. Non ci sarà uomo o donna che impedirà ai miei discendenti di seguire le mie orme, poiché verranno aiutati dal cielo e dalla terra e da tutto quello che li forma.
Io Agortos, che rinnegai mio padre e la mia famiglia per avventurarmi lungo le vie impervie del mondo, firmai quel giuramento col mio sangue.
La mia stirpe ne verrà coinvolta, riconosceranno i segni poiché essi sono stati già tracciati sulla loro via. Non temeranno di seguirli, e semmai esitassero nel farlo la Natura manderà loro dei messaggeri che li aiuteranno a ritrovare la strada.
Il destino del mondo è nelle nostre mani, s'intreccia con esso e ne dipende. Questo è il più grande mistero che l'uomo abbia mai ignorato.”
 
Titolo: Il precario equilibrio della vita
Autore: Giorgio Marconi
Editore: Montag
Numero di pagine: 112
Prezzo: € 18, 00
Trama: Giulio Matreschi, pittore, ricoverato in una casa di riposo, racconta la sua vita a Goffredo, impiegato delle poste che va a trovarlo per consegnargli una lettera giunta a destinazione con un ritardo di cinquant'anni. È la lettera di Clara, l'unica donna che il pittore abbia mai amato e che, se ricevuta nel 1939, avrebbe potuto cambiare la sua vita. Alla vicenda si intreccia la simpatia che nasce tra Goffredo e Yvonne, infermiera della casa di riposo. Le storie dei tre protagonisti si legano nella cognizione che l'Amore non è mai sprecato, ma trova il modo di esprimersi anche a distanza di decenni. Amore che riesce finalmente ad abbracciare le loro esistenze, in bilico e sempre alla ricerca di un equilibrio pur nella consapevolezza della sua inconfutabile precarietà.

Biografia dell'autore:
Giorgio Marconi è nato a Roma nel 1967. Vive e lavora a Roma. Opera nel mondo dell'informatica da 20 anni. È sposato con Alla e papà di Nicole.
Ha avuto modo di viaggiare molto, non solo con la fantasia.
Appassionato di letteratura classica e soprattutto contemporanea, amante
di noir, gialli, thriller e racconti del mistero.
Scrive, principalmente racconti, da poco più di 10 anni.
Ha già ricevuto numerosi riconoscimenti in concorsi e iniziative letterarie. 

2 commenti:

  1. Il primo libro sinceramente non mi attira molto però il secondo si, lo segno nella mia wishlist :D Grazie dei consigli! Commento poco ma questo blog mi piace veramente tanto. Ah, auguri per i tuoi 18 anni XD

    RispondiElimina
  2. Grazie Michele per la segnalazione *-*

    RispondiElimina